16-04-2017 01:07 / 119 c.

Indispettito da una bufala uscita ad opera di un redattore del quotidiano Gasperini chiede al Direttore del giornale di non avere piu' a che fare con la persona e questi rifiuta la richiesta.

Questo, in estrema sintesi, quello che ha specificato oggi l'allenatore dell'Atalanta prima della conferenza stampa post partita di Roma.

Per chiarezza di tutti QUI potete ascoltare quello che ha detto, sono quasi 5 minuti e Gasperini risponde a Simone Pesce (per ironia della sorte uno dei redattori piu' corretti del quotidiano in questione).

Audio di parte della conferenza fornita da Tele Radio Roma Nord, che ringraziamo.

di Staff




  1. #iostoconGasp


  2. @ bobola - 16/04/2017 alle 22:39 e 17/04/2017 alle 22:39: “....Tutte primedonneeeee!!! Fighette milionarie!”… “Mi riferivo al mister...”
     
    E bravo bobola!
     
    Cosi’, per te, Gasperini sarebbe una primadonna? Una fighetta milionaria?.....
     
    E tu, cosa sei?..........


    • Gasperini è un bravissimo tecnico, ma personalmente non mi piace molto come uomo. Trovo esagerato il modo con cui si è posto ai giornalisti e per questo l'ho definito una 'fighetta' primadonna. Giù le arie, prendersi meno sul serio, sdrammatizzare sono qualità che farebbero un gran bene al nostro calcio, Gasperini incluso.
       


      • Tu, evidentemente, NON conosci Gasperini personalmente.


  3. Infatti mi riferivo al mister :D


  4. di Spini non me ne frega niente, di SIMONE PESCE invece confermo che è un bravo giornalista e ottimo professionista, è il mio preferito ed è anche  simpatico.


  5. pongosbronzo -
     17/04/2017 alle 20:08
    @ coder
     
    Voglio esprimere qui il mio "mi piace" al tuo commento pieno di buon senso.


  6. @ Clod1907
     
    Sono andato a leggermi l’articolo di Gerardo Adinolfi sul sito del notiziario “Ossigeno” del 15 aprile 2015 (ore 11:58) da te segnalato.
     
    Nell’articolo si legge: “Striscione e cori contro Matteo Spini, collaboratore de La Gazzetta dello Sport.
    Su Facebook un utente invita ad andare a casa del giornalista”.
     
    Nel testo dello striscione esposto il 15/4/2015 (cioe’ due anni fa’) si legge: “MATTEO SPINI VERME”.
     
    A tutti quelli (per la verita’ pochissimi) che dopo aver letto il commento del direttore dell’Eco hanno espresso riserve su Gasperini, consiglierei di fare una riflessione.


  7. il giornalista non è nuovo nella sua ricerca di gossip in casa Atalanta.
    E' stato per questo " contestato" anche da tifosi ultra anche con esposizione di manifesto con  relativo insulto nell'aprile 2015.
    sul sito del notiziario ossigeno è riportato un fatto accaduto l'11 aprile 2015 prima di una gara con il Sassuolo !
    notiziario.ossigeno.info/2015/04/articolo-sgradito-agli-ultra-dellatalanta-minacce-e-insulti-al-cronista-56771/    
     


  8. Tutte primedonneeeee!!!
    Fighette milionarie!
    Ma prendetevi meno sul serio!!!


    • Ma no dai i giornalisti non guadagnano così tanto


      • Non guadagnano così tanto,ma tanto rompono il cazzo 


  9. Per me le conferenze stampa degli allenatori sono in genere un concentrato di noiose banalità degne della sagra dell’ovvio,seconde solo alle mini interviste alla fine dei primi tempi( terrificanti, ma che c…o le fanno a fare?).Poi quando qualcuno esce dai suddetti schemi preconfezionati si grida ipocritamente allo scandalo


    • @ Dani1907 - 16/04/2017 alle 19:15: “...poi quando qualcuno esce dai suddetti schemi preconfezionati si grida ipocritamente allo scandalo”.
       
      Ci hanno cosi’ cloroformizzati all’ipocrizia che la sincertita’ e il coraggio di dire quello che si pensa fanno scandalo!.......


      • @95frank naturalmente mi riferisco a quei pseudo giornalisti che fanno delle domande agli allenatori (proverei imbarazzo al loro posto), per la quasi totale banalita'.


        • Si, certo. E' un mondo un po' fasullo, dove le persone vere sono veramente rare.


        • SubbuteoGroup -
           16/04/2017 alle 20:14
          Personalmente al fischio finale, vedo un attimo la festa (quando c'è) e poi giro canale.
          i programmi post partita lì evito come la peste e la Domenica Sportiva praticamente non la vedo più da quando ho messo il primo decoder di tele +


  10. Ieri ho visto la conferenza stampa in diretta dal nostro canale locale...Imbarazzo totale e improvviso silenzio dei giornalisti dello studio (non collaborano anche loro con l'eco?).Specialmente il giornalista che presenzia il programma durante le partite.Gia' e' rosso in faccia, ieri e' diventato ancora un piu' paonazzo forse dalla rabbia!!
    Il Gasp davanti a non so quanti giornalisti, anche romani, ha detto quello che pensa senza nessun problema.
    Grande mister!!!!


