11-01-2018 04:44 / 20 c.

Il 2018 non poteva iniziare in modo migliore.

Il realismo ci avrebbe portato a risultati opposti: vittoria con il Cagliari e sconfitta a Napoli e Roma. Invece ancora una volta i nerazzurri si sono comportati in modo pazzerello e hanno stupito tutti, prima perdendo la partita più facile, poi regalandoci due imprese incredibili.

E ancora una volta l’Atalanta ha dimostrato di poter essere considerata una grande squadra, restando in corsa su tre fronti.

 

SERIE A: NIENTE DISTRAZIONI

Il cammino in campionato, che aveva subito qualche piccola battuta di arresto per via degli impegni ravvicinati, ha subito un brusco cambiamento, grazie soprattutto alla ritrovata capacità di vincere sul campo degli avversari. In questo modo la corsa per la sesta e settima piazza è più che viva. In Coppa Italia l’ultima mina vagante, la squadra in grado di conquistare il quarto posto valido per l’Europa League con la scorciatoia, diventa il Milan, una delle poche squadre che potrebbe risalire la china e insidiare l’Atalanta grazie alla qualità della rosa a disposizione. In realtà anche i rossoneri sono impegnati su tre fronti e al momento non sembrano avere ancora la capacità di scalare la classifica o arrivare in finale battendo la Lazio, motivo di ottimismo per la Dea.

L’impressione è che l’Atalanta, se non si lascerà troppo distrarre dagli impegni delle coppe, ha ancora le carte in regola per distinguersi dal gruppone che insegue le cinque di testa, al momento irraggiungibili. Poi si sa che alcune squadre, vedi ad esempio il crollo di Inter e Roma, possono regalare scossoni imprevedibili, e la stessa Dea dovrà dimostrare di essere maturata in questo aspetto.

Non è un caso che le partite più deludenti abbiano sempre preceduto grandi imprese: la vittoria rosicata con il Sassuolo, una delle meno convincenti in casa, ha avuto un sapore ben diverso da quella trionfale all’esordio con l’Everton; la sconfitta al Meazza, contro un’Inter che non era certo un bulldozer e con una formazione iniziale sperimentale, è stata ripagata ampiamente dall’ormai storica vittoria di Liverpool; la sconfitta con il Cagliari è arrivata a ciel sereno ma è stata cancellata dall’impresa di Napoli.

Quando l’Atalanta sbagliava approccio in campionato aveva già la testa alla partita seguente, dove raramente negava soddisfazioni. Inoltre risulta più facile mantenere la concentrazione, oltre che trovare gli spazi per il proprio gioco, contro una blasonata piuttosto che una squadra di medio-basso livello.

La notizia positiva è che dopo la sosta arriverà a Bergamo il Napoli, cui già tremano le gambe alla nostra vista. Tuttavia i successivi impegni ci vedono sui campi del Sassuolo e del Crotone, oltre che in casa con il Chievo. Le due trasferte in particolare non possono essere prese sottogamba e arrivano proprio prima di due partite importantissime, con Juventus e Dortmund.

 

TIM CUP: SFATARE IL TABU BIANCONERO

La Coppa Italia è una competizione a noi molto cara, visto che è legata all’unico titolo in bacheca, e mai come quest’anno si può sperare in un bis.

La strada è tortuosa, perché prima bisogna superare lo scoglio Juventus, e poi molto probabilmente affrontare la Lazio a Roma, in una finale che si annuncerebbe infuocata. Sperare di superare il turno con i bianconeri, unica squadra blasonata con la quale la vittoria è tabù da troppo tempo, per poi riuscire a vincere all’Olimpico contro i padroni di casa più ostici, almeno secondo le statistiche, sembra pazzia. Ma lo era anche pensare ad una vittoria a Napoli, per quanto già avvenuta in passato.

Chiaro che nell’andata a Bergamo serve una vittoria, che già sarebbe una impresa, per poi sperare di uscire vivi dallo Juventus Stadium, dove in tal caso i padroni di casa faranno di tutto per ribaltare il risultato. L’atmosfera al Bortolotti sarà incandescente e l’impegno su tre fronti anche per i bianconeri potrebbe portare il tecnico Allegri a trascurare in parte la Coppa Italia, per loro sicuramente meno importante rispetto ad altri obiettivi, ma questo è un fattore che non cambia la difficoltà del match. Si spera ovviamente in un arbitraggio poco protagonista, visti i precedenti e le polemiche di questi giorni.

Ironia della sorte, dopo la sfida di ritorno capiterà proprio la trasferta allo Juventus Stadium, solo tre giorni dopo. Su tre partite in un mese riusciremo a vincere una partita e sfatare il tabù? Gasperini ci tiene particolarmente e, vista la sua capacità di imparare dagli errori e capire come imbrigliare gli avversari, qualche soddisfazione se la vorrà togliere.

 

EUROPA LEAGUE: CAUTELA A DORTMUND

Infine rimane la competizione più importante di quest’anno, anche se la più difficile, quella che rende questa stagione indelebile nella storia nerazzurra, a prescindere dagli altri obiettivi.

