16-03-2017 04:44 / 6 c.

Dopo la roboante sconfitta di San Siro l’Atalanta riflette sui motivi di tale risultato e si prepara alla riscossa in casa con il pericolante Pescara di Zeman, prima di una salutare sosta.

Intanto sembra sempre più evidente che per l’Europa sarà sfida al Milan, che alla terzultima verrà a Bergamo, e che ogni passo falso può compromettere quanto conquistato finora. La mentalità che ha portato a risultati incredibili, nel bene e nel male, non va cambiata e abbiamo fiducia in questa squadra: ce la giocheremo fino alla fine.

 

GARA A DUE CON IL MILAN

Che batosta ragazzi. Nel giorno in cui molti tifosi atalantini avevano colto la speranza di rilanciare le proprie ambizioni europee, lottando alla pari con l’Inter, arriva una sconfitta strabordante e un brutto colpo all’umore della truppa nerazzurra.

Nessun dramma per carità, perché nonostante il forte eco mediatico della goleada subita si è persa una partita difficilissima anche sulla carta, contro un avversario lanciatissimo verso la Champions. A dieci partite dalla fine rimane tutto in gioco e siamo ancora al sesto posto, consapevoli che l’obiettivo finale dipende solamente ed esclusivamente da noi.

Ormai è chiaro, anche per i valori emersi in campo, che ci giocheremo fino all’ultimo il posto con il Milan, visto che Lazio e Inter sembrano avere un passo difficilmente sostenibile e sono anche in vantaggio negli scontri diretti, mentre la Fiorentina si è avvicinata ma solo un contemporaneo harakiri nostro e dei rossoneri li riporterebbe in gioco.

Per assurdo possiamo vedere un lato positivo: sarebbe stato molto peggio perdere di misura a San Siro sapendo che il Milan aveva fatto punti con la Juventus, o pareggiare dopo una loro vittoria a sorpresa.

Siamo sempre stati abituati a lottare per la salvezza, e in quei casi basta una vittoria ogni tanto per creare un divario, mentre stavolta lottiamo per un obiettivo più importante e succede il contrario: basta una sconfitta per trovarsi distaccati. In entrambi i casi però, se il distacco dalle altre avversarie è ormai abissale e si fa la corsa su una squadra sola, il tuo successo dipende non solo dai tuoi risultati ma anche dagli insuccessi della rivale.

Ecco perché sia Milan che Atalanta sono in una fase cruciale: entrambe vengono da una sconfitta difficile da digerire ed entrambe giocheranno in casa un match abbordabile, almeno sulla carta, ma con un potenziale problema mentale da risolvere. I rossoneri avrebbero potuto avere qualche grana in più per via del dopopartita bollente, ma sono stati graziati dal giudice sportivo. L’Atalanta avrà il vantaggio di giocare 6 partite in casa, tra cui lo scontro diretto con il Milan, mentre ci saranno 2 scontri di alta classifica per entrambe, in ogni caso prima della sfida di Bergamo.

Difficile dire come arriveremo a questo importante match, dipende da troppi fattori. Entrambe le squadre ora avranno sulla carta tre partite facili, in cui non saranno perdonati passi falsi. Ragionando su una partita alla volta, è importante arrivare alla sosta senza aprire parentesi negative: perdere con l’Inter ci stava, non conquistare la vittoria con il Pescara sarebbe un grave passo falso.

 

OGNI ERRORE UN TIRO E UN GOL

Cosa è successo ai nostri ragazzi a San Siro? L’impatto al match non è stato negativo, se è vero che si è costruita l’occasione di Gomez e ci è stato negato un possibile rigore. Poi però, dal contropiede di Icardi che avrebbe potuto lasciarci in dieci uomini, è successo qualcosa.

L’attaccante ci ha infilato per tre volte in un quarto d’ora, visto che anche il rigore è merito di una sua giocata, ma è indubbio che il primo gol è nato da un rimpallo fortunoso in barriera, che ha destinato il pallone proprio sui piedi della punta. Così come nell’episodio del rigore l’uscita di Berisha è apparsa troppo precipitosa, e il corner della tripletta è stato regalato da uno svarione di Caldara.

