20-04-2017 16:41 / 115 c.

Dall'account Facebook della Curva Nord:

"In occasione di Atalanta - Bologna la Curva Nord, stanca di questo atteggiamento "arrogante e presuntuoso" da parte dell'Eco di Bergamo nei confonti della Tifoseria ed ora anche verso il nostro allenatore, *INVITA TUTTI a portare e strappare all'ingresso in campo delle squadre una pagina di questo giornale. L'aver creato l'ennesima, inutile ed inventata polemica, in questa emozionante stagione deve essere motivo per TUTTI i tifosi per dimostrare che l'Atalanta merita rispetto, la sua Tifoseria merita rispetto ed anche il nostro Allenatore merita rispetto e non attacchi gratuiti e personali da chi, dall'alto di un pulpito crede di poter giudicare chiunque.*CONDIVIDIAMO E PASSIAMO PAROLA!*"     

di Marcodalmen




  1. .ed organizzarsi per dire alle ns piè nonne di nn comprarlo più......?


  2. secondo me è meglio una protesta "PER" , non "contro". Farei un mega striscione con scritto "BERGAMO E' CON GASPERINI" che venga fatto passare per tutti i settori dello stadio. Chi deve capire, capirebbe. E rafforzerebbe la posizione del Gasp in chiave di futura conferma alla guida della Dea.


  3. @ Clod1907 - 21/04/2017 alle 5:37
     
    Mi sembra che tu identifichi giustamente la determinazione di Gasperini nel proteggere in ogni modo possibile la compattezza del gruppo, come ragione prevalente per tenere quanto piu’ lontano possibile un giornalista notoriamente a caccia di "gossip" (notizie vere, false, o puramente inventate) e, apparentemente, seminatore di zizzania.
     
    Tu non pensi pero’ che sia utile il segno di solidarietà proposto dalla curva.
     
    A questo riguardo, io vedo una situazione sempre piu’ fluida.
    Secondo me, prima di prendere una decisione definitiva, dovremmo osservare con attenzione quello che avverra’ oggi (conferenza stampa?). Molto potrebbe infatti cambiare....
     
    Concludi con “meglio quindi striscioni a difesa del Gasp...forza Gasp, siamo con te in questo tuo gravoso compito che ti mette fuori dal folto gruppo dei buonisti”.
     
    Potresti avere ragione tu.


  4. il Gasp ha già dato segnale forte, chiarito e precisato.. portare la protesta "a livello superiore" a parer mio è più un rinfaccio personale per vecchi attriti rispetto al voler il bene futuro dell'Atalanta (a cui gioverebbe il minor contrasto possibile tra gli attori, i tifosi, i media, ecc..).
    Ci si poteva schierare dalla parte del Gasp senza arrivare ad osteggiare pubblicamente il giornale, come altri credo il modo più incisivo sia evitarlo alle edicole.. ma tant'è, il dado è tratto, la mia opinione onn cambierà certo il corso della protesta.
    Spero solo finisca li e non lasci strascichi "politici"..
    Free to be


  5. e poi secondo voi i media e stampa nazionale daranno ragione a voi della curva nord condannando dei colleghi della stampa locale,  oppure per i tifosi bergamaschi ci sarà u'naltro bel sputtanamento in tv e giornali ??.....
    Domani Solo Atalanta
     


  6. Lo stesso posto (identico settore fila e addirittura numero) : Atalanta - Cagliari = 20 euro , Atalanta - Bologna = 35 euro
    diavolo di un !!
    tu mi travi
    e tu mi sveni


  7. A me queste cose non piacciono, ricordano troppo di quando si bruciavano i libri...


  8. Non so se ci avete mai provato ma trovo la carta dell'Eco perfetta per pulire i vetri, col cavolo che la brucio....


  9. Che idea balzana, non mi capacito...pure orchestrata, la storia è l'attualità non insegnano proprio nulla?!


  10. Molto meglio lasciar perdere la cosa, invece che dar modo a L'Eco di innescare altre polemiche e passare per "perseguitato". Sostenere la squadra e basta, al massimo, le pagine del giornale, bruciatele sui gradoni, a fine partita, come si faceva una volta.....


  11. ma chissenefrega della lite l'eco/Gasp.........forzatalanta vinci per noi.