Chiaro che la possibilità di bissare l’impresa dell’anno scorso e regalarsi un’altra qualificazione in Europa League esiste, o tramite la Coppa Italia o tramite il piazzamento finale in Serie A, ma conviene gustare ogni attimo di questo cammino fino in fondo, con la consapevolezza che potrebbe non ricapitare, oppure diventare il primo di tanti.

Il sorteggio ci ha regalato una sfida ostica, probabilmente una delle peggiori, ma forse è meglio così. Uscire dalla Coppa contro il Lugodorets sarebbe un rammarico certamente maggiore rispetto a quello di uscire a testa alta con il Borussia Dortmund. Ecco, quello che i tifosi nerazzurri sperano è proprio di giocarsela fino in fondo, con la possibilità di non dover compiere una impresa disperata al ritorno a Reggio. Giocare il ritorno in “casa” è un vantaggio sicuramente, ma una goleada in Germania va evitata, perché sarebbe una beffa atroce terminare questa avventura con una partita senza speranza. Sappiamo che comunque la cornice di pubblico sarebbe uno spettacolo e una festa in onore dell’Atalanta, ma preferiamo non pensare troppo a questa evenienza.

Gasperini ha dimostrato anche in trasferta di saper mantenere un buon equilibrio e sicuramente a Dortmund farà in modo di non scoprirsi troppo. La partita di Roma è un esempio di come l’Atalanta sa attaccare ma anche fornire una grande prestazione difensiva, se occorre.

Chissà cosa penseranno in Germania, dove il sorteggio era stato accolto in modo entusiastico, dopo le ultime imprese della Dea contro le grandi italiane. Qualcuno avrà sicuramente iniziato a non essere troppo contento di trovarsi davanti una squadra così fastidiosa e imprevedibile. Il rischio figuraccia, per loro, è dietro l’angolo. Il Borussia in campionato si è rialzato e ora può puntare al secondo posto, ma è stato eliminato dalla Coppa nazionale, seppur giocandosela con il grande Bayer. Vedremo in che stato di forma fisica e morale si affronteranno più avanti le due squadre in Europa. I tifosi non stanno nella pelle di vivere anche questa avventura.

 

Si può dire che su tutti e tre i fronti l’Atalanta avrà vita dura, e ci stupiremmo del contrario. L’impressione generale, sia tra tifosi che tra addetti ai lavori, è quella di un campionato in cui la Dea, se non avesse le coppe tra i piedi, non faticherebbe a trovare un piazzamento europeo. Lo testimonia il fatto che sia in piena corsa nonostante i tanti impegni e le tante partite in cui ha perso punti alla portata. Quindi è chiaro che, se come l’anno scorso la squadra di Gasperini volerà in primavera, anche una eliminazione da una o entrambe le competizioni, avrebbe come risvolto la possibilità di puntare tutto in campionato.

I tifosi sperano di togliersi più soddisfazioni possibili, anche a scapito di rimanere con il cerino in mano. In realtà la convinzione al momento è opposta e la domanda che circola sempre più dopo ogni impresa è sempre quella: vuoi vedere che quest’anno è l’anno buono che portiamo a casa qualcosa?



di Macciu




  1. Doppietta  
    Coppa uefa e  coppa italia, poi possiamo stare a e b  ancora per 30 anni


  2. ot...scusa staff ma volevo  spendere due righe per il fallimento del mitico Lanerossi Vicenza.Una altra grande squadra che se ne va..
    Di fronte a queste situazioni possiamo ritenerci fortunati (ovviamente  non sono questi i veri problemi..parlo a livello calcistico)..
    Spesso non ce ne rendiamo conto..Grazie TONE!!!


  3. Possiamo anche raggiungere i tre traguardi...ma anche se non dovessimo raggiungere nessun obbiettivo,mi dispiacerebbe tantissimo...maio sono lo stesso contento così,mai visto in 44 anni di vita una squadra così!


  4. io punto forte sulla coppa italia,accesso diretto in EL ,coppa in bacheca,e se si vuole esagerare super coppa italiana, immagino gia la migrazione di tifosi



  5. Oltre alla NOSTRA BRAVURA  dopo Cagliari  (sfortunatissimi nelle conclusioni)con la roma  ci hanno agevolato certamente le esclusioni di Naingolan e de Rossi in quanto perni insostituibili , l'imbarazzante Dzeko ha fatto il resto  ,un tempo in dieci sistemando la difesa  ha ESALTATO l'unione della SQUADRA.
    Ormai e' risaputo da tutti chi siamo ,come giochiamo  ,solo sulle ali stiamo cercando la perfezione sulla corsa e sui cross  ,con il Mister
    siamo a buon puntoe di LUI bisogna fidarsi ciecamente ,sa' quello che fa'  .
    A proposito di coppa Italia  con lajuve  spero  inventi qualche guaio muscolare x Spinazzola  ,abbiamo visto che con la  torinese  e' un corpo estraneo in campo e ci fa ' pure autogol  ,CALDARA   ?   fino all'ultimo giorno ,  SPINAZZOLA ? ....NO' ! 


