Supermercato o boutique??

06-01-2017 08:01 75 C.

 

L’Atalanta, grande sorpresa stagionale in Serie A, si sta prendendo le luci della ribalta anche sul mercato. La scelta societaria di valorizzare i tanti giovani di qualità provenienti dal settore giovanile ha pagato, e anche tanto, sia con i risultati sul campo sia dal punto di vista economico. Alle porte del 2017, infatti, la Dea si trova al sesto posto in campionato, ed è pronta anche a mettere a bilancio diverse plusvaleze importanti.

MINIERA D’ORO – I migliori prodotti del settore giovanile dell’Atalanta sono gioielli ai quali i nerazzurri hanno sempre concesso una vetrina importante; in questa stagione è stata la volta di Caldara, Gagliardini e Kessie. I due italiani sono già stati virtualmente venduti a Juventus ed Inter e frutteranno un introito di circa 50 milioni di euro. Il difensore, che passerà dai bianconeri per una cifra vicina ai 20 milioni, resterà a Bergamo per completare il suo percorso di crescita. E proprio questa operazione, definita storica dal presidente Percassi, è stata solo il primo atto del mercato dell’Atalanta, che ora è anche sul punto di cedere Gagliardini per una cifra di circa 27 milioni, dopo appena 14 presenze in Serie A. Anche la valutazione di Kessie, sul quale infuria un’asta internazionale, è in costante ascesa e frutterà all’Atalanta una somma di almeno 25 milioni, a conferma della bontà del progetto portato avanti dal club bergamasco.

SUPERMERCATO? NO, BOUTIQUE – La Dea storicamente è sempre stata una bottega molto cara; emblematici i casi di Donadoni, venduto al Milan nell’estate del 1986 per 10 miliardi di lire, e di Filippo Inzaghi, acquistato dalla Juventus nel ’97 per la cifra record di 20 miliardi. L’Atalanta porta avanti una filosofia chiara da anni: valorizzare i giovani talenti per poi venderli a caro prezzo. Una politica che molti club cercano di intraprendere, ma che in pochi hanno saputo sviluppare come i nerazzurri. Anche in questa stagione l’Atalanta ha dimostrato di essere ben disposta a cedere i suoi campioni in erba; le porte della Dea sono sempre aperte al mercato, ma non definitela ‘supermercato‘, meglio chiamarla ‘boutique’

fonte calciomercato.com

Bookmark (0)
ClosePlease loginn
0 0 votes
Article Rating

By marcodalmen


CONDIVIDI SU
Accedi


Iscrviti
Notifica di
75 Commenti
Nuovi
Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
75
0
Would love your thoughts, please comment.x