13-07-2017 18:40 / 20 c.

LETTERA AL SITO


Finalmente siamo tornati in Europa. Mi sembra di averla lasciata da poco, ma sono già passati 26 anni! Forse perché mi sento ancora un ragazzino (nonostante sia negli “anta”), forse perché è sempre stato un sogno ricorrente, che talvolta sembrava alla portata, salvo poi svanire (col Vava e con Del Neri). Negli ultimi anni cominciavo a dubitare potesse succedere di nuovo, ed invece ce l’abbiamo fatta.

Meritatamente, con un gioco spumeggiante, con tanti giovani, meritando tutti i punti conquistati e senza rubare nulla. Anzi, in alcune partite abbiamo raccolto meno di quanto seminato. E non oso pensare cosa sarebbe successo se non avessimo avuto quella partenza ad handicap nelle prime 5 partite…

Ma adesso vedo un po’ troppo entusiasmo. Non tanto per il risultato ottenuto (quello è più che lecito anzi, è doveroso!), ma per il futuro. Adesso in molti, complice anche un sontuoso mercato, ritengono che sia iniziato un ciclo che ci vedrà costantemente nelle primissime posizioni per parecchi anni. Certo, anche io penso che siano finiti (toca fèr…) i tempi in cui era “fisiologico” retrocedere e che, grazie a questa dirigenza, la stabilità nella massima serie sia ormai acquisita. Che non è affatto una cosa da poco. Ma dire che nei prossimi anni frequenteremo abitualmente le competizioni europee mi sembra un po’ azzardato.

Perché per me questa è stata un’annata perfetta, e siamo arrivati quarti. La società ha avuto pazienza e l’ambiente è rimasto calmo sia all’inizio che dopo la scoppola di san Siro. Ma tutto è girato per il verso giusto. E’ stato un insieme di fattori positivi e tutto è andato bene. Mi spiego. Sarebbero state sufficienti un paio di partite storte (ad esempio non fare alcuni gol in zona Cesarini con Inter, Roma ed Empoli all’andata) ed ora magari saremmo stati settimi o ottavi, risultato che sarebbe stato comunque ottimo. Ma non straordinario come quello appena ottenuto. Ecco: straordinario. Che vuol dire fuori dall’ordinario, fuori dalla consuetudine. E per questo difficilmente ripetibile. E, mia opinione, anche se dovessimo mantenere (anzi, avessimo mantenuto) intatta la rosa dei giocatori, il risultato del prossimo campionato non sarebbe lo stesso.

Perché per andare in Europa bisogna sperare che almeno un paio delle squadre più ricche “sbaglino” campionato, e dal prossimo anno anche le due squadre cinesi potranno disporre di budget enormi. Certo, l’equazione più spese, più risultati non è mai verificata, però è vero che sarà sempre più difficile arrivare davanti.

A me piacerebbe, senza dire un’eresia, ricalcare la parabola del Torino. Società solida che propone buone squadre. A volte riesce a centrare la qualificazione in Europa, a volte no. Ma rimane sempre nella parte sinistra (o centrale) della classifica, in un’ipotetica “seconda fascia”, acquistando i giocatori migliori dalle squadre che lottano per non retrocedere.

Io sono entusiasta della nostra dirigenza. Difatti la programmazione è in quella direzione: stadio di proprietà, investimenti importanti nel settore giovanile, giocatori di prospettiva, così come sta dimostrando nel’attuale sessione di calciomercato. E quindi i risultati arrivano ed arriveranno. Senza però dimenticare che siamo l’Atalanta, non il Barcellona (ops, questa l’aveva già detta qualcuno in un altro contesto).

Magari, cercando di mantenere un certo equilibrio nei giudizi. L’anno appena terminato ne è l’esempio: ad inizio anno, dopo la partita in casa con il Palermo, per molti eravamo già retrocessi. A gennaio, invece la vox populi affermava che avremmo smantellato la squadra cedendo tutti i giocatori più richiesti. Alla fine solo Gagliardini se n’è andato, ad una cifra monstre, alla quale era impossibile dire no. E lo stesso in questi giorni (come del resto ogni estate), in cui tutti pareva che tutti dovessero andarsene. Perché, parafrasando il buon Boskov: “calciatore se ne va, quando il contratto è firmato”.

Quindi evitando sia di pretendere risultati ogni anno, sia di lamentarsi per un’eventuale mancata qualificazione europea in futuro. Perché, sperando di sbagliarmi, quest’anno sarà un’eccezione e non la regola.

