05-04-2020 13:05 / 61 c.

Burioni: “Quando potrà tornare il calcio: serve tempo! In Italia 6 milioni di contagiati”

Per fare il punto sull’emergenza coronavirus, Tuttosport ha intervistato il dottor Roberto Burioni, uno tra i più noti virologi italiani. Ecco alcune delle sue dichiarazioni, anche sulla possibile ripresa della Serie A.

NUMERI – “Quasi 120mila casi in Italia? Prima di tutto partiamo da un concetto: che questi numeri hanno veramente poco significato. Una stima indipendente che è arrivata dagli epidemiologi dell’Imperial College di Londra ha quantificato gli infettati in Italia in un numero non troppo lontano dai 6 milioni di persone. Quei numeri sulla diffusione del contagio che ricordava lei nel pormi la domanda riguardano solo i tamponi che facciamo, non rappresentano il vero numero delle persone che sono state infettate. Ci sono piuttosto altri elementi che sono molto importanti. Per esempio gli accessi al pronto soccorso. E questi non sono finti, perché quando una persona non respira viene portata, per l’appunto, al pronto soccorso. Oppure gli ingressi in terapia intensiva: quando un malato peggiora. Ecco, questi elementi sono fortunatamente in calo nel nostro Paese. Il che ci fa pensare che la risposta di grande sacrificio che tutti abbiamo messo in atto in queste settimane abbia già dato un primo frutto”. 

PARTITA DA VINCERE – “Sto parlando a un quotidiano sportivo, quindi mi piace proporre una metafora calcistica. Diciamo che siamo andati subito sotto di 3 gol, ma dopo 20 minuti fantastici si è arrivati al 3 a 3. Però la partita bisogna vincerla, perché poi possono di nuovo segnare anche gli altri. Ebbene, ci troviamo in questa situazione. Abbiamo ripreso una situazione di svantaggio molto grave e adesso dovremo sfruttarla bene. Questo non è il momento in cui la difesa possa distrarsi, perché sarebbe davvero un peccato che una partita rimessa in piedi venisse pregiudicata da una distrazione: chessò, magari del portiere che rinvia sui piedi dell’attaccante avversario. Quindi, restando nella metafora sportiva, occorre subito dire che il pareggio non basta: dobbiamo vincere. E allora è indispensabile tener duro, stare ancora a casa e seguire le prescrizioni che ci arriveranno”.

RIPRESA – “Dovremo certamente convivere con questo virus almeno per qualche mese, poi speriamo che arrivi un vaccino che ci liberi definitivamente da questa minaccia. Se avessimo un vaccino, sarebbe tutto risolto. Ma il vaccino non c’è e allora dobbiamo pensare a una ripresa solo graduale delle nostre attività. Indicare una data adesso per la fase 2 non ha molto significato, perché in questo momento, chiaramente, dobbiamo aspettare che i numeri comincino a calare. Però io penso che a un certo punto potremo riprendere pian piano: ma non tutti insieme, certamente. Perché gli anziani, per esempio, che sono molto più in pericolo, dovranno rimanere in casa. E non potremo riprendere subito tutto come prima. Certamente dovremo adottare alcune precauzioni, come l’uso delle mascherine”.

CALCIO – “Quando si potrà tornare in campo? Devo essere sincero. Già da molte settimane non seguo più il calcio. Io sono tifoso della Lazio, lo sapete. Ma l’arrivo di questa minaccia non mi aveva già permesso di vedere alla televisione le ultime due partite che si erano disputate. Tra l’altro la Lazio aveva anche giocato bene e vinto. Non sto più seguendo nei dettagli cosa stia succedendo nel mondo del calcio, però è bene dire a tutti che in questo momento ci sono argomenti ben più… pressanti. E lo dico io per primo a me stesso, che per l’appunto sono un grande appassionato e che tifo per una squadra che stava anche disputando un campionato molto bello. Purtroppo mi trovo in grande difficoltà a fare una previsione. Io penso che in questo momento sia indispensabile attendere ancora qualche settimana prima di progettare una possibile ripresa del calcio e di tutti gli altri sport. Prima, dovremo vedere cosa accadrà quando ricominceremo a uscire di casa. E anche che cosa accadrà con l’arrivo dell’estate. Temo però che fino a quando non avremo qualcosa di risolutivo contro questo virus sarà molto difficile rimettere dentro a uno stadio alcune decine di migliaia di persone: tutte insieme, tutte vicine, che si abbracciano quando la loro squadra segna. Temo che per un po’ di tempo dovremo vivere questa nostra bellissima passione in un modo un po’ diverso. Sarà un sacrificio che dovremo fare. Ma sono anche sicuro che poi un giorno torneremo a godere del calcio e di tutti gli altri sport, così come ne abbiamo goduto fino a oggi. O meglio: fino a ieri”.

