Home In Evidenza Giudice Sportivo: multa di 8.000 € all’Atalanta

Giudice Sportivo: multa di 8.000 € all’Atalanta

21

sd0290m

Il comunicato ufficiale del Giudice Sportivo in merito all’11° giornata di Serie A

SERIE A TIM
Gare del 2-3-4 novembre 2018 – Undicesima giornata andata
In base alle risultanze degli atti ufficiali si deliberano i provvedimenti disciplinari che seguono, con riserva dell’assunzione di altre eventuali decisioni, in attesa del ricevimento degli elenchi di gara:
a) SOCIETA’
Il Giudice sportivo,
premesso che in occasione delle gare disputate nel corso dell’undicesima giornata andata sostenitori delle Società Atalanta, Bologna, Milan e Napoli hanno, in violazione della normativa di cui all’art. 12 comma 3 CGS, introdotto nell’impianto sportivo ed
utilizzato esclusivamente nel proprio settore materiale pirotecnico di vario genere (petardi, fumogeni e bengala);
considerato che nei confronti delle Società di cui alla premessa ricorrono congiuntamente le circostanze di cui all’art. 13, comma 1 lett. a), b) ed e) CGS, con efficacia esimente,
delibera
di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti delle Società di cui alla premessa in ordine al comportamento dei loro sostenitori.
* * * * * * * * * *
Ammenda di € 10.000,00 : alla Soc. INTERNAZIONALE per avere suoi sostenitori, al 24° del primo tempo, intonato un coro insultante di matrice territoriale nei confronti della tifoseria di altra squadra.
Ammenda di € 8.000,00 : alla Soc. ATALANTA per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato nel recinto di giuoco due bengala, due fumogeni ed un petardo; sanzione applicata ai sensi degli artt.4 comma 3 CGS e 62 comma 2 NOIF (cfr C.S.A. del 13 gennaio 2017 – C.U. n. 129/CSA).
Ammenda di € 3.000,00 : alla Soc. ROMA a titolo di responsabilità oggettiva, per avere ingiustificatamente ritardato l’inizio della gara di circa quattro minuti.
Ammenda di € 3.000,00 : alla Soc. SAMPDORIA per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, intonato reiteratamente cori insultanti nei confronti del Direttore di gara.

Bookmark(0)

21
Inserisci un commento

Please Login to comment
9 Albero dei commenti
12 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
16 Autori
liberoSnoopymaracaniggiaSubbuteoGrouppaul_aster Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
Snoopy
Membro
Snoopy

Bisogna capire che se la società è cresciuta ed è diventata  grande lo devono essere pure i tifosi......i bengala nn sono cose da portare nello stadio, meglio la coreografia e i cori

maracaniggia
Membro
maracaniggia

Gnuransa!!!

paul_aster
Membro
paul_aster

l'atalanta è diventata grande.


alcuni tifosi ci devono lavorare ancora ...  parecchio però.


(anche se poi magari insultano i tifosi che dalla nostra curva ospiti fanno la stessa cosa)

CialtronFC
Membro
CialtronFC

La sanzione nei nostri confronti riguarda i bengala, non i cori

CialtronFC
Membro
CialtronFC

Scusate, risposta per therion74

marcotrisma
Membro

Si son portati le MUNIZIONI  da Bergamo  ,hanno sparato  e adesso  GIUSTAMENTE  si pagano la multa . O NO'   !!!!!


Ancora nessuno si e' VANTATO  del bel gesto????   A.P. ....  E intanto io pago  !

brignuca
Editor

Che responsabilità può avere la società Atalanta in trasferta? La multa dovrebbe andare al Bologna che li ha fatti entrare

ronny52
Membro
ronny52

Ma l'episodio di Benevento del campionato scorso non è proprio servito

THERION74
Membro

Solo io ho sentito bergamasco figlio di t****?


O bergamasco pezzo di merda?


Che e' detto popolare o descriminazione?


Ma di sta merda di trattamento nn gli frega un caxxo a nessuno in societa'?

bna75
Membro
bna75

Non mi sento di fare il napoletano invocando discriminazioni territoriali che fan parte della rivalità calcistica da sempre.


In merito al colore/rumore artificiale invece, avendo visto che utilizzandoli ma evitando di lanciarli sul terreno di gioco o verso i tifosi avversari di sanzioni non ne arrivano, xchè queste teste eccelse continuano a non capire?


Probabilmente, solo pagando in prima persona la multa arriverebbero a capire come si fa....

THERION74
Membro

Nemmeno io


Il discorso era riferito alla descriminazione sentita verso i bolognesi...


Udito diverso?

CialtronFC
Membro
CialtronFC

La sanzione nei nostri confronti riguarda i bengala, non i cori

Gualo
Membro

se colpiti in prima persona ti direbbero che era gogliardia e con benaltrismo farebbero esempi di problemi più gravi

Steven92
Membro
Steven92

In realtà i napoletani hanno anche esposto uno striscione con scritto “Napoli Colera” qualche anno fa, giusto per sottolineare che a loro della discriminazione territoriale non importa niente. Odio Napoli ma odio anche quelli che prendono sempre i napoletani come capro espiatorio

libero
Membro

Esatto, ho visto anche io che quando si accendono questi oggetti e non vengono lanciati in campo, niente mute. le multe arrivano quando si lanciano in campo. Basterebbe poco per evitare di prendere multe. Mi sembra che anche fino alle ultime partite sia andato bene, adesso ci si sente in dovere di fare ste stronzate. Inviterei quelli della curva a vigilare sugli str**** che lanciano oggetti in campo, invece di minacciare, in nome di una regola fascista ultras, chi per pisciare contro un muro appoggia per un attimo una bandierina a terra (successo ad un mio amico a BO)

KOBR4M74
Membro

Invochiamo a gran voce trasferte libere e facciamo ancora ste cagate...mah

giancomi
Membro
giancomi

mamma mia del bu.....poi si pretende di andare a san siro dove i locali ce li abbiamo attaccati sotto  

beppe28
Membro

si davvero.


sbaglio o è partito anche un razzo verso i tifosi del bologna in parte?

salvatori
Membro
salvatori

sbagli.

Briske
Membro

Anche alla radio mi sembra che lo abbiano detto in diretta. Poi, se sia vero o meno, non lo so.

SubbuteoGroup
Membro
SubbuteoGroup

Ne sono partiti un paio con Berisha di spalle, ma erano di quelli che si esaurivano in aria.


Il vero botto è stata la bombetta lanciata a metà ripresa.


solo facendola esplodere nel culetto di chi l’ha lanciata, possono cambiare le cose. Il resto non serve a nulla.