 

Ago76

di Staff




  1. Oltre a tutte le possibili variabili in positivo o negativo che sono state già evidenziate occorre sottolinere che nel calcio conta tantissimo il fattore "testa" ossia a livello psicologico di mentalità di squadra. Lo abbiamo visto lo scorso canpionato dove nel girone di ritorno con un obbiettivo ben preciso abbiamo perso solo due partite su 19 e fatto diventare la scoppola di MIlano il punto di forza.
    Voglio cioè dire che, raggiunto un buon livello tecnico tettico di squadra la differenza per raggiungere e rimanere a certi livelli dipende dalla mentalità che si diffonde nella squadra e nell'ambiente societario. Se quest'anno manterremo la stessa mentalià vista los corso campionato io credo che nelle prime sei ci potremo stare ancora. La posizione precisa (a parte la prima posizione dove vedo il Napoli con buone possibilità) dipenderà dal resto


  2. Io non vedo l'ora di gustarmi ogni momento dell'avventura europea di essere all'altezza, poi succeda quel che succeda, ma quest'avventura me me la voglio godere fino in fondo......


  3. Mi son goduto la passatastagione.
    Mi godro' la veniente.
    Presentazione,
    calendario, sorteggio EL
    e..........trasferte!!
    poi, come cantano i "perfidi albionici"....
    CHE SERA' SERA'!! ..............THE FUTURE IS HARD TO SEE! CHE SERA' SERA'!!
    ps: FORZA FABBBIOOOO!!!!
    (Aae i ...francesi che si icazsano, che le @@ ancor gli girano!!


  4. Tutti scudettati ad agosto


  5. Caro AGO, prima di tutto vorrei salutarti con affetto sperando che tutto ti stia andando per il meglio. Riguardo al contenuto della tua lettera sono invece in disaccordo, mi rivedo nel pensiero espresso da PRYTZ. E’ innegabile che in questa stagione tante cose siano “girate bene”, e concordo sul fatto che anche confermando esattamente la stessa squadra sarebbe difficilissimo ripetersi. Ciò detto, le fondamenta della rivoluzione culturale gasperiniana, che ha fantasticamente sconvolto la Bergamo sportiva, sono proprio il coraggio, la positività nonché una certa sfrontatezza dell’approcciare le gare, i campionati. Quindi, se è vero che qualcosa quest’anno potrebbe girare meno bene (ma non è detto, per non saper ne leggere ne scrivere mi tocco …), è altrettanto vero che partiremo con molte più certezze, sia tecnico-tattiche che morali. E mi pare che la squadra che la società sta costruendo sia, come rosa, decisamente più forte di quella dell’anno scorso, con giocatori mirati nei vari ruoli ed un paio di colpi in canna che arriveranno da qui a fine mercato. Inoltre non sottovaluterei il fatto che, ad oggi, la Roma si è sensibilmente indebolita, la Lazio anche, la Fiorentina è un caos totale, e le milanesi vedremo. Perché cambiare così tanto come ad esempio sta facendo il Milan è molto rischioso, sulla carte tutti sci dettati ad agosto ma poi sul campo le cose cambiano. Quindi, anche grazie ad un Mister sempre inflessibile nell’atteggiamento e nell’approccio al lavoro ed alla gara, sono fiducioso che nei prossimi anni si possa stare regolarmente nelle prime 8-9. Poi ovvio che c’è la stagione top e quella più “normale”, ma questo vale per noi come per tutte le altre squadre. Fiducia ed ottimismo !!! 


    • la fiorentina e' un caos totale
      questo significa ...minimizzare!


    • simu_de_reduna -
       14/07/2017 alle 10:35
      Ciao,
       
      mi inserisco nel discorso perché, da lettore esterno, non mi sembra che il tuo commento sia così opposto a quello di Ago76. Mi spiego meglio.
      Penso che siamo tutti d'accordo nel dire che, oggettivamente, l'aria pare essere cambiata: giovani nostri e da fuori (con tanta fame), progettualità, giocatori provenienti da campionati europei e rosa completata con giocatori che, anche solo un paio d'anni fa non sarebbero mai arrivati o rimasti (Gomez e Ilicic). Ci sono tutte le premesse quindi per fare un'ottima stagione, considerando anche che nonostante i molti arrivi l'ossatura della squadra (Berisha, difesa, Spinazzola, Freuler, Gomez, Petagna) rimarrà quella dello scorso campionato.
      Però.
      Però sono premesse. A decidere sarà il campo: sembra banale, me ne rendo conto, ma nel discorso campo entrano in gioco anche altri fattori come la fortuna (Ago76 ha citato i gol in extremis, io ne ricordo altri), l'ambientamento dei nuovi e, soprattutto, il modo in cui si pongono gli avversari, cosa che cambia tantissimo.
      In sintesi la mia opinione è: si stanno gettando basi come mai si era fatto prima, c'è entusiasmo per le nuove avventure che arriveranno ed una fiducia incredibile verso società, mister e squadra. Ma teniamo i piedi per terra, la testa bassa e l'idea che si debba comunque giocare da atalanta.
       