Si è chiaramente persa la bussola, capendo di non riuscire ad arginare l’attacco degli avversari ma allo stesso tempo provando, in modo impreciso, di attaccare come si è sempre fatto, anche sul 3 a 0. Gli altri due gol del primo tempo sono avvenuti in azione fotocopia, così come successivamente il gol finale di Gagliardini: affondo sulla fascia e tutti i giocatori atalantini che vanno verso la porta, lasciando colpevolmente solo il centrocampista che arriva da dietro. Questi gol l’Atalanta non li ha mai presi in tutta la stagione e sono chiaramente figli del black out mentale in cui sono piombati i nostri domenica, incapaci di fermare gli avversari. I nerazzurri, come gli è stato insegnato da Gasperini, hanno affrontato gli avversari con un uno contro uno a tutto campo, e hanno perso nettamente il confronto, ma non in un modo da giustificare tale risultato.

L’unica variabile impazzita è stata la percentuale di finalizzazione degli interisti, che hanno creato 8 occasioni da rete, e hanno segnato 7 volte. Una volta andati sotto la linea è restata alta, e questo ha portato al risultato che, nonostante nei numeri generali l’Atalanta abbia retto il confronto con l’Inter, al primo passaggio errato o palla riconquistata dall’Inter, nasceva un’occasione da rete devastante, senza possibilità di essere arginata. Tolte le sette azioni da gol, cinque in realtà se escludiamo le due punizioni, il confronto non è stato affatto così disequilibrato, e questo rende ancora più assurdo il risultato finale.

Poche volte è successo qualcosa di simile, ma i precedenti ci sono stati anche contro avversarie meno prestigiose: ricordo che a Parma si erano incassati 5 gol in un tempo e in quell’occasione ogni tiro da fuori area era una saetta in porta imparabile, mentre a Bergamo è ancora vivo il ricordo dei 5 gol subiti dal Torino, dopo un primo tempo dominato ma sfortunatissimo, in cui i granata ogni volta che affondavano il colpo trovavano la rete. Quando tutto gira storto giornate così capitano.

 

QUESTIONE DI MENTALITA’

Certo, se a Milano dopo le prime 2 o 3 reti l’atteggiamento della squadra fosse cambiato, con meno vocazione all’attacco e più al contenimento del risultato, magari avremmo evitato la goleada, ma come detto prima preferiamo non cambiare la mentalità della squadra di Gasperini e incassare il duro colpo.

Diciamo chiaro un fatto: l’Atalanta che subisce 7 reti, di cui 5 in un solo tempo, perché prova sempre ad attaccare con la linea difensiva altissima, è figlia della mentalità che ci ha portati a segnare il secondo gol a Napoli, seppure in dieci, con un difensore. E figlia della stessa mentalità che con la Roma ci ha spinti a vincere la partita, invece di accontentarsi del pareggio. Come con l’Udinese la lezione servirà per il futuro e per confermare questo gruppo, costruendo mattoncino dopo mattoncino l’esperienza per gareggiare nella parte più alta della classifica. Non è un caso se Milan o Lazio certe goleade non le subiscono da anni.

Il messaggio per il futuro è chiaro: le grandi squadre non perdonano e adesso che l’Atalanta è considerata una squadra di livello alto, sarà difficile trovare giocatori o allenatori che la sottovalutino. Da una parte questo fa onore ai nostri, così come i 60 mila tifosi che hanno fatto tremare le gambe ai ragazzi nerazzurri, dall’altra rende ancora più difficile il cammino dei nostri. In ogni caso, giocando come abbiamo apprezzato finora, potremo giocarcela fino in fondo: non troveremo sempre squadre di qualità e allo stesso tempo assetate di vittoria come successo con l’Inter.

Ora sarà importante non perdere la testa: guai a cambiare atteggiamento, a diventare troppo timorosi, a temere l’avversario e non pensare di condurre la gara. Certo, quando questi discorsi li fai contro l’Inter a San Siro, ci può anche stare subire una roboante sconfitta, e forse una lezione di umiltà farà bene alla nostra amata provinciale, ma non con squadre che quest’anno sono nettamente inferiori all’Atalanta. Non vanno sottovalutate e sono da rispettare, ma devono subire la manovra atalantina e capire che sarà dura non soccombere.

Tutto sommato è una fortuna che si giochi a Bergamo contro una squadra già data per retrocessa, dopo una tale batosta, con uno stadio che spingerà come non mai i nostri.

