06-01-2017 03:08 / 22 c.

Articolo scritto da un blogger romanista su iogiocopulito.it.
Che condividiate o meno la mentalità ultra il pezzo è, per certi versi, oltre che composto mettendo sul piatto i sentimenti (che non guasta mai...), anche un bel riconoscimento ai nostri ultras nonche' un bell'affresco di certi anni, di come veniva vissuta la curva e di quello che e' diventata adesso

 

 

STORIA DI UN BIGLIETTO: ATALANTA-ROMA, LA PARTITA CHE VOGLIONO FAR MORIRE
DI SIMONE MELONI

"Cucs, visti da qua siete ancora più terroni”. Alle menti proibizioniste e bigotte che popolano il football al giorno d’oggi potrebbe sembrare l’ennesima idea sgarbata di quelle bestie manigolde con la sciarpa al collo. Ai più addentrati e amanti del mondo curvaiolo invece risuonerà soave come un concerto di Mozart. La stagione 1987/1988 vede l’Atalanta (retrocessa l’anno prima in Serie B) prender parte alla Coppa delle Coppe, in virtù della finale di Coppa Italia persa l’anno precedente con il Napoli Campione d’Italia. Arriverà fino alla semifinale dove il sogno verrà infranto dai belgi del Mechelen, futuri vincitori. E questo striscione, esposto all’esordio contro i gallesi del Merthyr Tydfil, sarà uno dei simboli di quella competizione.

Il Cucs (Commando Ultrà Curva Sud) in quegli anni è il cuore del tifo romanista. Uno dei gruppi che in Italia fanno scuola. Chi oggi ha qualche capello bianco e sa dilettare i propri interlocutori con storie dell’epoca, vi racconterà menadito del gemellaggio esistente tra le due fazioni a inizio anni ottanta. Perché, malgrado ciò che la morale comune vuol far passare, le curve degli stadi sono stati (e in parte lo sono tutt’oggi) dei veri e propri poli in grado di aggregare e assembrare persone di ogni estrazione sociale, politica e geografica. Posti così profondi e variegati da creare interazioni impensabili, favorite comunque da una società paradossalmente più aperta e vogliosa di scoprire ciò che la circondava. “Avevamo poco, ma avevamo tutto”, mi raccontò una decina di anni fa un signore sulla quarantina, in un anonimo Roma-Messina. Aveva probabilmente ragione. Lui ricordava con simpatia un altro striscione, della Sud, sempre negli anni ’80. “Atalantino Idiota Del Settentrione”, con le iniziali a formare l’acronimo AIDS. Oggi sarebbero scattate multe e chiusure dei settori, allora veniva interpretato per ciò che era: uno striscione fine a se stesso, peraltro inserito perfettamente in un contesto di profonda tensione sociopolitica tra Nord e Sud. Ci vorrebbe meno moralismo e più elasticità mentale alle volte. Ma si sa, nel 2016 i click chiamano e i lettori non comprano giornali che non sanno riportare titoloni e articoloni sensazionalistici pure per descrivere il più stupido degli eventi.

romaatalanta8687caricaidiota

Atalanta-Roma non è una partita qualunque. Nerazzurro e giallorosso sono bande cromatiche che già di loro si contrastano aspramente. E noi che siamo malati quelle maglie ce le figuriamo sempre nella fanghiglia della Brumana o sotto un diluvio all’Olimpico, in un contrasto cruento tra Nela e Stromberg. Sarebbe stato bello affrontare il suo aspetto antropologico l’indomani della sfida di campionato dello scorso novembre. Ma abbiamo dovuto analizzare e smontare in fretta e furia buona parte delle inesattezze riportate a corollario delle tensioni registrate al termine della gara. Un peccato, perché come sempre in Italia si vuole drammatizzare, terrorizzare e distogliere l’attenzione invece che fare cronaca, prevenire, riflettere e raccontare storie che hanno reso la gioventù di tante persone migliore e ricca di aneddoti. Narrare, per il sottoscritto, rappresenta l’aspetto più interessante e formativo della propria professione. Perché dà l’opportunità di conoscere e abbattere paletti che, giocoforza, le nostre menti erigono di concerto con le storture offerte dal circo mediatico e dall’opinione pubblica.

