08-06-2019 07:35 / 36 c.

Il tecnico dell’Atalanta è il miglior allenatore della stagione 2018/19.

Per celebrare l’”Atalanta dei record”, come l’ha definita lo stesso Gasperini dopo il recente pareggio allo Juventus Stadium, vorrei iniziare da una statistica che non riguarda l’Atalanta e non è neanche propriamente un record: è la quinta stagione consecutiva che all’Ultimo Uomo assegniamo i premi di fine anno, ed è soltanto la seconda volta che come miglior allenatore viene premiato un tecnico che si è qualificato per la Champions League.

 È un dato che in termini percentuali non dice molto e che sembra raccontare soprattutto dei gusti esotici, non convenzionali, di questa redazione e dei suoi lettori. In fondo, però, contiene una chiave di lettura per tracciare la storia tattica dell’ultimo lustro di campionato: ci sono state squadre molto forti e molto continue, ma le principali innovazioni sono arrivate spesso dal basso, da una classe media per diversi motivi incapace di compiere il salto di qualità, ma altrettanto vivace nel cercare di ricamarsi una propria identità tattica.

Gasperini era stato eletto miglior allenatore del campionato anche due stagioni fa, quando aveva portato l’Atalanta a quota 72 punti con una rosa costruita per la salvezza, eppure non era bastato per qualificarsi al torneo più competitivo del mondo. Il risultato finale, pur restando all’interno dei contorni dell’impresa, confinava però i bergamaschi nel variopinto multiverso dell’Europa League, che tanto richiede e poco restituisce alle piccole realtà di provincia. Sarebbe potuta finire lì.

Lo stesso si potrebbe dire oggi degli altri tre allenatori selezionati per il ballottaggio finale. Mihajlovic ha fatto registrare una media punti senza senso per un Bologna che sembrava spacciato fino a un giorno prima del suo arrivo, e non tanto per i punti in classifica ma per le idee, la fiducia, la motivazione. Oggi però è difficile immaginare un progetto di crescita sull’onda di questa stagione, anche perché significherebbe portare questo Bologna (secondo solo all’Atalanta di Gasperini nella classifica delle ultime 13 giornate) a ridosso delle posizioni europee. Le notizie degli ultimi giorni lasciano intendere che il Bologna non è affatto sicuro di trattenere il tecnico in panchina.

Anche Mazzarri e Semplici hanno vissuto una stagione esaltante. Non si sono limitati a migliorare i risultati già confortanti dell’anno passato, ma hanno fatto registrare nuovi record di punti nella storia delle rispettive società (per la SPAL in assoluto, per il Torino limitandosi all’era dei tre punti). Le candidature hanno quindi premiato quegli allenatori in grado di coniugare risultati al di sopra delle aspettative con una proposta di gioco ben riconoscibile, rodati meccanismi di recupero palla e prestazioni coraggiose al cospetto delle grandi squadre. Semplici, in particolare, può appuntarsi al petto 6 punti contro la Roma, 3 contro la Juventus e 3 contro la Lazio: la base ideale su cui costruire la salvezza.

Gasperini, Mihajlovic, Semplici e Mazzarri hanno bucato con la forza delle idee le proiezioni dei bookmaker di inizio stagione, dove l’Atalanta rappresentava la settima forza del campionato, il Torino la nona, il Bologna la quattordicesima e la SPAL la diciassettesima. E hanno fatto crescere i giocatori in rosa, e indirettamente il valore del campionato, avvicinando i talenti più giovani o ancora acerbi allo stato di piena maturazione (Orsolini, Lyanco, Pulgar, Ola Aina, Meité, Berenguer, Bonifazi, Lazzari, Petagna: le notizie più liete in una stagione in cui non tutte le stelle hanno brillato).

Se però del lavoro degli allenatori decidiamo di premiare la capacità di raggiungere risultati attraverso il gioco, di nobilitare il capitale tecnico a disposizione, allora è inevitabile scegliere su tutti Gasperini, che ha portato l’Atalanta oltre il muro del bel gioco e delle plusvalenze a fine anno, in una dimensione che i curriculum dei giocatori e la storia recente della società non conoscevano, come neanche lo stesso Gasperini.

