02-02-2018 04:44 / 11 c.

John Mugabi era nato in Uganda, cominciando a boxare per fame. Nel primo match aveva preso un sacco di botte ma volle proseguire. Analfabeta e povero, passava gran parte delle giornate in palestra. Il resto lo trascorreva in strada, mettendosi spesso nei guai. La sua specialità era quella di scavalcare le finestre ed entrare a rubare nelle case dei bianchi. Si era presentato alla leva della nazionale per i Giochi di Mosca indossando cenci sporchi e a piedi nudi. Quello che cercava era cibo, non la gloria. Trovò entrambe.
Prima l'argento alle Olimpiadi poi il passaggio al professionismo in Inghilterra, pochi soldi e tante botte.
Ben presto il manager inglese gli aveva anche trovato il nome d’arte da regalare al suo protetto suggerito da un'amico che aveva visto John boxare. Detto, fatto. Era nato “The Beast”, la bestia
Perchè Mugabi sul palco era qualcosa di naturale, istintivo, puro, bello. Occhi attenti, muscoli compatti, bicipiti esplosivi.
Uno dopo l'altro aveva travolto i vari avversari che il promoter gli metteva davanti riuscendo infine a guadagnarsi il titolo di sfidante per il campionato del mondo dei pesi medi dopo un record immacolato di 26 incontri e 0 sconfitte. Tutti KO.

Soltanto che il trono all'epoca era appannaggio di un talento mostruoso, l'americano Marvin Hagler, "The Marvelous". Di colore anche lui ma nato e cresciuto in un contesto totalmente diverso e soprattutto, dotato di un'arte sopraffina sopra un fisico da Dio greco.

Quelli tra i nostri lettori che avranno superato gli "anta" si ricorderanno molto bene quell'incontro del marzo 1986, uno dei piu' belli e violenti dell'epoca moderna della boxe, una battaglia epica a chi picchia più duro arrivando a trascurare in alcuni momenti ogni tipo di difesa. Un match intenso, duro, spietato con dei medi a picchiarsi come pesi massimi, con la velocità dei welter.

Sotto il video della sintesi tra cui la sesta ripresa, forse la piu' bella di sempre nella boxe, con il grande telecronista Rino Tommasi che arranca aggrappandosi al microfono per tenere testa nella descrizione di tutti i colpi messi a segno.

Hagler vince ma la violenza dell'incontro segnera' la carriera successiva di entrambi. Mugabi non sarà piu' quello di prima e Hagler perdera' il titolo nell'incontro successivo ad opera di Ray Sugar Leonard. Il colmo è che, dopo una parentesi di 2 anni, Mugabi tornera' a boxare nei medi leggeri diventando campione del mondo quasi casualmente per un infortunio alla caviglia del detentore, tal Jacquot, francese.


L'Atalanta attuale, dall'avvento di Gasperini, mi ricorda molto da vicino "La Bestia" Mugabi. Come sia possibile un paragone tra una squadra e un singolo sportivo è presto detto:

Noi proveniamo da un contesto avulso, esterno al giro degli squadroni nazionali e dai loro potentati socioeconomici e sportivi. Cosi' come Mugabi rappresentiamo la sfida ai grandi con risorse limitate e con background molto piu' circoscritti rispetto ai nostri "competitors".
Ma ciò che piu' ci avvicina al pugile ugandese è la fierezza con la quale disputiamo gli incontri, la bellezza e la naturalezza con cui esprimiamo il nostro gioco e, soprattutto, la volontà ed il coraggio di non darci mai per vinti rispondendo colpo su colpo a chi non dovremmo nemmeno essere in grado di scalfire, anche quando sembriamo sul punto di soccombere.

Mugabi da quell'incontro usci' sconfitto ma divenne popolarissimo per come interpretava la boxe.
Io non so se l'Atalanta vincera' mai qualcosa ma il seguito, il rispetto e la simpatia che la stanno accompagnando, anche fuori dall'ambito dei suoi tifosi, la coerenza tra il suo gioco e lo spirito bergamasco è qualcosa che deve renderci orgogliosi ed è un sentimento che durerà piu' della squadra stessa, che va oltre il risultato sul campo e che verrà ricordato tra decenni, proprio come lui, la "Bestia" venuta dal niente.

Calep

di Staff




  1. giacomoatalanta -
     03/02/2018 alle 7:38
    OT
    Batushayi in prestito dal Chelsea arrivato al Dortmund il31 gennaio, ieri esordio con doppietta (colonia Dortmund 2-3)
     


  2. Sono.....ciclista
    Passo e mi inchino al Calep.
    Anzi no
    Il paragone lo porto sullo sport me caro.
    Ecco, vorrei fossimo..... il Gimondi della situazione. Che in mezzo a Cannibali e campiomi di vario calibro e nazionalità  sapeva soffrire, resistere e vincere!
    Come a Montjuic, come a Bergamo, come al Puy de Dome!
    Come a Dortmund, come a l Tempio, come a Lyon........  


    • Chiarimento per chi è a digiuno di storia del velo.
      Montjuic. Barcellona campionato mondiale 1973 beffando in volata Merckx e Maretens
      Bergamo. Giro Italia 1976 in volatasu Merckx . Pio vinto
      Può de Dome. Tour 1964 vinto da neoprof su Poulidor. Amen


  3. Che ricordi mi hai risvegliato Calep.
    Allora guardare certi combattimenti era come vedere una finale di Chempions ed era l'epoca d'oro del pugilato.
    Campioni meravigliosi si sfidavano in battaglie bellissime anche stilisticamente, specie nelle categorie medie. Mai più visto nulla del genere.
    Spero che il Borussia non sia con noi ciò che fu The Marvelous per The Beast, io ci vedo più come un Jack La Motta... 


  4. bel paragone,speriamo di essere più fortunati..che incontro,me li ricordo sì,anche la boxe allora era diversa...


  5. crazyhorse200 -
     02/02/2018 alle 9:39
    io mi ricordo l'incontro leonard , hagler , l'incontro di Boxe piu' bello mai visto.
    ero piccolo, ma che colpi che velocita' pazzesche.
     


    • Concordo Crazy
      Forse il più bell'incontro di una boxe d'altri tempi, con il commento del mitico Rino Tommasi da pèl de poia


      • IN termini di colpi e violenza il match hagler mugabi fu senza dubbio per me il massimo, non ho piu visto niente di simile, quello dopo tra leonard e hagler fu sicuramente più tecnico, grazie all’eleganza e velocità di Leonard, ma anche un po troppo teatrale a tratti.


  6. bell'articolo di Boxe , sport nobile
    io vorrei segnalare un'altra data (secono me) storica , 17/03/1990
    il grande Chavez vs. Taylor
    un esempio di grande Boxe ,di come si deve affrontare lo sport e la vita 
    potrebbe essere lo spot del MOLA MIA


  7. Esempio da Remo da Martino e da Toloi.
    Lottare sempre


  8. Santa Verità 


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.