04-04-2020 07:37 / 21 c.

Frasi sulle domande

La premessa è ovvia ma comunque importante: l'ipotesi di tornare a giocare riguarda solo ed esclusivamente uno scenario in cui la crisi sanitaria dovuta alla diffusione del Coronavirus sia alle spalle da diversi giorni e le condizioni di sicurezza per calciatori e non, totalmente garantite. Una ipotesi che comunque sta dividendo la Serie A, con diverse società italiane pronte a ricominciare in caso di ok da parte degli organi preposti, ed altre che invece, per motivi disparati, sono più per la sospensione definitiva del campionato con tutte le problematiche del caso (assegnazione titolo, qualificazione per le coppe europee, retrocessioni, etc). L'intervento del presidente della FIGC Gravina certifica l'intenzione del mondo del calcio di tornare in campo, magari dalla seconda parte di maggio (qui l'intervista integrale) Abbiamo analizzato le posizioni delle venti società di Serie A al riguardo, ponendo una semplice domanda: favorevoli a riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza o alla fine anticipata della stagione?

ATALANTA - Non si espone
- La Dea è quarta in campionato e ai quarti di finale di Champions League, quindi una fine anticipata della stagione non sarebbe certo un problema dal punto di vista sportivo, né da quello economico. In questo momento comunque la società non si è sbilanciata, anche se giova ricordare l'appello fatto dagli ultras per la fine delle ostilità.

BOLOGNA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La posizione del club felsineo è molto chiara ed è stata nuovamente esplicitata dal dirigente rossoblù Marco Di Vaio: "La nostra preferenza va al ritorno in campo, se le condizioni di sicurezza lo permetteranno, magari anche ricominciando a giugno. Sarebbe bello dare alle persone la possibilità di dare un po' di svago guardando la squadra che tifano".

BRESCIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Altrettanto chiara è l'idea del patron delle Rondinelle Massimo Cellino, che in questi giorni ha ribadito: "Se ci costringono a riprendere, sono disposto a non schierare la squadra e perdere tutte le partite a tavolino per rispetto dei cittadini di Brescia e dei loro cari che non ci sono più".

CAGLIARI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La posizione del club sardo è allineata a quelle di Brescia e Bologna: c'è voglia di riprendere a giocare, ovviamente solo e quanto l'emergenza sanitaria sarà finita. Tuttavia Tommaso Giulini, patron dei rossoblù, non si è sbilanciato: "Da una parte vorrei tornare a giocare domani, ma dall’altra vedo tanto dolore e sofferenza negli ospedali".

FIORENTINA - Non si espone
- La società viola ha scelto di aspettare le decisioni del Governo, senza prendere una vera posizione sull'eventuale ripresa del campionato. In questi giorni tuttavia il patron Commisso ha espresso pessimismo circa questa ipotesi, specificando che prima di pensare solo ad allenarsi servirà superare la crisi sanitaria.

GENOA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Recentemente il patron Preziosi ha specificato che il Grifone sarebbe disponibile a tornare in campo nel caso in cui ci fossero le condizioni, esprimendo tuttavia grossi dubbi su questa ipotesi.

HELLAS VERONA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- "Noi siamo per la ripresa del campionato. Ci piacerebbe giocare e la politica non ci interessa". Ancora una volta, una posizione molto chiara e definita: l'Hellas Verona, qualora ce ne fosse la possibilità, sarebbe per il ritorno in campo.

INTER - Non si espone
- Ufficialmente la società nerazzurra non ha indicato una preferenza. I dirigenti intanto valutano la possibilità del taglio degli stipendi della rosa. Per quanto riguarda la ripresa l'idea è non andare allo scontro, aspettare e valutare sulla base di tempi e formula per chiudere la stagione.

JUVENTUS - Non si espone
- La Juve non prende una posizione netta al momento e va visto in questa ottica anche l'accordo con i giocatori: prevede la necessaria elasticità nel riconoscimento degli stipendi. Tuttavia con l'ECA, giusto ieri, il patron Agnelli ha dato un segnale piuttosto forte ieri e va nella direzione della ripresa del campionato a ogni costo.

