19-06-2017 10:05 / 40 c.

Caro Staff, cari amici del sito,

non appena terminata questa fantastica stagione, nemmeno il tempo di finire la bottiglia di Champagne ed ecco cominciare la fiera del mercato, ed ecco trasformarsi i paladini degli hashtag (#euroatalanta #leoni #bergamo ecc ecc) in animi irrequieti, a sentir loro “prigionieri”di questa maglia e di questa realtà, umiliata e sbeffeggiata come se si stesse parlando di un club di terza divisione.

Protagonisti di questi squallidi teatrini, oltre ai giocatori (primi responsabili, perché sono loro a scegliere chi li rappresenta, evidentemente con un fine ben preciso), i cosiddetti procuratori, alcuni dei quali personaggi decisamente discutibili per usare un eufemismo.

Anzi, dirò la mia senza remore, in buona parte dei casi si tratta di veri e propri sciacalli, che nel calcio moderno si sono conquistati un potere assurdo, spropositato, complice l'inerzia quando non la complicità di alcune grandi società e degli organi istituzionali.

Si consentono pratiche allucinanti, che dovrebbero essere vietate per legge. Ma vi sembra normale che personaggi, tanto per citare i più famosi, come Raiola o Mendes fatturino cifre addirittura vicine o superiori ai 100 milioni di EUR ?!? Vi sembra normale che Raiola possa guadagnare oltre 20 milioni per una singola operazione (Pogba) ?!? In tutto questo, il grande struzzo rappresentato dalla Fifa (ed in subordine dall'Uefa), che assiste a questo scempio senza colpo ferire.

Come si può da una parte perseguire il cosiddetto “fair play finanziario” e dall'altra lasciare campo libero a certi personaggi ? Come si potranno mai calmierare i costi se per trasferire un giocatore a, che so, 50 milioni bisogna pagare commissioni (quelle ufficiali, poi chissà …) per 10 o 15 milioni ? Tutto ciò è uno SCANDALO ASSOLUTO, la Fifa dovrebbe VIETARE certe pratiche cancerogene: un professionista che cura gli interessi di un calciatore solo da questo dovrebbe essere pagato, con una percentuale sullo stipendio del suo assistito (se vuole il giocatore può pure dargli il 50% …). Punto.

Nessuna percentuale sulla cifra pagata per il cartellino, nessuna possibilità di inserire clausole per avere una percentuale ad personam sulla futura rivendita. Diciamo che gestisci 50 giocatori, e che questi guadagnano mediamente 700.000 EUR, tu ti prendi il 10% il che significa 3,5 milioncini all'anno … non male direi, ma sei un professionista in un mondo dove gira “the big money” quindi ci sta. Di certo non ci sta che tre o quattro figuri, i cui contorni restano tutti da definire, tengano in scacco un intero sistema.

Restando a casa nostra, l'Atalanta B.C. ha pagato oltre il 10% del proprio fatturato in commissioni agli agenti, e come al solito questa è solo la parte illuminata della luna … Dopo aver parlato di struzzi e sciacalli, stanti gli avvenimenti degli ultimi giorni in casa atalantina, vorrei dedicare le mie ultime riflessioni alla categoria dei depositari della verità ...

Strali generici verso la categoria dei giornalisti? No, i destinatari hanno nome e cognome, Michele Criscitiello ed Alfredo Pedullà, coloro che per sostenere l'audience del programma ci propinano un carnet di signorine giovani ed ammiccanti, i cui abiti sono dimensionati alla conoscenza della materia calcistica … I due succitati signori parlano sempre come se avessero la verità in tasca, forti delle confidenze del loro giro di amici procuratori e dirigenti.