    • maracaniggia -
       21/04/2017 alle 10:10
      Giusto. Chissenefrega!!!
      E poi è come andare ad aggiungere qualcosa alla pietà del Michelangelo. 
      Il Gasp ha sistemato tutto nel migliore e più chiaro dei modi!!!!
      Solo Atalanta!!!! Tutto il resto


  12. Anche io non sono d'accordo con questa iniziativa.
    Come ha già ha detto qualcuno se si vuole "boicottare" l'eco la cosa migliore è non comprarlo più.
    Inoltre poi la notizia "falsa" non è stata pubblicata, quindi in questo caso l'eco non ha commesso errori.
    Come suggerito da qualcuno forse sarebbe più sensato manifestare contro lo specifico giornalista in questione.
     
    Forza Atalanta!



  13. Solo i diretti interessati sanno come è andata e quindi si arrangino tra di loro. Noi facciamo il nostro 'dovere' di 12 uomo e incitiamo la squadra lasciando perdere il resto !! PPLLEEAASSEE


  14. In relazione all’iniziativa della Curva Nord circa l’Eco, ho letto con molta attenzione tutti i commenti e mi pare che il 60% sia favorevole (io sono favorevole) e il 40% contrario (alcuni writer che stimo sono contrari).
     
    In queste circostanze, al fine di NON consolidare questa diversita’ di opinione, riterrei opportuno riconsiderare velocemente l’opportunita’ di dar corso all’iniziativa nella forma anticipata.
    Forse cartelli e cori (con supporto unanime di tutti i settori) potrebbero avere un effetto superiore ad una azione NON unanimemente condivisa.


  15. Ma sostenere la squadra e ignorare completamente una polemica controproducente no?


    • maracaniggia -
       21/04/2017 alle 10:14
      Controproducente?
      Per l'eco no di certo. Anzi......


  16. Qui a nessuno piace L' eco .... ma mi spiegate perché ha 300.000 lettori ogni giorno nella bergamasca ed é presente anche nel piú sperduto bar della provincia ? 
    Tutti lo leggono , anche quelli che lo criticano 
    meno ipocrisia e pensiamo all' Atalanta 


    • Centrato in pieno! 
      Meno chiacchiere e.....pagliacciate varie.
      Più fatti. Se le copie diminuiscono è  il vulnus fatale, visto che sono in grave crisi.
      Con iniziative di questo genere il rischio è  che Erode passi per Giovanni il Battista.
      A buon intenditor....
       


    • @ malizia - 20/04/2017 alle 23:51
       
      Perche' e' il giornale che riporta fatti .... e pettegolezzi locali (gossip)..... e quindi stimola la curiosita'....
       
      Se un suo giornalista a caccia di "gossip" (notizie vere o false che siano) semina zizzania nello spogliatoio dell'Atalanta, e' secondo me giusto che l'allenatore dell'Atalanta faccia tutto il possibile (beninteso, nell’ambito del lecito) per tenerlo lontano.


  17. @ Clod1907 - 20/04/2017 alle 22:04
     
    La penso esattamente come te. Gasperini, tra l’altro, protegge i suoi dai cacciatori di “gossip”.
     
    Purtroppo penso che questo aspetto dell’attivita’ (essenziale) di Gasperini NON sia molto conosciuto e/o compreso.


    • Gasperini lo fa per proteggere il gruppo, e fin qui potrei anche essere d'accordo, mai tifosi per cosa devono protestare, c'è già Gasperini che si occupa di questo, noi tifosi dovremmo occuparci di sostenere la squadra che ci frega a noi delle beghe tra stampa e addetti ai lavori. se non mi piace l'eco o la gazza non li leggo più, punto, in questo modo non si fa altro che ingigantire un caso che si era già sgonfiato da solo, questo volevo dire.


      • Gasperini protegge se stesso, si è sentito preso per i fondelli dopo che il direttore dell'eco gli aveva garantito che non avrebbe mandato più spini dopo la presunta falsa notizia....Gasp si è incazzato ma cosa c'entra il gruppo? Non è che ha difeso il gruppo per una cosa di spogliatoio che doveva rimanere segreta, ma di una una presunta bufala che secondo il gasp è totalmente inventata...E noi perché non credere al nostro condottiero?


        • maracaniggia -
           21/04/2017 alle 10:18
          Voi, Michi, dareste risalto solo all' eco.


        • Ancora peggio, che ci frega a noi delle beghe tra Gasperini e un giornalista.


          • Mah. Veramente, se un giornalista a caccia di “gossip” o seminatore di zizzania (bufale) non viene fermato, c'e il rischio che possa dar luogo a fratture nel gruppo.
             
            La "protezione" di Gasperini starebbe, in questo caso, proprio nell'evitare presenze potenzialmente divisive.