Abituato ai ritmi di apprendimento imposti dalle campagne acquisti di Crotone e Genoa, il tecnico piemontese ha sempre dimostrato di poter valorizzare chiunque venisse lanciato nel suo 3-4-3, e di poter rilanciare le ambizioni delle sue squadre ogni volta che sembrava aver fissato l’asticella troppo in alto. Così dopo una grande e inattesa stagione in campionato è arrivata una grande e inattesa campagna europea, e dopo una semifinale di Coppa Italia a spese del Napoli di Sarri è arrivata una finale di Coppa Italia a spese della Juve di Allegri. Questa stagione rappresenta quindi la sublimazione del suo percorso, il giusto riconoscimento per il contributo impareggiabile alla complessità tattica del nostro campionato.

L’Atalanta dell’ultima stagione è stata una squadra fisica come tutte le squadre di Gasperini (in un aneddoto raccontato un anno fa, Buffa lo riconduceva ai metodi di allenamento estenuanti; lo stesso aveva fatto il Bergamo Post in un ritratto del preparatore Borelli), ma anche una squadra sorprendentemente matura. Capace di rimontare 1-2 dopo essere passata in svantaggio al San Paolo, di recuperare lo svantaggio anche nell’ultima tesissima gara contro il Sassuolo, nello scontro diretto all’Olimpico contro la Lazio, in casa del Parma, del Bologna, del Milan, nella semifinale di Coppa Italia contro la Fiorentina, di recuperare tre gol alla Roma e di non perdere più per 3 mesi dopo il 2-0 in casa del Torino.

Questo è l’aspetto più affascinante del percorso di crescita triennale dell’Atalanta: la costruzione di una mentalità vincente che è partita dai princìpi di gioco, dalle scalate in avanti, dalla ricerca del pallone nella metà campo avversaria, dallo scaglionamento geometrico nell’ultimo terzo di campo, ed è arrivata a plasmare la consapevolezza dei giocatori, sicuri di poter riportare il risultato dalla propria parte in ogni momento, bravi anche a reagire alla sconfitta nella finale di Coppa per poi mettere in cascina i 4 punti necessari a timbrare il terzo posto.

Un percorso che è passato anche da un utilizzo sapiente dei giocatori a disposizione, nei reparti in cui ha avuto possibilità di fare turnover. Non tanto dal centrocampo in su, dove la scelta è ricaduta sempre sugli stessi uomini: Freuler, de Roon, Hateboer, uno tra Gosens e Castagne, e poi Gómez, Zapata e Ilicic, con Pasalic come primo cambio offensivo («Barrow non ci sta aiutando, a gennaio non sono stato bravo a convincere Percassi e Sartori a intervenire sul mercato», aveva commentato Gasperini ad aprile con un pizzico di amarezza).

Decisamente più scientifica la gestione delle rotazioni nel reparto arretrato, che la tradizione individua come il più delicato da modificare in corso d’opera. Dopo aver abituato i suoi cinque difensori a parlare la stessa lingua, Gasperini è arrivato a schierare praticamente tutte le combinazioni possibili al centro della difesa a tre (tranne, curiosamente, il terzetto Tolói – Mancini – Masiello, che in campionato non è mai sceso in campo). Il più utilizzato è stato invece il terzetto Tolói – Palomino – Mancini, per 8 volte, e a seguire gli esperimenti Tolói – Palomino – Masiello e Mancini – Palomino – Masiello, entrambi proposti 5 volte, per un totale di 9 combinazioni diverse in 38 partite.

Versatilità tattica, fluidità posizionale, dedizione alla causa («il mister ha ricevuto un attestato di stima da parte di questa squadra che lo ha sempre seguito», ha detto Masiello della qualificazione in Champions dell’Atalanta): è così che è nata la stagione dei record. Mai l’Atalanta era stata così in alto in campionato, mai aveva fatto così tanti punti nel girone di ritorno, mai aveva segnato tutti quei gol, mai aveva trovato così tante vittorie in trasferta.

Anche nell’economia del campionato, è evidente come l’Atalanta sia stata una squadra speciale, che ha ampiamente meritato il terzo posto finale: è stata la prima squadra del campionato per xG creati, la quarta per xG concessi, seconda per tiri in porta a partita, seconda per percentuali di possesso, seconda per passaggi concessi per azione difensiva, seconda per intercetti, e allo stesso tempo penultima per numero di falli commessi. Una squadra di un’incredibile lucidità.

Sono tutti tratti distintivi delle grandi squadre, a dimostrazione di come l’Atalanta sia riuscita a capitalizzare al massimo i progressi raccolti nelle ultime due stagioni, fino a raggiungere un grado di comprensione collettiva del gioco tale per cui il gol di Hateboer su assist di Gosens contro l'Inter  ricorda molto il gol di Hateboer su assist di Castagne contro il Cagliari, che a sua volta ricorda il gol di Gosens su assist di Castagne contro la Fiorentina, e così anche i due gol di Castagne su assist di Gómez contro la Roma e la Lazio. Praticamente una catena di montaggio a ciclo continuo.

