Talenti da oltre 100 milioni

10-12-2016 09:20 23 C.

Il talento non nasce mai per caso. Lo devi coltivare, allevare, coccolare. Soprattutto aspettare. Poi, raccogli i frutti. E all’Atalanta hanno dimostrato ormai da anni che la loro programmazione è quella perfetta per lanciare i propri giovani. Come se ci fosse una formula magica, l’aria di Bergamo che produce giocatori veri spesso e volentieri fatti in casa, dal territorio stesso e non solo. E questa Atalanta, targata Gasperini, rimarrà come esempio più valido di paradiso per i giovani: giocano tutti, a livelli importanti e con una continuità impressionante. Pronti a garantire un fiume di plusvalenze alla proprietà della famiglia Percassi già da gennaio, quando si potranno prenotare i singoli gioiellini della Dea. Ma a prezzi non cari, di più; perché con queste cessioni si produrranno i prossimi talenti. Come una ruota che gira.

MEGA PLUSVALENZE – In questi giorni sono iniziati gli incontri tra l’Atalanta e i top club che vogliono i suoi giovani migliori. E le cifre sono davvero importantissime, per cinque ragazzi in particolare. Il primo è Mattia Caldara, difensore centrale classe ’94: lo vogliono tutti, non per modo di dire. La Juventus ha già accettato di ragionare oltre i 20 milioni, si può arrivare anche a 25. Il Napoli ha avuto un incontro, il Milan pure, l’Inter è interessata e la Roma cerca un centrale italiano, ha avuto modo di muoversi. Un’asta vera e propria con Caldara nel mirino di tutti, si salirà sui 25 milioni di euro per bloccarlo in vista di giugno. Non meno di 20 milioni è valutato anche il cartellino di Roberto Gagliardini, anche lui un ’94: il Milan lo vorrebbe e lo ha richiesto nell’ultimo incontro. Per non parlare di Franck Kessie, valutato almeno 25 milioni dall’Atalanta. Il Tottenham ne ha già offerti 23, la Juventus non ha nessuna intenzione di lasciarselo sfuggire, un’altra corsa che può chiudersi a cifre importantissime per un ragazzo del ’96. Senza dimenticare il terzino destro Conti, altri 15/20 milioni per un ’94 con l’Inter in primissima fila (ma la Juve è vigile, così come la Fiorentina e il Napoli) e il centravanti Andrea Petagna, numero 9 anche dell’Under 21 la cui valutazione è salita ben oltre i 12/13 milioni di euro.

NON SOLO GIOVANISSIMI – Facendo due calcoli, con quei cinque giovani si rischia davvero di sforare i 100 milioni di euro di incasso entro i prossimi 6/7 mesi. L’Atalanta non li venderà forse tutti subito, in particolare Petagna potrebbe essere ancora valorizzato fino alla prossima estate mentre tutti gli altri rimarrebbero comunque in prestito fino a fine stagione; ma la Dea può contare su incassi importantissimi con tutti giocatori che sono costati pochi spiccioli di crescita, non di investimenti. E non ci sono solo loro, anzi: non va dimenticato Marco Sportiello, portiere classe ’91 che è patrimonio dell’Atalanta e del calcio italiano, la sua valutazione rimane almeno sugli 8/9 milioni di euro in vista di gennaio. Ma c’è anche il Papu Gomez, non più giovanissimo ma con un’importanza fondamentale per Gasperini. Ennesima pepita di un’Atalanta che si è riscoperta paradiso, soprattutto per i talenti in rampa di lancio. E pronta a far cassa dalle big. Con plusvalenze da sogno e giovani prospetti messi in vetrina. Solo applausi per una miniera d’oro che sa sempre riprodursi e divertirsi.

fonte calciomercato.com

Bookmark (0)
ClosePlease loginn
0 0 votes
Article Rating

By marcodalmen


CONDIVIDI SU
Accedi


Iscrviti
Notifica di
23 Commenti
Nuovi
Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
23
0
Would love your thoughts, please comment.x