25-03-2020 12:00 / 23 c.

Risultato immagini per bombardini atalanta

“Parlare col senno di poi sostenendo che Atalanta-Valencia non sarebbe stata da disputare è inutile”. Parola di Davide Bombardini, ex giocatore nerazzurro oltre che di Palermo, Salernitana, Roma, Bologna e Albinoleffe, interpellato da Mediagol“Stamattina ne ho discusso con due amici procuratori di Bergamo e anche loro imputano potenzialmente la pandemia di Coronavirus scoppiata a Bergamo col bagno di folla a San Siro in Champions League, osserva l’ex centrocampista offensivo mancino.

“Col senno di poi il calcio avrebbe dovuto fermarsi prima, ma si sa che in Italia è l’ultima cosa che si pensa di poter sospendere. Non serve a niente dire adesso che l’Uefa non avrebbe dovuto far giocare quella partita a porte aperte– il ragionamento del romagnolo classe 1974 -. Probabilmente il contagio era già in corso anche a Valencia. Ora come ora anche a Milano da una quindicina di giorni ci atteniamo a regole ferree: mia figlia non va più a scuola da un mese, io esco di casa solo per fare la spesa. Bisogna usare precauzioni per rispetto di tutti, i primis i medici che negli ospedali salvano vite”.

fonte: Bergamo&sport



di Sigo




  1. Ho letto proprio ora che il virus sarebbe in giro in Italia dai primi di gennaio, quindi di cosa stiamo parlando?


  2. maracaniggia -
     25/03/2020 alle 15:29
    Della storia di Atalanta Valencia si è cominciato a parlare SOLO DOPO la lettera di Cuginus al sito.


    • ? Se non ricordo male cuginus scrisse di avere avuto i sintomi già dal giorno seguente.
      Quindi il virus l'aveva da prima....


  3. quello che è successo al pronto soccorso di alzano invece tutto normale? 


    •  Esatto. Oggi purtroppo ospedali e case di riposo della bergamasca sono le zone più infette. Dirigenti della tanto decantata sanità lombarda hanno mandato allo sbaraglio medici e paramedici senza un minimo rispetto dei protocolli necessari a limitare i focolai, così gli ospedali si sono infettati all'inverosimile, diventando la principale fonte di contagio. Altro che Atalanta-Valencia. 


  4. Ormai si è capito che stanno tutti cercando un episodio che possa aver scatenato la genesi e quella partita è entrata ormai nella vulgata e non nr uscirà più.
    Io a tutti questi vorrei semplicemente chiedere quanto è andata avanti la normale attività lavorativa in ogni dove dopo quella partita prima della chiusura di quasi tutto?
    Quanta promiscuità di contatti successiva ed antecedente tra mezzi pubblici, uffici, supermercati e posti di lavoro in genere hanno contribuito a diffondere il virus?
    Che durante quella partita ce ne sia stata una occasione è sicuramente vero ma come in qualsiasi altra attività.
    Peraltro essendo tra i presenti attorniato da un sacco di amici fortunatamente posso testimoniare che ad oggi non mi risulta da alcuno di loro che abbiano contratto questa malattia. Quindi quanto potrebbe essere la reale e non ipotetica incidenza dell'avvenimento in questione?


    • Ma i migliori sono gli pseudovirologi che per rafforzare questa tesi conteggiano i 45000 rispetto ai 120000 di Bergamo citta', non pensando neanche un minuto che Bergamo provincia fa piu' di un milione di abitanti e i tifosi sono arrivati da ogni zona della bergamasca..


    • esatto oscar io ho l'esempio di un paese intero ....1000 anime piu di 50 allo stadio.
      primo infetto 12 marzo, primo morto il16 ,seconda vittima ieri.......BASTA.
      direi che in molti hanno paura di vedersi saltare la poltrona sotto il culo a fine emergenza.COSI SARà, ma tranquilli che confindustria avrà comunque un posto riservato x gli amici fedeli.


      • x i dislike ......confindustria troverà sicuramente un posto anche a voi
        visto che a fine emergenza si sarà liberato qualche posto tra la carne da macello 


      • PIER73ALBINO -
         25/03/2020 alle 18:15
        Il 12 marzo? La partita si è disputata il 19 febbraio, 3 settimane prima. Allora i 14 giorni che tutti usano come periodo di quarantena non sono sufficienti...


        • ciao pier è mia opinione che nel caso specifico del mio paese il virus si sia diffuso con le banconote
          qui i pagamenti al 90% vengono effettuati ancora cosi.....oppure come già scritto i 14 gg sono una bufala 


  5. Questa storia ha stancato davvero tanto.
    Pure lui e' diventato il 27° infettivologo che traccia il percorso del virus....


  6. "stamattina ne ho discusso con due amici procuratori di Bergamo" ...usti non sapevo che c'era un convegno di luminari in medicina a saperlo mi collegavo purei io in videoconferenza...dai bombardini lasa pert 


  7. ma che palle con questa storia.
    NON E' VERO.........depistaggio.
     


  8. Io non capisco perchè ci si deve dannare a difendere la possibile mega-diffusione del virus in occasione di Atalanta-Valencia. E se anche fosse? Cosa ha fatto di tanto scandaloso il popolo atalantino? Ha compiuto qualche illecito, si è sbeffeggiato di qualche divieto? La vergogna, se mai, sta da un'altra parte ed è già stata ben evidenziata da Rudenko. Ma di cosa stiamo parlando visto che la stretta su "tutto quanto non strettamente necessario" è arrivata 3 giorni fa? Non facciamoci troppe pippe, qui di untori non ce ne sono: solo e unicamente vittime e parte lesa.


  9. Un altro  stordito ...


  10. Col senno di poi de che? Zero casi accaduti in Italia e partite regolari ovunque con più spettatori addirittura.... Boh


  11. Tutta colpa della partita, non della mancata chiusura della bassa valseriana, non del fatto che nonostante la dichiarazione di emergenza nazionale il governo non abbia provveduto a prendere alcun provvedimento, non abbia diramato comunicati a pspedali e strutture sanitarie, che politici e cosiddetti esperti abbiano fino all'ultimo minimizzato (quando non invitato la gente ad esporsi a grossi rischi : lo slogan "abbraccia il cinese" lo ha inventato la chi poi si è ritrovato positivo )! Scusate ma io che adesso mi trovo a lavorare in ospedale mettendo a rischio l'incolumita' mia e dei miei genitori anziani. Ob posso dimenticare! E trovo osceno questo scaricare la colpa sulla partita! 


  12. la giorgia sempre sudata



    • CON QUALCU ALTRO NON E' PIU CON LUI TNTO PER RENDERTI EDOTTO.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.