01-08-2018 04:44 / 9 c.

Questa è una di quelle occasioni nelle quali una partita di pallone non puo' prescindere dal luogo dove viene giocata e deve doverosamente cedere il testimone alla Storia, con la S maiuscola, che da li' è passata, costruita sulla pelle e sulle ossa di migliaia di innocenti. 

1400w

 

MISS SARAJEVO

“Here she comes… to take her crown.” Così cantavano gli U2, celebre rock band irlandese, in Miss Sarajevo, canzone scritta nel 1995 in collaborazione con Luciano Pavarotti come protesta contro il conflitto armato in Bosnia ed Erzegovina. La traduzione italiana cita: “eccola, viene a prendere la sua corona.” La canzone è ispirata alla figura di Inela Nogic, per l’appunto “Miss Sarajevo” nel 1993 e ragazza simbolo della resistenza contro la guerra dei balcani che stava radendo al suolo Sarajevo e dintorni, città che l’Atalanta raggiungerà giovedì per il ritorno del secondo turno preliminare di EL. In un drammatico contesto storico e bellico non si rinunciò alla kermesse di bellezza, manifestazione in cui l’allora diciassettenne passò alla storia per le sue parole. Alla tipica domanda che si fa alla reginetta sul proprio futuro, la Nogic spiazzò tutti dicendo che non sapeva nemmeno se sarebbe stata viva il giorno seguente ed espose sul palco un eloquente striscione “Don’t let them kill us”, non permettete che ci uccidano. Scappata poco dopo dalla guerra, Inela si stabilì in Olanda per cambiare vita ma rimase e rimane tutt’ora la reginetta attivista, la “dea” bosniaca.

A distanza di 25 anni da questo evento e a 23 dal “grido” di pace degli U2, critici verso la comunità internazionale incapace di sedare uno dei conflitti più atroci del Novecento, Sarajevo si è rialzata. Nel 1996 è iniziata la ricostruzione della città e oggi, la capitale bosniaca è pronta ad accogliere la nostra di Dea, l’Atalanta, che, come canterebbero gli U2, “comes to take her crown.” La piccola corona orobica sarebbe il passaggio del turno preliminare di Europa League, messo in pericolo da quel 2-2 di Reggio Emilia da amaro in bocca, in cui la compagine bosniaca del FK Sarajevo è stata in grado di rimettere in piedi il match dopo il doppio svantaggio firmato Toloi e Mancini.

Fortunatamente sono lontani i tempi degli edifici distrutti, del popolo bosniaco in lacrime e di Slobodan Milošević, dittatore serbo che supportò Radovan Karadžić (criminale di guerra serbo-bosniaco che boicottò il referendum per l’indipendenza bosniaca) e non resta che la “battaglia simulata”, quei 90 minuti che decideranno le sorti del cammino europeo di Papu Gomez e compagni.

Prossimi alla partenza per Sarajevo è doveroso ricordare come questa città abbia saputo ripartire, coadiuvata anche dallo sport stesso e dalla squadra che si sta giocando con la Dea la permanenza nel trofeo continentale. L’ FK Sarajevo divenne, infatti, dopo l’indipendenza dalla Jugoslavia, uno dei principali ambasciatori del paese. Un grande tour mondiale, soprattutto, servì a ottenere il sostegno internazionale alla causa, obiettivo quest’ultimo tanto desiderato anche dagli U2 nella canzone, U2 che hanno anche contribuito alla costruzione di un ospedale nella città.

Luciano Pavarotti poi, celebre tenore e orgoglio italiano, collaborò al pezzo e così canta in una strofa: “dici che il fiume trova la via al mare…e come il fiume giungerai a me.” Il mare di Sarajevo e di tutta la Bosnia è la libertà. La libertà è stata raggiunta, lo sport e il calcio locale ne hanno giovato e l’FK Sarajevo ha dimostrato di saper affrontare i palcoscenici europei (sfiorando la partecipazione ai gironi di Champions League nel 2007).

Fortunatamente il calcio non è guerra e la Dea Atalanta è pronta a scendere in campo per diventare una spensierata Miss Sarajevo.

 

Mattia Stucchi
per Atalantini.com

 



di Staff




  1. tutta la STUPIDITA della guerra....
    ma pero sta sera vince l'ATALANTA


    • 1907curen1907 -
       01/08/2018 alle 17:35
      stasera per me possono vincere anche loro, l'importante è che noi vinciamo domani 


  2. U2 e Dea. I miei grandi amori


  3. RAMAZZOTTIANA -
     01/08/2018 alle 11:59
    VERAMENTE UN BEL PEZZO 
    COMPLIMENTI



  4. RAMAZZOTTIANA -
     01/08/2018 alle 11:00



  5. complimenti x l'articolo


  6. Un pezzo degno della prima pagina di un quotidiano nazionale. Brividi e lacrime agli occhi. Complimenti.


  7. Magicasempre -
     01/08/2018 alle 7:07
    complimenti staff.
    giusto e doveroso ricordo: probabile che qualche giocatore del Sarajevo sia nato proprio in quel periodo. Bellissimo pezzo e vengono i brividi pendando a quanto accadde in tempi recentissimi in terre vicinissime a noi.
     
    dai dea dai, vinci per noi


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.