Zeman è un allenatore imprevedibile, ma il Pescara può spaventare l’Atalanta solo se troverà una giornata di grazia e avversari irriconoscibili rispetto a quelli ammirati a Bergamo fino ad ora. Non scherziamo: serve una bella vittoria per ritrovare entusiasmo e fiducia per lo sprint finale, in quella che resterà una stagione storica nei cuori dei tifosi atalantini.

di Macciu




  1. X  ME  LA  SQUADRA  E'  STANCA  ,  GIOCANO  SEMPRE  GLI  STESSI  OGNI  DOMENICA  E  ALLA  FINE  IL  NOSTRO  GIOCO  LOGORA.  SPERIAMO  CHE  LA  SQUADRA REGGA FINO  ALLA  FINE


  2. La squadra è in buona condizione e ha tutto per continuare questo splendido percorso.
    Domenica non si deve far prendere dalla smania di strafare ma concentrarsi per portare a casa i 3 punti.
    Dopo un risultato così pesante serve una rigenerazione mentale, ripartire dai nostri punti di forza e rispettare gli avversari.
    Sono convinto che Gasperini troverà le giuste motivazioni per i ragazzi.
     
    Sempre Forza Atalanta



  3. si,da un punto di vista mentale credo che i ragazzi domenica saranno carichi al massimo...
    certo allora scopriremo se siamo in riserva da un punto di vista atletico.

    io credo che un qualche tipo di calo atletico ci sia stato,non certo da domenica,ma già con la Fiorentina e forse prima,soprattutto in certi giocatori chiave che non si son fermati mai e hanno un tasso di usura elevato per il gioco che fanno (penso al Papu,Petagna,Spina,Jasmin,Remo)...
    non devono pensare al 3o posto,al 6o posto,al Milan,a Icardi,Gagliardini e nemmeno a Cattelan...basta andare e giocare sgombri da pensieri come abbiamo sempre fatto fino a un paio di settimane fa.
    Anche per questo,non mi dispiacerebbe vedere una squadra "garibaldina" come avvenne col Napoli all'andata e con la Samp nel pieno del periodo di mercato


  4. SergiodeBrusa -
     16/03/2017 alle 12:53
    Un saluto a 4-3-3 offensivo e un elogio alla sua sportività .     Detto questo attenzione perche il calcio è così affascinante proprio perché non sempre ha una logica dettata dai numeri ,guardassimo solo quelli aggiunti alle motivazioni delle due squadre Atalanta -Pescara si potrebbe anche non giocare tanto sembra scontata. Ma a differenza di altri sport dove difficilmente una superiorita così evidente viene ribaltata il calcio a volte può riservare delle sorprese. 
    I più attempati ricorderanno quel Roma-Lecce 2-3 dove la squadracapitolina che si apprestava alla penultima giornata a vincere uno scudetto venne ribaltata da un Lecce già retrocesso
    Oppure vogliamo ricordare lo scudetto lasciato a Verona da Van Basten e soci? E la Juventus che ne lascia uno a Perugia?
    La cenerentola  Grecia che batte il Portogallo in casa sua?
    Il calcio è pieno di questi esempi, quindi non abbassiamo la concentrazione e sopratutto non perdiamo la pazienza domenica se malauguratamente dovessimo andar sotto. 
    Zeman non fa della difesa la sua arma migliore e le occasioni nei 90 minuti arriveranno, ci sarà bisogno di tutti ,dalla riserva che entrerà gli ultimi minuti al pubblico che dovrà condizionare gli avversari. 
    Solo così potremo gioire alle 17,00 e lasciare lo stadio felici!
     


  5. Non fai eccezione, ho constatato in questi giorni dalle vs. Parti la rassegnazione che descrivi. Ma dopo una sconfitta ns tanto eclatante tutto è possibile, e sarebbe credo necessario che  portasse i ns in RITIRO ampiamente anticipato


  6. 433offensivo -
     16/03/2017 alle 7:37
    Buongiorno a tutto il meraviglioso popolo della Dea! Il Pescara non è pericolante.....è retrocesso già a Natale. Zeman non ha portato alcun beneficio, anzi forse contro l'Udiense è stato un Pescara ancornpiu brutto di quello di Oddo....la squadra è scadente, non avrete difficoltà a batterci. Tutto sommato la scoppola di S.Siro sarà utile alla truppa di Gasperini per riconcentrarsi e non affrontare questa partita con....sufficienza. un abbraccio a tutti ragazzi. Buona giornata


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.