10-02-2017 04:40 / 32 c.

Sappiamo bene che la ricorrenza e' il 12 Febbraio ma lo ricordiamo oggi, oppure da oggi sino a domenica, visto che poi nel weekend la banalità' della cronaca prendera' il sopravvento sui ricordi e i rimpianti di vent'anni.

 

Ci sono momenti nella vita di ciascuno di noi talmente scioccanti o epocali da farti ricordare per sempre dov'eri e cosa stavi facendo quando questi accadono : l'uomo sulla Luna, l'elezione di un Papa, le torri gemelle di NY , i terremoti, i lutti familiari e cosi via. Momenti che, anche a distanza di molti anni, ti fanno dire "ecco, io ero là in quel momento"

Personalmente la notizia dell'incidente di Chicco Pisani e' una di queste e son sicuro che sarà cosi' per molti di voi.

Ero in un supermercato nell'immediato hinterland bergamasco quando il radiogiornale che veniva sparato dagli altoparlanti mi informo' della notizia : prima descrisse l'incidente mortale di un giocatore atalantino e poi fece il nome di questi.

Ma quanto tempo sia passato tra un'informazione e l'altra quello non me lo ricordo proprio. Sarebbero potuti passare dieci secondi o mezzora, tanto sarebbe stato lo stesso, tanto era lo shock tra la prima e la seconda cosa.

 

Vista a 20 anni di distanza le considerazioni sono due, una ovvia l'altra piu' difficile da spiegare.
La prima è la constatazione di come venti anni siano volati in un attimo senza pero' riuscire a scalfire il ricordo, la seconda che Chicco fosse un predestinato. Predestinato a lasciarci cosi' presto.

Ma ve lo ricordate? l'avevate visto bene?

Con quel testone con i capelli al vento, quel fisico ancora parzialmente acerbo e quel modo di fare al tempo stesso sbarazzino e profondamente educato, sembrava un cherubino delle schiere celesti sceso tra noi a prendersi una boccata d'aria per disimpegnarsi un attimo dal servizio al Capo.
La sua BMW cosi' deformata alla fine solo un ascensore al Cielo per la fine della licenza. Con un ricordo preziosissimo da portare con sè : la sua amatissima Alessandra.

Domenica saranno 20 anni e torneremo a quelle ore convulse, a quel funerale cosi' partecipato e a quella stranissima partita con il Vicenza quando fu chiaro a tutti che c'era lui a spingerci alla vittoria. Perchè solo uno spirito giovane e affettuoso come il suo avrebbe preteso cosi' tanti abbracci dai suoi compagni come quelli che seguirono ad ogni gol in quel netto 3-1 contro i biancorossi.

E poi i lunghi anni, i suoi genitori legati a Bergamo, la Fondazione a suo nome e il pellegrinaggio atalantino alla sua tomba, mai spoglia.


Di tutto mi restera' il pianto convulso di Zoran Mirkovic, lo slavo, un vero duro che aveva portato via di peso la sua famiglia dagli orrori della guerra jugoslava. Se era cosi' partecipe lui, mi dissi, allora Chicco era proprio qualcosa di speciale.

«Muor giovane colui che al cielo è caro», dicevano nella Grecia classica. Mai corrotti dal passare delle stagioni, fiori recisi nel fiore degli anni e poi resi immortali, come chi rimane per sempre nel ricordo dei vivi.

Ciao Chicco, ciao Ale!

 

BY CALEP

di Staff







  1. Ancora oggi mi si riempiono gli occhi di lacrime,mi si stringe il cuore . Un brivido freddo mi attraversa tutto il corpo.

    Un'affettuoso e virtuale abbraccio alle rispettive famiglie.

    Ciao Chicco...

    Ciao Ale...  

    Sempre nel mio ♥



  2. AtalAntonio74 -
     12/02/2017 alle 1:13
    Io ringrazio CALEP ma anche tutti voi per i bellissimi commenti perché dalla commozione che esprimete nei commenti capisco veramente - forse per la prima volta soffermandomi davvero, e mi rammarico non poco di questo... - quano drammatica sia stata questa gravissima perdita anche per la tifoseria atalantina e tutti i bergamaschi come me (che vivo "kilometricamente" distante da voi). Ho i brividi anch'io... un sentito abbraccio alle famiglie di Chicco Pisani e la sua fidanzata, ragazzi splendidi atalantini. 
     





  3. zamò 'inte! ma che magù, amò!


  4. Ricordare qualcuno è ricordare emozioni vissute.

    Nel vostro sorriso le emozioni di due giovani vite che ricorderemo sempre!

    Ciao Chicco ciao Ale!