    • Bergamo TV l'oca di bergamo sono la stessa cosa tutti imparentati o figli del clero bergamasco e lo dice un cattolico credente


      • Pensi che il clero bergamasco sia (a) credente, (b)cattolico, che vuol dire semplicemente "universale", e (c) cristiano, cioe' sguace di chi visse e mori' dedicandosi all'umanita'?


    • Si Dani. E' proprio bello sentire finalmente qualcuno che dice quello che pensa........ e' veramente una rarita'.........


    • ae po a me!!! confermo erano tutti peperoni  rossi !!! ahhahah 


  11. be gli ha detto indirettamente    che e fuori dalla realta!!!
     
    eco 
     
     compra l eco e cambia il personale che da contro all atalanta e al 


  12. Difficile criticare il mister, però i suoi meriti infiniti, non ci possono impedire di muovere un rilievo sul suo scivolone....anche perché non so a chi convenga questa situazione?!...godiamo di ciò che ci sta accadendo e diamoci un taglio, la situazione sta diventando stucchevole!


    • al di là della ragione o torto sulla faccenda (la verità verrà prima o poi a galla e comunque il fatto che prudentemente non sia stata pubblicata la notizia è gà un discreto indizio) mi pare che il comportamento successivo del mister, a livello umano più che professionale, è più che comprensibile e coerente e proprio volutamento scevro da considerazioni utilitaristiche di convenienza, il che per mia personalissima opinione, ribadisco, lo fa un uomo con sotto degli zebedei giganteschi. A Bergamo nessuno oserebbe andare contro l'Eco, questo è certo, e il silenzio di imbarazzo in studo tv direi che era prevedibile di chi non è abituato a certo genere di comportamento così esplicito di conflitto. D'altronde è anche comprensibile, poichè fanno tutti parte della stessa famiglia informativa, come è noto e il silenzio è un escamotage semplice da Ponzio Pilato che  permette di non prendere pubblicamente le parti di nessuno (almeno in apparenza). Hanno semplicemente evitato di affrontare il tema e si sono limitati ai discorsi tecnici del mister. 
      Mi pare evidente che l'editoriale esposto in rete del direttore dell'Eco abbia avuto l'effetto di mettere più sale sul conflitto, non certo di lenirlo, almeno a vedere gli effetti pubblici. Io credo che il direttore del giornale sappia fare il suo mestiere e sappia meglio di noi come possa essere valutato uno scritto da chi legge. E' un fatto di comunicazione, al di là delle intenzioni, buone o cattive che siano state, che in questo campo, quello della comunicazione intendo, non contano. Contano solo gli effetti e io penso che tra gli effetti sia stata considerata anche la reazionefortemente negativa. Viceversa sarebbe stato solo un atto di sciocca arroganza, cosa che non credo.
      Si dirà che Gasperini è permaloso. Io non sono di questo avviso, perché leggendolo credo di aver capito la stessa cosa del mister, ossia che gli è stato dato sostanzialmente del fuori dalla realtà, ossia, in soldoni, di quel che dà di matto per poco o nulla, il che dal mio punto di vista è interpretabile come un tentativo di delegittimazione sul piano personale, che, dal suo punto di vista (ma anche dal mio, se mi fosse capitato) è stato tradotto come una grave mancanza di rispetto. Il che l'ha portato all'estrema soluzione, ossia, non solo a non voler parlare più col protagonista iniziale della vicenda, ma addirittura il silenzio totale con il giornale e qualsiasi suo inviato indistintamente, almeno, il mister ha precisato, sino a che non ci sarà un chiarimento. D'altronde la direzione rappresenta il giornale e tutti i suoi collaboratori, quindi il tutto a me pare coerente e conseguenziale, per nulla impulsivo.
      Mi pare che il mister  l'abbia messa su una questione di principio e l'ha anche precisato, il che dal mio punto di vista lo fa una persona che, oltre ad avere rispetto di sé, dimostra di avere in alta considerazione il rispetto reciproco delle relazioni umane e non solo quelle pubbliche. Il fatto che per molti oggi le questioni di principio e di rispetto delle relazioni personali, prima ancora che pubbliche, siano immolabili sempre e comunque per ragioni di convenienza e opportunità, la trovo un profondo svilimento nell'etica collettiva della nostra società, che infatti sta degradando da tempo e a più non posso.
      Dopo di che se si proverà che la notizia era vera ed è il mister a raccontare frottole (peraltro i litigi anche forti negli spogliatoi dei calciatori non sono certo una novità e oserei dire che rientrano nella normalità delle cose, ma l'insubordianzione sarebbe altro), ovviamente il discorso si rovescerà di centottanta gradi, ma, a naso, ho l'impressione che non sarò così. Staremo a vedere.