fonte sosfanta.calciomercato.com



di Marcodalmen




  1. No Burioni no...personaggio che non accetta confronti e che offende, senza rispetto, chi non la pensa come lui...le persone credibili, a mio parere, sono altre...non chi porta avanti la scienza di big pharma senza porre e porsi un benché minimo dubbio!
     


    • Cortesemente, almeno qui, non diamo visibilità a personaggi che ne hanno già da vendere e che, a mio parere, non la meritano... 


  2. Cristo....non riesco nemmeno ad argomentare una risposta al fenomeno che ha derubricato Burioni a   "trombetta di regime"....fantastico .


    • Ha ragione, concordo con Andrea. Questo signore porta audience, non si spiega il motivo che è in televisione un giorno si l'altro no. Inoltre se un capo qualunque avesse detto a gennaio ai propri dipendenti che la ditta era sana e dopo due mesi la stessa ditta fallisce , avrebbe ancora molta credibilità secondo te??? Ah dimenticavo, siamo in Italia.Buona serata e volemosene bene comunque. Ciaoooooo 


  3. Andreaneroblu -
     05/04/2020 alle 18:50
    Sinceramente non mi sarei mai aspettato un POST di Atalantini.com in cui - a essere preso come esempio ci fosse quel personaggio insignificante e discutibile qual è 'sto Burioni, un altro di quelle trombette stupide di regime. Ma tant'è...


    • Ma renditi conto di ció che scrivi


      • Me ne rendo perfettamente conto sì di quello che dico. C'è qualche problema? Hai problema con chi non è allineato al pensiero unico di regime? A parte che questo buffone di Burioni sosteneva (fine gennaio) che questo virus NON era un problema, salvo poi allinearsi alla pletora di scienziati politicamente corretti che hanno regali e privilegi da questo sistema che vuole un certo tipo di Sanità (smembrata in questi ultimi quindici anni.. e ne vediamo le conseguenze) e da un certo tipo di medicina o farmacia funzionale alle multinazionali farmaceutiche e NON alla salute delle persone!! Tutto questo a prescindere dal corona virus, ovviamente.. in quanto a questo scemo di Burioni, questo a fine gennaio invitava tutti a considerarlo un raffreddore.. So bene cosa sto scrivendo. Impara tu a rispettare le idee degli altri e contestane i contenuti, tutt'al più.


        • Andreaneroblu, il "pensiero unico di regime"  sarebbe quello di chi non la pensa come te, giusto?
          P.s. Quando arrivera' un vaccino per il coronavirus, mi aspetto che per coerenza tu non lo faccia, essendo sviluppato da "big pharma" 


          • Sta pur sicuro che di vaccini non ne faccio. Ci tengo alla mia salute. Nel periodo che precedeva il corona virus, nelle zone bergamasche di Sarnico hanno proceduto con vaccinazioni di massa di meningicocco (e i bambini vaccinati contagiano..) e in tutta la bergamasca (specie gli anziani) hanno proceduto con le solite massicce dosi di vaccinazioni antinfluenzali. E' vero che non riguardavano il covid-19, ma gli apparati immunitari - con queste schifezze - si abbassano e il terreno complessivo - per la bergamasca - era ben predisposto per offrire il banchetto a questo nuovo virus (tra l'altro non veicolato da pipistrelli, come divulgano i Burioni di turno..). Un pezzo della verità è questa. Se invece a voi vanno bene le parole del Burioni, vi faccio tanti auguri.