            • però ai fini di sostenere Gasp nel suo ruolo di difensore dell'armonia del gruppo dei calciatori, non penso sia utile il segno di solidarietà proposto dalla curva.
              Strappare un giornale è sempre un comportamento di manacanza di rispetto, anche se inviso a molti, e del quale anch'io pur leggendolo ne ho pochissima stima per motivi molto più seri che qui non è il caso di dibattere.
              Gasp reclama giustamente rispetto della sua persona che gli compete come allenatore della Dea.
              Noi nel rispetto delle regole dovremmo semplicemente incoraggiare il Gasp a continuare a chiedere ed esigere rispetto dal Direttore e dal giornalista che si sono resi protagonisti di comportamento destabilizzante dello spogliatoio.
              Si deve condannare il comportamento, le persone devono essere rispettate.
              Meglio quindi striscioni a difesa del Gasp.
               
              Tenete conto che i media nazionali strumentalizzeranno quanto proposto dalla curva. Non gli parrà vero di mettere n cattiva luce il tifo atalantino agli occhi dei perbenisti.
              Forza Gasp, siamo con te in questo tuo gravoso compito che ti mette fuori dal folto gruppo dei buonisti.     


  18. Secondo me questa volta è una protesta più che fondata e ogni onesto giornalista dovrebbe segnalare questa cosa!
    ho letto un articolo dell'eco che voleva precisare la posizione del quotidiano rispetto a quello successo...aldilà del giusto e sbagliato un quotidiano deve limitarsi a riportare le notizie in modo da riportare la verità,non deve esprimere giudizi o fare precisazioni!


  19. Il problema del giornalismo e di chi legge
    Tanti problemi tanti lettori.....
    Ma nessuno li legge...mah
    Sembra la stessa situazione inizio anni 90
    Mai nessuno votava dc


    • sempre in ambito politico, ricordo la stessa cosa in un passato più recente.
      I tempi cambieranno anche. Ma le persone? 


  20. Io non compro mai il bugiardino perche' leggo le notize online .Piuttosto ogni tanto il mio consorte compra  il giornale rosa perche' la sua bella carta e' molto duttile e si puo' usare  in vari modi. Per esempio.. per pulire la gabbia dei canarini, raccogliere gli escrementi del cagnolino quando lo si porta ai giardini o come carta igienica da tenere in macchina in caso di emergenza.
    Tornando a noi, sono d'accordo con chi dice che l'unica forma di protesta  e' non comprare  il giornale in questione.Sabato bisogna solo incoraggiare e sostenere i ragazzi nella maniera piu' assordante possibile


    • Ciao Dani. Hai fatto proprio un bella pubblicita' (multi-uso) al giornale rosa.......magari, farai anche aumentare le vendite....


  21. Sabato la squadra ha bisogno del 12° uomo in campo. 


     

    Coreografie, incitamento e grande calore dello stadio verso questa squadra fantastica.

    Lo stadio deve essere una bolgia 


    Lasciamo perdere queste beghe da Bar Sport.

     
    Chi se ne frega del "bugiardino", ignorare é un buon antidoto.
     
    Qualcuno mi deve spiegare ? io dovrei comprare il giornale e finanziarlo per poi bruciarlo. Quelli dell'Eco realizzeranno incassi record sabato.
    Esiste la libertà di stampa e la libertà di scegliere cosa leggere.
     

     


  22. @ Tony1907 - 20/04/2017 alle 20:50
     
    Normalmente condivido i tuoi commenti. In questo caso, no. Forse c’e’ un equivoco.
     
    Tu e altri scrivete, grosso modo: “In questo caso discutendo sul nulla dato che la notizia su cui è nata la contesa non è mai stata pubblicata, quindi secondo me, ha sbagliato prima Gasperini a creare la polemica su una cosa inesistente ....”
     
    In realta’, il problema NON e’ mai consistito nella pubblicazione o meno della notizia (in verita’ bloccata sia da l’Eco che dalla Gazzetta dello Sport) bensi’ nel “casino” che l’operato di Spini stava generando indirettamente nello spogliatoio pochi giorni DOPO il famigerato 7-1.
     
    Gasperini NON ha creato una polemica su una cosa inesistente.
    Si e’ incazzato come una belva perche Spini rischiava veramente di far saltare l’armonia dello spogliatoio (almeno, questo e’ quanto mi risulta.....).
     
    E credo che Gasperini consideri tuttora Spini persona potenzialmente dannosa alla squadra.


    • Gasp difende lo spogliatoio. Ritengo coraggioso il suo comportamento che consiste nel tenere lontano i cacciatori di gossip che gettano zizzania nel gruppo .
       
       


    • Stando cosi' le cose, sarebbe stato piu' efficace proporre iniziative contro Spini specificamente,
      in modo che si sputtanasse per bene il suo nome, no?


