19-08-2019 04:44 / 11 c.

Il sedici di agosto non è un bel giorno per tirare su baracca e burattini, senza salutare, per andare nel Paradiso degli eroi.

Uno come Felice Gimondi non dovrebbe morire il sedici di agosto. Forse, non dovrebbe morire mai, uno come Felice Gimondi.

Ero da Charo il sedici di agosto. La stavo aiutando con il nuovo armadio comprato a rate.

“Lo conosci? Dicono che era un campione.”

Pablo aveva letto la notizia su internet. Avendo visto che era di Bergamo e che era legato all’Atalanta, mi aveva messo davanti il tablet.

Fu come una sassata sul vetro.

Qui, nella terra di Indurain, chiunque aveva più di cinquant’anni sapeva chi fosse Felice Gimondi.

Terminai di malavoglia quello che stavo facendo.

Charo è una donna eccezionale. Aveva capito che la notizia mi aveva tagliato in due l’anima e non aveva insistito per trattenermi a cena.

Una camminata lungo Calle Estafeta fino alla Plaza de Toros, per digerire la malinconia che mi aveva attanagliato lo stomaco.

Non potevo tornare a casa.

El Tio non mi aspettava. Era appisolato sulla panca di fuori, con il cane Ernesto appollaiato ai suoi piedi. Si stavano godendo il tepore di un tramonto tiepido dell’estate ai piedi dei Pirenei.

Sentendomi arrivare, aveva inarcato le sopracciglia. Aveva inteso che portavo una mala notizia.

“Se n’è andato Gimondi.”

“Il sedici agosto?”

Gli riuscì solo quella domanda stupida.

Si era piegato in due.

Lui conosceva bene Miguel Indurain, il contadino, il papà di Miguel il Pentacampeon. Frequentavano gli stessi bar e a volte il contadino andava a vedere le partite, quando El Tio faceva ancora lo stopper sui campetti di terra, in giro per la provincia.

El Tio aveva visto quei due ragazzotti, Miguel e Prudencio, scorrazzare in bicicletta su e giù per le vie di Villava.

E quando Miguel cominciava a far parlare di sé, El Tio silenziosamente si augurava che potesse fare una carriera come quella di Gimondi.

Costruita sulla fatica e sulla forza di volontà, come quella di Gimondi. Si augurava che fosse prima uomo che campione, come Gimondi. Di essere silenzioso, ma caparbio, come Gimondi. Di pedalare prima con la testa e poi con le gambe, come Gimondi. Di diventare un campione perbene, come Gimondi. Di tornare ad essere un uomo come gli altri, una volta terminata la carriera, proprio come Gimondi.

E, come Gimondi, di non dimenticare mai da dove si era partiti.

Entrai in casa. El Tio e il cane Ernesto rimasero fuori, El Tio sulla panca, il cane ai suoi piedi.

Dalla cantina presi una bottiglia di rosso della Ribeira del Duero e due bicchieri ed uscii con loro.

Aveva gli occhi lucidi El Tio, mentre mi parlava di Gimondi. Ma non mi raccontava delle sue imprese sportive.

Mi parlava di quando l’aveva visto l’ultima volta in televisione, in un documentario di ciclismo. Una intervista di pochi anni fa, quando le luci delle telecamere erano andate a stanarlo nella sua valle, appena al di là di Bergamo.

Mi raccontava delle sue rughe, che erano il marchio delle sue mille fatiche. Dei suoi capelli ancora folti, spruzzati di bianco, come i mille passi che aveva valicato.

E il nasone, deciso e sincero, in mezzo agli zigomi evidenti, come una vetta dolomitica in mezzo alle volate delle tappe dei Grandi Giri vinti.

E gli piaceva sentirlo parlare.

Anche se non capiva molto l’italiano, al Tio piaceva ascoltare quell’inflessione paesana, quella cantilena della gente semplice.

Aveva gli occhi umidi, El Tio.

Alzò il calice.

“Non si muore il sedici di agosto.”

Disse, mentre guardava l’ultimo sole attraverso il colore purpureo del vino.

 

 

Rodrigo Dìaz



di Staff




  1. Un abbraccio infinito ..


  2. Il fubbal e la Dea sono oggi......secondari.
    La visita con tanti altri ciclofili a Paladina  era doverosa.
    Ma nn l ho ancora.......metabolizzare.
    Con Felice per noi ragazzi della prima generazione catodica in bianco e nero se ne va un pezzo felice ed irripetibile della ns vita.
    Grazie campione e uomo.
    Grazie Bergamasco duro e ..  morbido.
    Grazie Atalantini.


  3. Mi dispiace  , GRANDE UOMO  ....FELICE    !
    r.i.p.  Condoglianze alla Famiglia !


  4. Io ci sono nato il 16 agosto.....


  5. Avevo 28 .anni. Ero in auto e stavo tornando da una gita con amici in Val Brembana  e la vecchia autoradio stava annunciando che il Tour de France era stato vinto da un ragazzo di Sedrina. Ci fermammo poco dopo a Sedrina e anch'io,appassionato com'ero di ciclismo, mi misi a suonare , come altri automobilisti, ripetutamente il clacson in segno di giubilo. Fu un emozione intensissima che ancora oggi, ottantaduenne ,ricordo con tanta commozione e nostalgia.


  6. Il solito gran RODRIGO...


  7. Delicatamente splendido... 


  8. Complimenti Rodrigo, è da pelle d'oca. 


  9. desmodromicus -
     19/08/2019 alle 9:33



  10. ste63neroblu -
     19/08/2019 alle 9:23
    Anche il Campionissimo Fausto Coppi se n'è andato dopo un giorno di festa: morì il 2 gennaio...probabilmente è il destino dei grandi.


  11. Rodrigo da pelle d'oca ed occhi lucidi. Mi piace sempre molto quello che scrivi ma complice l'età che ha visto Felice come uno dei miti indiscussi questo pezzo mi ha scombussolato. Breve pulito e semplice, se fossi nella famiglia e li scoprissi prima di domani, lo leggerei come omelia al funerale.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.