10-07-2018 09:10 / 10 c.

Ricavi abbonamenti Serie A

Ricavi abbonamenti Serie A – Nelle ultime stagioni è cresciuta in Italia l’attenzione per quanto riguarda le strategie delle società per attirare i tifosi allo stadio. Al centro resta, ancor più che il biglietto singolo, l’abbonamento, che in estate diventa protagonista tra rinnovi e nuove tessere.

Nonostante stadi tutt’altro che pieni, il valore degli abbonamenti resta comunque importante anche a livello economico: gli abbonamenti in Serie A valgono infatti quasi il 2,5% dei ricavi.

Tra le società attualmente in Serie A con bilanci 2017 disponibili, l’impatto sui ricavi alla vendita delle tessere è infatti pari al 2,43%, cioè circa 68,5 milioni su un fatturato complessivo di queste squadre pari a 2,8 miliardi di euro.

Per quanto riguarda i ricavi da abbonamenti, guida la Juventus con 18,79 milioni di euro di ricavi: nella stagione 2016/17 sono valsi circa il 3,3% del fatturato.

Numeri in crescita per i bianconeri, che dovrebbero proseguire nella crescita anche nel bilancio 2017/18 e nel 2018/19, alla luce degli aumenti di prezzi per i tifosi nelle ultime stagioni.

JUVENTUS, PREZZO DEGLI ABBONAMENTI ANCORA IN CRESCITA: +88% DAL 2012

I 9 milioni di euro incassati dalla Roma dagli abbonamenti, invece, sono valsi il 3,26% del fatturato complessivo, poco più del 2,54% fatto risultare dall’Inter (8 milioni di euro). Più lontane Milan e Fiorentina, rispettivamente con 4,6 e 4,4 milioni di euro di ricavi dagli abbonamenti (2,19% e 2,41%).

INTER, IL 3 MAGGIO AL VIA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2018/19

A guidare in questa classifica relativamente all’impatto è il Bologna: nel 2016/17 gli abbonamenti hanno permesso incassi per 3,5 milioni di euro su un fatturato da 73 milioni, con un percentuale di impatto pari al 4,79%.

Al contrario, valgono meno dell’1% gli abbonamenti per il Chievo: nel 2016/17 gli incassi dalle tessere per i veronesi sono stati pari a soli 676mila euro, ovverosia lo 0,94% dei 71 milioni di fatturato complessivo.

fonte calcioefinanza.it

di Marcodalmen




  1. Premesso che il peso degli incassi degli spettatori fisicamente presenti allo stadio è comunque ormai marginale rispetto ad altre fonti di ricavo (con tutto ciò che ne consegue), faccio solo notare che la tabella analizza i SOLI abbonamenti non considerando invece gli incassi dei biglietti delle singole partite.
    Tra le altre cose, questo riduce (almeno in parte) il gap tra Juventus e dirette concorrenti, essendo ben noto che allo Juventus Stadium la stragrande maggioranza è costituita da abbonamenti, mentre non è così per le altre squadre ... sarebbe stata più interessante una statistica sugli incassi complessivi al botteghino, piuttosto che sui soli abbonati.
    Trattandosi peraltro della stagione 2016-2017, sicuramente l'incidenza della componente biglietti nel caso dell'Atalanta non sarà certo stata indifferenze, considerando il crescendo rossiniano del nostro campionato e della conseguente presenza allo stadio.


  2. Alcune considerazioni.
    Ok nulla di nuovo, ma comunque credo che nessuno sputi su 2-3 mln di euro per abbonamenti e biglietti (anche perchè a questi poi si aggiungono anche gli introiti collaterali come il bar, gadget etc.)
    Certo il pubblico fa ambiente e in qualche maniera spettacolo, ma per quantopiù  triste una partita possa essere a porte chiuse, uno in TV la guarda lo stesso.
    La cosa che fa più impressione in tutto ciò è la distanza siderale tra Juventus e le diretta "concorrenti" al titolo, con ricavi totali in media più del doppio (solo l'inter è meno distanziata, ma comunque a poco più che la metà).
    Vediamo che invece in realtà similari alla nostra ci piazziamo bene.


  3. A livello televisivo è di gran lunga più vendibile la ripresa di uno stadio pieno che di uno con settori interi desolatamente vuoti. È un particolare non di secondaria importanza  Io tengo a dire che un abbonamento a 600 € in curva farei molta fatica a sostenerlo e non mi sembra che un paese con 5 milioni di persone che fanno fatica ad alimentarsi decentemente e pensionati che rovistano gli scarti al mercato ortofrutticolo possano riempire gli impianti sportivi.


    • Sono assolutamente d'accordo con te. Non a caso, gli spagnocinesi di Mediapro in Liga hanno inserito delle clausole nei contratti per far si che le società siano incentivate ad abbassare i prezzi per riempire lo stadio. 
      Parzialmente, questo discorso è stato ripreso dall'ex ministro Lotti nella nuova ridistribuzione dei diritti tv (con ovvie proteste dal popolo della Rubentus che si ritrova con uno stadio dalle dimensioni ridicole rispetto ai peers). La direzione è quella, sono le istituzioni che devono incentivare la presenza allo stadio, non tanto le società per l'incasso dal botteghino


  4. Solita, STUCCHEVOLE, noiiosa, insulsa indagine da ombrellone estivo.
    LO sappiamo tutti che rispetto ai gloriosi anni settanta le cd "entrate da botteghino" sono quota infinitesimale del bilancio di una squadra di alto livello ( Tone, ABITUATI ,cortesemente a CHIAMARLA cosi', ma, soprattutto, a PENSARLA Cosi'!!).
    Gli estensori del pezzo che se stampato nn va' bene ...manco per il pesce (che nome altisonante, "calcioefinanza", capperini!!) hanno scopert l'acqua calda .......visitando Yellowstone!!
    ---------------
    Alllora pero', non gettiamo òla provocazione del buon Marchino e maturiamoci sopra una piccola, sommessa riflessione.
    DEcidiamoci: lo "SPORT" di alto livello (tali siamo, TONE!!!) e' solo bussiness od e' ancora passione ecoinvolgimento, Partecipazione e sete di vittoria o fredde tabelle da Keynes della Bovisa?????
    Se e' solo bussiness, allora ....che ci inkxxiamo e confrontiamo a fare??
    Se invece prevale l'asptto di PASSIONE, SPORTIVO, di coinvolgimento popolare e senso comunitario allora quell'un % vale TANTISSIMMO, piu' della FREDDA CIFRA aritmetica!!
    La risposta? stavolta sono..............facilissimo profeta!!
    La daremo noi SEguaci della DEa alla apposita FEsta che sta' per cominciare, dove sul palco e sotto ci sara' PASSIONE POPOLARE e non un consesso di BANCHIEI (dico con precisione ...BANCHIERI, non Bancari.....


     


  5. Definire ricavi "importanti" delle voci di bilancio che in media incidono il 2.5% mi pare alquanto fuorviante. D'altronde basta fare il paragone con qualche stipendio... ad esempio la Juve ben che vada riesce a pagare higuain con quei soldi mentre l'atalanta con gli abbonamenti non riesce a pagare quello del papu (2 netti sono quasi 4 milioni).
    Basta confrontare questo dato con i ricavi dei diritti TV per capirne la "relativamente scarsa" importanza..... sono pizza e birra di uno che ha uno stipendio di 1000 euro al mese giusto per dare un'idea della proporzione.
    Certo ogni rivolo di entrate è benvenuto... ma se dovessero campare sui soldi di abbonamenti e biglietti sarebbero fallite tutte le societa' professionistiche domani...


    • certo con l'avvento delle tv sono entrati una marea di soldi riducendo %mente gli introiti da stadio, con i nuovi stadi ci sarà impennata, da noi sono particolarmetne bassi i prezzi apmeno nei settori più popolari dando la stangata solo a chi ne ha talemnte tanti per cui pagare 2000 o 4000 non fa molta differenza.


  6. Considerando il fatturato fino allo scorso anno saremmo stati sul podio.
     
    Chissà quanto aumenteranno da noi con lo stadio nuovo, per me almeno il doppio... 


  7. la juve 600 euro in curva


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.