Sul caso CONTI ad esempio la fanno semplice: il Sig. Giuffrida è un grande professionista, uomo corretto, che cura al meglio gli interessi dei propri assistiti, mentre il Sig. Percassi e l'Atalanta B.C. non mentengono la parola data al giocatore ed al suo agente. A sentir loro CONTI ha il sacrosanto diritto di pretendere la cessione al Milan, e l'Atalanta semmai ha commesso l'errore di non adeguare l'ingaggio di Conti a gennaio. E' convincente il duo irpino/reggino, non c'è che dire, un tifoso neutrale e comprensibilmente non informato sui fatti tende a considerare come “logica ed affidabile” la loro versione.
Io invece mi attengo ai FATTI, CARTA CANTA VILLAN DORME. I fatti dicono che il giocatore ha altri 4 anni di contratto (non come Donnarumma che va in scadenza 2018), tutto il resto è chiacchiera da bar. La parola di Giuffredi o Criscitiello contro quella di Percassi (che comunque, giustamente, se ne è guardato bene da rilasciare dichiarazione alcuna nello specifico). Parliamoci chiaro, per onestà intellettuale va detto che è possibile, anzi probabile, che la società a suo tempo all'atto del rinnovo avesse detto al ragazzo che in caso di richieste dei cosiddetti grandi club non avrebbe ostacolato una sua cessione. Ci sta, è stata la prassi, ma si stava parlando di un'altra era, la stagione appena conclusa ha stravolto tutto. Ora, non si sta parlando del giocatore di una squadra che è arrivata 16° che viene richiesto dalla seconda della serie A; si sta parlando di un calciatore di una squadra che ha chiuso 4° e che giocherà l'Europa League. Chiaro, le succitate grandi riscuotono comunque maggiore appeal e possono pagare di più, ma i “rapporti” non sono più quelli di una volta. E, ad ogni modo, l'eventuale promessa di non ostacolarne la cessione non significava venderlo ad una squadra precisa. La deontologia professionale del Sig. Giuffredi è quantomeno discutibile, si è lasciato andare a dichiarazioni pubbliche di eventuali (non provabili) accordi avvenuti in privato, ha forzato la mano in maniera vomitevole addirittura minacciando di non presentarsi al ritiro, con un contratto di 4 anni deopositato in Lega. Fra l'altro, perché mai l'Atalanta B.C. avrebbe dovuto precipitarsi a gennaio ad adeguare l'ingaggio di un calciatore con altri 4 anni di contratto ? Si torna ancora all'eccessivo potere concesso a personaggi che col calcio hanno poco a che fare, e che anzi dovrebbero (tutti indistintamente) essere oggetto di attente analisi da parte degli organi di investigazione fiscale (e non solo) prima che gli venga concessa licenza d'opera. La vita ci insegna infatti che dove c'è miele vanno le api …
Per chiudere, una proposta a tutti gli amici tifosi, ai miei vecchi “compari” ultras, alla società: ormai abbiamo capito che i calciatori sono, tutti, dei “professionisti” prezzolati senza alcun sentimento, senza vera passione sportiva, iene fameliche interessate solo a fagocitare quantità sempre maggiori di denaro.

Bene, quante volte abbiamo detto tutti che CONTA SOLO LA MAGLIA ? Quanto sta accadendo in queste settimane ne è l'assoluta conferma. Quindi, per quanto mi riguarda, niente più cori dedicati ai giocatori, a qualsiasi giocatore, e mi piacerebbe che lo speaker dello stadio non scandisse più il nome del giocatore che ha segnato ma dicesse semplicemente “gol dell'Atalanta” ed il pubblico rispondesse … “Bergamo !”. Se ciò non fosse possibile per regolamento (non so se la Lega ha preso impegni riguardo all'annuncio del nome dei marcatori), io proporrei a tutti gli amici tifosi di non rispondere, di starsene zitti senza scandire il nome del giocatore, perché mica siamo obbligati a farlo !

Un caro saluto

SCOZIA

di Staff




  1. Concordo in tutto
     
    e sottolineo in particolare l 'ultimo concetto.
     
    non c'è nulla di più sbagliato di idolatrare i calciatori (ne qualunque altro essere umano): 
    loro devono dare tutto in campo, e li si può ammirare per le capacità che dimostrano, nulla più. 
    Non ho mai chiesto neanche mezzo autografo, perché mi sembra un "abbassarsi" che non ha senso.
    la maglia la indossiamo solo noi, loro sono solo di passaggio.
     
    poi riempiono i giornali del caso donnarumma come al solito per distrarci dai veri problemi, ma questo è un altro discorso 


  2. Concordo in tutto, assolutamente, bravo SCOZIA


  3. Articolo letto, condiviso e approvato in ogni sua parte! Ciao Scozia


  4. Ottimo articolo
     


  5. Ottimo articolo. Concordo con Scozia


  6. A me pare che tra certi personaggi del "Circo Calcio" globalizzato (procuratori, esperti di calcio mercato, certi direttori sportivi...., alcuni presidenti......) ci sia una vera e propria "collusione di fatto" per cui i proventi vengono in qualche modo ripartiti.
     