          • Purtroppo il virus si modificano in base al terreno che trovano, per cui ho seri dubbi che un vaccino possa essere la salvezza...e se, per ipotesi, creano un vaccino ma tu sei intollerante a qualche componente dello stesso?
            Forse modificare il nostro stile di vita e lavorare sul nostro sistema immunitario sarebbe la risposta giusta...vero è che però così non ci guadagna nessuno...senza polemica ne, la mia vuole essere solo una riflessione.
            Un abbraccio a tutti e meno Burioni e più Bergamaschi!



            • Grande Sparta! Io da dodici anni ogni giorno assumo vitamina C, vitamina E e Magnesio. Tra le righe posso capire che pure tu scegli la prevenzione naturale. Perché da malati è meglio limitare l'intervento della medicina ufficiale, anche se non tutta è da buttare. Inoltre, il tuo nickname è il meglio che ci possa essere.


              • Ma che studi e competenze hai per sostenere le tue teorie? A me non sta particolarmente simpatico, ma è impensabile volerlo criticare senza aver le minime basi (a meno che tu non sia un medico)


                • Brasa: "...... è impensabile volerlo criticare senza aver le minime basi (a meno che tu non sia un medico)"
                   
                  Ci sono tanti tipi di medicina (validi) che si basano peraltro su principi molto diversi.
                   
                  Molti medici moderni, nell'occidente, hanno praticamente abbandonato la medicime millenaria del Mediterraneo (basata largamente su elementi naturali) e si affidano quasi esclusivamente alla chimica.
                   
                  Io penso che, in certi casi estremi, la medicina chimica possa essere piu' efficace (anche se, spesso, procura effetti collaterali non buoni).
                  Pero', penso anche che una sana alimentazione (magari integrata, se del caso, da minerali/vitamine essenziali, nella misura giusta) stia alla base di una vita sana.
                   
                  Sembra strano che i medici (occidentali) moderni diano cosi' poca importanza all'alimentazione quando, da sempre, acqua e cibo sono, per definizione, le due medicine "salva vita" per eccellenza.
                   
                  Prova a vivere SENZA acqua e cibo!
                   
                  Quindi, se acqua e cibo ti permettono di vivere (nella stragrande maggioranza dei casi senza medicine chimiche) io penso che i medici occidentali dovrebbero preoccuparsi un po' di piu' di cosa i loro pazienti mangiano e bevono, e come.
                   
                   


    • Beh burioni trombetta di regime . Intento è uno dei pochi che non ha mai sottovalutato il problema anzi la sua unica colpa è che non sono state mai prese in considerazione le sue parole. Evidentemente preferisci la Gismondo che invece starà giocando con la sua collana o braccialetto di coronavirus . Opinioni personali 
       


      • SubbuteoGroup -
         05/04/2020 alle 20:30
        Beh l'intervista da Fazio, dove diceva che il virus in Italia aveva scarse probabilità di diffusione, l' ha fatta lui non Balotelli


        • Ti sbagli subbuteo ... lui ha dato subito L' allarme poi dato che era montata la polemica con la Gismondo che lui aveva definito "quella signora " e non dottoressa ha cercato di smorzarne i toni


          • SubbuteoGroup -
             06/04/2020 alle 8:29
            Sarà, comunque stasera non perdetevi Report.


  4. Visto che si prospettano mesi di partite a porte chiuse, approfittiamone (appena si potranno riaprire i cantieri) per rifare lo stadio tutto in un colpo solo... dal 2022 ripartiremo alla grande!


    • Magari, potrebbe anche essere il momento giusto per far rivedere il progetto (Belle Arti).


  5. Questo è lo stesso che ad inizio casino diceva che il rischio era pari a "zero"....
    È tutto uno schifo. Ieri al tg2 in due servizi diversi hanno detto due dati sui numeri completamente opposti. Da oggi in Lombardia mascherine obbligatorie per tutti. Fino a ieri a dire che le mascherine servivano solo a chi era infetto. Ma va bene, mettiamole tutti ci mancherebbe ma visto che si parla anche di soldi, riguardo alle mascherine qualcuno che sollevi il costo ci sarà prima o poi?
    Una mascherina ffp2 in farmacia 14 euro l'una!!! 
    In un recente corso in azienda me ne avevano date 20 GRATIS. Senza contare che sono introvabili
    È questi pensano al campionato...


