05-12-2017 08:54 / 0 c.

WhatsApp Image 2017-11-09 at 14.09.24Esposto in procura di un comitato di cittadini sull'affare, in particolare sullo "sconto" di 2,26 milioni di euro. Verifiche della Fiamme gialle in corso

"Abbiamo sospetti sulla procedura della vendita dello stadio: il Comune potrebbe aver favorito l’Atalanta”. È questo in sintesi il contenuto dell’esposto presentato in procura a giugno da un comitato di cittadini di Bergamo, facenti capo all’associazione Mordilavita. E mercoledì scorso, 29 novembre, gli uomini della Guardia di Finanza si sono presentati nell’ufficio Patrimonio di piazza Matteotti per acquisire i documenti relativi alla procedura di alienazione dell’impianto sportivo cittadino.

Il materiale, un faldone, verrà ora analizzato alla ricerca di conferme alle possibili irregolarità sulla trattativa, segnalate nell’esposto. Nella missiva si fa riferimento in particolare allo “sconto” di 2,26 milioni di euro concesso alla società nerazzurra, in virtù dei lavori già svolti nella struttura dagli uomini di Percassi nel 2015.

Della vicenda si occupa il sostituto procuratore della Repubblica di Bergamo Maria Esposito. Sono poche le informazioni che trapelano dagli inquirenti. In ogni caso, è bene precisare, che non è stata ancora aperta nessuna inchiesta e che il blitz della Finanza in Comune è un atto dovuto: ogni volta che viene presentato un esposto su una gara pubblica di compravendita, il procuratore ha il dovere di approfondire la vicenda.

Da qui l’assegnazione del caso a un magistrato e il decreto di acquisizione del carteggio. Se fosse stato lampante che si trattava di qualcosa di irregolare, il decreto sarebbe invece stato di perquisizione e la visita delle Fiamme gialle in Comune sarebbe avvenuta subito dopo la presentazione dell’esposto.

Tempi e modalità, quindi, dimostrano che chi indaga non ha particolari dubbi sulla regolarità dell’affare. In ogni caso il materiale consegnato dai funzionari comunali, che hanno dimostrato massima collaborazione, verrà ora analizzato per appurare se i sospetti del comitato cittadino sono fondati.

L’Atalanta ha acquistato dal Comune di Bergamo lo stadio Atleti Azzurri d’Italia lo scorso dieci maggio, grazie a un’offerta di 8 milioni e 600 mila euro, vale a dire con un aumento del 10 % sulla base d’asta (7.826.000 euro), che ha permesso al club nerazzurro di battere la concorrenza. La proposta dell’AlbinoLeffe di Gianfranco Andreoletti era stata respinta perché condizionata nel merito. Il bando di vendita prevede che il vincitore metta in cantiere la riqualificazione dell’impianto e dell’area circostante.

Il restyling dello stadio di Bergamo è stato illustrato lo scorso nove novembre a Palazzo Frizzoni, alla presenza del presidente nerazzurro Antonio Percassi, dell’amministratore delegato Luca Percassi, del sindaco Giorgio Gori e dell’assessore Francesco Valesini.

Il progetto è stato curato dallo Studio De8. L’investimento pianificato dall’Atalanta è di circa 35 milioni di euro. I lavori, previsti a step, salvo complicazioni giudiziarie, dovrebbero iniziare alla fine di questo campionato per concludersi nel 2020. Il nuovo impianto, con aree commerciali e un parcheggio sotterraneo nell’area della Curva Sud, avrà una capienza di 24mila posti.

Fonte: bergamonews.it



di Gandalf




Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.