LAZIO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Senza se e senza ma, la Lazio giocarsi tutte le possibilità di vincere uno storico Scudetto e lo ribadisce ogni settimana attraverso i propri dirigenti. Le parole di Tare, pronunciate pochi giorni fa, ne sono l'esempio perfetto: "Il campionato deve andare avanti, sarebbe ingiusto interrompere la stagione". Lotito avrebbe già avvertito la squadra che dalla prossima settimana riprenderà il ritiro e dunque gli allenamenti a Formello in vista della possibile ripresa del campionato, ma il decreto governativo di Conte rimanda tutto almeno al 14 aprile.

LECCE - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Dal punto di vista sportivo la posizione del club giallorosso è facilmente capibile: al terzultimo posto, i salentini vogliono almeno la possibilità di giocarsi lo scontro diretto con il Genoa (all'andata fu 2-2). Il presidente Sticchi Damiani lo ha ribadito: "Spero si possa tornare in campo in condizioni di sicurezza mettendosi alle spalle il virus: è un sogno che mi piace cullare. Pee la Lega, terminare la stagione sarebbe l'ideale sotto il profilo finanziario. Noi rischiamo di retrocedere, ma è un rischio che dobbiamo correre".

MILAN - Non si espone
- Al settimo posto in classifica (con una gara in più rispetto a Hellas e Parma però) e in semifinale di Coppa Italia, i rossoneri sarebbe quasi certamente in Europa League se la stagione finisse. In ogni caso il club rossonero non ha preso una posizione ben definita riguardo il ritorno in campo la fine anticipata dell'annata.

NAPOLI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- In piena rimonta in classifica, gli azzurri hanno indicato in ogni confronto della Lega Serie A la propria intenzione di ritornare a giocare il prima possibile. Tuttavia, non c'è una vera e propria comunicazione ufficiale circa la preferenza del club.

PARMA - Non si espone
- Il club gialloblù, consapevole della difficile situazione sanitaria presente nella propria zona, non ha ancora una posizione circa il possibile ritorno in campo. In questo momento è stata data priorità assoluta alla solidarietà e alla lotta al virus.

ROMA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La Roma è tra i club che vuole riprendere a giocare una volta che l'emergenza sarà alle spalle: c'è ancora una Champions in ballo, oltre ad un percorso in Europa League che vede i giallorossi come una delle potenziali favorite per il successo finale. Non c'è comunque una dichiarazione ufficiale circa le intenzioni del club.

SAMPDORIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Il patron Ferrero in una recente intervista ha manifestato grossi dubbi sulla possibilità effettiva di tornare in campo in situazioni di assoluta sicurezza.

SASSUOLO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Pur non essendosi sbilanciata su una posizione piuttosto che su un'altra, oggi la preferenza del club emiliano sarebbe riprendere a giocare, purché ci siano condizioni uguali per tutti. "Possiamo rischiare di lottare per retrocedere o magari lottare per qualcosa in più ma preferisco non pensarci perché credo sia giusto, per una questione di correttezza nei confronti di tutti, poter concludere il campionato", le ultime parole al riguardo di Carnevali.

SPAL - Non si espone
- Nessuna preferenza esplicitata da parte della SPAL, che attende di capire quando e come l'emergenza finirà. Da Ferrara non trapela null'altro al momento.

TORINO - Chiudere la stagione anticipatamente
- Cairo è stato il più chiaro possibile nelle recenti dichiarazioni: la stagione 2019-20, se spostata in estate, rischia di rovinare anche quella seguente. Toro totalmente pro chiusura quindi: "Giocare a luglio sarebbe accanimento, rischiamo di compromettere non una ma due stagioni".

UDINESE - Non si espone
- Nel taglio degli stipendi l'Udinese non avrebbe un gran risparmio, quindi dal punto di vista economico sarebbe più conveniente giocare e assicurarsi la propria fetta di diritti tv. Riguardo l'ipotesi di tornare in campo comunque i bianconeri non hanno fornito nessun tipo di comunicazione, né ufficiosa né ufficiale.

fonte tmw.com



di Marcodalmen




  1. Forse è il caso di chiuderla qui con il campionato... Proporrei lo scudetto su tutte le maglie... E mi accontenterei di vedere come finisce in Champion


  2. ritengo che l'ultima finestra aperta sia legata ormai alla possibilita che il caldo uccida il virus,
    qualche possibilità in più x le coppe europee visto che si tratta di poche partite.


    • Ormai più che finestra , è una fessura ....
      Non si vogliono arrendere ma fra poco crolleranno miseramente.