    Questi personaggi possono anche litigare tra loro (o far finta di litigare......) ma, alla fine, succhiano tutti dalla stessa vacca.


  7. Per quanto mi riguarda Criscitiello e Pedullà non li seguirò mai più, saranno anche affidabili nelle notizie di mercato ma quando cercano di fare i giornalisti-opinionisti si rivelano per quello che sono in realtà: dei giornalisti di provincia in una tv locale la cui opinione va dove tira il vento (leggasi amici). Finché Marino era all'Atalanta la dipingevano come società modello, adesso è diventata una trascurabile squadretta di provincia che non si deve permettere di trattenere un ragazzo chiamato dal Milan.
     
    Mi danno l'impressione del "vorrei ma non posso": Raiola non li fila di striscio e lo attaccano, Giuffredi passa notizie ed esclusive e lo difendono. Fanno la morale a Raiola (che non viola nessun regolamento) e invitano in trasmissione il radiato Moggi. Per racimolare qualche ascolto in più mettono 3 ragazze con metà trasmissione fatta di stacchi sulle loro coscie, roba da televisione anni '80.
    Ma il meglio lo danno con gli editoriali alla Gianni Brera: l'anno scorso Diawara è stato massacrato per non essersi presentato in ritiro, ora invece per Conti passa tutto sotto traccia, anzi per loro la colpa è del fallito Gasperini.


    • Gasperini e', secondo me, un uomo onesto che fa' il propio lavoro con serieta' e passione.
      Per queste sue caratteristiche non puo' che dare fastidioo alla "casta" (o "cosca"?) che, proprio per questo, cerca in ogni molo di delegittimarlo dovunque lui vada.
       
      Circa Gianni Brera (giornalista sicuramente brillante) non si puo' dire che fosse sempre sincero. Secondo me spesso strumentalizzava la realta' per motivazioni sue.
      In un certo senso, sempre secondo me, Gianni Brera puo' essere considerato uno dei capostipite del giornalismo sportivo che FORMA la notizia, piuttosto che tentare di raccontarla fedelmente.
      Forse sbaglio, ma e' quello che penso.


  8. Bravo Scozia, bell'articolo.
    Sono un po' perplesso riguardo alla modalità proposta in occasione di un goal.  Quando un giocatore indossa la nostra maglia e si IMPEGNA per onorarla,  da parte mia sempre e solo applausi . Se l'anno successivo preferisce altre mete, beh grazie e tanti saluti. Il calciomercato esiste da sempre anche se ora, lo vediamo in questi giorni, ha le sembianze e le dinamiche di una gara a chi le spara più grosse (anche le cifre) e i burattinai(procuratori) sgomitano per accapparrarsi le grazie dei vari Otelma televisivi.
    Il mercato purtroppo è ancora lunghissimo e ogni giorno leggeremo di tutto; oggi il procuratore del biondino, attacca il suo conterraneo Raiola, colpevole di aver parlato della vicenda "Conti non si presenta in ritiro". Che cinema scecc....