      • Gia' stato fatto due anni fa'.
         
        Sono andato a leggermi l’articolo di Gerardo Adinolfi sul sito del notiziario “Ossigeno” del 15 aprile 2015 (ore 11:58).
         
        Nell’articolo si legge: “Striscione e cori contro Matteo Spini, collaboratore de La Gazzetta dello Sport.
        Su Facebook un utente invita ad andare a casa del giornalista”.
        Nel testo dello striscione esposto il 15/4/2015 (cioe’ due anni fa’) si legge: “MATTEO SPINI VERME”.


  23. non sono d accordo 


  24. Ho scritto criticando l 'Eco e la associazione giornalisti per una presa di posizione corporativa.  Ma la proposta di strappare un giornale mi sembra un grave errore. Gasp è libero di non parlare con chi non lo rispetta.  Ma chiuderè la storia qui. 


  25. @ SergiodeBrusa - 20/04/2017 alle 18:41
     
    Ciao Sergio, apprezzo sempre i tuoi commenti ma, questa volta, vorrei fare qualche precisazione.
     
    Preferisco anch’io vivere in un paese dove la stampa sia libera di scrivere qualche minchiata in più, piuttosto che in un regime dove ogni notizia sia soggetta a restrizioni, censure e filtrazioni di qualsiasi genere. Su questo non ci piove.
     
    Pero’, affinche’ la liberta’ di stampa NON diventi SOPRUSO, devono contrapporvisi alcuni diritti della persona come, ad esempio: (1) il libero arbitrio, (2) il diritto di replica, e (3) la possibilita’ di evidenziare eventuali conflitti di interesse.
     
    (1) LIBERO ARBITRIO.
     
    Sulla Gazzetta dell Sport (Spini e’ anche un suo collaboratore) il presidente dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini, ha stigmatizzato l’operato di Gasperini come segue:
    “Nessuno, tanto più un personaggio pubblico come un allenatore di una squadra di calcio di serie A, può scegliere i giornalisti degni di partecipare a una conferenza stampa. Decidendo così, a mo' di capriccio, di voler parlare o non parlare con i cronisti in un appuntamento istituzionale.
    È il diritto all'informazione che ha la prevalenza su qualsiasi fatto, problema o antipatia personale con qualsiasi giornalista“.
     
    Ma un insigne giurista gli ha risposto:
    “Vero che Gasperini non può scegliere chi è ‘degno di partecipare’ ad una conferenza stampa, ma può rifiutarsi di parteciparvi esso stesso (cosa che ha fatto) se ritiene di averne validi motivi.
    Il diritto all'informazione NON ha affatto prevalenza sul diritto al libero arbitrio di una persona”.
     
    (2) DIRITTO DI REPLICA
     
    Questa e’ la chiusura dell’articolo su Gasperini a firma del Direttore dell’Eco di Bergamo online (a seguito della polemica su Spini).
     
    “Di certo, però non è riuscito a far litigare tra loro l’Atalanta e L’Eco di Bergamo, mai così impegnato a sostenere la corsa dei nerazzurri verso l’Europa. La nostra attenzione nei confronti della squadra non verrà certo meno per i capricci di qualcuno troppo distante dalla realtà”.
     
    Per il direttore dell’Eco di Bergamo, Gasperini diventa quindi: “qualcuno troppo distante dala realta’ “.
     
    Un mio commento a questo articolo NON e’ stato mai pubblicato, e mi risulta che la stessa cosa sia accaduta ad altri.
     
    E il diritto di replica?
     
    (3) POSSIBILITA' DI CONTROLLARE EVENTUALI CONFLITTI DI INTERESSE
     
    NON dovremmo mai dimenticare che oltre ai tanti giornalisti onesti e seri (in alcuni casi anche eroici), ce ne sono altri che pensano soltanto al beneficio personale (o di gruppo) che possono ricavare pubblicando una notizia (vera o falsa che sia) ponendosi cosi’ in conflitto con l'interesse superiore della comunita' che dovrebbero servire.