      • Concordo
        Aggiungo che bisogna tener viva la "controinformazione". L'articolo di ceresoli su l'eco online è lì a disposizione di un'ampia platea e anche se per fortuna molti non sono più proni a credere a quello che dice il bugiardino, molti altri invece lo usano ancora come primaria fonte d'informazione. E veramente se uno legge quell'articolo, anche in buona fede si fa l'idea di un Gasp primadonna piangina isterica fuori dal mondo. Una presa di posizione collettiva dei tifosi, civilmente espressa e già proposta da qualcuno qui, a sostegno del Gasp, mi pare un'ottima idea.



      • Aggiungo anche il mio giudizio positivo alle ottime disamine e considerazioni fatte da coder qui sopra! Nulla da aggiungere (o da togliere). Solo un invito al direttore dell'eco di Bg a valurtare meglio il contenuto dei suoi prossimi (eventuali) interventi sulla vicenda.... 


      •  ottimo pezzo Coder


    • Quale scivolone????
       
      Quello che il Gasp ha detto e' da applausi, e il suo comportamento e' certamente una delle ragioni per cui quest'anno stiamo cosi' in alto.
       
       


      • Buon per te che ritieni che a priori abbia ragione il mister, già che ci sei prova a spiegarmi quale sarebbe lo scopo di diffondere una notizia falsa da parte di un giornalista di casa?! 


        • Scusa Andre62. 
           
          Ho cliccato per errore su "piace". Volevo cliccare su "non piace".


        • Giornalista di casa?????????? Ma quale casa???????
           
          A me pare che lui pensi soltanto alla propria carriera, sperando di fare uno "scoop".
           
          Poco importa a lui se la notizia e' vera o falsa!..........


          • 95Frank 
             
            e poi destabilizzare rapporto tra  e giocatori .... e anche  e societa per una notizia non vera!!!
             
             


  13. Questa e’ la chiusura dell’articolo su Gasperini (Eco di Bergamo online).
     
    “Di certo, però, non è riuscito a far litigare tra loro l’Atalanta e L’Eco di Bergamo, mai così impegnato a sostenere la corsa dei nerazzurri verso l’Europa. La nostra attenzione nei confronti della squadra non verrà certo meno per i capricci di qualcuno troppo distante dalla realtà”.
     
    Quanta ipocrisia! .....Quanto falsume! ...Quanta stronz@ggine!
     
    Allo stadio dobbiamo dimostratre tutti (civilmente, s’intende) cosa pensiamo: (a) di Gasperini, e (b) del direttore dell’Eco e del suo giornalista.


    • maracaniggia -
       16/04/2017 alle 20:01
      Che papagal!!! Certo che il Gasp è lontano dalla realtà : 1 metro fuori dal campo.
      Se intende il direttore la sua di realtà, allora sono anni luce.  
      Una così solenne strunz.....,dicono a Napoli, era assai difficile da comporre


    • Concordo  sono dei sepolcri imbiancati 


      • Questa volta credo che abbiano veramente superato il limite, e non mi pare se ne rendano conto......


        •  Non se ne rendono conto  perché non sono abituati a, contraddittorio.  Loro dall'alti del loro bigottismo morale si egono  a censori della vita bergamasca: ecco che  ld notizie suii suicidi quando non vengono totalmente ignorate diventano disgrazie e chi muore in incidenti   semore e una brava persona


          • Purtroppo e' proprio cosi'!
             
            L'Eco sembra il "custode" di una societa' bigotta che frena la crescita sociale della citta' (il suo Direttore mi sembra vivere nel Medioevo, o quasi).


            • Vero concordo in pieno a mio parere e' cosi'.
               


            • be gli ha detto indirettamente a  che e fuori dalla realta!!!
               
              eco
               
               compra l eco e cambia il personale che da contro all atalanta e 


              • Secondo me NON e' Gasperini ad essere fuori dalla realta', bensi' il direttore ed il giornalista dell'Eco (che sembrano usciti pari-pari dal bigottismo e dall'ipocrisia del Medioevo....).


          • E' vero questo l'ho notato anche io


  14. Secondo me, allo stadio, dovremmo tutti dimostrare (civilmente, s'intende) cosa pensiamo di Gasperini, e cosa pensiamo del Direttore dell'Eco e del suo giornalista.