È merito di Gasperini se siamo riusciti a osservare per intero la profondità del talento di Ilicic, se siamo arrivati a percepirlo come uno dei giocatori più decisivi del campionato, quando soltanto due anni fa contendeva a Candreva il titolo di giocatore più fumoso. Ed è per gli stessi motivi che abbiamo visto il Papu Gómez ancora con il bisogno frenetico di parlare di calcio dopo la sfibrante vittoria contro il Sassuolo, ancora motivato a spiegare come la stagione dell’Atalanta fosse cambiata con il suo accentramento sulla trequarti, come nei primi mesi avessero pagato l’assenza di Cristante in quella zona di campo, e come un assetto più equilibrato avesse restituito ulteriore brio alla manovra offensiva.

Nell’universo parallelo in cui le strade di Gómez e Gasperini non si incontrano mai, forse il Papu sarebbe rimasto così appassionato di calcio, ma è difficile immaginarlo altrettanto appassionato di meme, balletti, scherzi alla moglie e filtri di Snapchat. Questo per dire che il gioco offensivo e aggressivo di Gasperini ha sicuramente trasmesso ai giocatori maggiore notorietà, ma allo stesso tempo una confidenza che si è riflessa anche fuori dal campo, che li ha fatti sentire campioni, o almeno molto sicuri di sé.

Gasperini non è stato il miglior allenatore del campionato solo per la bontà delle sue idee, lo è stato anche per la determinazione con cui ha convinto della propria forza un gruppo di esiliati dai salotti del grande calcio. L’Atalanta era settima in campionato quando Gasperini ha detto che «con Gomez dietro Ilicic e Zapata abbiamo alzato le nostre capacità offensive: prendiamo qualche gol in più, però tra il dare e l’avere siamo in vantaggio», e in quel momento ha tracciato la strada da seguire, ragionando come un grande allenatore.

Da lì alla fine del campionato, l’Atalanta ha raccolto 37 punti nelle ultime 17 partite, regalandoci una grande storia di calcio e un grande privilegio, quello di poter premiare un progetto tattico brillante che è coinciso con un risultato storico. Per un tecnico rancoroso fino all’ossessione, deve essere stata la più dolce delle rivincite: dopo essere stato ritenuto per anni inadatto ad allenare una grande squadra, Gasperini ci ha mostrato come si fa a crearne una dal nulla.

fonte ultimouomo.com



di Marcodalmen




  1. OVVIAMENTE !
    E CHI ALTRO POTREBBE ESSERLO ??!!!



  2. O.T.1
    il sindaco gori ha chiesto ufficialmente la cittadinanza onoraria per il giampiero
    O.T.2
    il giampiero ora é in salento...
    oltre che grande intenditore de balú, pure di spiaggie
     
    mitico!

     


    • Che senso ha il "non poace" su questo commento?


      • Beh Frank, ti stupisci?
        Ci sono persone che non hanno sufficiente intelligenza per intendere più di tre parole messe in fila, quindi riescono solo a commentare l'autore.


  3. "Praticamente una catena di montaggio a ciclo continuo" (ovvero "calcio totale" cosi' raro da vedere, perche' difficilissimo da attuare).
     
    In passato, solo pochissime squadre sono riuscite a giocarlo con continuita': Ajax, Honved, Burnley, Santos, River Plate, Real Madrid, Barcellona e poche altre).
    Ma da quelle squadre sono usciti (o transitati) giocatori come Puskas, Hidegkuti, Di Dtefano, Pele', Crujiff, Maradona e tanti altri).


  4. Bell'articolo,
    ma con un buco tremendo.
    Nell'accurata analisi delle variabili difensive si sono incredibilmente dimenticati di Djimsiti, sempre presente in campo nella lunga maratona finale, che ci ha permesso di arriare dove siamo arrivati.


  5. Grazie ancora Campedelli


    • Mah,
      io il grazie lo direi a Percassi (e a Preziosi)


      • Percassi sicuramente.
        Ma non dimentichiamoci che per 2 settimane si stava aspettando l'anticalcio..per fortuna Campedelli lo ha blindato... altrimenti oggi altro che Champions


        • infatti il tone, aveva spedito alla leggendaria cena de verúna, suo figlio luca, per accertarsi che l'anticalcio arrivasse


      • Io un grande GRAZIE lo direi al Presidente Percassi che ha avuto la lungimiranza di scegliere Gasperini (nonostante qualcuno storcesse il naso).
         
