09-06-2018 10:35 / 24 c.

Risultati immagini per paola ferrari90' minuto a rischio chiusura

Approvate in Lega le regole per la vendita del triennio 2018-20: nessuno può acquistare l'intero campionato, immagini in chiaro dopo le 22, pacchetti modulati per fasce orarie

L'assemblea dei presidenti della Lega di Serie A ha approvato i nuovi pacchetti per la vendita dei diritti tv per il triennio 2018-2020, dopo aver risolto il contratto con la spagnola Mediapro. E all'orizzonte si preannuncia un'autentica rivoluzione. Due le grandi novità introdotte dai presidenti della A che modificheranno le abitudini degli italiani nel vivere il calcio in tv. La prima: nessun operatore, in prima battuta, potrà acquistare e di conseguenza trasmettere l'intero campionato di Serie A e questo implica il rischio per gli utenti di dover attivare due abbonamenti per vedere da casa tutto il campionato. La seconda novità più rilevante è l'obbligo di trasmettere le immagini delle partite di campionato in chiaro solo dopo le 22 in tv o tre ore dopo il fischio finale delle partite sul digitale. Un provvedimento che mette seriamente a rischio la sopravvivenza di una trasmissione popolare come 90° minuto. Il prezzo minimo garantito complessivo che la Lega Serie A vorrebbe ricavare dalla vendita dei diritti è di 1,1 miliardi di euro.

 Per guardare le dirette in tv o sul web dell'intero campionato di Serie A, quindi, saranno necessari almeno due abbonamenti diversi, salvo accordi commerciali fra gli operatori licenziatari. È quanto prevede in sintesi il bando della Lega di Serie A. In vendita ci sono tre pacchetti con esclusive per prodotto, ma nessun operatore può acquistarli tutti. È prevista però la possibilità da parte del licenziatario di uno o due pacchetti, di ritrasmettere le proprie partite sulla piattaforma di un altro broadcaster attraverso accordi commerciali. Le società della massima serie hanno dato il via libera per una vendita per prodotto anziché per piattaforma. L'assemblea ha scelto all'unanimità questa strada, in quanto la vendita per prodotto dovrebbe garantire un introito di 300 milioni di euro in più rispetto alla vendita per piattaforma.

 I pacchetti non sono più costruiti in base alle squadre, ma alle fasce orarie, per cui chi acquisterà il primo pacchetto avrà 114 match, pari a tre gare per giornata, in altrettante finestre orarie: ore 18 del sabato, ore 15 della domenica e ore 20.30 sempre della domenica (15 minuti in anticipo rispetto alle gare serali della scorsa stagione). Un secondo pacchetto permetterà all'acquirente di trasmettere 152 gare in quattro finestre orarie, in particolare le partite delle 15 di sabato e domenica, la gara delle 18 di domenica e il "monday night match" del lunedì. L'ultimo pacchetto consentirà di trasmettere 114 gare corrispondenti a tre partite a giornata: la partita delle 20.30 del sabato, quella delle 12.30 di domenica e una di quelle alle 15 sempre di domenica.
 
Gli highlights della Serie A saranno disponibili in chiaro prima sul web che in tv, ma il rischio - come scrivevamo - è che possa non esserci più spazio per trasmissioni come 90° minuto, almeno come siamo stati abituati a conoscerla in questi anni. Il bando per i diritti tv del campionato vieta la trasmissione delle azioni migliori e dei gol del campionato prima delle 22 di domenica sulle tv non a pagamento. Questo pacchetto non esclusivo sarà in vendita entro giugno, come quello per gli highlights destinati al web, da trasmettere 3 ore dopo la fine della partita. Resta salvo il diritto di cronaca per la trasmissione dei gol durante i Tg.
fonte gazzetta.it


di Marcodalmen




  1. Concordo con la lettura che fornisce M52. È  tutto pianificato a tavolino. Arrivano i soldi che i presidenti vogliono, le ttvv si comprano i pacchetti e poi se li scambiano. Tutti felici e contenti, con la benedizione di Mattarellu, la Dei, l ARCIGAY, le ambasciate Usa e nordcoreana, quella ucraina e quella russa, i gatti ed i topolini.
    Chi ci scena? 
    Ovvio la Rai ed i tifosi. Chi nn è  abbonato vede il calcio ......il lunedì.
    Ed a chi è  abbonato le pay ttvv chiederanno un sostanzioso aumento......
    Per fortuna, noi a Bg ......ANDUAMO ALL ATALANTA,!!
    ed in tutto ciò, chi deve vigilare e tutelare......dorme......


  2. a me piace la foto.....


  3. É per noi che viviamo all'estero?


  4. Perlaatalantina -
     09/06/2018 alle 15:32
    Anche se non avessi l'abbonamento allo stadio, non importa. Le partite vado a vederle fuori casa. Senza svenarmi su avere abbonamenti diversi. Come era abitudine una volta, si andava al bar a vedere la partita. Questa notizia, comunque, non importa. Come tanti di voi pensa, l'Atalanta è bella seguirla allo stadio. Sicuramente Sky è Mediaset si scambieranno i pacchetti ad offerte commerciali vantaggiose per tutti e due. Già è stata fatta la stessa cosa per i canali cinema (come ha fatto notare rm52). Infine ritornerà tutto come prima. 