  15. SubbuteoGroup -
     16/04/2017 alle 16:37
    Da quando è arrivato, Gasp è stato protagonista di alcune prese di posizione apparentemente impopolari, ma dall'effetto salutare, quale il ridimensionamento di Sportiello, l'accantonamento sei vari Carmona, Pinilla e Stendardo, la bocciatura di alcuni acquisti quali Paloschi e Zukanovic, il lancio di alcuni oggetti misteriosi quali Gagliardini e Caldara, con i risultati che conosciamo.
    Tutto questo in pochi mesi, quando,per anni avevamo assistito allo spirito conservativo degli allenatori precedenti.
    Cosa ha portato il susseguirsi di queste prese di posizioni, è sotto gli occhi di tutti.
    Ora, sulle orme di Mondonico, ma anche meglio, Gasp chiede rispetto , nulla di più, riguardo alla sua attività lavorativa, che come per molti di noi, vede sempre qualche emerito leccaculo rompicoglioni invidioso di merda, che si inventa strane storie per diventare protagonista e magari spuntare un merdoso aumento di stipendio e carriera , per essere passato  per due giorni in prima pagina con titoli scandalistici.
    E questo nel migliore anno della gloriosa storia della B.C Atalanta.
    Fortunato il tipo. La mia generazione andava sotto casa del mitico Corbani, a Valtesse, a chiedere spiegazioni su certi articoli.
    con questo non oso pensare cosa sarebbe successo al soggetto in questione.Avanti così Mister!


    • Tt vero...ma il zuka cosi bocciato no...e cmq il quarto dei tre centrali
      Diciamo che ha cambiato le gerarchie di cui tt godiamo


    • subbuteo santo subito

      p.s. w pescoluse


    • Complimenti. Commento bellissimo!


  16. Sabato portiamo tutti una pagina del giornale locale e usiamola come carta igienica.


  17. Deadeberghem -
     16/04/2017 alle 12:43
    Talmente con i controcazzi che non ha lasciato il diritto di replica al mister e ha bloccato i commenti sull'articolo relativo sul loro sito


  18. Se così fosse, anche il direttore del l'eco è uno con i controcazzi, no?


  19. Eh, caro Brenno, 
    Invece tu tiri is sasso e nascondi la mano! Altro che balle.
    Invece di dire "fonti vicine alla presidenza", abbi le palle di fare i nomi, altrimenti non differisci di molto da quelli che dicono: "ammiocuggino conosce uno che è l'amico del cugggino del presidente dell'ammmerica."
    Che per altro, assomiglia all'atteggiamento tenuto dal giornalista in oggetto.


  20. La miglior cosa e' una presa di posizione presidenziale
    Che spenga subito la centrifuca dei bla bla...
    Nn diamo alibi a nessuno


    • È quello che mi auguro: che il percassi chiami contemporanemente a rapporto il gasp e l'eco.
      dia loro una bella tiratina d'orecchie è tutto torni come prima.
      possibilmente senza telecamere di mezzo.


    • l'unica presa di posizione presidenziale sarebbe di uscirne dal questo giornale, visto che mi sembra sia dentro


      • ma no caro fara
        restarci e prendere posizione


        • caro th,
          siamo di fronte a un evento eccezionale, a un mister eccezzionale, che ha spaccato tutti o quasi, i santuari consolidati.
          record su record, una squadra da infarto, la possibilità di far diventare dei perfetti chi ei pò? dei diamanti preziosi che andranno a ingrassare i conti economici dell'A.B.C.
          arrivati a questo punto penso che la semplice presa di posizione non basti, serve un segnale forte proprio come ha dato il giampy sia in questo caso, che col caso sportiello.
           deve fare tutto il possibile x blindarlo...e le blindature avvengono anche con segnali precisi...mia semper stà nel mes.
          un eventuale sua dipartita dal paper indigeno, sarebbe un segnale molto chiaro...anche x lui 
           


  21. bergamo_nazione -
     16/04/2017 alle 10:44
    Da quanto leggo ricostruisco la vicenda cosi
    Spini ha questa notizia ( probabilmente falsa ) e la vuole pubblicare su due quotidiani. Uno si comporta in maniera corretta (ebbene si ... il quotidiano color suino ) e verifica la notizia avvisando il mister. L ' altro non verifica e non pubblica solo perché il mister chiama il direttore per smentire in anticipo. In cambio del favore ( evitare a un quotidiano di pubblicare una bufala per me è un favore al quotidiano stesso... ) il mister chiede di non avere più il giornalista in questione alle conferenze stampa e quando lo vede venerdi sbrocca. E questo è il motivo per cui non se la prende anche con la gazza su cui scrive lo stesso giornalista ma solo con il bugiardino e con il suo direttore.



    • No, non è la ricostruzione giusta.


  22. il perchè lo sanno solo i contendenti del conflitto e Gasperini si è assunto la responsabilità delle sue azioni, il che, almeno sul piano del metodo e per quel che mi riguarda, lo fa un uomo con i controcaxxi di cui ormai si ha rarissima memoria in questo paese.
    Sulla ragione o torto, nel merito, credo e spero che prima o poi la verità verrà a galla. Gasperini mi sembra un uomo intelligente con una discreta esperienza alle spalle e una reazione pubblica del genere mi semrerebbe davvero spropositata se non fosse sicuro del fatto suo.
    Per il resto, possiamo solo avere delle intuizioni sulla base di quel che hanno riferito le partii. Pare da quanto si è saputo pubblicamente che le parti si siano parlate a livello personale e in privato (si parla di telefonate antecedenti se non erro col direttore dell'Eco). In base a questo, lpare che Gasperini abbiafatto una richiesta esplicita e precisa al direttore, in conseguenza della quale questi ha ritenuto di non tenerne conto, mandando lo Spini come inviato. Evidentemente il mister l'ha ritenuta una provocazione. Si può discutere sulla modalità scelta di reazione, ma personalmente la ritengo più che comprensibile ed evidentemente all'Eco dovevano calcolare che c'era questa possibilità e secondo me potevano anche averla messa in conto.