97adfc9c-6aa0-4724-91e6-eea89f24ff58
Eppure Atalanta-Roma non è mai una gara qualunque. Perché nella mediocrità in cui l’italico calcio si è ormai adagiato, rappresenta quella scintilla in grado di farti tornare ventenne almeno per novanta minuti. Al netto di divieti, limitazioni e montatura mediatica. Sia chiaro. Il mio esordio all’Atleti Azzurri d’Italia ebbe un sapore particolare. Stagione 2004/2005. Quella dei cinque allenatori, per i romanisti. Quella di una folle ricorsa alla salvezza nel girone di ritorno, per gli atalantini. Uno scontro di fine stagione che va in scena il 22 maggio. Due modi così diversi di approcciarsi al calcio. Eppure così simili. La metropoli turbolenta, passionale, non vincente ma fascinosa contro la provincia sanguigna, riservata, schiva ma dal cuore grande. Sarà anche per questo che romani e bergamaschi non si amano. In ognuno di loro c’è un pizzico di meridionalità e settentrionalità. Gli opposti che si attraggono e allo stesso tempo si respingono.

La sera prima si gioca Empoli-Genoa. Quel Genoa che a fine stagione verrà promosso in A ma sarà successivamente retrocesso in C per lo scandalo della “valigetta” di Preziosi nell’ultima sfida col Venezia. Si parte prima alla volta del Castellani, per puro spirito voyerista, e poi, a notte inoltrata, Firenze Campo Marte mi aspetta come fondamentale nodo di scambio. Là transita il treno dei tifosi diretto a Milano. Là comincia la trasferta che attendevo da una settimana. Diciassette anni e tanta voglia di vedere, fare e conoscere. Come fosse oggi ricordo la frenesia con cui il mercoledì saltai scuola per andare a prendere il biglietto. 10 Euro erano sufficienti all’epoca. Nessun documento e nessuna tessera. Semplicemente “un biglietto per il settore ospiti, grazie”. E poi l’ansia successiva. L’attesa quasi spasmodica. Il pensiero che andava sempre e comunque a Bergamo. Perché il calcio è una religione e come tale l’avvicinarsi della liturgia rappresenta il momento più importante della settimana.

img_7989
E i chilometri che passavano di stazione in stazione, con quell’odore di ferraglia che ogni tanto si impadroniva dei vagoni, annunciava che stavamo arrivando. Bergamo per noi era come andare in un altro Paese. Per chi era abituato a quelle trasferte e le aveva vissute due decadi prima non c’era quasi emozione. Ma per me il solo fatto di poter entrare in una città che ci era ostile in tutte le sue componenti e che calcisticamente voleva farci ogni tipo di sgambetto era una vera e propria palpitazione. Ho sempre rispettato gli atalantini. Una tifoseria fiera, tosta e verace. Un popolo dal quale molti dovrebbero prendere spunto. Molti di quelli che si chiedono come si faccia a tifare un club che non vince mai. Molti di quelli che non capiscono quanto il pallone sia identità territoriale, campanilismo e sfottò. E cosa c’è di male? Come quei vecchi che dai balconi e dalle strade ci lanciavano ogni tipo di offesa. Come quello stadio stracolmo in ogni ordine di posto. Deluso a fine partita, per la retrocessione sancita dallo 0-1 maturato sul terreno di gioco, ma fieri dei propri colori. Il pubblico di Bergamo, come quello di Roma, è stato spesso demonizzato. Dipinto a priori. Come quello di Roma a volte ha esagerato, compiuto degli eccessi, tuttavia ne ha sempre pagato le conseguenze. Il pubblico orobico è il cuore dell’Atalanta. È ruvido, inospitale e profondamente attaccato a tutto quello che riguarda la Dea. Andrebbe ricordato che se la violenza è un fenomeno da condannare sempre e comunque, il folklore è un patrimonio dei nostri stadi. Sebbene negli ultimi anni si sia fatto di tutto per cancellarlo e annullarlo.

