15-05-2019 23:50 / 1 c.

Grande delusione a Bergamo, dove 5000 Atalantini si erano riuniti per assistere alla finale di coppia Italia fra Atalanta e Lazio sul maxischermo allestito in Piazza Vittorio Veneto. Applausi per la squadra dopo il ko per mano della Lazio (2-0 il punteggio finale in favore dei biancocelesti): nessun problema per il deflusso dei tifosi che hanno iniziato a lasciare la piazza.

tmw.com



di Staff




  1. Più che deluso sono disgustato dalla mancanza assoluta di rispetto che la federazione gioco calcio italiana ha riservato a più di ventunomila persone bergamasche che si sono recate a Roma per assistere ad un incontro, nominalmente sportivo, ma che, in effetti, era una messa in scena , di stampo corleonesco, ove il risultato era di fatto già scritto. La confraternita arbitrale, formata da più persone, apparentemente incapaci di valutare, ma sottilmente legate da un rapporto di becera connivenza, hanno  ignorato il dovere di leggere immagini di gioco che rappresentavano emblematicamente, la configurazione ideale di un fallo, che viene sanzionato con assegnazione di un calcio di rigore. Nella fattispecie sarebbe stata di prammatica l'irrorazione di un cartellino giallo che, essendo il secondo, avrebbe comportato l'espulsione del giocatore. Cosette da poco, visto che si era giocato solo un quarto del tempo partita, ma alfine bastante per defraudarci crimilmente della partita stessa. Non per nulla il presidente laziale, camuffato da artefice della pace sociale, sfociata da parte dei suoi proseliti in un assalto alla forza pubblica, riusciva a confezionare una ulteriore truffa sportiva ai danni della malcapitata formazione bergamasca, già resasi colpevole, ai suoi occhi, di averla scalzata dalla maggior competizione europea, proprio una decina di giorni fa e sullo stesso terreno. Si è circostanziata più volte una serie di analoghe manovre, anche recentissimamente, ma il tutto è sempre caduto pesantemente nel nulla. Questa volta però pare essere arrivato il personaggio che noi si definisce ' chèl del formai', nella persona del nostro grande mister Gian Piero Gasperini. In diretta televisiva RAI, Gasp ha pesantemente stigmatizzato il delitto sportivo, qualificandolo assolutamente inammissibile ed inqualificabile. Girando pervicacemente il coltello nella piaga ha chiesto ragione della mancata e colpevole inosservanza del var e ne ha sollecitato, a questo punto ,la cancellazione, perchè senza tale procedura l'errore potrebbe normalmente sfuggire, ma sic stantibus rebus, condanna pesantemente chi vuole scorrettamente inutilizzarlo. Una reprimenda ed una reiterata accusa di voler colpire una squadra provinciale a favore di una metropolitana, senza che ne venga data una spiegazione. Se la coppa ci è stata sottratta col dolo, la società Atalanta non deve colposamente , subirne l'infamia, anche a nome e per conto di una onorabilità della sua tifoseria che è stata apertamente presa per i fondelli e deve riprendere la pratica, nei dovuti siti, per ribadire il proprio diritto ad essere trattata con giustizia e con rispetto, imponendo la propria dignità su di una confraternita a delinquere. Forza Presidente e forza strepitosa Atalanta.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.