    • Se così fosse, anche il direttore del l'eco è uno con i controcazzi, no?





    • sorry...è sempre una replica all'amico pongosbronzo


  23. Avevamo bisogno di tutto questo e a chi giova? Se non vi sono altre motivazioni , trovo il comportamento di Gasperini esagerato direi al limite della patologia; bastava che al giornalista in questione dicesse" io con lei non parlo e lei lo sa " che voleva significare niente e tutto insieme. Da una scaramuccia può nascere una guerra che sicuramente farà dei danni. Non voglio alimentare altre polemiche ma non vi sembra che  il 7 a 1 di Milano sia stato molto ma molto strano?  BUONA PASQUA A TUTTI


    • @ Clod1907
       
      Sono andato a leggermi l’articolo di Gerardo Adinolfi sul sito del notiziario “Ossigeno” del 15 aprile 2015 (ore 11:58) da te segnalato.
       
      Nell’articolo si legge: “Striscione e cori contro Matteo Spini, collaboratore de La Gazzetta dello Sport.
      Su Facebook un utente invita ad andare a casa del giornalista”.
       
      Nel testo dello striscione esposto il 15/4/2015 (cioe’ due anni fa’) si legge: “MATTEO SPINI VERME”.
       
      A tutti quelli (per la verita’ pochissimi) che dopo aver letto il commento del direttore dell’Eco hanno espresso riserve su Gasperini, consiglierei di fare una riflessione.
       
       
       
       
       
       
       


    • Strano che spuntano nuovi utenti giusto per creare strane ipotesi...Che di sarebbe di strano della partita con l'Inter? Non può capitare una giornata storta?


    • eh si perche' fare dietrologie e parlare di stranezze aiuta a far stare tutti rilassati ed e' di grande utilita' per il raggiungimento dei nostri obbiettivi,giusto?



      • non amo i dibattiti. ma non sono il tipo che lancia il sasso e nasconde la mano, volevo solo far meditare su cose che da tempo io so da fonti vicine alla presidenza di avvenimenti avvenuti prima della suddetta partita: non voglio polemiche ma neppure guerre di religione dove uno ha sempre ragione e l'altro torto


        • mah....di teorie dei complotti siamo assaliti tt i giorni in tt i campi
          ma mai uno si rivela intelligente...tt al limite della demenza
          possiamo partire dalle torri gemelle x smaltire etternit(se scive cosi)
          per finire con il tuo 7 a 1(nn solo tuo sia chiaro...interdet ne è pieno)
          magari bastava demolirlo
          magari bastava un 2 a 0
           
          ma avanti un altro...è più complesso il complotto dei SID(star wars)...che quelli che ascoltate raccontate
          buona giornata


        • Stai dicendo che il risultato di Inter - Atalanta 7-1 è stato concordato preventivamente. Il commento è passibile di diffamazione e tu denunciabile da chi ha interesse a farlo.
           
          Se scrivi una cosa per sentito dire e non ne hai certezza sei passibile per diffamazione, se hai le prove di quello che scrivi sei comunque passibile legalmente per aver omesso di denunciare un reato del quale eri al corrente.
           
          Cosa fai, vuoi continuare o facciamo finta di niente?


          • Questa sì che è bella! è proprio vero che ve la suonate e ve la cantate da soli; dovete leggere bene quello che uno scrive prima di fare dei commenti del genere : non ho mai parlato di complotto nè di risultato concordato, caro staff o chiunque tu sia ( spero che non mi censuriate). Quello che so lo so ormai da tempo e non è nulla di trascendentale in un mondo e ora in modo particolare nel calcio dove chi comanda è il soldo; devo dire la verità che quando l'ho saputo mi sono sentito sollevato : quel 7 a 1 mi pesava come un macigno e mi aveva riportato ai tempi passati e mi aveva fatto ricordare un 9 a 3 con il Milan ( ahimè io c'ero). In poche parole sembra che la settimana prima della partita con l'Inter i nostri giocatori abbiano chiesto un bonus per l'entrata in Europa e che il presidente abbia risposto picche in modo più colorito: Tutto qui nessun complotto come vedete semplicemente uno spaccato della nostra società  " senza lilleri non si lallera , giovinastri!". Continuerò a leggere le vostre informazioni che trovo utili interessanti e alcune volte divertenti per uno che tifa l'Atalanta ( scusate la parola dea non riesco ancora a digerirla), ma certo non leggerò più i commenti e tanto meno ne farò con vostro sollievo.  Adieu mes amis


  24. Vediamo se il direttore del bugiardino mette davanti il suo orgoglio all'interesse dei lettori.. 
     
    Col Gasp non si scherza 
     
    Adelante Atalanta! 