  5. Ho disdetto Sky nel 2010.
    sono tornato allo stadio.
    E' impagabile .
    coraggio, è più facile di quanto si possa pensare.
    Pensate che paura possiamo fare a questi ......
    ci spero sempre 
    mai può fare!!!


  6. Che bombe! An va in guera?


  7. Quello che mi chiedo è ma ormai tutti paghiamo obbligatoriamente  il canone rai per cui siamo anbonati, e allora dove sta l'equilibrio, dovrei almeno avere la libertà di scelta, o Rai o Sky o Premiun o via dicendo...ora per forza un appassionato di sport calcistico deve fare obbligatoriamente un altro abbonamento? E questa la chiamano libertà democratica. Che truffa e che inganno. 



  8. Il vero potere l'abbiamo noi nelle mani!!! Disdette in massa dei canoni pay tv  E ritorno allo stadio.  


    • Hai ragione.
      Pero', purtroppo, la stragrande maggioranza degli abbonati non dara' disdetta dell'abbonamento alla PayTV. 
       
      Non solo, ma chi potra' permetterselo, ne fara' adirittura due (se non proprio tre).
       
      Il denaro e il potere, con l'aiuto dei migliori consulenti, trovano ogni modo per estrarre soldi dal pubblico, fregandosene completamente di chi non puo' permettersi di pagare sempre di piu'.
       
      Viviamo in un mondo sempre piu' cinico, dominato dal denaro.
      I "principi" e la solidarieta' sembrano essere diventati un "optional" sempre piu' ignorato.
       
       
       
       


  9. w la pirateria allora


  10. Per non vedere più Variale e la Ferrari ben venga l'eliminazione di 90° min..vorrà dire che mi affiderò allo streaming, meglio un commento in aramaico che sentire Puccini...


  11. Boh, non riesco a capire il significato. Sanno perfettamente che la grnadissima maggioranza dei tifosi non segue il calcio perchè è lo spettacolo del sabato sera, ma perchè seguono le squadre. E counque non possono continuamente far levitare i prezzi.
    D'altro canto far fuori trasmissioni in chiaro che parlano delle loro squadre certamente può far spostare qualche abbonato, ma toglie molta visibilità nel pubblico di massa popolare.


    • Il chiaro nn rende piu' ormai
      La pubblicita' nn rende piu'
      Se guardi un film in chiaro sui canali privati
      Inizia alle 21 finisce alle 23:45
      Il film dura,1,5 e ti bombardano di un botto di pubblicita'
      L abbonato ti da soldi "sicuri"
      Per riportare al calcio..
      Ingordigia di tutti gli attori
      Soldi soldi soldi e soldi


      • Può essere, ma l'abbonato è chi se lo può permettere, e l'appassionato che se lo vuole permettere. Il rischio è di dirottare la passione altrove. Oddio per me se gli italiani spendessero moeno soldi in calcio e più in musica e libri on fli farebbe che bene...


        • Esiste il gratuito
          Che e' meno reato del nn far permettere a tt di fruire di trasmissioni sportive
          Parere personale


          • Gratuito c'è poco se non pirata. Che di suo non è comunque accessibile a tutti (penso agli anziani per esempio).
            Io non trovo reato che un produttore di uno spettacolo si faccia pagare per fare il suo show. Mipare controproducente chiudere una possibilità di visibilità che aiuta gli sponsor. Ma avranno fatto i loro calcolimeglio di quanto io possa soltanto intuire..


  12. Mi puzza piuttosto alquanto... alla fine i due licenziatari si metteranno d’accordo... e aumenteranno i prezzi. Oppure no ... e sarà impossibile vedere alcune partite salvo doppio abbonamento. 


    • A me sembra già tutto prestabilito. Sky non voleva spendere più di 800 mln (cifra offerta in prima asta), Mediaset non più di 300 (non aveva partecipato alla prededente asta perchè non erano sufficenti ad acquisire un prodotto, ovvero i diritti per le loro 8 squadre), la somma quanto fa?  1,1 mld. Guarda un pò, quello che si vuole ricavare in Lega.Però nel frattempo hanno creato una sinergia fra di loro (5 canali cinema mediaset ceduti in visione a Sky). I tre prodotti presumibilmente saranno ceduti a 350, 450 , e 300 Mln. Vi lascio intuire come verranno acquistati, uno da Mediaset gli altri due da Sky , entrambe rientrano nel Budget stabilito, poi si cederanno vicendevolmente i pacchetti, a questo punto completi per entrambe le piattaforme(digitale e satellitare). Questa operazione, come la vedo io, permetterà ad entrambi di mantenere fidelizzati i rispettivi utenti che non chiedono altro che proseguire come in passato. Nel frattempo Sky aumenterà qualcosina il canone per includere Champions ed E.L. E tutti vissero felici e contenti.   


  13. Sarebbe una follia così, ma sicuramente si accorderanno (alla fine mediapro non è in grado di essere pronta in due mesi e Mediaset e Sky ormai sono partner)


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.