  5. Ricordo quei bruttissimi momenti ancora alla perfezione. La stretta al cuore che mi prese apprendendo la notizia in ufficio, la telefonata a mio Papà perche' non era vero, non poteva essere vero. E poi la domenica allo stadio in una bellissima giornata di sole che strideva con i sentimenti di tutti noi, i brividi durante il minuto di raccoglimento, la pelle d'oca all'esultanza di Foglio e di Inzaghi ai gol. 
    Chicco sei ancora vivo nei cuori di tantissimi di noi, mentre dribbli spnsierato sulla fascia. Rimarrai per sempre una delle  icone piu' belle della Dea


  6. SergiodeBrusa -
     10/02/2017 alle 19:05
    Ho anche io un ricordo vivissimo sia  della  partita che dell atmosfera che regnava sugli spalti ,nonostante siano passati Vent anni .Un saluto commovente da parte di tutti i tifosi e giocatori presenti a quella partita. Un ricordo di lui che mi è rimasto impresso nella mente ,era la capacità  (nonostante il fisico esile)di resistere alle spallate dei difensori che erano il doppio di lui ,sgusciando via in velocità x merito di quel suo baricentro basso che gli consentiva di restare in piedi .
    Chissà che carriera avrebbe fatto, credo che se esiste una formazione di calcio nell aldilà lui è sicura nell undici titolare. 
    Ciao Chicco sei sempre nei nostri cuori! 
     


  7. Caro Calep,quello che scrivi è la "verità assoluta",ricordo il momento che ho ricevuto la notizia, come ricordo esattamente  cosa stavo facendo quando mai papa e i miei nonni se ne sono andati; ripensando a quei giorni mi ricordo come se fosse adesso Corbani che in trasmissione riesce a stento a trattenere le lacrime mentre ricorda che  aveva aiutato Pisani a fare il nodo alla cravatta perché non era capace e doveva essere intervistato dalla rai,
    Ricordo lo stadio, ricordo la partita con il Vicenza e ricordo la partita infrasettimanale della U 21 con Tacchinardi Morfeo e gli altri atalantino che a stento trattengono le lacrime, e, mentre sto scrivendo mi viene addosso un "magone"............
    Ciao Chicco, ciao Ale


  8. soloatalanta699 -
     10/02/2017 alle 18:29



  9. wilkerberghem -
     10/02/2017 alle 18:04
     
    io ero a lavorare...accesi la radio...studio 54...parlava Miki, e disse..facciamo le condoglianze alla famiglia Pisani ed alla famiglia Midali....
    mi rivedo ancora li...che guardo la radio sullo scaffale...cn lo sguardo che si appanna dalle lacrime..
    Lo conoscevo Chicco...per due motivi...uno perché d'estate quando la casa del giovane era chiusa, mangiava alla mensa di mia mamma...e mi vedevo tutti i giorni e ci parlavo tutti giorni..lui e Simone...Simone Pavan...
    L'altro perché sono nato in città alta,giocavo col fratello di Ale...un portiere mattissimo....e l'ho vista crescere..
    Ancora oggi non riesco anon piangere...é impossibile.


  10. ciao...


  11. forse perche' siamo coscritti..forse perche' da ragazzino cercavo di giocare come lui, piccolo sgusciante dribblomane, ogni volta che leggo o sento il suo nome non riesco proprio a non piangere..
    Che giocatore sarebbe il Chicco con gli schemi del Gasp??
    Da lassu' guardaci e proteggici sai benissimo che noi qui non ti abbiamo mai dimenticato!!
    14


  12. Tutte le volte che leggo qualcosa su Pisani mi commuovo , nonostante i miei anni....
    Mi stavo recando al lavoro a Milano quel giorno e appena sentii la notizia e il niome di chicco
    mi misi a piangere, come penso  tuttii tifosi della Dea che lo apprezzavano per il suo modo di giocare
    e per quel suo modo sbarazzino di essere....
    Pensai al famoso suo Goal segnato alla Roma , a quello prima segnato al Piacenza di testa in quel di Piacenza...
    Partecipai al funerale in città alta salendovi in mountain bike tanta era la gente....
    assistendo poi alla messa in duomo...
    La partita col Vicenza fu qualcosa di estremamente commovente....tutti eravamo consapevoli che avremmo vinto
    anche la vittoria era la cosa meno importante....
    Ricordiamoli alla grande domenica col Crotone lui e Ale....una DEA così bella li farà contenti...
    Ciao Chicco, cia Ale....