  25. mi rimane qualche dubbio. Si parla di una fonte vicina alla società(non nell'audio), o non esiste alcuna fonte, e allora mi stupisco che nessuno prenda provvedimenti nei confronti del giornalista


    • e non ci troverei nulla di clamoroso in una lite fra mister e alcuni giocatori (se fosse vero e bla bla bla)


  26. pongosbronzo -
     16/04/2017 alle 10:24
    Condivido ogni singola parola. E però, se la notizia non è stata pubblicata, perché comportarsi in sala stampa come se lo fosse stata? 


    • Eh no, anche qui si sposta l'attenzione, Gasperini ha chiesto che questo giornalista non gli fosse più mandato, che la notizia sia stata pubblicata o meno è stato grazie ad opera di altri, il direttore, non del giornalista che da come pare, l'ha proposta e quindi per lui sarebbe stata da pubblicare.
       
      La reazione di Gasperini alla prima confesta stampa, quella annullata è stata tale perchè in sala stampa c'era suddetto giornalista, quella di ieri invece è stata con L'Eco per l'articolo scritto in risposta. Articolo che potete tranquillamente leggere.


      • pongosbronzo -
         16/04/2017 alle 12:13
        L'articolo comunque non esiste, né su L'Eco né altrove. E fare una polemica su un articolo che non esiste significa fare un processo alle intenzioni. 


        • pongobronzo @
           
          Ti ha già risposto benissimo Paramo, in caso non lo abbia letto te lo copio e incollo sotto, comunque anche qui fai una forzatura, dire l'articolo non esiste è sbagliato, l'articolo esiste o esisteva, NON è stato pubblicato che è cosa concettualmente ben differente, come se io facessi un pezzo per il sito atalantini insultandoti o, per rimanere nel merito, raccontando cose inventate su di te, lo staff non lo approva e non lo posta, però ti mette al corrente del pezzo che io avevo scritto, a quel punto tu ti incazzi con me ma io ti dico( come da tua risposta) che il pezzo non esiste, semplicemente perchè non è stato pubblicato. Ti sentiresti preso per i fondelli o no?
           
          Paramo - 16/04/2017 alle 11:16 Il processo alle intenzioni esiste e deve essere fatto. Se io tento di commettere un'illecito, ma vengo fermato in tempo, la passo liscia? Direi di no. Sono comunque colpevole. La mia pena sarà ridotta perché l'illecito non è andato a buon fine, ma la mia colpa rimane. Lo stesso vale per il giornalista che ha tentato di spacciare una bufala. E se il diritto di cronaca e d'informazione è sacro, allora il tentativo di manipolarlo e di falsificarlo è peccato mortale.


          • pongosbronzo -
             16/04/2017 alle 22:25
            Allora, cerco di chiarire meglio il mio pensiero. Se Gasperini ha un problema personale con Spini, non credo sia la conferenza stampa il luogo ideale dove esternarli. Allo stesso modo ritengo totalmente fuori luogo questo prendere posizione per l'uno o per l'altro, in realtà (a quanto leggo, tanti per l'uno pochi o nessuno per l'altro, ma era fin troppo facile) senza sapere cosa c'è dietro. Gasperini allena la squadra per cui io tengo, sono molto felice di quello che mi sta facendo vedere, spero ci porti in Europa e stop. Il resto, le beghe personali tra due uomini che non conosco, il giornale di proprietà della Curia, i giornalisti "servi" che vogliono solo far carriera (ho letto anche questa baggianata qui sopra) mi sembra ci riguardi davvero poco. 


        • Deadeberghem -
           16/04/2017 alle 12:33
          Nell’audio il mister parla di ‘testate diverse’, ma l’hai ascoltato o no? si vede che si è alzato una mattina di un paio di mesi fa e ha scelto uno, tra i mille giornalisti, per farne caprio espiatorio : “Toh, da oggi decido che Matteo Spini mi sta sui coglioni”….


      • Quindi ricapitolando:
         
        1 Spini tenta di pubblicare una notizia falsa
        2 Gasp (avvisato dalla gazza) parla col direttore de l'eco chiedendo di non madare piu Spini alle sue conferenze stampa
        3 Spini si presenta lo stesso e Gasp annulla la conferenza
        4 Il direttore come risposta pubblica un articolo in cui praticamente da del pazzo a Gasp
        5 Gasp non vuole piu parlare con l'eco
         
        dovrebbe essere andata cosi se non ho capito male...


        • Trigon 
          Da quanto si evince più o meno dovrebbe essere questa la ricostruzione più o meno giusta. 


          • Il più o meno ci andava una sola volta 


  27. calma calma....non è così semplice.
    Il lavoro di un giornalista dovrebbe essere sempre il cercare notizie VERE e comunque accertarsi della loro veridicità PRIMA di proporle alla pubblicazione. Si chiama deontologia professionale. Se il direttore ha deciso di non pubbòlicarla è perchè evidentemente non aveva riscontri di veridicità, perchè sa bene che nel caso fosse falsa ne risonderebbe, se direttore riesponsabile.
    di seguito riporto per conoscenza un accenno di rifeirmento al codice di deontologia dei giornalisti che ho trovato in rete a proposito della veridicità:
    Le norme disciplinari sono in massima parte contenute nella Carta dei Doveri, siglata l’8 luglio 1993 dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana. Molte di queste sono poi diventate “norme di legge” con l’emanazione del codice di deontologia del 1998, perché in esso trasfuse: si pensi al divieto di discriminazione, alla tutela della riservatezza, al divieto di identificare le vittime di reati sessuali, alla tutela dei minori e dei soggetti deboli. Il dovere più pregnante del giornalista e caposaldo del diritto di cronaca è il dovere di verità, considerato sia dalla L. n. 69/1963 che dalla stessa Carta dei Doveri quale “obbligo inderogabile”. Gli organi di informazione sono l'anello di congiunzione tra il fatto e la collettività. Essi consentono alla collettività l'esercizio di quella sovranità che secondo l'art. 1 Cost. “appartiene al popolo”. Un'informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un consapevole esercizio della sovranità. In più punti la Carta dei Doveri pone l’accento su quelli che, al pari del dovere di verità, vanno considerati valori etici assolutamente inderogabili: l’autonomia e la credibilità del giornalista.
     
    perciò la questione si riduce a stabilire se la notizia per la quale si aveva l'intenzionedi pubblicarla è o non è vera. Il resto viene di conseguenza.


    • il mio commento, preciso, è in replica a quanto sostiene pongosbronzo


      • pongosbronzo -
         16/04/2017 alle 10:25
        Ciao coder, sì, avevo inteso che fosse una risposta a me. Non la pensiamo poi così diversamente. 


  28. pongosbronzo -
     16/04/2017 alle 10:16
    *abiezione, con una b sola.


  29.  F.I.M.D.T.



  30. manco fossimo a Mondragone
    ci vorrebbe emoticon bovina

    buona pasqua a tutti



  31. Per quello che ne sappiamo alcune fonti sostengono che la bufala (il supposto litigio del mister con alcuni giocatori) sia stata pubblicata sulla Gazzetta dello sport ad opera dello stesso giornalista che è collaboratore di questa e dipendente dell'Eco. Stiamo cercando di verificare la circostanza. Come pare che l'acredine del mister verso il giornalista sia cominciata anche prima della bufala in questione. 


    • pongosbronzo -
       16/04/2017 alle 10:00
      E' del tutto evidente che l'acredine del Mister nei confronti del giornalista ha origine altrove. Ritengo che la questione andasse risolta in altro modo, magari privatamente, tra il Mister e il giornalista, prima di tutto, e poi tra il Mister, il Direttore del principale quotidiano della città e la Società Atalanta, proprio per evitare di destabilizzare tutto l'ambiente. Rendiamoci conto che stiamo parlando di un bisticcio elevandolo a questione di Stato. E' coosì che nascono le guerre. Chiaramente la maggior parte dei tifosi che scrive qui, esaltata dalla grande stagione e grata al Mister per tutto quello che sta facendo, è portata in maniera quasi naturale a parteggiare per lui. Quello che sostengo è che in questa vicenda non c'è da prendere le parti di nessuno. Spini fa il suo lavoro di giornalista, Gasperini fa il suo lavoro di allenatore. Se Spini avesse pubblicato una notizia falsa, ma pare non sia così e attendo di essere smentito, allora avrebbe ragione il Mister, in caso contrario la questione andava risolta diversamente. Prendo a prestito le parole di Elio Vittorini per un ultimo commento alla vicenda: "La verità non rischia niente a passare per un periodo di abbiezione: non il suo avvenire e nemmeno la sua gioventù. Quello che non deve mai venire meno è il nostro sforzo di intrattenerla, comunque, tra noi uomini."


      • Da quanto dice Gasperini non è così come la vuoi mettere tu, lui dice che la notizia falsa sia stata portata a L'eco, quindi il pezzo era stato scritto ovviamente, poi è stato il direttore a non volerla pubblicare in quanto non ne poteva verificare la veridicità. Gasperini ha aggiunto che infatti ha chiamato il direttore de L'Eco, ringraziandondolo per non aver pubblicato la notizia.
         
