12-06-2018 13:15 / 7 c.

Risultati immaginiPensata in fretta e concepita male l'idea delle seconde squadre partira' molto in sordina quest'anno per poi svilupparsi l'anno prossimo..

Quest'anno sara' un casino con i posti che salteranno fuori in C se qualcuno fallira' e tenendo presenti i ripescaggi. Insomma, si prevedono non piu' di 2/3 squadre B.

Ci si lamenta di un organizzazione in ritardo e leggi e regolamenti raffazzonati con criteri di scelta che, guarda che strano, sembrano fatti ad hoc per gli squadroni (tipo coppa Italia insomma).

Peraltro ad oggi solo la Juve sembra in grado, manco a farlo apposta, di far partire una seconda squadra. Per non dire che si sta ancora decidendo se queste squadre potranno essere promosse o meno rimanendo comunque nel campionato sotto quello della prima squadra.

Quelle piu' "contro" sono le societa' di C che riceveranno contributi ma che ritengono comunque di perderci nella novita' perche' le seconde squadre potranno schierare giovani sino a 23 anni che impoveriranno comunque tutte le altre squadre.

Fabbricini commissario della FIGC fa capire che quest'anno si navighera' a vista. correggendo gli errori e che comunque una federazione commissariata non hai i poteri di una con piene funzioni ma si dice fiducioso per il futuro.

Bonta' sua perche' le nuvole all'orizzonte di questa iniziativa sono tante. E si cita il caso del Cagliari, che senza tante manfrine e con circa 300mila euro all’anno tiene in vita l’Olbia in Serie C, sfruttandone struttura e, soprattutto, vivaio. Il progetto funziona e sta diventando un modello per tanti.

di Staff




  1. Complimenti al Cagliari: non sapevo di questa strategia.
    Se Andreoletti non fosse un pirla si poteva fare lo stesso con l’Albinoleffe e veder giocare la squadra B al comunale...
    va beh, troviamoci un’altra squadra, non dovrebbe essere un problema 


  2. e in quali stadi giocheranno le seconde squadre?


  3. E quando mai è iniziato l'idillio?


  4. Non capisco perchè l'Atalanta non si sia ancora comprata una squadra in Svizzera... O una squadra satellite in provincia.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.