  9. Ok Scozia, però se parliamo del caso Conti è una storia ma se vogliamo vedere il panorama generale il discorso cambia. Premetto che ho a che fare, a volte, con agenti e procuratori. Non certo Raiola o Mendes, sia chiaro, ma onesti (insomma....non propio tutti) professionisti che si sbattono per i loro assistiti. A volte mi chiedono di collaborare con loro e io se posso lo faccio. Noi vediamo i procuratori come sciacalli perchè abbiamo in mente i grandi campionati, dove la squadra cerca il giocatore e il compito del procuratore spesso si limita a scegliere le opzioni migliori. Guardiamo però anche in basso. Dalla B in poi, ma anche in certa A, è il giocatore che cerca la squadra. Quindi compito del procuratore è di attivare tutte le amicizie possibili per trovare lavoro al suo assistito. Per fare questo deve sapere quali squadre possono essere interessate a seconda del tipo di gioco, quali pagano e quali no, ecc. Tutto questo per una percentuale variabile tra 3 e 8% di stipendi che a volte neanche arrivano a 30.000 euro all'anno. Se non ci fossero i procuratori probabilmente molti giocatori smetterebbero appena usciti dalla Primavera.
    Per quanto riguarda le provvigioni extra contrattuali, che ovviamente ci sono solo per i grandi trasferimenti, se mi chiedi se siano giuste ti rispondo di si: spostare un giocatore come Pogba è, anche per i fatturati, come trasferire la proprietà di un'azienda. Se io procuratore mi attivo e svolgo un ruolo nella faccenda è giusto che ne guadagni in proporzione. Altro discorso è pretendere commissioni per operazioni di altro livello. I 7 milioni che si dice abbia preso Raiola per Rodrigo Ely per portarlo al Milan sono una offesa all'onestà, così come quelli presi per far andare in scadenza Lemina e portarlo alla Juve. Comuqnue i Presidenti non hanno la pistola puntata e, come Lotito, possono rifiutarsi di pagare commissioni. Perchè nei fatti le cose stanno proprio così. E' il giocatore che deve pagare le commissioni all'agente, non la società. Il problema è che con la liberalizzazione della professione oggi l'agente può fare anche il mediatore, e quindi ha un potere enorme.


    • Ciao Partenodea, posso essere d'accordo sulla professionalità di una parte (a mio modo di vedere piccola) dei procuratori, sono totalmente in disaccordo invece riguardo alle commissioni MONSTRE sui trasferimenti. Che una persona fisica, che si chiami Raiola o Dick Dustardly, intaschi 25 milioni o giù di lì per un trasferimento mi pare una cosa allucinante e da vietare senza remore. Opinioni. 


      • Ciao Scozia, che sia moralmente inaccettabile lo penso anch'io ma purtroppo è la conseguenza della liberalizzazione della professione di agente.  Oggi chi detiene i diritti sportivi del calciatore non è la società ma il procuratore che lo muove dove più conviene a lui. Poi, poichè siamo in una società dove è permesso tutto quello che non è chiaramente vietato, ci sta che un tizio furbo possa chiedere 24 milioni per una procura a vendere a dei tizi meno furbi e questi ultimi glieli diano senza un perchè.


  10. capisco lo sfogo, capisco la sferza ..ma poi c' è la trance agonistica, quando si fa goal, che passa sopra tutto ..anche il malumore verso i comportamenti dei giocatori ..dunque la proposta finale non mi entusiama, mi pare una camicia di forzache non si potrà  appiccicare al tifo..
    di Criscitello e Pedullà non me ne volgio occupare, e credo anche non abbiano chissà quale seguito .. forse son peggio certi tromboni delle tv milanesi, che non si vedono mai, nemmeno di striscio ..
    il tema dei procuratori è diventato "grosso" ed è anche una mina vagante per il sistema .. perchè con i margini di guadagno che si riducono, non puoi avere tutta questa zavorra da pagare ..
    però credo che il problema delle regole li riguardi fino a un certo punto.. questi qua han cominciato a prendere soldi in nero dalle società , ed è da tempo che succede.. mi sembra evidente ..di fatto una società paga un procuratore per seminare zizzania tra il giocatore e la sua società, in modo che si liberi a molto meno del valore di mercato .. questi vengon foraggiati dalle società perchè a loro conviene ..
    è una scelta miope ed autodistruttiva, ma finchè non lo capiscono..
    è per questo che spero che il BBBBIlan fallisca presto ! Perchè è una società che pratica ampiamente questo sistema ma che potrebbe diventarne presto vittima .. me lo auguro "vivamente"
     
     


    • PRYTZ, quando scrivo "complice l'inerzia quando non la complicità di alcune grandi società e degli organi istituzionali" intendo quello che dici anche tu. Troppe società approfittano di agenti "amici", ovviamente ben foraggiati anche in maniera poco trasparente, per far pressione su altre società o far pendere la decisione del giocatore verso di loro piuttosto che di società concorrenti ... 


  11. Scozia non condivido.
    Per quanto da atalantino trovi insopportabile le uscite di Giuffredi, e da sportivo non ami vedere un calciomercato che privi la mia squadra di tutti i miei "idoli" o almeno di gran parte di essi, penso che questi personaggi siano "normalmente" nel sistema, solo che sfruttino i media per avere visibilità.
    Mi sembra normale che ci sia un procuratore che gestisca legalmente un calciatore, spesso molto giovane, che di leggi e di contratti potrebbe non capire nulla.
    Tuttavia diciamocelo, ai calciatori va bene, perché permette loro di guadagnare di più. E alle società pure visto che non è che facciano una corsa al ribasso in termini di cartellini e ingaggi. 


