08-10-2019 19:10 / 3 c.

EGWOG-QXoAA1Mjq

Fulvio Santucci su Twitter ha pubblicato questo report, estratto da Transfertmark, sull'utilizzo dei giocatori del vivaio nazionale U23 nei principali campionati di Serie A. 

E' un po che ce lo diciamo, l'Atalanta sta seguendo un modello diverso rispetto al passato e visti i risultati pare pure avere ragione.  Andando oltre la facciata, che potrebbe fare storcere il naso a molti, credo che si possano fare un paio di considerazioni utili per spiegare la cosa e magari non gridare necessariamente al fallimento del nostro vivaio.

Più in alto si è meno vivaio si trova

Se parliamo di giovani u23 italiani nelle squadre ed in particolare nella nostra, prima di tutto dobbiamo parlare del vivaio. L' Atalanta sforna continuamente giovani ma anche nel settore giovanile si spazia alla ricerca di talenti da tutto il mondo per il semplicissimo motivo che trovare undici fenomeni nelle stesse annate fra Rogno e Arzago è un lavoro da prestigiatori più che da osservatori. Inoltre il nostro successo degli ultimi anni ha per forza di cose messo parecchi bastoni fra le ruote ai giovanissimi visto che il salto dalla Primavera all' Europa è cosa davvero per pochi. Bisogna quindi mandarli fuori a farsi le ossa, nella speranza che facciano bene ma non benissimo ( a proposito, Kulusevski per favore piglia qualche palo o qualche rosso per cortesia!) perché altrimenti ci si ritrova al punto di prima e lo abbiamo capito tutti che pochi resistono al fascino dei grandi ingaggi pur sapendo di vedere giusto il centro sportivo per le visite mediche e poi essere dirottati altrove. 

L'impossibilità di tenere i giovani promettenti

Avere giovani italiani particolarmente forti in squadra è un lusso per pochi. La Roma per esempio si è trovata Pellegrini dal vivaio, Zaniolo arrivato da una trattativa per compensare e solo poi rivelatosi per il reale valore  e Mancini pagato profumatamente. Analogo discorso per la Fiorentina che ha fatto un enorme sacrificio per tenere Chiesa controvoglia , si è trovata quasi per caso Castrovilli ed ha aggregato alla prima squadra Sottil e Venuti che comunque non rappresentano oggi il fulcro del progetto. Ovviamente parliamo di giocatori e squadre di un livello, almeno sulla carta, medio alto perché il discorso giocatori mediocri in squadre di medio valore si spiega da solo senza spendere tante parole. L' Atalanta ne ha avuti diversi di ottimi giovani ma non ha potuto fare nulla davanti ad offerte faraoniche e spropositate (basti pensare a Bastoni, ceduto a 20 milioni praticamente senza presenza in Serie A). 

La bolla dei giovani nazionali

Altro elemento sotto gli occhi di tutti: i giocatori italiani sono ipervalutati. Andando oltre il patriottismo è evidente che se un Castagne, un Gosens o un Hateboer fossero stati italiani e in Serie A (a volte pure in Serie B basta fare qualche palleggio di fila per ottenere valutazioni milionarie) sarebbero stati fuori mercato. Cito due casi su tutti, solo a scopo dimostrativo: 11 milioni per Manuel Lazzari e Riccardo Mandragora per 20 milioni. Chi farebbe cambio con il milione scarso di Gosens o con i 2 milioni spesi quattro anni fa per il 23enne Freuler? 

 

Esistono soluzioni?

Ufficialmente no. Eppure soluzioni ci sarebbero, macchinose forse ma da applicare a livello europeo come minimo. Qualche anno fa si propose il vincolo contrattuale fino a 23 anni per un numero limitato di giocatori del vivaio ( esempio: al momento della prima firma professionistica posso offrire un contratto non cedibile ad un massimo di tre giocatori che cascasse il mondo fino alla scadenza non possono essere soggetti ad altre offerte)  abbinato ad un obbligo minimo di minutaggio ma finì come la riforma delle regole calcistiche  proposta da Van Basten in un nulla di fatto. Sicuramente oggi non siamo l'Atalanta di qualche anno fa e forse tanti giocatori non sarebbero stati ceduti altrove o non avrebbero fatto pressioni per andarsene, ma il passato oramai dobbiamo lasciarcelo alle spalle. 

 



di Otis




  1. E' anche una questione di prontezza e qualità dei ragazzi giovani, di situazione e di chi si ha in rosa di "meno giovane".
    Penso che in futuro Colpani, Piccoli, Traorè, Del Prato, Colley, Zortea e Cortinovis (e 5 di questi sono italiani) possano esordire e magari diventare parte importante della rosa (sicuramente ne scordo altri molto validi ma Beppuccio saprà illuminarmi, specie su Okoli, Guth... che per quanto buoni non riesco a giudicare se possano o meno fare il "salto"); ad ora però è meglio giochino con la primavera o vadano in prestito perchè abbiamo giocatori abbastanza rodati a bizzeffe, tra l'altro tutti ben inseriti nei meccanismi gasperiniani e funzionali al gioco del Mister, quindi non ci  sarebbe per loro molto spazio qui a Bergamo.
    Faccio un esempio per tutti: Colley e Traorè quanto spazio potrebbero trovare oggi quando davanti abbiamo già Zapata, Ilicic, Muriel, Papu, Barrow e, adattabili nel ruolo di "tuttocampista", Pasalic e Malinovskyi?
    Meglio abbiano continuità con la Primavera al momento.
    Quando Gasp rivoluzionò la rosa con Gagliardini, Caldara, Petagna ecc. lo fece (anche) perchè:
    -la squadra aveva bisogno di una svolta che i "vecchi" non riuscivano a dare e vie alternative non c'erano
    -aveva giovani pronti e che già quanche esperienza l'avevano maturata
    -i "vecchi" meno si erano adattati ai suoi dettami
    Oggi i "vecchi" sono pretoriani del Gasp e lo seguirebbero in capo al mondo e la rosa è ben fornita.
    Giovani interessanti li abbiamo e il loro momento, pian piano, verrà.


  2. se ad ogni sirena di mercato si comportano di melma cosa possiamo farci?!
    ben vengano gli stranieri!


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.