        Direi pero' grazie anche a Campedelli che NON ha voluto "liberare" Maran (forse, non tanto per volerlo tenere ...... in seguito, fu infatti esonerato, quanto per una possibile ripicca contro Sartori .....).
         
        E direi anche un Grazie a Preziosi (che volendo imporre in squadra il genero Veloso) ha finito per esonerare un tecnico (e plusvalezatore) come Gasperini.


  6. Magnocavallo vive a Lovere -
     08/06/2019 alle 14:20
    Bellissimo pezzo, una esaustiva disamina delle idee del Vate di Grugliasco. Che dire ancora? Orgoglioso che sia rimasto a Bergamo e che ci guidi nella splendida (comunque vada) avventura Champions. 


  7. piú che dell'anno, x noi é del secolo




  8. Un Grande e per fortuna allena i ns colori!!!!!!!!!!!!


  9. Ci inorgoglisce a dismisura questo bel pezzo...Ed è tutto vero e meritato.


  10. Articolo inebriante per tutti noi, peraltro caratterizzato da una approfondita analisi dei nostri punti di forza che ci hanno consentito di raggiungere traguardi impensabili fino a pochissimi anni fa. Grazie al GASP, grazie a tutti i giocatori che lo hanno seguito con dedizione ed applicazione. LA SQUADRA NON VA ASSOLUTISSIMAMENTE SMONTATA!! Solo pochi rinforzi, validi e senza spocchia. Qui non siamo né a Roma, né a Milano, né a Torino.



  11. Pleonastico! 
    Spero che quest'anno non s'inventino altre cazzate per non dargli la strameritata Panchina d'oro: non ci avessero rubato la Coppa Italia non avrei avuto dubbi, ma visto com'è finita temo che qualche ribaltone potrebbe ancora esserci.
    Oggi, e già da qualche anno, è indiscutibilmente il miglior allenatore italiano! 


  12. GASPERINI MIGLIOR ALLENATORE???

     
    ....e  Pioli ??? ....e Montella???

     






  13. Bel pezzo complimenti 



  14. Uno dei più bei pezzi che io mi ricordi di aver letto negli ultimi anni. Complimenti a chi l'ha scritto.


  15. Gasperini allenatore dell’anno?!?
    ...a ga mancherès che fosse qualcun’altro..


  16. Un romanista ti ha definito PLURITROMBATO del calcio italiano....naturalmente al tuo secondo no!!!! VULPIS E UVA!!
    Premio che doveva arrivare prima ma incastonato nella champions brilla ancora di +


    • Gino a quel Romanista gli auguro di stare un mese sulla tazza del cesso, così pensa a tutte Le CAGATE che fa uscire dalla bocca ogni volta che parla!
      MANGIANTE detto er CANTANTE prima o poi ci rimarrà all’ISTANTE!!!!
      E concludo con una frase del vecchio DANTE ALIGHIERI che racchiuse in poche parole una certezza ad oggi ancora nota.....
      RIOMMA MERDA 


  17. tutto bello tutto vero.
    a parte quel “dal nulla” alla fine...


  18. E non é finita qua ,perché se dovessero arrivare 3/4 elementi da inserire nel gruppo ossia TRAORÉ PAVOLETTI KOUAME E???ne sentiremo parlare pure in EUROPA. 


  19. Numero 1 ASSOLUTO....premio che sarebbe dovuto arrivare prima ma...ma meglio tardi che mai 


  20. "...dopo essere stato ritenuto per anni inadatto ad allenare una grande squadra, Gasperini ci ha mostrato come si fa a crearne una dal nulla."
    Lunga vita al vate.





    • Veramente quel "ci ha mostrato come si fa a crearne una dal nulla" NON mi piace proprio.
       
      Dal NULLA non si puo' creare NULLA.
       
      L'Atalanta era gia' una validissima struttura con un Presidente eccezionale.
      Gasperini ha dato MOLTO, ma ha trovato un terreno fertile dove ha potuto seminare le sue idee di gioco.


    • Credo che questa frase riassuma il tutto. 


  21. In GASP We Trust  
     


  22. Articolo semplicemente strepitoso, con chiosa finale commovente.
    E'l'artefice, la mente di questa assoluta meraviglia.
    Grato e riconoscente per l'eternità ed oltre al mitico 
    Ed il bello deve ancora venire...
     


  23. commovente tributo al Gasp e alla dea.
    ... ma il bello deve ancora venire ... 


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.