       


  6. D accordo con la lettera
    Più di tutto, e soprattutto per i tifosi, conterranno i risultati
    Se pur giocando con intensità, che con Gasperini sembra la regola, non arrivassero vittorie vedremo cosa succederà 


  7. È giusto sostenere che i risultati sono anche frutto di episodi. Ma se quest'anno l'Atalanta semplicemente mostrerà la stessa qualità, voglia di vincere, grinta e determinazione dello scorso campionato (e col Gasp non c'è da dubitarne), per me varrà uguale a prescindere dai record. E, ne sono certo, di soddisfazioni ce ne toglieremo tante.


  8. ROMAGNANEROBLU -
     14/07/2017 alle 0:34
    Con questo Mister potrai arrivare primo o ultimo in campionato ,ma avrai la certezza di giocartela sempre x vincere e questo è e rimarrà una sensazione impagabile Lo spettacolo e le emozioni sono il sale della vita e la Società sta crescendo in maniera esponenziale 


  9. Sono d'accordo con la tua lettera. Sicuramente é stata un annata eccezionale.

    Si dice che l'appetito vien mangiando ma è necessario essere realisti.
    La campagna acquisti mi sembra di alto livello ma sarà difficile affrontare il campionato e l'impegno Europeo.
    Quante volte si pensava di avere un rosa di giocatori di livello  e siamo precipitati ?
    All'inizio di questo campionato avevamo mille dubbi e la prospettiva della solita lotta per mantenere la categoria.
    Sicuramente Gasperini ha dimostrato grandi capacità organizzative, ci ha regalato un organizzazione di gioco di alto livello ma la maggior parte dei tifosi dopo poche partite l'avrebbe "esonerato" con il timbro di incapace.  I remember
    Se riusciamo a tenere una posizione di classifica senza troppe sofferenze e tentare qualche raid nelle coppe sarebbe un risultato eccezionale.
    Poi è normale che tutti vogliono sognare e quindi se vinciamo uno scudetto va benissimo.
     
    Sempre Forza Atalanta

     


  10. E il nosto periodo di gloria!!! 
    Cavalchiamo l Europa, e il campionato!!
    Siamo una squadra fortissima con nuovi giocatori e con il 
     
    ogni partita una battaglia.......un solo obiettivo per ogni partita.......vincere!!!!!!!!


  11. Dopo un campionato da pel de poiasempre più convinto di fare ancora un anno da brividi


  12. Adesso mi stroncherete, ma il mio sogno - più che ripetere la posizione in classifica - è ripetere il gioco espresso, avere la certezza che andando all'Atalanta ci si potrà divertire, vedendo una squadra che predilige il gioco alle barricate. 
    E con  credo sia possibile!


    • Io invece la penso come te, se devo dare una % godimento da gioco 80, da risultato 20. In vita mia (e so più vicino au 60 che ai 50) MAI ho visto giocare con tanta intensità dentro fuori le mura. Con cola tremavo ad ogni azione avversaria e stavamo troppo nella nostra metà campo. Con reja meglio ma il buco nero della parte centrale mi aveva in parte tolto parte dell'ottimismo. Con gasp ogni partita  dopo le prime 5 è stato un babà da gustare Dino all'ultimo


  13. Mentalità vincente e consapevolezza nei propri mezzi , che non sono scarsi. Poi si sa che partite non si vincono con i nomi, ma non ho dubbi che non ci sia in itaglia una squadra che ha già battuto la Dea in partenza. Prima c"erano ... 


  14. quest'anno Ago76 non accetto di dover parlare di salvezza o parte destra o sinistra,siamo arrivati quarti e abbiamo ambizioni. il presidente a speso e anche lui e gasato non penso a niente che non sia dal 7°posto in su,basta fare i modesti tutti devono temerci(troppi anni di bassi profili) e noi dobbiamo essere i primi a crederci,dopo lo so che non durera in eterno ma ora mi godo sto momento FORZA DEAAAAA


  15. Totale disaccordo con questa lettera ..
    C'è entusiasmo nell'ambiente dei tifosi - così mi sembra - e mi pare pienamente giustificato ..
    è la solita storia , molto da CODARDI, della Scaramanzia , per cui se le cose sono andate bene bisogna mettere le mani avanti ..
    di fare i pessimisti son capaci tutti, si rischia di avere ragione ..
    ma è molto meglio rischiare di avere torto avendo però una sterminata fiducia nella squadra che abbiamo adesso ..
    Razionalmente parlando, è più forte dell'anno scorso , con un mercato eccezionale ha una quantità di promesse abnorme e basta che solo una parte di queste siano mantenute per spiccare il volo ..
    No, se entro fine agosto non scappa nessuno , se Gasperini ha voglia di rimanere e lavorare bene, se non emergono malumori per la difficoltà di torvare posto negli 11, quest'anno si batteranno i records dell'anno scorso ..
    Ed è giustissimo che ci sia entusiasmo


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.