    • Ciao Marcutio, difatti io non metto in discussione le figura dell'agente, procuratore o come lo si voglia chiamare, ma l'assurdità di alcune pratiche che fanno lievitare a dismisura il costo dei trasferimenti. Neanche a farlo apposta, qualche ora dopo la pubblicazione delle mie riflessioni ho visto che il Sig. Marotta ha esternato proprio riguardo all'insotenibilità per le società dei costi di intermediazione ... 


  12. Scots   
    da sempre ribadisco, Unico INSOSTITUIBILE, per me, ovviamente oltre la Società.... è il GASP 
     
     


  13. Attacco che ho smontato punto per punto sul suo profilo Twitter. Ovviamente nessuna risposta da parte sua. L'incoerenza che sta dimostrando nel trattare i casi Donnarumma e Conti è palese e, non avendo argomenti per controbattere, fa il reticente.


  14. Stamattina pensavo ad una cosa...
    Nel basket NBA esiste la FREE AGENCY. I giocatori sono di fatto "liberi professionisti" e non dipendenti della società.
    Mi chiedo se questa cosa portata nel calcio potrebbe ammazzare il potere dei procuratori e liberare le società dal "fardello" di contratti (con tasse e contributi pensionistici relativi, non dimentichiamocene) che oggi contano come il due di picche,.
    Certo, buonanotte al senso di appartenenza ed alla stabilità delle rose... ma ogginon è già così?
    Vuoi andare a giocare dove vuoi di anno in anno in barba ai contratti che tu stesso hai firmato? Bene , apri partita IVA, fai il libero professionista in tutto e per tutto ma beccati anche gli oneri ce questo comporta (pagati tu la pensione, tanto per fare un esempio)... Ovviamente con la possibilità che anche le società siano libere da vincoli e ti diano il benservito senza alcuna buonuscita quando non rendi o ti comporti male...
    Che ne dite?


  15. OT: nuovo attacco vergognoso di Criscitiello dalle colonne di TMW. Chissà che cosa ci guadagna nel sostenere il procuratore di Conti....?


  16. Ebbravo Scozia, al solito ben argomentato e diretto.
    Sui procuratori io penso che facciano comodo a tutto il mondo calcio perchè i soldi che vi girano sono spesso, diciamo così, di provenienza e destino discutibile. Per dirla alla paesana "ce magnano tutti"...
    Sul Giuffredi in particolare vorrei ricordare che sono mesi e mesi che spacca le balle con dichiarazioni offensive proferite a campionato in corso senza che mai il suo assistito o la Società Atalanta lo abbiano riportato sul binario dritto. Quindi dovrebbero imparare ogni tanto ad alzare la voce urbi et orbi per raddrizzare la mala pianta altrimenti poi accade che ti prendano a ceffoni in pubblico.
    Sui giocatori poi, o la maggioranza di loro è meglio che mi taccio, perché quando sento lo stesso Conti professarsi milanista accanito quando lo sanno anche i sassi di Lecco che è sempre stato uno sfegatato gobbo non fa altro che confermarmi che di fronte ad adeguata cifra anche la dignità minima va a farsi fottere.
    Le mignotte ne hanno di più, di dignità. Almeno non nascondono il loro mestiere.