    • E' una frase spesso presa fuori contesto perche' diceva "il rischio e' zero, perche' in Italia non circola", che e' un'ovvieta' tra l'altro, visto che gli unici casi conosciuti all'epoca erano i due cinesi a Roma, completamente isolati. Come dire "il rischio di morire annegato in mare se sto seduto sulla sdraio in spiaggia e' zero".  Poi pero' se dopo arriva lo tsunami dal nulla (leggasi: decine/centinaia di persone infette a loro insaputa, che vanno in giro a infettare) pero' anneghi.
       
      Le mascherine credo servano perche' c'e' in giro un fottio di gente infetta, che non sa di esserlo perche' con sintomi lievi, o asintomatici, che sono cmq contagiosi.  Non potendo fare il tampone a tutti, e' meglio ridurre la "contagiosita'" di queste persone obbligando tutti a coprirsi il volto.  Purtroppo vero che c'e' scarsita', ma mi sembra che chi non ha mascherine puo' usare una sciarpa o altro per coprirsi il volto.


    • Hai davvero preso un granchio . Te lo stai confondendo con la Gismondo . Quella del " e' poco più di una influenza " e ci " farò un ciondolo " che peraltro è ancora al suo posto e non ha pensato minimamente a dimettersi 


    • paccarani1907 -
       05/04/2020 alle 18:15
      Hai davvero perso un occasione unica per stare zitto visto che non sai di chi stai parlando. Burioni è stato l' unico a dire che non era una semplice influenza come i più dicevano, che sarebbe stata una strage, e che la malattia era molto pericolosa per il sistema sanitario e per la salute pubblica. Purtroppo, e dico purtroppo vista la gravità, aveva ragione!


    • Ma cosa stai dicendo? Burioni già a fine gennaio ( sentito in diretta tv) diceva che se il virus fosse arrivato in Italia sarebbe stato un casino. È stato uno dei primi a dire che bisognava chiudere tutto e stare in casa e lo ha ripetuto tante volte in varie trasmissioni tv e radio. Ha perfino litigato con alcuno colleghi che, loro si, dicevano che sarebbe stata un influenza un po'  più forte...
      Quando si scrivono le cose bisognerebbe scriverle corrette e non scrivere a c... la prima cosa che salta in mente. Burioni all'inizio era stato anche accusato di essere troppo pessimista e di fare terrorismo psicologico. E invece se lo avessero ascoltato credo che tanti dei nostri anziani che non ce l'hanno fatta sarebbero ancora con noi... 


    • Quoto


  6. Grazie burioni hai scoperto l acqua calda


  7. O.T...Ho sentito a Rainews24 un Tommasi che a domanda della giornalista del possibile partenza dei campionati rispondeva,"...oltre al calcio dei milionari,vi sono anche categorie come la C che devono poter far mangiare le loro famiglie,ragazzi che prendono solo poco più di 50.000€..."figaa scèc,veramente senza parole... 


    • Intende all'anno. È una retribuzione che tanti qui dentro prendono. Non capisco il tuo stupore 


      • trescurneroblu -
         06/04/2020 alle 11:42
        Cozzio più di 4000 euro al mese poverini.....me i ciape mia...e penso tanti qui dentro come me....figa faranno la fame poverini...


      • executioner341 -
         05/04/2020 alle 21:09
        Mè no... Magàre 


      • Caro trueyou, mi spiace disilluderti ma la gente comune 50000 euro l'anno li sogna di notte


        • SubbuteoGroup -
           05/04/2020 alle 20:35
          Una RAL di quel tipo è diffusa anche negli impieghi normali


          • Deduco che viviamo in universi paralleli. Beati quelli che si sono ritrovati/meritati l'universo migliore. 


        • Ventola, stiamo parlando di 2.200 euro netti al mese. 
          Non mi pare sia sinonimo di ricchezza oggi giorno.
          Tutto qui
           


          • trescurneroblu -
             06/04/2020 alle 11:44
            Figa Ma li sai fare i conti? Sono 4000 euro al mese e sono già netti gli stipendi dei calciatori 


          • Andreaneroblu -
             05/04/2020 alle 18:52
            La maggior parte qui dentro prende 1300 euro al mese.. forse sei un po' ottimista sui redditi pro-capite


          • fyga magari 2200 netti al mese
            se rie a melaeses é già tanto


          • Ma scusa la cifra si intende netta..4000 euro al mese sono tanti soldi che credo siano irraggiungibili per la maggior parte di utenti del sito..


