Clicca sulla barre nere per andare ai commenti relativi










































































Ha scritto in riferimento a: "IL NERO E L’AZZURRO – Brillano le stelle della Dea" il giorno 21-02-2020 14:20:37


AZZURRO: CHE SPETTACOLO! CALCIO ARTISTICO!
Normalmente vedo le partite alla televisione perché abito molto lontano da Bergamo. Ma l'altra sera ero a San Siro e dall'altezza vertiginosa del terzo anello rosso ho ammirato con stupore il disegno dei movimenti dei nostri giocatori in campo, l'armonia dei passaggi, lo spostamento corale di quelli senza palla. Ogni gol un'opera d'arte. Se introducessero il "calcio artistico" noi saremmo campioni!

AZZURRO:(non mi uccidete) Muriel non in campo. Molti hanno osservato che forse inserirlo sarebbe stato utile per favorire la sua velocità nei contropiede. Forse mi sbaglio, ma per me il Gasp lo sta facendo soffrire in panchina come gli antichi romani facevano soffrire i leoni tenendoli in gabbia a digiuno. Per me sta aspettando il momento giusto per buttarlo nell'arena pronto a sbranare come un leone affamato!

AZZURRO: il tifo, la gente, DA BRIVIDI! Sono sicura che anche al Mestalla risuoneranno nelle orecchie e nel cuore dei nostri giocatori gli incitamenti del popolo atalantino. 

AZZURRO: (non mi uccidete) il gol preso. Sicuramente il Gasp ci sta lavorando sopra. Guardare questa partita è come vedere l'Atalanta con la lente d'ingrandimento ed è sicuramente preziosissima per valorizzare i nostri punti di forza ma soprattutto per il focus sulle tante cose da migliorare in difesa.

AZZURRO: SASSUOLO LECCE LAZIO tre partite da vivere con la massima serenità, col sorriso del Papu ad ogni inizio. Non intralci ma opportunità per testare meglio la nostra difesa.

AZZURRO: (non mi uccidete) l'assenza di Djimsiti. Perché così si è reso necessario l'impiego di Caldara. Testarlo in una partita così decisiva e comunque vincente per me è stato molto importante.

NERO: la notte passata in bianco per l'adrenalina in circolo ancora non del tutto smaltita!














Ha scritto in riferimento a: "IL NERO E L’AZZURRO – Brillano le stelle della Dea" il giorno 21-02-2020 13:55:40


E' il punto piu' ALTO "FINORA" raggiunto nelòla ns "S"toria. Non puo' che esserci un cielo blu-cobalto.

Ma......

Prima della gara mi auguravo di ridurre al miniimo gli errorio difensivi: beh, se le 6 nitide palle gol (un palo) sono il minimo......qualche riflòessione si impone (anche perch' lo stesso Vate lo ha rilevato a fine gara.............

Nero.

-Certe giocate SUPERFICIALI e SUICIDE (paassaggio in orizzontale ad caxxum sul gol subito e tante altre dietro): 

Se passeremo il turno .....troveremo squadre che fanno pagare il minimo errore.......CONCENTRAZIONE PALOOO!

- il Portiere: incerto in piu' di una occasione: ma cosa sta' accadendo al Zuuen musicista?problemi....at home?

-LA prima sostituzione: il Vate ne ha spiegato le sue ragioni (non avendo un difensore di ruolo, dentro la punta per tener su palla).

Ma, se la punta designata e' aancora "fuori forma" e di palla nonn ne tiene su una, non era meglio mettere il Malinowski???? Zapatone ' per noi IMPORTANTISSIMO, ma lo e' se E' in forma, senno' giochiamo in 10 e non teniamo palla....mandando tutta la squadra in difficolta'.

Azzurro Cobalto ut supra. Serata mai sperata ai tempi della C o del "pika so".

Azzurro supercobalto: nonostante i ns ripetuti errori, abbiamo SUBITO un SOLO gol!!! Acciderbolina ke kul!!!

Azzuroda pians: riempire S.Siro di cuori neroazzurri atalantini......speria accada ancora....due VOLTE!!!



PS: e se le tre che dovevamo perdere in questa edizione di Champions....le avessimo gia' perse all'inizio......

Beh, allora, a logica.....................TRUPPA, allenatevi BENISSIMO sui rigori!!!





Ha scritto in riferimento a: "IL NERO E L’AZZURRO – Brillano le stelle della Dea" il giorno 21-02-2020 13:47:21


Sbagliatissimo il concetto non è assolutamente quello e come ha detto correttamente freddykatz il problema non è stato sul gol subito per l ' errore di palomino perché non era una situazione scomoda .

 

Il problema è stato un ' altro , a volte si sono fatti errori in disimpegno , ma il problema reale è che si è voluto impostare quando eravamo chiusi e pressati dove era molto difficile impostare , ed è molto lodevole la cosa , ma non mi sembra proprio ideale andare a creare palle gol favorevoli per l ' avversario per tentare di giocare in situazioni in cui sei chiuso e pressato .

 

Ci sono situazioni in cui puoi rischiare , dove puoi fare movimenti per portare via l ' uomo anche se sei pressato e creare spazi per fare la giocata , mentre ci sono situazioni in cui se sbagli vai a favorire molto l ' avversario e questo è accaduto un po' di volte mercoledì sera .

 

In più ci sono anche momenti dove devi e sei costretto a rischiare ma non mi sembrava ne la partita ne la situazione perché

 

l ' avversario l ' avevamo in totale controllo

 

 

ne mi sembrava la partita perché eravamo in champion e i gol per la squadra in trasferta valgono doppio quindi non mi sembrava il caso di andare a regalare gol e di farli segnare perché non riuscivano loro .

 

A toloi è capitato un paio di volte di trovarsi in situazioni in cui era chiuso ed era difficile impostare e ha lanciato lungo senza farsi troppe storie ne senza farsi troppi problemi e non penso sia stato rimproverato da  dopo la partita .

 

Questo non vuol dire snaturare un credo o non fare più il nostro gioco e francamente sono discorsi ridicoli e di una pochezza insensata , ma vuol dire saper leggere e capire i momenti e situazioni in cui puoi rischiare e momenti in cui puoi non rischiare .

 

 

E quando si dice che l '  corre dei rischi sono anche per altre cose , non parlate di luoghi comuni per sentito dire e senza sapere perché mischiate le cose senza ragionare .










Pagina 1 | Pagina 2 | Pagina 3 | Pagina 4

Website Statistics