Serie A, le 5 rivelazioni del 2016. Dai gol di Kessie al boom di Caldara

30-12-2016 08:02 3 C.
 
 
Bilanci di fine anno in serie A: ci siamo fatti aiutare dalla santissima Trinità delle statistiche calcistiche – presenze, reti e minuti giocati – per scegliere le 5 rivelazioni di questi mesi, evitando i nomi più scontati, come Belotti o Mertens.
 
 
 
KESSIE — Sei gol per l’ivoriano Kessie: nel conto anche due rigori, ma il dato resta clamoroso per un centrocampista con mezzi fisici eccezionali, che farebbero pensare più che altro a un recupera-palloni. L’Atalanta lo aveva mandato in prestito in B dopo una manciata di presenze in Primavera e neppure un minuto in serie A, all’esordio ha fatto doppietta, dopo 4 partite era a quota 4, e lo volevano già tutte le grandi d’Italia, Inter e Juventus in testa. I nerazzurri lo seguivano da quando giocava nel Cesena, ma ora rischiano di non poterselo permettere: ha compiuto da pochi giorni vent’anni, la proiezione del rapporto minuti giocati-gol (uno ogni 227’) lo vedrebbe ampiamente in doppia cifra a fine stagione, la valutazione ha da tempo sfondato i 20 milioni di euro, tutti indizi che fanno supporre un trasloco nella ricca Premier League la prossima estate.

NESTOROVSKI — 207’ il rapporto tra i minuti giocati (1446) e i gol (7) del 26enne macedone Nestorovski: Belotti ne ha fatto uno ogni 105’, come Milik prima dell’infortunio, Mertens uno ogni 91’, grazie a un dicembre di gloria con una tripletta e un poker nel giro di 8 giorni, ma tenere quella media al primo anno di serie A, in una squadra terzultima in classifica, che ha perso 12 gare su 18, non è roba da tutti. Zamparini, che aveva definito l’acquisto giusto un anno fa, con sei mesi di anticipo, ci ha visto lungo: se il Palermo scenderà in B, il bomber non lo seguirà.
 
FOFANA — 4 i gol del francese di origini ivoriane Seko Fofana, tra cui quello spettacolare e difficile contro l’Atalanta, destro all’incrocio dei pali da fuori area. Non male per un ragazzo di 21 anni, passato per le riserve del Manchester City, che ora si candida a diventare un altro dei grandi successi del rinomato settore scouting dell’Udinese. Anche perché i 4 gol li ha fatti in sole 13 apparizioni: Iachini gli fece giocare le prime due e poi lo dirottò in panchina per le restanti 5 gare della sua gestione, ma da quando è arrivato Delneri ne ha giocate 11 su 11, e tutte dal primo all’ultimo minuto.
 

Caldara, Pellegrini, Locatelli… Tutte le rivelazioni del 2016

 
 CALDARA — 6 le giornate passate da Caldara senza giocare un minuto in campionato: le prime 4 in panchina, altre 2 fermato da problemi fisici. Sommando l’inizio da comprimario alle due stagioni precedenti in prestito in B, buone ma non straordinarie, senza mai arrivare a 30 presenze (20 al Trapani, 27 al Cesena), era difficile immaginare cosa sarebbe successo nei mesi successivi: il 2 ottobre la prima presenza del campionato 2016-17, ora le apparizioni sono 11, con 3 gol segnati, difensore più prolifico del campionato, insieme ad Acerbi – che però uno lo ha fatto su rigore – e al compagno di squadra Masiello. Una decina di giorni fa la Juventus ci ha messo le mani sopra: 15 milioni, che coi bonus potrebbero diventare 20, per l’ex riserva di Zukanovic. Che – dal 2018 – sbarcherà a Torino per far coppia con Rugani, prendendo il posto della coppia Bonucci-Chiellini.
 
SCHICK — 81 i minuti (in media) che impiega Patrick Schick a segnare in serie A. In estate sembrava a un passo dalla Roma, poi Sabatini ha mollato la presa ed è finito alla Sampdoria, dove si è trovato davanti i due giocatori più talentuosi della rosa, Quagliarella e Muriel, che peraltro quest’anno hanno entrambi 18 presenze in 18 giornate. Per il talento di Praga, quasi 190 centimetri e un sinistro molto educato, 12 apparizioni in serie A, 11 da subentrato e una sola dall’inizio, il 26 ottobre contro la Juventus, quando segnò il primo gol in Italia. Ne ha fatti altri tre, contro Torino, Lazio e Chievo: 4 gol in 323’, più una doppietta al Cagliari in Coppa Italia. Il suo idolo, Zlatan Ibrahimovic, alla sua età giocò il suo primo campionato lontano da casa, fermandosi a 6 reti, in un decisamente meno impegnativo campionato olandese.
 
fonte gazzetta.it
Bookmark (0)
ClosePlease loginn
0 0 votes
Article Rating

By marcodalmen


CONDIVIDI SU
Accedi


Iscrviti
Notifica di
3 Commenti
Nuovi
Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
3
0
Would love your thoughts, please comment.x