          • Gli stipendi dei calciatori sono sempre netti. Comunque 50000 se fossero lordi diventano tra i 30 e i 35 mila netti, dipende dalle detrazioni. Qui c'è gente che ha perso o perderà il lavoro o è in "cassa".
            Poi chiaramente non siamo tutti uguali e la percezione dei soldi è diversa, chi ha la panda e chi il range rover.


            • allora bisogna dire che un calciatore li prende per 10 anni quei soldi, non per 40...
              senza tener conto di quanti alla fine magari hanno 3-4 (se non più) mesi arretrati non pagati.
              non sono indigenti, ma nemmeno super ricchi... sono da tutelare allo stesso modo in cui lo sono impiegati e funzionari, categorie già privilegiate rispetto a operai e piccole partite iva.


            • Infatti  le cosidette proporzioni. 
              Una ricchezza comune imprescindibile pero' c'e' ed e' la DEA e l' e' mia paia


      • Dove devo firmare per i 50000 annui?


      • Lo stupore deriva dal fatto che si rapporta ai 50000 euro all'anno con il termine SOLO..non sono cosi sicuro che qui ci sia cosi tanta gente che percepisce uno stipendio cosi quindi se qualcuno si stupisce mi sembra giusto..
        Beati quelli di atalantini.com che i ciapa chi solcc le'!!


  8. Scudetto alla Lazio e facciamola finita.
    Grande coatti ,grande lotirchio meritatissimo, festegguatelo alla grande


  9. leggendo pare che hanno gia fissato la ripartenza il 20 maggio, capeggiati da Lotito e De Laurentis


    • Avevano anche fissato la ripresa degli allenamenti ad inizio aprile, ci provano. Fortunatamente almeno su ste cose Lotito non comanda


    • si adegueranno anche loro .
      nel frattempo stanno facendo incetta di merda che voglio sperare gli verrà scaricata ad ogni trasferta nella prossima stagione.
      ripeto:   AUGURI.
      anche se poi visto le immagini odierne dei centri storici di genova e piacenza......mi sorgono forti dubbi che questo avverrà.
      e pensare che al sottoscritto basta attraversare il propio prato x ritrovarsi nel bosco...ma per rispetto dei morti,degli eroi in prima linea,coerenza e senso civico che sto cercando di trasmettere ai miei figli non lo faccio.  che schefe.


      • Guarda che a Nembro ieri sera nella telefonata che il sindaco manda ai concittadini risultava essere furibondo, un sacco di gente in giro ed Esselunga strapiena....Nembro....non Napoli, paese che purtroppo ha pagato un tributo notevole di vittime....la gente più passa il tempo e più fatica a stare in casa, con figli peggio, è con i mesi caldi sarà ancora peggio 


        • Io capisco il tuo punto di vista...
          Ma se AL MOMENTO non c'è altra soluzione che l'isolamento, lo si DEVE rispettare costi quel che costi.
          O vogliamo rivedere i camion dell'esercito?
           
          Quindi, o si rispettano le regole di propria volontà, o si fanno rispettare con altri metodi, forza inclusa. 
          Lo so che non è bello. Ma purtroppo non ci sono alternative, per ora. 
          Se vogliamo vincere questa battaglia, dobbiamo essere uniti....
          Se cominciamo a fare ognuno quel che vuole perché stanchi di stare in casa, allora non ne usciremo mai, o almeno finché non troveranno cura e vaccino... Ma nel frattempo, a quale prezzo in vite umane?
          Diciamo che noi bergamaschi non molliamo mai, e poi dopo qualche settimana di "stiamo a casa" già pensiamo alle rivolte sociali?
          Impegniamoci invece a pensare come evitarle, facciamo in modo che chi ci governa e deve prendere le decisioni.... Sia consapevole di questi nostri disagi e si adoperi per evitare il collasso sociale. 
           
          Ma intanto continuiamo a stare in casa e a seguire le regole. Che piacciano o no, ne va della vita di tanti....
           