img_8045
Il gol di Cassano, l’esultanza, gli sfottò, l’acre odore delle torce e dei fumogeni e il ritorno in treno con tanti ragazzi che negli occhi avevano la mia stessa emozione. Il tifo incessante degli atalantini, la tensione del settore ospiti che si tagliava a fette e l’unisono di quei 700 cuori (all’epoca il settore ospiti era ancora confinato nell’angoletto tra Curva Sud e Tribuna Centrale) impegnati a sostenere una squadra sgangherata, che però non avevano abbandonato, anzi si erano stretti ancor più attorno ad essa. Ricordo tutto di quella giornata. Persino la nottata passata a Piazza del Popolo per ingannare il tempo nell’attesa del ritorno a casa dei miei. Per questo tornare a vedere un Atalanta-Roma dopo undici anni, stavolta dalla tribuna stampa, ha rappresentato un qualcosa di diverso. Emozionante lo stesso. Ma profondamente differente da raccontare. Con l’età che avanza la razionalità ha la meglio su molti sentimenti. E soprattutto l’idiosincrasia verso qualsiasi tipo di divieto e repressione aumenta la ragione nell’assistere a questo genere di sfide. Sappiamo che non dureranno a vita. Sappiamo, noi calciofili d’essai, che siamo destinati a vedere morire i nostri punti cardine. Perché siamo fuori luogo. Demodé direbbero quelli bravi. Perché se proviamo a dire che un Atalanta-Roma con i fumogeni, i cori ostili e le esultanze velenose è la quintessenza del calcio qualcuno è pronto a etichettarci come “ultrà ripuliti” o “fiancheggiatori dei violenti”. Perché, se da romani, ridiamo di gusto alla coreografia di qualche stagione fa della Nord, quella che con tanti piccoli carri armati e la frase “Vamos Tanque” sbeffeggiava le polemiche nate in estate per il celebre carrarmato guidato da Migliaccio che “investiva” delle macchine romaniste e bresciane, siamo dei “beceri che foraggiano i teppisti”. Suvvia, perché in questo Paese non si riesce mai a scernere la goliardia, magari anche esasperata, dalla vera violenza o dai comportamenti davvero da bollare?

Forse perché tutto ciò costituisce una grande forma di Eco (in maiuscolo non a caso). Forse perché chiudere settori popolari qualche giorno prima, punendo senza motivo chi stava per organizzare la coreografia significativa e riaprirli poi per il sacrosanto risentimento popolare (è successo lo scorso anno in occasione di Atalanta-Chievo quando la Nord aveva organizzato una giornata in memoria di Yara Gambirasio) fa parte di quel disegno volto a criminalizzare e indebolire ogni forma di aggregazione. Soprattutto se viene da uno stadio. Soprattutto se, come a Bergamo, riesce a creare eventi ludici che coinvolgono l’intera città (Festa della Dea). Allora si preferisce colpire nel mucchio. Si preferisce mettere delle barriere in mezzo a una curva, rendere uno stadio pari a un lager e vietare qualsiasi forma di tifo pena sanzione pecuniaria, accusando i tifosi di ogni amenità possibile. Perché Atalanta-Roma deve morire.

“L’Atalanta è magia, la Nord è follia!”. Brigate Nerazzurre

“La Roma è una fede, gli ultrà i suoi profeti”. CUCS Roma

di Staff




  1. Ogni tanto anche sui giornali capita di leggere qualcosa di bello e intelligente


  2. Un conto le passioni,il tifo,la goliardia
    un conto le orde di barbari che si muovevano  in giro per l'Italia


  3. Bel'articolo, non c'è che dire. Uno dei pochi giornalisti sportivi che sa quello di cui sta scrivendo.
    Io ancora ricordo che quando venivano sorteggiati i calendari del campionato tra gli anni '90 ed i primi anni 2000, le prime due trasferte che cercavo erano Brescia e Roma. E che trasferte a Roma: la tensione e l'adrenalina a mille già in stazione, con il reparto celere pronto ad accendere gli animi (e non solo) e l'animo ultrà pronto ad uscire... Come rimpiango quei tempi! Anche se c'è da dire che nell'ultimo decennio la situazione è degenerata spesso a causa loro, con una lunghissima serie di accoltellamenti (tra cui tre dei nostri).
    E poi l'Olimpico mi è sempre apparso come uno stadio spettacolare in quanto a calore... Una volta mi lasciai scappare persino una frase: "Non capisco come uno possa nascere a Roma e tifare un'altra squadra". Anche se l'odio verso quella tifoseria è sempre stato ad altissimi livelli... D'altronde "Resteremo in serie A, per spakaga ol cò ai romà".
    P.s. Quello striscione è leggenda!


  4. Articolo bellissimo, ma il popolo bergamasco non è nè ruvido, nè inospitale, stereotipo senza senso.


  5. Bel pezzo veramente.


  6. Per quanto mi riguarda articolo bellissimo da pel de poia, mi trova concorde in tutto quello che scrive e mi rivedo esattamente in quei tempi che purtroppo nel bene o nel male non torneranno più....


  7. Articolo splendido, fuori dal coro, prodotto da una bella mente. Auguri per una fulgida carriera giornalistica. Va comunque considerata anche l'obiezione di stevesteve. Non tutti hanno saputo meritarsi la libertà, e questo è uno dei motivi per cui è stata persa. Spero anche io in un futuro in cui tutto quanto c'è di bello nel mondo ultrà possa prosperare.