  13. Grazie Calep, sto piangendo al ricordo di quei due ragazzi. Sempre nel nostro cuore


  14. Piccolo appunto: finì 4-1 non 3-1 (foglio inzaghi inzaghi).
    Per il resto


    •  ovviamente volevo dire 3-1 non 4-1


      • nostro refuso, abbiamo corretto grazie


  15. crazyhorse200 -
     10/02/2017 alle 12:02
    Quanti anni sono passati mamma mia....mi ricordo bene la sua simpatia, era uno dei pochissimi giocatori della Primavera di quell'Atalanta Storica , la piu' forte di sempre che non se la tirasse, anzi, veramente un bravissimo ragazzo
    2/3 volte siamo stati respinti insieme alle superiori , perche' entrati in ritardo.... via in presidenza....con un bel ripassate domani che e' meglio.
    sempre un sorriso per tutti , sempre disponibile.
    Come e' ingiusta la vita ...... mi ricordo allo stadio atmosfera surreale che spero di non rivivere piu' , con i tifosi con le lacrime agli occhi
    al gol di Morfeo su assist di Foglio che strappa alzando al cielo la sua maglietta, ed al gol di Inzaghi che da una pacca al cartellone con scritto Pisani.
    mamma mia.... che dramma ancora oggi.
    e la chiesa in citta' alta, che strabordava di gente venuta per salutare i due ragazzi.
     


  16. contemascetti -
     10/02/2017 alle 11:38



  17. SuperSaudati -
     10/02/2017 alle 11:27
    ...20 anni fa....una vita fa....avevo quasi 18 anni...credo fosse anche l'ultimo anno che sono stato abbonato alla Dea...  (sono un tifoso "astadico") ...la partita col Vicenza...non la ricordo....c'ero di sicuro...ma non ricordo....  (...ho rivisto la sintesi tempo fa coi gol di Inzaghi..e della partita mi ricordavo quasi tutto....ma non di essere presente...boh...avrò rimosso perchè brucia ancora...)
    ...ricordo invece bene quando ho appreso la notizia..rientravo da scuola...ero al piano di sotto....credo stessi aprendo il frigo per togliere una Coca-Cola...e poi salire in sala da pranzo... mio padre mi disse..."hai sentito che è morto un giocatore dell'Atalanta...."...nel brevi attimi in cui lui mi stava per rivelare il nome...mentalmente scorsi la rosa della squadra....cercando di capire...l'elenco non era arrivato a quel nome.... perchè quando lo sentii.....pensai subito...quello era l'ultimo che volevo sentire...."tutti ma non lui....."....non può essere proprio Pisani.....
    ...perfino ieri leggendo (dopo pranzo...nel solito ristorante) il trafiletto che ne parlava sulla gazzetta dello sport... ho dovuto lottarea contro me stesso...per non mettermi a piangere lì in mezzo a tutti....  è una ferita sempre aperta....nascosta in un angolo.....ma appena qualcosa la va a sfiorare....si fa sentire davvero come fosse ieri....


  18. Pèl de poia ogni volta che rivivo quel giorno e rivedo le immmagini di quella parita.il giorno in cui giunse quella notizia credo sia stato il più brutto per un tifoso della dea.


  19. atmosfera che nn dimenticherò in quella partita col Vicenza, tutti (in campo e fuori) erano con Voi ..
     
    Il vostro sorriso non ci ha mai lasciato..


  20. atmosfera che nn dimenticherò in quella partita col Vicenza, tutti (in campo e fuori) erano con Voi ..
     
    Il vostro sorriso non ci ha mai lasciato..


  21. A leggere le parole dell'articolo mi vengono ancora i brividi seppure a tanti anni di distanza.
    Il cielo sembrerà più piccolo con te che corri e dribbli tra le nuvole. Ciao Chicco Ciao Ale. Questo è lostriscione che ricordo io esposto in curva nord.
    E mi viene ancora in mente quello che ho pensato da quando è successo l'incidente. Maledetta Milano Laghi, ridacci il nostro Chicco.


  22. Non ricordo il giorno e l'ora in cui appresi la notizia..  ma ricordo bene la partita con il vicenza, e lo striscione della curva...
    ricordo le corse verso la maglia di Chicco... mi vengono ancora i brividi sulla pelle..


  23. 20 anni ma sembra ieri....
    Ciao Chicco, ciao Ale


  24. Calep  da strappalacrime *


  25. nonostante il tempo passato,quando arriva questa data la sensazione torna sempre uguale.
    la notizia la ricevetti all'arrivo a scuola,da un compagno di classe milanista,che non ricordava il nome del giocatore...
    i cellulari ancora non c'erano nelle nostre vite...dovetti attendere l'uscita da scuola e telefonare a casa. Negli stessi giorni se ne ando' anche mio nonno dopo una lunga malattia.
    il sole di febbraio di quella domenica col Vicenza,l'aria,non la dimentichero' mai. il tempo era stato orribile per giorni,quella domenica spunto' il sole
    e quei gol cosi' belli,cosi' rabbiosi,cosi' inutili...a rivederli ora sono una vera celebrazione di quanto vana eppure splendida e' la vita. allora sciolsero davvero il cuore di tutti...



Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.