  6. se vinciamo con il napoli..vedendo poi il calendario andremmo a consolidare il 6 posto. Perchè col sassuolo ci sarebbe un vero esodo( non voglio neanche prendere in considerazione che anche qui vietino la trasferta) e giocheremmo praticamente in casa, poi in casa col chievo...partita col napoli fondamnetale per la classifica e per l'entusiasmo


  7. Arriveremo quarti o quinti in Campionato, certamente davanti all'Inter.
    Per quanto riguarda Europa League e Coppa Italia, a questa squadra non pongo limiti...




  8. Dai che è l'anno giusto 2 coppe e tricolore  sognare non costa niente


  9. crazyhorse200 -
     11/01/2018 alle 9:19
    Spero che il Borussia venda Oubameyang cosi lo eliminiamo 
    Papu non fare scherzi .....


    • stamattina sentivo su radio sportiva che Oubameyang rimarra' quasi sicuramente al Borussia, anzi la sua presunta vendita pare che sia stata solamente una bufala ..peccato


  10. ingordi su tutti e 3 i fronti
    adelante dea



  11. vi lasciamo i 3 punti in campionato ,in cambio del passaggio turno in semifinale
    si può fare?
    il tutto in modo tacito,senza accordi,basta un cenno di intesa
     
    del resto 2 feriti è meglio che un morto.... o no?



    • ...... questo non lo vorrei mai leggere su un sito di tifosi .. spero ancora in uno sport dove le squadre giocano per vincere e non per accordini di non belligeranza anche se non ufficiali .. sono un romantico forse ma lasciatemi sperare che sia cosi
       


    • Io non ci sto, la soddisfazione di battere i gobbi deve arrivare tutta con le nostre forze, anche a rischio di morire solo noi, cattivi per tuttee tre le partite (a meno cheil ritorno a torino in coppa parta da una scoppola casalinga, in quel caso si possono risparmiare forze).
      Lasciamo calcoli e giocetti ad altri, i taciti (o meno) accordi nella nostra storia soprattutto recente nn è ce ci abbiano fatto fare figure meravigliose e ne abbiamo portato le ferite sulla pelle per diversi anni.


      • ma io non parlo di giochetti non leciti
        hai presente le partite di fine campionato quando si guardano negli occhi e finisce 0-0
        oppure all' ultima giornata i vari Milan-Reggina 0-1(era il milan di Capello che non perdeva in casa da 2 anni), e anche altre
        capita dappertutto ed è normale, anche tra Pedrengo e Sellero Novelle, per dire (ne ho dette 2 a caso ,che tra l'altro non esistono più (Credo) ,per non offendere nessuno)
         
         
        comunque, molto nobile il tuo discorso
        il mio è meno nobile,ma serve a portare a casa qualcosa
        poi sappiamo che Gasperini ,farà come dici tu, quindi va bene così,
        Ciao


  12. GraZie Dea per farci sognare ️


  13. Difficile se non impossibile scegliere su cosa puntare tutte le energie.
    La coppa Italia sono solo tre partite, ma sinceramente la Juve è la sola squadra che non regala mai nulla e con gli aggiustamenti sul var è pressoché impossibile buttarla fuori.
    Qualora dovessimo farcela, qualcuno crede che ci lascerebbero vincere a Roma con la Lazio, altra squadra per noi oltremodo ostica?
     
    In uefa (per me si chiamerà sempre così) giocassimo oggi forse saremmo ad armi quasi pari. Loro però dopo l avvio disastroso e il cambio mister stanno riprendendosi bene. La speranza è quella di mantenere la partita aperta all'andata e comunque vada il ritorno far si che il mapei sia una bolgia per il giusto tributo ai nostri eroi.
     
    Ad oggi, pur con la concorrenza più agguerrita dello scorso anno, vedo ancora più possibile un pass per l Europa tramite il campionato. Tolte le prime 5 che fanno campionato a se, per me il milan deluderà ancora, la Samp crollerà, l Udinese si calmera, il Torino con mazzarri è una incognita, come la Fiorentina... Ma se il mercato non ci debilita e i posti saranno 7 non la vedo impossibile anche con molti punti in meno dello scorso anno


    • A me darebbe una goduria pazzesca la coppa Italia, che non vedo così impossibile. Avresti da azzeccare 'solo' 2/3 partite, e ti darebbe accesso diretto all'Europa.
       
      E ti immagini l'esodo atalantino verso Roma, e 30 mila (o più) di noi a riempire l'Olimpico? Pel de poia...


  14. Investendo in UNO forte, solo uno, il famoso "Papu per reparto",e avendo la fortuna che si inserisca bene e sia efficace, è davvero l'anno buono per portare a casa qualcosa, against all Odds...


  15. Questo e' l'anno buono.... me lo sento
     



Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.