           
           


          • ecco quando parli di evitare il collasso sociale purtroppo c'è da essere consapevoli che il nostro stato (ma nessuno stato al mondo credo, a parte forse singapore o abu dhabi) non dispone assolutamente di fondi per contrastare adeguatamente il diffuso disagio economico che scaturirebbe una quarantena di diversi mesi.
            senza contare il fatto che, crollando il pil, analogamente crollerebbero le entrare erariali e di conseguenza lo stato avrebbe ulteriori difficoltà a tutelare i propri cittadini dalla mancanza di reddito. basti guardare lo sforzo enorme che sta compiendo per elargire misure una tantum e volte a coprire un un'emergenza di nemmeno un mese a livello nazionale (penso che potrebbe diventare complicato già replicarle pari pari per il mese di maggio).
            il punto non è la passeggiata né la corsetta, ma che la soluzione "state in casa a tempo indeterminato" può funzionare in aree o tempi limitati ,non per mesi e mesi in intere nazioni.


            • Ci vuole quel che ci vuole l'importante è rampare fuori . Da come li descrivi i nostri politici sembrano dei bravi angioletti quando il realtà hanno rubato fino all' altro giorno dimostrando inadeguatezza e incapacità di prendere decisioni aspettando in un momento di emergenza . I soldi se vogliono farli saltare fuori lì fannp saltare fuori non mi pare si siano estinti gli alberi da non riuscire più a stampare fogli di carta . Lo volete capire che ci sono in ballo vite umane ? 


              •  non puoi dare la colpa ai politici di questa situazione, troppo comodo... (anche perché mi pare che abbiano commesso tutti errori, in qualsiasi ruolo e parte del mondo).
                la colpa è innanzitutto di chi sottrae soldi utili per il benessere pubblico e purtroppo ci siamo dentro tutti (dall'utente che non richiede la fattura, al professionista che non la emette fino al politico disonesto che incassa le tangenti); ovviamente questi comportamenti, per gravità e beneficio procurato, non sono certo paragonabili, peró quelli che impattano maggiormente sul biancio sono quelli in realtà piu innocenti, perché reiterati per milioni e milioni di volte in un anno.
                non nascondiamoci dietro ai politici, iniziamo tutti ad avere senso civico in modo proattivo e le risorse aumenteranno anche se i politici non cambiano i loro comportamenti.


          • condivido. Io nell'ultimo mese sono uscito solamente per andare in famracia e al supermercato(spesa grossa una volta a settimana)


          • Concordo, altrimenti non ne usciamo più. 


          • Ciao Audace, io a parte la spesa sono sempre a casa, il mio appunto riguarda il fatto che a Nembro per voce del sindaco c'era un sacco di gente in giro...con tutto quello che è successo li se ne dovrebbero stare a casa ed invece molti faticano alla fine a rispettare la regola...e pensare come dicomo alcuni che giugno e luglio ci siano imposizioni di starsene a casa é utopia...prevale l'istinto umano...che non sarà facile da contenere anzi direi molto duro da tenere a freno


            • Ciao Lucanember
              Eh sì, purtroppo in questo hai ragione, sarà dura fare rispettare le regole... Notoriamente noi italiani, in generale, siamo famosi per trovare sempre il modo di aggirare le regole...
               
              Ma noi siamo si italiani, ma soprattutto siam bergamaschi!
              In questo periodo sono davvero fiero di esserlo. 
              E spero che possiamo continuare a essere di esempio per gli altri, insegnando loro come ci si comporta per il bene di tutti, rispettando le regole. Così come prima abbiamo fatto vedere a tutti come, nonostante la tragedia, abbiamo reagito con dignità e poi con orgoglio, senza lasciarci andare al vittimismo ma comportandoci da grande Popolo quale siamo.
               
               
               
               
               


          • Ciao Audace,  condivido perfettamente tutto cio' che hai detto.
            L' unico grande rammarico e' che se non si fosse sprecato fino all' inverosimile in questi ultimi anni con un' economia gia' compromessa, si sarebbe potuto
            intervenire con piu' celerita' specialmente ora. 
            Rassicurando sopratutto i piu' deboli, fin da subito.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.