    • SergiodeBrusa -
       20/04/2017 alle 21:14
      Frank anch io apprezzo l accuratezza dei  tuoi commenti completi e dettagliati. 
      Per ciò che riguarda il libero arbitrio, Gasperini ha il diritto di partecipare o meno ad ogni conferenza stampa, tenendo però conto che penalizza tutti i presenti per punirne uno,oltre ai suoi tifosi che sono interessati alle sue valutazioni della partita. 
      Oltretutto se si dovesse tenere fuori dalla sala stampa tutti i giornalisti che hanno avuto qualche screzio con gli allenatori, tutte le conferenze stampa sarebbero deserte. 
      Per ciò che riguarda il diritto di replica,  la risposta del direttore è assolutamente educata e condivisibile se non fosse x le parole " qualcuno troppo distante dalla realtà " a cui  sinceramente non riesco a trovare un significato o un interpretazione che abbia un senso. 
      Per il terzo punto, è innegabile che ci siano giornalisti non solo in  ambito sportivo, che inseguono notizie bomba senza nemmeno verificare la veridicità dell informazione.Ma proprio x questo non il caso di prendersela con tutta la categoria , ma individuare e isolare chiunque faccia questo mestiere senza senso del dovere e di responsabilità verso i lettori che si devono fare un opinione sulla base di queste notizie. 
       
       


    • Lungi da me il difendere i giornalisti che si difendono già abbastanza bene da soli, ma in questo caso stiamo essenzialmente discutendo sul nulla dato che la notizia su cui è nata la contesa non è mai stata pubblicata, quindi secondo me ha sbagliato prima Gasperini a creare la polemica su una cosa inesistente e ora sbagliano gli ultras nel fomentare un caso che invece dovrebbe essere messo da parte.
      P.S. notare che io preferisco parlare di ultras più che di curva dato che la curva è un settore dello stadio in cui ci sono gli ultras ma c'è anche molta gente che non lo è (per sempio io) che a volte potrebbe non essere d'accordo con le iniziative portate avanti da quel gruppo.
       





  26. Stracciare i giornali ricorda il bruciare i libri.
    io l'eco non lo compro e non lo leggo ma sta cosa mi sa tanto di pensiero unico.... una consuetudine di questo ultimo periodo Ultras.....
    Solo Atalanta come sempre e libertà di tifare......


  27. sinceramente non me ne frega nulla di queste cose.
    vado in curva x veder l'Atalanta e tifare.
    un bel silenzio ed indifferenza la cosa migliore.


  28. Senza farla lunga, e in accordo con altri commenti precedenti al mio
     
    NON SONO D'ACCORDO CON QUESTA INIZIATIVA


  29. Non sono d'accordo.
    Si ridà vigore ad una faccenda che alla fine riguarda due persone che solo loro conoscono approfonditamente i termini della faccenda.
    L'articolo che evidentemente era già pronto non è stato pubblicato su veto dei direttori e Gasperini ha a mio avviso calcato la mano per mostrare urbi et orbi che non tollera invasioni di campo nel suo ambito. Di fatto se anche avesse avuto da discutere con uno qualsiasi dei suoi giocatori mi pare cosa del tutto normale visto che ha a che fare con una trentina di soggetti diversi ed inoltre che abbia un carattere fumantino lo abbiamo capito tutti.
    Forse anche per questo ama aver a che fare con giovani intonsi anziché vecchi marpioni che creano clan interni.
    Alla fine noi che ne sappiamo?
    Mettendo in scena questa "protesta" unilaterale si finisce per accrescere l'importanza di un interlocutore che in un momento in cui la squadra gira a meraviglia rischia di essere solo deleterio.


    • Ciao Oscar 1962
       
      Io la vedo in modo un po' diverso.
       
      Penso che Gasperini sia molto bravo nel proteggere i suoi dai giornalisti cacciatori di “gossip” e da quelli che amano gettare zizzania nel gruppo.
       
      Purtroppo penso che questo aspetto essenziale della sua attivita’ NON sia molto conosciuto e/o compreso.
       
       


  30. La libertà di stampa è un diritto per me INVIOLABILE
    Totale DISAPPROVAZIONE per questa iniziativa
    Domenica sarò in curva, canterò a squarciagola come sempre ma come sempre userò la mia testa e non strapperò un bel niente
    FORZA MAGICA ATALANTA


    • La protesta non lede la liberta' di stampa visto, che non chiede di chiudere il giornale o di farlo diventare un giornale di regime.
       
      Anzi, per come la vedo io la protesta e' un'ottimo esempio di liberta' di pensiero ed espressione, altro diritto inviolabile, cosi' come il tuo di dissociarti.