  3. Se le circostanze lo permetteranno io riprenderei cessata l emergenza...se c è ancora tempo....


  4. Ni in realtà. Noi adulti le influenze le facciamo ormai leggere perchè nella nostra "libreria antivurus" abbiamo già cose simili, quindi l'immunizzazione, sebbene al nuovo virus stagionale non sia presente, viene elaborata abbastanza velocemente. Se il virus mutasse leggermente c'è POSSIBILITA' di riprendere quindi l'influenza, ma riuscire a tenere botta e uscirne abbastanza in fretta. Poi ovviamente non si ha la sfera di cristallo e non si sa cosa può succedere, ma questo è un motivo per cui non si hanno avute grosse epidemie (di peste, ad esempio) di ritorno nel lontano passato. L'unica volta è successo per la Spagnola, ma diciamo che in quel periodo la vita sociale era un pochino incasinata.


    • Risposta a lucanember


      • Condivido l'analisi che hai fatto, la spagnola od anche la peste del 1920 a Parigi sono figlie di una situazione sociale devastata dalla prima guerra mondiale


  5. Fanno benissimo a non esporsi. Non si prendono decisioni se non si hanno elementi per decidere. Oggi siamo ancora in una situazione di incertezza totale, non si può fare altro che navigare a vista.


  6. anch'io chiuderei qua la stagione, al massimo play out e play off per decidere scudetto e retrocessioni, il tutto da fare con poche gare secche ristretto in 1 o 2 settimane.  Ma pesnerei bene alla prossima invece.  Forse per non rovinare la prossima stagione converrebbe partire prima, magari inizio agosto, così in caso di nuovo stop  per un mese si è comunque già avanti con le paritte


  7. Sinceramente spero che il campionato riprenda a metà maggio e il giorno seguente un qualsiasi giocatore risulti positivo, così da rendersi conto della st......ta che stanno facendo.


    • Se non si trova il vaccino il virus potrebbe magari sparire a giugno ma ricomparire ad ottobre/,novembre è ripartire tutto da capo....che facciamo, chiusi in casa x mesi e mesi?
      Quando il calo sarà notevole monitorare elettronicamente, esame sierologico perché persone che magari hanno sviluppato il virus in maniera asintomatica e quindi immuni non possono stare segregata in casa natural vita durante.


      • gli anticorpi della comune influenza durano nel nostro corpo 3 mesi, poi puoi riammalarti.  Di questo virus ancora non si sà, qualche ricerca cinese parla di un mese ma è ancora presto per dirlo


        • Come tutti i virus o batteri quando vieni infettato la risposta immunitaria ti da una sorte di garanzia eterna, puoi anche riprenderlo ma gli effetti sono minimi...prendi ad esempio il virus del morbillo, aggressivo e contagiosissimo, una volta fatto sei a posto....i virus influenzali ogni anno sono diversi....l',unico problema grave sarebbe la mutazione genetica del virus....allora nemmeno il vaccino servirebbe


  8. primieroneroblu -
     04/04/2020 alle 8:17
    Credo che prima di arrivare a zero contagi  ci vorrà parecchio ...
    La possibilità che un calciatore venga trovato positivo e che si rifermi tutto sarà altissima 
    Che  personale sanitario venga tenuto in ritiro a lungo con le squadre quando negli ospedali servono mi pare un affronto a chi combatte in corsia 
    Arrivare a giocare a luglio Ed agosto vuol dire rovinare anche il prossimo campionato e se non sbaglio il problema ci sarà pure x quello 2021-2022 con i mondiali a novembre dicembre 
     
    Io credo visto che il virus rimarrà comunque un pericolo fino a che si troverà il vaccino, bisogna fermare tutto e trovare delle regole da applicare nel caso anche in futuro ricapiti qualcosa di simile 
     


  9. ..guarda caso chi vuole finire qui il campionato sono quelle squadre che rischiano la b...


    • Per onor del vero cellino ha detto che meritano di andare in serie b lui per primo...


      • Lo dice, ma al tempo stesso la sospensione è la sua una possibilità di salvezza. 


        • Cellino è presidente di una squadra di una città che insieme alla nostra ha visto una miriade di morti. Chi vive da altre parti ha una percezione diversa 



        •  
          Non si insegna ai gatti ad arrampicare 


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.