13-02-2018 13:00 / 15 c.

Risultati immagini per gasperini atalantaGasperini, intervistato da ‘Tuttosport’, che tra serie A, Coppa Italia ed Europa League non si pone limiti: “Non rinuncio proprio a niente. Voglio onorare al massimo tutte le competizioni con la speranza che poi qualcosa mi resti in mano. Continuiamo così. l’Europa League ora ci attizza ma bisogna tornare all’inizio, all’estate. Gli obiettivi non si possono fissare in modo definito all’inizio della stagione, ma li costruisci volta per volta. Col Borussia Dortmund non siamo i favoriti, ma cercheremo di metterli in difficoltà. Anche in Coppa Italia contro il Napoli pareva che l’Atalanta non avesse possibilità e invece siamo andati avanti noi. Insomma, ribadisco che noi non molliamo niente. Chi preferisco eliminare tra Borussia Dortmund e Juventus? Mah, facciamo tutte e due”.

Gasperini, che stoccata all’Inter

Gian Piero Gasperini ha anche commentato le voci di un suo possibile approdo sulla panchina della Nazionale: “Ho sentito anche io queste voci, è un bel riconoscimento. Ma non ho notizie dirette. Non avrei alcuna difficoltà ad assumere quel ruolo anche se ovviamente il mestiere di ct è altra cosa rispetto a quello dell’allenatore”. Parlando della sua carriera quindi una frecciatina velenosa sul suo passato e sulla possibiità di guidare una big: “Non mi ricordo di essere mai stato in una grande squadra. L’Inter mica era una grande squadra, almeno come valori tecnici”. L’esperienza all’Inter resta una ferita aperta per Gasperini che qualche anno fa spiegò quali erano stati i motivi di un fallimento così clamoroso: “Il momento più brutto di tutta la mia carriera. Ma ormai a quel punto era già tutto deciso. C’era attorno a noi un clima assurdo. Nei giocatori era subentrata la rassegnazione. Sbagliammo tutto. Bastava poco: due-tre giocatori, non i nove che ha poi comprato l’Inter. Alla faccia del fair-play. Questo è il grande rimpianto. Bastava davvero poco per fare bene. Il problema vero è che non ci siamo trovati con la società, né sulle idee di gioco, né sulla valutazione di alcuni singoli. Io ero disposto a dare spazio ai giovani Coutinho e Castaignos, ma allora perché Zarate e Forlan che li chiudono? “Quando si riferiscono solo a me parlando dell’inizio stentato dell’Inter. Ma io ho fatto tre partite, mentre l’Inter è stata 15ª-16ª per mesi. Quando sono stato esonerato, il Milan aveva solo un punto un più. E poi il fatto che abbiano scaricato tutti i problemi sui miei presunti dogmi tattici”. Arrivato nel giugno del 2011, Gasperini guidò l’Inter per sole cinque partite collezionando quattro sconfitte ed un pareggio tra campionato, Champions League e Supercoppa Italiana. È l’unico allenatore della storia dell’Inter – se si esclude il “traghettatore” Corrado Verdelli – a non aver vinto alcuna partita ufficiale.

Nessun rimpianto

L’Atalanta rappresenta il riscatto totale da parte dell’allenatore che ammette di non aver nessun rimpianto in carriera: “Non amo molto un’esperienza all’estero, io sto bene in Italia nel mio mondo. Per espatriare dovrebbe arrivarmi qualcosa di davvero importante e affascinante. Non ho nessun rimpianto in carriera. Anni di settore giovanile, Crotone, Genoa, altre esperienze e infine l’Atalanta. Sono stato bene in queste realtà a cui sono legatissimo ed ho ricevuto gratificazioni personali che valgono più di ogni altra cosa. Sportivamente poi ho ottenuto risultati soddisfacenti. Non credo che vinca solo chi si aggiudica lo scudetto, ma anche chi raggiunge gli obiettivi fissati dalla propria dimensione”.

 fonte contra-ataque.it
di Marcodalmen




  1. Sei il n.1!!!



  2. Per Mark Bigbridges,
    probabilmente hai capito male. Molto male.
     
    Il mio post delle 14,15 era ovviamente una battuta sarcastica. E per non essere frainteso ho messo anche la parte dentro parentesi.
     
    Il mio post delle 15,23 parla da solo,
    non credo che uno che intende cementare i piedi del Gasp a Zingonia, sia anti gasperiniano, a meno che non sappia cosa significhi "cementare i piedi di una persona in un luogo".


  3. Quest’anno è così...gli interisti a non disputare nessuna coppa europea hanno subito un trauma talmente grosso che pensano di essere loro a giocare in Europa ed a ottenere ottimi risultati!
    strani i loro tifosi e strani pure i loro giornalisti 
    Si sono sposati con una donna brutta e antipatica ma devono sempre ricordare che una volta(magari sbronza) hanno rimorchiato una bellissima donna


  4. ROMAGNANEROBLU -
     13/02/2018 alle 14:21
    Qualsiasi Società che segua le sue direttive diventa una grande squadra Blindiamolo x 10 anni + 5 di rinnovo automatico se vinciamo la Champion 


    • ...se vinciamo la Champion gli incementiamo i piedi a Zingonia.


  5. Che palle però questi giornalisti che tirano fuori sempre la stessa storia del fallimento all'inter.
    Non hanno abbastanza da scrivere con i risultati che sta ottenendo ora?


  6. golosone di un giampy!
     

    il pezzo sugli intertristi lo aveva già ripetuto un mese fa in un altra intervista


  7. SergiodeBrusa -
     13/02/2018 alle 13:32
    "Non mi ricordo di essere mai stato in una grande squadra "
    Fantastico Gasp n 1 


    • Beh,
      se proprio si vuole fare i puntigliosi, significa che per lui pure l'Atalanta non è una grande squadra.
       
      (anche se in altre interviste ha detto che è già in una grande squadra)


      • maracaniggia -
         13/02/2018 alle 20:04
        Con il cesso di stadio che abbiamo, non si potrà mai essere una grande squadra. E la ristrutturazione a me lascia molti dubbi. In centro, senza collegamenti e con pochi parcheggi.
        Ci tocca lustrarci bene gli occhi dopodomani......


      • SergiodeBrusa -
         13/02/2018 alle 16:27
        No paramo si riferiva in modo esplocito al suo passato nell inter ,comunque l etichetta da " big" la lascio volentieri alle metropolitane .
         
        Preferisco che ci continuino a chiamare provinciale di lusso perché sedere al tavolo delle grandi con la puzza sotto il naso non mi si addice proprio. 
         
         


  8. Resti con noi, Mister!  


  9. Vinci con noi mitico, grande Gasperini.
     
    Tranquillo: dopo quest’annata il PP te la fa su l’anno squadra per vincere...!!!


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.