  31. Alura, non vivo in Italia quindi non sono esposto alla situazione come molti qui dentro. Quindi se dico cazzate, correggetemi.
    Quello che ho capito e' che, vero, l'Eco la storia non l'ha pubblicata. Il casino e' nato/proseguito quando Gasperini ha chiesto al direttore del giornale locale di non aver piu' a che fare con il giornalista che si era inventato la notizia della discordia (e che, se non sbaglio, non ha un rapporto idilliaco con l'Atalanta e i suoi tifosi) alla vigilia di una partita importante in una stagione storica. Mi sembra una richiesta legittima, date le circostanze. Non sta chiedendo di rimpiazzarlo con un giornalista lecchino/servile, come magari e' successo ad altre persone in altri ambiti. L'Eco di Bergamo si e' rifiutato, che comunque e' una cosa altrettanto legittima, magari poco sensibile, ma nelle sue facolta'. Allo stesso tempo, Gasperini e' libero di fare silenzio stampa, che e' un suo diritto sacrosanto, cosi' come la liberta' di stampa (che comporta l'onere di assumersi le proprie responsabilita' quando si pubblicano notizie false) e' un diritto dell'Eco.
    La curva dell'Atalanta, che, come sanno tutti, non ha mai avuto un bel rapporto con l'Eco (ho fatto i miei 10 anni di curva, quindi non parlo per sentito dire), ha preso la posizione del tecnico (che, dati alla mano, e' il fautore della migliore stagione dell'Atalanta da 25 anni, fatto da non dimenticare) e vede l'Eco, nella persona del direttore, come colpevole (vedi sopra) della situazione destabilizzatrice. In altre parole, l'Eco poteva dare il segnale sostituendo il giornalista in questione, ma non l'ha fatto. Detto questo:
    La protesta peggiora i rapporti con la stampa in un momento delicato? Forse, la situazione era gia' tesa, e Gasperini non e' il tipo da fare buon viso a cattivo gioco, non credo avrebbe iniziato settimana scorsa perche' abbiamo una buona possibilita' di andare in Europa. Il momento delicato non puo' essere una scusa, anzi sembra quasi un ricatto per convincere la gente a non reagire.
    L'eco fara' il martire? Ovvio, tira acqua al proprio mulino. Ma questo significa che bisogna dargli il contentino e non protestare? Perche' con questa scusa allora buona meta' delle proteste, parlo in generale, non andrebbero fatte.


  32. Con tutto il rispetto però secondo me questa volta gli ultras sbagliano di grosso, la polemica è tra gasperini e un giornalista e praticamente dopo un paio di giorni di botta e risposta non se ne sentiva più parlare, perché buttare benzina sul fuoco e alimentare discussioni inutili, io non sono assolutamente d'accordo, l'eco preferisco limitarmi a non acquistarlo e non leggerlo.


  33. Al di la del fatto che quanto scrive l'eco, sia di sport ed in particolare di atalanta, che in generale di politica, economia, ecc. sia a mio parere la maggior parte delle volte privo di spunti interessanti per delle riflessioni, personalmente ho risolto la questione limitando la lettura del quotidiano stesso e preferendone altri. In merito alla proposta della curva la trovo ridicola ed assurda in quanto il fatto è nato, purtroppo, da un'infelice uscita di Gasperini per un qualcosa che non è mai stato pubblicato. Non mi farò strumentalizzare da qualche demente della curva che spera solo di farsi pubblicità


    • Bla Bla Bla


    • unodibergamo -
       20/04/2017 alle 20:21
      per quanto riguarda la parte del commento inerente la curva noto una certa analogia con modi espressivi e termini usati da un blogger locale ex palestrato ora ciclista, siete per caso parenti? 😉


    • "qualche demente della curva"? Per fortuna ci sei tu che sei molto intelligente infatti ti commenti da solo e non meriti un secondo in più di attenzione


  34. piú o meno la stessa iniziativa era stata fatta anni fa con la 
    risultato?
    che i tabelloni pubblicitari luminosi del campo continuano ad accecare con quel colore, e addirittura ti ritrovi gente dopo il tornello che te la regala.
    un segno forte sarebbe spegnere quei tabelloni che publicizzano sia la  che il lecco.
     


  35. Barbie  sei un piromane   dato che ci sei....
    Be allora si prende Spini, lo si mette a un palo e poi  al rogo con il fuoco fatto dal giornale dell eco ...scherzo 



    •  
      interessante
      oppure, a proposito di pali ,
      potremmo anche utilizzare il metodo del conte Vlad III di Valacchia
      il sabato pomeriggio in piazza,
      mica male
       