  17. contemascetti -
     19/06/2017 alle 12:27
    Le cose per come stanno veramente le possono sapere solo loro. Evidenzio solo - come peraltro già scritto nei giorni scorsi - come dei professionisti che fanno delle CLAUSOLE SCRITTE il proprio Verbo , possano fidarsi ciecamente di PRESUNTE promesse....nel caso specifico, quelle da parte della Società di farlo partire senza problemi. Cioè....il Giuffredi mi verrebbe a dire che avrebbero dovuto mollarlo a semplice richiesta...magari a fronte di un'offerta ridicola in rapporto al prezzo di mercato (ipotizziamo 5 mln contro gli ipotetici 15 e di lì a salire ) ??? Dai Giuffredi, non ci cr3ederesti neanche tu !!!! E comunque torno a ribadire che se volte essere liberi di fare il bello ed il cattivo tempo.....i casi sono 2 :
    1) contratti annuali. Se fate bene siete liberi di farvi coprire di palanche da chi meglio credete. se fate cagare, cazzi vostri (ah no...però quella del culetto parato non ci sarebbe eh ???....)
    2) clausole rescissorie prefissate.
    E' ora di finirla di portare a casa contratti vincolanti e poi considerarli carta straccia, puntando sul fatto che le Società non vogliano giocatori scontenti e/o perdano milionate di introite nella vendita.
    Anzi no. Ci sarebbe una terza via: regolamentare per tutti la possibilità di poter trattare con altre Società solo UN ANNO prima della scadenza (es. contratto fino al 06-2021 per Conti ? bene, puoi trattare con altri non prima del 06-2020 SALVO CHE TI AUTORIZZI LA SOCIETA' DI APPARTENENZA). Te ederèt che i contratti poliennali poi non piacerebbero più così tanto. E non mi si venga a dire che le Società perderebbero in  patrimonialità...perché nel mercato libero ci sarebbe cmq movimentazione di giocatori...





  18. Concordo in pieno sulla proposta relativa all'annuncio dello speaker in caso di gol dell'Atalanta. Deve dire gol dell'Atalanta!
     
    Aggiungo una proposta: il primo calciatore che si permette di baciare la maglia dopo un gol, deve essere fischiato sonoramente. Ne abbiamo visto tanti di BACI DI GIUDA, non se ne può piu'.
     
    BASTA MAGLIE BACIATE DAI GIOCATORI DELL'ATALANTA; la maglia è dei tifosi, i calciatori sono come i MANICHINI dei negozi di abbigliamento, non devono esprimere alcun (FALSO) sentimento nei confronti della NOSTRA MAGLIA!!!


  19. Ps.
    Avrai notato, caro Scots, che nulla eccepisco sui due "giornalai" da te citati.
    Nessuna pubblicita'. come nessuna pubblicita' per quelli di altri emittenti, basta.....cambiare su RaiStoria!!
    Quanto all'abbigliamento delle conduttrici,se dovessero vestirle da Suora o con un saio monastico, ti riterremo DIRETTAMENTE RESPONSABILE.
    E dovrai cosi' pagarne, di birrette.............
     


  20. concordo scozia.
    anche sui nomi dei giocatori dietro alla maglia.
    ci deve stare solo "ATALANTA" e basta.
    ma so che é una battaglia persa x ragioni di marketing e altro.
    poi stenderei un velo pietoso sulla frase attribuita da sempre al nostro settore giovanile.
    "PRIMA UOMINI POI CAMPIONI"
    i fatti (anche recenti) l'hanno smentita di brutto.
    sono solo ragazzini,spinti dai genitori,con la chimera o speranza di diventare professionisti.
    di uomo c'é molto poco.


  21. concordo... in questi giorni mi stavo chiedendo se davvero valesse la pena prendersela così tanto per il mercato; insomma, abbiamo chiuso da poco la stagione più esaltante della nostra storia, stiamo per apprestarci al ritorno in Europa (dalla porta preliminare... i preliminari li faranno gli altri), stiamo per la prima volta da quando c'è questa vomitevole formula per giocare la coppa nazionale con discrete possibilità di fare bene, e noi stiamo qui a prendercela perchè Conti (Conti, mia Ronaldo?!?) vuole andare al Milan??????????????? ma che se ne vada..... la Dea c'era e ci sarà anche senza di lui, senza Kessie, senza Gomez... per cui deve restare solo chi è convinto di farlo, solo chi vuole sudare per la nostra maglia, solo chi vuole calcare i campi europei con la dea sul petto!!!! io, ammetto e me ne scuso, ho passato dei periodi nei quali ero scettico verso l'attuale proprietà, ora però sto capendo che stanno lavorando alla grande e con ambizione (rapportata giustamente alla nostra realtà) per cui sono certo che in tandem col mister acquisteranno giocatori addirittura più forti dei bambini che pestano i piedi. 


    • dalla porta principale volevo dire  


  22. Quest'anno, vista l'eccezionalità della stagione, un po' di coccole ai giocatori ci stavano.
    L'Atalanta 2016/17 me la ricorderò finché campo (sì, anche Conti purtroppo).
    Ma sul principio sono (sempre stato) d'accordo con Scozia.


