02-02-2018 20:58 / 13 c.

Risultati immagini per orsolini atalantaTempo di presentazioni ufficiali in casa Bologna, partendo questo pomeriggio da Riccardo Orsolini. L’esterno offensivo classe 1997, scuola Ascoli e cartellino di proprietà della Juventus, si affaccia a questa nuova avventura con tanta voglia di riscatto dopo la parentesi non proprio esaltante in prestito all’Atalanta, dove ha collezionato appena 8 presenze nel massimo campionato. Il talento e la personalità, però, non si discutono, e il popolo di fede rossoblù non vede l’ora di ammirare le sue giocate sul prato del Dall’Ara. Di seguito, suddivise per argomenti principali, tutte le dichiarazioni rilasciate oggi in conferenza stampa a Casteldebole dalla Scarpa d’Oro dei Mondiali Under 20 del 2017.

Non penso alla Juve – «Il fatto di essere Juventus non mi pesa, sono tranquillo e determinato, fiducioso nel lavoro quotidiano e in quello che so fare. Fisicamente sto bene, sono pronto per giocare».

Atalanta, grazie comunque – «All’Atalanta sono stato bene anche se non ho trovato molto spazio, quello di Bergamo è un ambiente ideale per fare calcio. Nel momento in cui ho chiesto la cessione, tutti si sono dimostrati molto disponibili nei miei confronti, quindi li ringrazio di cuore».

Poche chance in nerazzurro – «Era una questione di modulo ma non solo, se non giocavo un motivo c’era e la colpa è stata anche mia, pur avendo davanti un giocatore fortissimo come Ilicic. Sono comunque felice perché grazie all’Atalanta ho avuto la possibilità di esordire in Serie A».

Bologna, eccomi! – «Sapevo che il Bologna mi seguiva da tempo, gradivo la destinazione e ho iniziato a seguire le partite dei rossoblù: sono davvero una bella squadra, con ottime individualità».

L’erede di Verdi? – «Non farei paragoni con Simone, anche perché ognuno ha suoi punti di forza. Io sono un esterno d’attacco che parte da destra, si accentra sul sinistro e prova la giocata, ho tanta corsa e mi piace andare in profondità».

Aspetti da migliorare – «Senza dubbio devo perfezionare la fase difensiva e alcuni lati del mio carattere, devo diventare più maturo».

Salto di categoria – «Ora come ora tra Serie A e B c’è una differenza enorme, la differenza di ritmi e fisicità si avverte. Ad Ascoli giocavo praticamente sempre, a Bergamo ho fatto più fatica, specialmente all’inizio».

Un altro po’ di Ascoli – «Destro non lo conoscevo di persona, ma appena ci siamo presentati è scattato subito il feeling tra conterranei».

Nelle mani di Donadoni – «Credo che il mister mi possa insegnare tanto, lo reputo l’uomo giusto per farmi crescere e migliorare, di sicuro io ho tanta voglia di dimostrare qualcosa nel massimo campionato. Bologna per me non significa solo riscatto, è un nuovo punto di partenza».

8, numero pesante – «L’ho scelto perché era libero e mi piaceva, non ho pensato ad altro».

Modelli di riferimento – «Non ho un idolo in particolare, sono cresciuto guardando soprattutto la Champions League e ammirando le giocate di Messi e Cristiano Ronaldo. Vista anche la posizione in campo, mi ispiro un po’ a Robben, un giocatore eccezionale».

fone zerocinquantuno.it

di Marcodalmen




  1. Ciao ORSO!!!!!.....6 forte!!!!!!.....COMUNQUE GRAZIE E BUONA FORTUNA!!!!!


  2. Per una serie di motivi le poche volte che ha giocato non ho potuto seguirlo molto e quindi non mi esprimo. Con un pizzico di cinismo aggiungo che non essendo nostro forse forse è una delle perdite meno dolorose. Cmq in bocca al lupo.


  3. Peccato per quel gol annullato dalla Var non ricordo più contro chi
    il suo primo gol in A sarebbe sempre rimasto legato all' Atalanta
     
    se non si perde con la testa, i numeri li ha
    il Gasp è un grande ma se non sei adatto al suo gioco ti stronca,e ne ha segati anche di più affermati di Osolini mi viene in mente Pinilla per dirne uno
    ci sono decine di altri allenatori con altri giochi in cui Orsolini si potrà esprimere meglio
    e poi non era nostro,
    Orsolini può essere utile a far capire definitivamente che certe operazioni di mercato sono inutili ,se teniamo questo Trend con asticella alzata, se torniamo a giocare per il quartultimo posto allora andava bene tuttto,ma ora non più


    • Era il sesto gol contro il Crotone.
      Comunque per chi scrive di non aver capito questa cessione il motivo lo dice lui nell'intervista: ha chiesto di essere ceduto per tentare di giocare di più. 
       


  4. a mio avviso è un talento purissimo.
    Spiace perderlo ma, in fondo, non è mai stato nostro.


  5. ormai siamo nell'epoca dei social, ringraziamenti e baci per tutti, anche se dentro di se penserà quello che penserebbe ognuno di noi, vale a dire che ha perso sei mesi di una carriera relativamente breve a non fare un cazzo
     
    Non è colpa sua e nemmeno della Dea, non so se il Maestro non lo vede oppure se ha optato per non valorizzare chi se ne andrà a breve ( vedi Bastoni). Di sicuro sembrava fare parte di quelli che faticavano ad integrarsi in un complesso tattico, sembrava sempre quello che tentava la giocata singola, e il Gasp questi li stronca.
    Magari diventerà fortissimo. gli auguro le migliori fortune


  6. Onesto


  7. Duccio Crusoe -
     02/02/2018 alle 21:39
    Se ha giocato poco con il Gasp in condominio potrebbe anche essere un bluff per la serie A,vediamo Donadoni se fa altrttanto.Auguri cmq al bravo Orsolini.


    • Duccio Crusoe -
       02/02/2018 alle 21:41
      Se ha giocato poco con il Gasp potrebbe anche essere un bluff per la serie A,vediamo Donadoni se fa altrettanto.Auguri cmq al bravo Orsolini.


  8. brao orso 
    buon proseguimento di carriera, i numeri li hai.
     


  9. Ti auguro tanta fortuna in futuro!!! da noi hai avuto poco spazio, ma mai una polemica, anzi quelle volte che le immagini ti hanno inquadrato sempre col sorriso


    • Per quelle bastano e avanzano i procuratori ... 
      Comunque onesto a riconoscere anche una parte di propria responsabilità nello scarso utilizzo a Bergamo, al di là di tutte le altre possibili motivazioni.
      Sicuramente non è un bluff, anche se per essere un crack in serie A non basta fare una giocata sola, seppur divinamente.
      Gli auguro comunque di migliorare su tutti gli altri aspetti che lui stesso a riconosciuto e poter diventare forte anche per il bene del calcio italiano.


      • Ehm ... "ha" riconosciuto ... 


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.