       
      ribadiamo che si sta scherzando
      Ciao


      • per chi non lo sapesse
        Vlad III di Valacchia detto l' impalatore
        impalamento:Il suppliziato veniva completamente denudato e costretto a sdraiarsi con il ventre a terra. Dai due aiutanti del boia gli venivano legate le mani dietro la schiena e assicurata una corda a ciascuna caviglia, in maniera tale che, tirando le funi, le gambe si divaricassero, agevolando in tal modo il carnefice ad individuare l'orifizio anale o vaginale per l'introduzione della punta del palo. Il lungo palo di legno era largo alla base e molto sottile in cima, dove era rivestito da una punta metallica smussata; veniva appoggiato su due tozzi cilindri di legno, che servivano da rulli per farlo scorrere nel punto di inserimento. Affinché entrasse con facilità nel corpo del condannato, la punta veniva spalmata di grasso animale, olio o miele. Il punto di entrata poteva essere l'ano, la vagina oppure una parte bassa dell'addome. Dopo aver introdotto la punta del palo, questo veniva spinto subito all'interno del corpo del suppliziato, penetrando rapidamente di alcuni centimetri. La progressiva introduzione del palo nel ventre del condannato avveniva ad opera del boia per mezzo di ripetuti colpi, dati con un pesante mazzuolo all'estremità più grossa del palo. Grazie ad un'adeguata abilità dovuta all'esperienza il carnefice era in grado di guidare i due inservienti su come tirare le funi legate alle caviglie, in modo da mantenere il corpo del condannato nella posizione voluta, durante gli inevitabili sussulti e contorcimenti, per far sì di non ledere organi vitali allo scopo di prolungarne al massimo l'agonia. Sopra la scapola destra gli si formava una protuberanza che il carnefice incideva a croce. Ancora qualche colpo leggero e spuntava la cima del palo rivestita di metallo, restava soltanto da spingerlo finché fosse all'altezza della guancia. Per ultimo, gli venivano legati i piedi al palo in modo che non scivolasse in basso, e a volte il corpo del condannato veniva ricoperto di miele o altre sostanze dolci, in modo da attirare ogni tipo di insetto e aumentare ancor di più la sofferenza del condannato, costretto così a subire anche il tormento delle punture e il fastidio causato dagli insetti. Se il fegato, i polmoni e il cuore erano rimasti integri, il condannato era vivo e cosciente. Servendosi di corde gli assistenti del carnefice issavano il palo, in modo che l'estremità più larga si conficcasse in una buca scavata nel terreno, poi lo rinsaldavano con cunei di legno. La morte sarebbe arrivata molti giorni dopo.


        • un immagine x lo zecchino d'oro


          • Ahahaha 


            • Barbie  io porto il martello tu porti il Palo?  Ahaha 


  36. SergiodeBrusa -
     20/04/2017 alle 18:41
    Vado controcorrente,  non mi piace quando si fa di una categoria ( giornalisti )un  fascio , se uno ( tal Spini ) si è comportato con leggerezza o malafede  non mi sembra giusto prendersela con tutti,  cioè anche con chi il proprio mestiere lo fa con passione e correttezza. 
    Non ricordo nemmeno il perché,  ma qualche anno fa ci furono degli striscioni contro Serina in curva  ( presumo per qualche suo servizio mal digerito )quindi  una protesta mirata sarebbe stata più plausibile. 
    Poi che l associazione giornalisti  e i colleghi dell eco abbiano dato solidarietà al loro collega   era ovvio e  scontato, visto che viene fatto in tutte le categorie lavorative .
    Preferisco vivere in un paese dove la stampa sia libera di scrivere qualche  minchiata in più , piuttosto che in un regime dove ogni notizia sia soggetta a restrizioni, censure e filtrazioni di qualsiasi genere. 
    Detto questo domenica mi porterò una stampa della faccia di questo Spini e la strapperò al posto della pagina dell eco .


  37. In questo caso non sono del tutto d'accordo con la curva.
    Il giornalista avrà sbagliato...ma la direzione ha scelto di approfondire e non ha pubblicato un bel nulla. Nessuno avrebbe saputo nulla. Ok, il Gasp non vuole più parlare con loro? Pieno sostegno al Gasp. Ma buttare benzina sul fuoco...mi pare quel filo inopportuno. Mi sembra poi che il dente sia avvelenato per predenti episodi che nulla hanno a che fare con la squadra. Qualcuno su l'Eco ogni tanto va anche contro? beh..che male c'è? Non è il "giornale delle Dea".
    Io personalmente vado allo stadio da oltre 35 anni e ho frequentato la curva per 20. Ma L'eco lo leggo e continuerò a leggerlo.
     


  38. SuperSaudati -
     20/04/2017 alle 18:23
    ...la curva ce l'ha da sempre (probabilmente ha ragione...) con l'Eco...che è un giornale cmq penoso....si chiama "bugiardino" dalla notte dei tempi....mica per caso....
    ...detto ciò...bella iniziativa...perchè fa contenti tutti...:
    - i tifosi perchè contestano l'Eco che ci piace a tutti come cosa....
    - Gasperini....perchè la tifoseria si mostra ovviamente compatta con lui....
    - l'Eco...perchè così può issarsi a bandiera del giornalismo libero...che se ne frega di quella feccia di tifosi beceri che vogliono imbavagliare l'informazione.... (e gli altri giornali e tv questo faranno passare....)
     