  8. Bell'articolo che denota grande intelligenza.  Condanna la violenza e l'ignoranza,  ma evidenzia quanto nel paese italiota per risolvere un problema se ne creino dieci in più;  grazie a un  becero moralismo condito da finto perbenismo popolare! Vomitevole!  Il tifo passionale è il cuore pulsante di ogni curva,  chi nega questo approva l'ignoranza allo stato brado. La violenza non ha nulla a che fare con il tifo passionale,  perciò merita discorso a parte.  Non sono ultrà,  non ne capisco lo stile di vita perciò non sarei neppure in grado di giudicarlo, ma questo articolo mi ha veramente colpito.  Complimenti all'autore al di là della sua fede calcistica.   


  9. 89/90 anno di naja, da Mestre, licenza d'obbligo per Atalanta Roma e Atalanta Napoli con capatina al Bentegodi per Hellas Atalanta, gol di Caniggia in mezzo alla nebbia con i ragazzi del Venezia che si erano intrufolarsi nella Nostra curva per (parole loro) guardare da vicino la tifoseria più "c.a.z.z.u.t.a" in Italia.
    Bei tempi, per quanto riguarda l'articolo penso che sia scritto bene e con molta passione, ma come scrive Stevesteve  se si é arrivati a questi livelli la colpa non è solo delle istituzioni che vogliono reprimere il fenomeno ultra.


  10. Articolo bellissimo, complimenti...dovrebbero leggerlo tutti i burattini che ci governano e prendono decisioni senza sapere nulla, solo per essere ben visti dall'opinione pubblica...il campanilismo scambiato per razzismo...penso cosa potrebbe succedere al giorno d'oggi la famosa coreografia anni 90 contro il napoli(non oso pensarci, minimo chiusura per un anno della curva)...quel calcio che tutti amavamo l'hanno rovinato con leggi assurde


  11. Il primo striscione è forse il più bello sfottó mai scritto. ... 
    complimenti a chi lo aveva scelto 


  12. Complimenti al giornalista romanista che ha scritto questo articolo. Informato, passionale e pieno di spunti di riflessioni. Complimenti davvero. Unica cosa: la bandiera della nostra città è giallorossa, una cosa che fa sorridere 


    • ...e il vice sindaco si chiama BERGAMO


  13. Articolo condivisibile fino a un certo punto, la causa primaria delle repressioni non è un sistema poliziesco che spesso è andato al di là del dovuto ma l'ottusità violenta degli stessi ultras, che di fatto si sono suicidati. Ed è un vero peccato. La speranza è che possano resuscitare con un'autocritica radicale che porti al rinnegare totalmente la violenza. Già si son visti alcuni segni positivi negli ultimi anni, che han permesso per esempio l'abolizione delle barriere al Bortolotti. 


    • concordo, lo stato ha fatto leggi e approvato misure talvolta assurde e senza alcun senso, però tutto è partito per l'ottusità da parte del mondo ultrà nel portare avanti certi comportamenti che dire suicidi non rende l'idea.
       


  14. ROMAGNANEROBLU -
     06/01/2017 alle 12:03
    Ricordo in curva in trasferta un Roma Atalanta 1 1 pareggio di Cerezo con catene e lacrimogeni Se siamo arrivati a questo punto è perché le colpe sono da ambo le parti poco senso dell'umorismo ma anche a volte poca civiltà Peccato perché il mondo ultras ha tanto di buono da dare


  15. bell'articolo! Brao


  16. Meloni da sempre imparziale e obiettivo nonostante la sua fede..di strada ne sta facendo il ragazzo e da Sportpeople prendera' il volo..in bocca al lupo e resta sempre libero di scrivere ma soprattutto di pensare..


  17. calcio vintage ma ancora affascinante per chi come me a passato i 50,allora le trasferte erano una vera e propria aggregazione,quella domenica non sono andato perche temevo finisse un sogno(odio ancora ora IL BUTTERATO)


  18. bel riconoscimento.
    ...e bella penna.


  19. Bell'articolo! Non che ci sia da stupirsi che a Roma, come in qualunque altra parte d'Italia, c'è gente che sa capire il contesto goliardico delle rivalità calcistiche, ma fa sempre piacere leggerlo.
    Ero abbonato in nord in quegli anni, e c'ero in quella maledetta, ma per certi versi indimenticabile partita del maggio 2005. Che tifo quegli anni ragazzi, per usare un'espressione un po' abusata ma che calza a pennello, "non ce la faccio troppi ricordi".


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.