13-11-2019 15:06 / 5 c.

Calcio, tafferugli prima di Lazio-Atalanta: 13 misure cautelari per ultrà biancocelestiCalcio, tafferugli prima di Lazio-Atalanta: 13 misure cautelari per ultrà biancocelesti

Due ai domiciliari e altri 11 sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. E' questo l'esito dell'operazione dei poliziotti della Digos, coordinati dall'aggiunto Francesco Caporale e dal pm Eugenio Albamonte, che questa mattina hanno dato esecuzione alle 13 ordinanze emesse dal gip di Roma, Mara Mattioli.

A finire agli arresti domiciliari sono Ettore Abramo e Aniello Marotta, due ultras degli "Irriducibili", entrambi vicini a Fabrizio Piscitelli, ex capo ultras della Lazio, ucciso con un colpo di pistola alla testa il 7 agosto scorso nel parco degli Acquedotti, in zona Tuscolana.

Abramo e Marotta sono accusati di aver lanciato all'interno di un'auto della polizia locale di Roma Capitale, dopo aver distrutto il vetro del lunotto posteriore, una torcia accesa che aveva provocato l'incendio dell'auto. I fatti erano avvenuti in zona Ponte Milvio lo scorso 15 maggio prima della finale di Coppa Italia tra i biancocelesti e l'Atalanta.

Quasi contemporaneamente all'aggressione, un altro gruppo di tifosi laziali attaccava altro personale della polizia locale in abiti civili, ferendo un dirigente. E nel frattempo, un nutrito gruppo di tifosi, tutti con il volto coperto, per non farsi riconoscere, raggiunta via Dei Robilant aveva iniziato a lanciare fumogeni, petardi, sassi e bottiglie all'indirizzo dei poliziotti del Reparto Mobile, che si erano attestati alla fine della via. Una guerriglia durata circa un'ora con diverso personale delle forze dell'ordine impegnato sul campo.

Fondamentali per ricostruire la dinamica dei fatti sono stati i video realizzati dalla polizia Scientifica che ha permesso di identificare le 13 persone coinvolte. Nella stessa sera gli agenti della Digos hanno arrestato per gli stessi incidenti, ma in flagranza di reato, altre 5 persone.

I comportamenti dei 13 ultras "appaiono sintomatici di personalità prepotenti aggressive e prive di freni inibitori e inducono a ritenere attuale, elevato e concreto il pericolo di reiterazione di reati della medesima specie" scrive il gip Mattioli. Spiega il giudice che i fatti sono particolarmente gravi anche perchè gli ultras hanno utilizzato una precisa strategia "compattandosi nei luoghi presidiati dalle forze dell'ordine, muniti di indumenti per travisarsi, nonchè di diversi oggetti contundenti, fumogeni e bombe carta, scagliandosi violentemente contro le forze dell'ordine che stavano presidiando la zona per motivi di sicurezza, incendiando autovetture, dando luogo a una vera e propria guerriglia urbana"

 

rma.repubblica.it



di Staff




  1. Sogno solo con Morfeo -
     13/11/2019 alle 23:35
    Innanzitutto questi non sono ultras ma delinquenti comuni, e purtroppo all’interno dell’ambiente laziale non sono neanche delinquenti di spicco dato che più si sale nelle gerarchie del club più il marcio aumenta e il tasso di malavitosità si impenna. 


  2. .....e magari dare il rigore a noi poteva creare ulteriori problemi di ordine pubblico.....?


    • Esattamente se avessimo vinto noi ci sarebbero stati accoltellati sicuro come l oro....Non è possibile "organizzare" una finale così! Andrebbe detto e ridetto anche dalla società disorganizzazione totale e zero polizia uno schifo totale. 


  3. spendo la mia unica possibilità di commento giornaliera x ricordare che ci sono ancora i VERGOGNOSI fatti del viadotto di FIRENZE semifinale coppItalia che non sono stati chiariti
    il tutto nel rispetto dei TIFOSI che li hanno subiti e di quelle forze dell'ordine che non hanno mai operato in quel modo e che fanno della loro professionalità e capacità il quotidiano mentre alcuni loro colleghi macchiano la divisa e le istituzioni con comportamenti IGNOBILI
    parimenti si comportano certe istituzioni che nascondono la testa nella sabbia sui fatti accaduti
    NOI si aspetta ancora la verità che, peraltro,tutti conoscono


  4. io arresterei anche lotito


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.