    ......detto ciò.....se si vince col Bologna tutti contenti.....e chissene de l'Eco...se si perde...tutti incazzati...e colpa di...Spini.... (che poi fra l'altro va avanti tranquillo a scrivere di Atalanta sulla Gazzetta ...e onestamente se non mi fosse scappato l'occhio sull'autore dell'articolo...neanche notavo niente di strano.....)


  39. Shitful brains
     


  40. I tempi mi sembrano cambiati.
     
    Una volta l’Eco aveva l’esclusiva dell’informazione a Bergamo.
    Ora un numero sempre maggiore di persone si informa regolarmente (da fonti varie) su Internet.
     
    Per quanto riguarda l’Atalanta, non c’e’ dubbio che il numero di chi si informa direttamente su Atalantini.com. continui a crescere.
    Al momento, oltre 500 writers commentano su Atalantini.com (studi di agenzie specializzate usano moltiplicatori alti per stimare il numero dei lettori dei vari siti, partendo dal numero dei writers).
     
    Si puo’ quindi ragionevolmente presumere che il numero dei “lettori” di Atalantini.com sia piuttosto alto......
     
    A me pare che, da un po’ di tempo ormai, il numero dei tifosi che si informano su Atalantini.com sia ormai di molto superiore a quello di chi segue ancora l’Eco.


  41. È già qualche giorno che è tutto rientrato, assopito, quasi dimenticato.
    Lasciamo andare la questione nel dimenticatoio.
    Penso sia anche quello che vuole, spera il mister 


    • abbonatocreberg -
       20/04/2017 alle 19:00
      Assolutamente d'accordo!!!
      non facciamo i binteristi😂😂😂


  42. maracaniggia -
     20/04/2017 alle 18:07
    Allora sabato pomeriggio, fuori dallo stadio si passa prima dal trucco e parrucco.
    Poi una volta entrati si straccia polemicamente un foglio di giornale.
    C'è qualcosa altro da sbrigare o ci si può godere la partita in pace????


    • 6 non piace e 3 piace al tuo commento maracaniggia...non porta consensi dire che vai allo stadio per goderti la partita?!...


      • maracaniggia -
         21/04/2017 alle 9:48
        Non sopporto il politically correct e non sopporto i sindacati in genere, specialmente quelli che hanno intenzioni dirigistiche e  ti dicono come comportarti. 
        Ciò porta pochi voti.  Ma chissenefrega!!! .
        Solo Atalanta. Tutto il resto avanza!


    • bah. Strappa pure una pagina della rosa, così vai sul sicuro

       


  43. povera curva ... 


    • ps ... la polemica l'ha creata Gaperini, L'Eco aveva già chiuso il caso ... a favore dell'Atalanta ...  !!!


      • @ 11AlaSx - 20/04/2017 alle 17:47
         
        Forse che l'Eco aveva chiuso il caso ... pubblicando quanto segue a firma del suo direttore?
         
        “Di certo, però non è riuscito a far litigare tra loro l’Atalanta e L’Eco di Bergamo, mai così impegnato a sostenere la corsa dei nerazzurri verso l’Europa. La nostra attenzione nei confronti della squadra non verrà certo meno per i capricci di qualcuno troppo distante dalla realtà”.
         
        Cosi’, per il direttore dell’Eco di Bergamo, Gasperini diventa “qualcuno troppo distante dalla realta’ “ piuttosto che un allenatore molto bravo a proteggere i suoi dai giornalisti cacciatori di “gossip” e da quelli che amano gettare zizzania nel gruppo.
         
        Quanta ipocrisia! .....Quanto falsume! ...Quanta stronz@ggine!


  44. Sarò uno dei pochi ma do ragione a Wigners. Chi non condivide il giornale locale, non lo compra / legge, stop. Invece di smorzare gli animi si rischia di esasperarli, tanto il direttivo della curva si sà come la pensa sul giornale!  Comunque il l'Eco come del rest o tutti i giornali, campa per via delle sovvenzioni statali che riceve, non certo per i necrologi.  E a Bg comunque lo leggono quasi tutti lo stesso!!!  


  45. Sicuramente la proposta della curva è molto più forte e fatta allo stadio avrà più visibilità. L'importante è che la protesta non sia fatta solo in curva ma che anche gli altri settori partecipino in modo da togliere alibi e possibili mistificazioni da parte di quelli del l'eco! