01-05-2020 13:00 / 6 c.

Caro Franco non ti dimenticheremo | Partito Liberale Italiano

Nasce per soffiare, vive per cambiare, muore ... per far soffrire.

Così io mi immagino la creazione, un piccolo soffio di vento che ha smosso equilibri, generato energia che ha dato origine al tutto. Il vento per me è qualcosa di importante, rappresenta il destino, non lo vedi arrivare, non lo consideri ma in poco può cambiare tutto, può rendere piacevole una serata afosa, come inquietante una gita in barca, può essere di sollievo o incutere terrore quando scatena tutta la sua forza.

Un anno al vento è una frase con una forte accezione negativa, delle cose di valore gettate via, sprecate inutilmente, calza a pennello a tante cose, ma a maggior ragione per le cose che hanno poco tempo per essere realizzate che non sono eterne o misurabili in lustri.

Tra queste cose a "breve scadenza" ci sono i sogni degli sportivi e le carriere di molti giovani atleti che si sono trovati di fronte un insormontabile ostacolo.

Le speranze, le ambizioni, le aspettative sono rimaste come insabbiate in questa crisi epidemiologica, alcuni progetti ben strutturati, senza nemmeno rallentare, sono stati inghiottiti dalle sabbie mobili del Lockdown, ragazzi che speravano di conquistare, gara dopo gara, un primato in classifica, un miglioramento di rendimento individuale o di squadra, hanno dovuto arrendersi all'inattività forzata.

Inattività che riguarda molti fronti, dall'istruzione, alle relazioni, dal lavoro agli affetti. L'inattività del giovane sportivo è quella che per ora mi colpisce. Vedo molte società che hanno organizzato allenamenti condivisi coi loro giovani via Zoom, WhatsApp, Messanger o altre diavolerie tecnologiche che stiamo imparando a manovrare più delle biciclette.

Ho visto come l'Atalanta è stata vicino ai propri giovani, grazie all'attività degli staff, Mister, preparatori atletici, medici, Psicologi e la Psicopedagogisti, ma la perdita è abbastanza grave. Non potersi allenare per 6-8 mesi è come essersi infortunati al crociato rappresenta una stagione persa, obbiettivi non raggiunti, prove non superate, confronti mai avvenuti.

Seguendo le squadre Femminili, ho visto crescere un progetto interessante per l'Atalanta del Futuro. Un'idea di prima squadra, come ha sempre voluto patron Antonio, forgiata sui campi di Zingonia. Ragazze della provincia e della Regione che seguendo la trafila delle giovanili arrivino in prima squadra e onorino la maglia nerazzurra ed in futuro possano essere linfa vitale per fare crescere il movimento anche in rosa. In questo caso il trauma è anche maggiore e la delusione se non si potesse proseguire sarebbe enorme, la nostra Under 17 femm. ha portato avanti un percorso di crescita, giocando contro le prime squadre dei campionati di promozione, di eccellenza ipotizzando anche amichevoli con squadre di serie C, ottenendo sempre ottimi risultati che vorrebbero catapultare le nostre Allieve già su palcoscenici più importanti. Il campionato in corso vedeva l'Atalanta proiettata verso una crescita esponenziale, ogni gara era meglio della precedente e le soddisfazioni non sarebbero mancate.

In campo Maschile non si può nascondere la delusione di vedere i nostri in testa in tutte le categorie dalla Primavera alla Under 16, pronti a cucirsi nuovamente il tricolore al petto, ma sopratutto a fornire, al calcio nostrano, ed al mister Gasperini nuovi cristallini talenti. Egoisticamente da tifoso, questo stop, mi preoccupa poco perché ho la certezza di una società che ogni anno migliorerà, ma ho provato anche a mettermi nei panni dei nostri giovani, alcuni in attesa di conferma, altri in procinto di firmare un contratto o pronti a scegliere se andare in prestito o affrontare una nuova avventura.

Ho iniziato un piccolo sondaggio chiedendo ad alcuni giovani calciatori, maschi e femmine come stanno vivendo questo momento, quali erano gli obbiettivi personali e come stanno affrontando la delusione di non poterli raggiungere.

Nei prossimi giorni inizieremo a pubblicare le loro risposte dalle quali si può rivalutare la frase del titolo, non si tratta di un anno buttato ma di una nuova strada da percorrere che arricchirà di un'esperienza umana i nostri giovani e li renderà donne e uomini migliori.

Iniziamo domani con Tommaso De Nipoti

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

 

FORZA ATALANTA!

 



di Cuginus







  1. Come sempre ottimo lavoro Cuginus.Peccato non poter finire i campionati delle ns.giovanili.4 su 5 erano prime nei loro gironi.Complimenti a tutti i collaboratori del sett.giovanile,con la speranza a tutti gli amici del sito di potersi rivedere,prima o poi,sulle tribune di Zingonia.


  2. lavoro anche io con i giovani e sto proponendo quotidianamente ai miei ragazzi esercizi da fare a casa individualmente ma il lavoro sul campo di gruppo e il confronto con gli avversari sono insostituibili. Credo e spero che per questa generazione sia prolungata l'attività giovanile di un anno affinché non perdano degli step indispensabili per la loro formazione. In soldoni che il limite per tesserare i primavera rimanga quello di questa stagione anche nella prossima e così a scalare "bloccando" le categorie. Quelli pronti per il professionismo o comunque per il calcio dei grandi spiccheranno comunque il volo. 


    • Anche io alleno una squadra di Giovanissimi e anche io come te ho proposto di bloccare le annate,ma la risposta che ho ricevuto sia dal CSI che dalla FIGC Bergamo e' che la vita deve andare avanti, cosi come le annate..
      La speranza mia e' che se da giugno riaprono i centri sportivi si possa fare allenamenti a gruppi di 4 alla volta, in modo da far riprendere confidenza ai ragazzi con gli strumenti calcistici ma soprattutto per curare loro ferite psicologiche che in questo periodo potrebbero essere letali per i ragazzini piu' sensibili..


      • Secondo me è follia se non sarà così


    • che squadra alleni?


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.