  23. X ora mantengo ancora un certo dubbio
    Che tracla dea e giuffre sia guerra vera e nn simulata
    L unica cosa che puo levarmi il dubbio e' veder gli altri 3 giocatori della dea cambiare procuratore


    • wigners_friend -
       19/06/2017 alle 11:34
      Non capisco perché Percassi dovrebbe fare 'sto teatrino... basterebbe dire, come con Gagliardini, "l'Atalanta non può non accettare proposte del genere" e morta lì. Oltretutto l'offertona è arrivata ma è stata rifiutata dal giicatore, quindi la recita non sarebbe riuscita benissimo.


      • Il teatro si fa con piu attori
        Poi di motivi ne puoi trovare anche molti...
        Destinazione
        Soldi
        Soldi nn a rate
        Etc etc....
        Dall altra parte coso1 e coso2 vogliono il milan
        Se si presenta l arsenal(meno tasse)...questi dicono no!
        Ma dai


    • Giusta osservazione.
      ..............che sia "teatrino" o meno, pero', lo scopriremo solo in base a dove Conti......finira'!!!
      ---------------------------
      Certo che, en passant, a sentire quanto gira a Meelano, il "procurator gentile" pare abbia ..........cospicui incentivi!!
      Ed allora , la Abc spa non sembrerebbe fifurare nel ruolo di co-protagonista, bensi'.....di vittima!
      Vedremo......................
      RIBADISCO: unico gocatore insostituibile e pertanto da tenere ad ogni costo e' il PAPU!!!!!!!!!!


      • Oltre al dove anche al come
        Troppo veriabili si possono inventare per lasciarci con un bel............"qunndi?!"


  24. SOLO APPLAUSI..
     
    ..e da un bel pò che evito "beatificazioni" dei giocatori, unica deroga a fine carriera quando si valuta bene il loro comportamento in toto (vedi di recente memoria Migliaccio o Raimondi).
    Free to be


  25. andreaseriate -
     19/06/2017 alle 10:31



  26. wigners_friend -
     19/06/2017 alle 10:26
    Concordo dalla prima all'ultima riga, e aggiungo una considerazione sulla (presunta) promessa di cedere il giocatore al momento del rinnovo: per stessa ammissione del Giuffredi, era stato fatto (anche) affinché la Società potesse avere forza in un'eventuale trattativa e guadagnare il più possibile dalla cessione del giocatore. Bene, ma se lo stesso Giuffredi si è accordato in gran segreto col Milan prima di ogni comunicazione all'Atalanta, che è stata posta di fronte al fatto compiuto, qyesto non ha vanificato l'effetto "maggiore guadagno dalla vendita" per cui il rinnovo, Giuffredi dixit, era stato fatto? Tanto è vero che il giocatore ha rifiutato un'offerta (all'Atalanta) di 10-15 milioni più ricca! E allora, non è stato Giuffredi (e quindi Conti, ricordiamocelo bene) a venire meno PER PRIMO alla parola data, liberando di conseguenza la controparte, cioè la Società, da ogni eventuale precedente impegno sottoscritto, per altro solo verbalmente? I latini dicevano "pacta sunt servanda", ma anche " non si ricompensano i traditori".


  27. che dire scots?
    Che concordo!
    E gia' sai che io sono ..........."amico " degli atalantini, del tifoso che vive e muore con l'amore per la DEA!
    Non ho mai agognato all'amicizia dei giocatori, semplici interpereti passeggeri della ns secolare storia.
    (tranne uno, ma per Lui, vero innamorato della DEA e dei suoi tifosi si trattava di amicizia sul piano umano).
    -------------
    discorso procuratori.
    Nella societa' (intesa come strutture e rapporti economici e giuridici) in cui viviamo e' illogico ed impossibile "farli sparire!"
    Ma la loro sfera di attivita' ed il loro comportamente va' sicuramente "strettamente regolamentato".
    Si puo'.
    Le federazioni sportive USA gia' lo fanno.
    Basta volerlo.
    Coloro che invece voglioni la giungla, a volte, vengono loro stessi......fagocitati dalla belva piu' feroce ..........
    Di sicuro, la spregiudicatezza degli occhi a mandorla nn va' in tale direzione....


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.