Il 10% del fatturato per 350 giovani.E l’Atalanta passa all’incasso

03-01-2017 09:35 19 C.

La cessione di Gagliardini all’Inter, ma anche quella di Caldara alla Juventus, porteranno al club quasi 50 milioni: sono la conferma della bontà degli investimenti sul vivaio

Il metodo è sicuro e proficuo, ma per essere vincente ha bisogno di due componenti imprescindibili: investimenti continui e soprattutto pazienza. L’Atalanta passa all’incasso e riscuote i milionari frutti di una lunga semina. Le cessioni di Mattia Caldara alla Juventus e quella che dovrebbe essere definita oggi di Roberto Gagliardini all’Inter porteranno al club bergamasco quasi 50 milioni. I due sono prodotti di un vivaio con grande tradizione che, da qualche tempo, ha ricominciato a sfornare pezzi importanti. Dalla scuola nerazzurra sono usciti giocatori finiti in Nazionale: Montolivo, Pazzini e più recentemente Bonaventura e Baselli. Guida del settore giovanile è stato a lungo Mino Favini, ex attaccante degli anni 60, voluto a Bergamo negli anni 90 da Antonio Percassi, già presidente dal 1990 al 1994 e tornato patron nel 2010. Da due anni a guidare il settore c’è Maurizio Costanzi, arrivato dal Chievo, che ha già pescato Kessie.

L’Atalanta ha ristrutturato il centro d’allenamento di Zingonia, investe ogni anno circa 6 milioni sul settore giovanile, grosso modo il 10 per cento del fatturato del club. Numeri in percentuale più alti di quelli delle grandi: Juve, Milan e Inter non spendono così tanto, anche se i nerazzurri stanno spingendo molto sulle accademie in tutto il mondo.

 Il modello Atalanta però è unico, una tradizione iniziata con il presidente Bortolotti, portata avanti dalla famiglia Ruggeri (anche se negli ultimi anni ci fu una battuta d’arresto) e ripresa con successo dai Percassi. Caldara e Gagliardini, così come Conti e Grassi, sono prodotti del vivaio. La forza dell’Atalanta è prendere i ragazzi da piccoli e coprire una fascia d’età dagli 8 ai 17 anni. Si tratta di 350 giovani, distribuiti in una quindicina di squadre dai Pulcini alla Primavera. Escludendo lo staff della prima squadra, sono più di 80 le persone coinvolte tra tecnici, scout e accompagnatori.

Privilegiare ragazzi costruiti in casa non chiude le porte ai giovani promettenti di altre realtà. È il caso dell’ivoriano Kessie, prelevato dal Cesena, e oggi richiesto da parecchi club. Le cessioni di Caldara e Gagliardini non vanno lette come un impoverimento tecnico: i 50 milioni incassati sono un’assicurazione di continuità per un modello che funziona, si rigenera e sarà in grado di garantire nuove eccellenze.

fonte corriere.it

Bookmark (0)
ClosePlease loginn
0 0 votes
Article Rating

By marcodalmen


CONDIVIDI SU
Accedi


Iscrviti
Notifica di
19 Commenti
Nuovi
Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
19
0
Would love your thoughts, please comment.x