        Cosa si può capire da queste parole? Si evince che il giornalista in questione ha scritto e voleva pubblicare una notizia inventata e infondata e solo l'intervento del direttore ha fatto in modo che non fosse pubblicatata. (E parlo de L'Eco) In questo caso, come giustamente aggiunge il Gasp, non si tratta di critiche all'operato, alla partita o altro che per quanto possano dare fastidio  sono giudizi personali e assolutamente accettabili, qui si parla di altro, di notizie false, inventate, per arrivare dove? A che pro?  E che Gasperini stia facendo bene in campionato non centra nulla, aggiungo. Qui si prevarica il rispetto personale. Gasperini dopo aver appreso che suddetto giornalista inventava fatti mai accaduti sulla squadra ha chiesto, secondo me lecitamente, di non voler più parlare con quel giornalista, non con L'Eco, ma con lui, per tutta risposta L'Eco ha fatto uscire un articolo su Gasperini facendolo passare per un "folle". Da qui l'arrabbiatura di Gasperini che non vorrà più parlare con L'eco fino a chiarimenti. 
         
        L'idea che mi sono fatto da quanto è uscito è che Gasperini abbia la ragione al 100%, nessuno si può e deve permettere di provare a inventare notizie fasulle.
         
         
        Questo è quanto ho capito io.
         
        Qui si può leggere la replica de L'Eco  


  32. Caspita! Non ho ancora capito in che cosa consista questa bufala!


  33. pongosbronzo -
     16/04/2017 alle 9:06
    La bufala in questione non è mai uscita, l'articolo non è nemmeno stato scritto, l'indiscrezione raccolta dal giornalista è stata verificata inattendibile dalla redazione. Mi pare un processo alle intenzioni. E, da qualsiasi punto la si veda, una cosa tristissima.


    • Il processo alle intenzioni esiste e deve essere fatto.
      Se io tento di commettere un'illecito, ma vengo fermato in tempo, la passo liscia?
      Direi di no. Sono comunque colpevole. La mia pena sarà ridotta perché l'illecito non è  andato a buon fine, ma la mia colpa rimane.
      Lo stesso vale per il giornalista che ha tentato di spacciare una bufala.
      E se il diritto di cronaca e d'informazione è sacro, allora il tentativo di manipolarlo e di falsificarlo è peccato mortale.


      • pongosbronzo -
         16/04/2017 alle 22:51
        @Paramo
         
        Non credo che sia esattamente come dici. Inoltre parti dal presupposto che Spini la notizia se la sia inventata di sana pianta e in malafede ma non puoi sapere se è andata davvero così.
         
        Detto ciò, ripeto per l'ennesima volta: per me Gasperini ha sbagliato la sede del suo intervento. Va benissimo la schiettezza, ma il processo alle intenzioni, in ogni sua manifestazione, è qualcosa di vagamente inquietante. Nel caso ci siano le prove della malafede ovviamente il discorso cambia. 


      • Non è esattamente così. Il tentativo, in ambito penale, si applica solo ai delitti, non alle contravvenzioni. Esiste cioè il tentato omicidio, il tentato incendio doloso o come in questo caso, la tentata diffamazione a mezzo stampa, ma non esiste il tentato getto pericoloso di cose, o la tentata detenzione abusiva di armi o la tentata ubriachezza (o sei ubriaco o non lo sei  )  





  34. Alle discussioni su questo sito partecipano anche persone che non sono di Bergamo (addirittura persone straniere) che raramente hanno preso in mano il giornale locale; vogliamo spiegare a queste persone perché il quotidiano locale è chiamato BUGIARDINO???


    • Il bello è  che il soprannome Bugiardino  si perde negli annali..e non riguarda solo il contesto sportivo..


  35. Uno con le palle qui nè avevamo proprio bisogno... fra l'altro contro uno che non è nuovo a questi episodi... ricordiamoci del famoso striscione esposto dalla curva  contro di lui...


  36. Staff: credo che la bufala NON sia uscita, nel senso che non è stata pubblicata perché il giornale non ne ha potuto verificare l'autenticità. 


  37. Dopo aver sentito le parole di Gasperini fatico sempre di più a capire il comportamento del direttore del giornale locale.
    Gasperini sicuramente ha la schiena bella dritta.
    P.s. 
    Sono comunque curioso di sentire eventuali repliche da parte del giornale.
     



    • Concordo in pieno.   Ora e' il direttore del giornale che deve prendere posizione e rispondere.





  38. Desidero anche io una statua a grandezza d'uomo del Vate.
    Chi altri? RangerSyd, Kaiser... poi? E' per le economie di scala...

    #iostoconGasp



    •  stata va a ruba 


    • Una anche per me...GRAZIE 
       



    • L'anno prossimo altro che polo o giubbotto mimetico,tutti con parrucca bianca Gaspstyle!

      SOLO ATALANTA TUTTO IL RESTO AVANZA 


      • Sei un grande!


      • possibilmente con frangia lunga per ripararsi dal sole d'estate e basette effetto copri olane per il freddo 


      • QUAGMIRE!  Mitico....
        Ti immagini l ultima di campionato tutto lo stadio con la parrucca bianca del 
         
        Apoteosi 


      • ahahahahahahahaha Sarebbe fantastico! 



  39. ABBIAMO QUI UN GIGANTE


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.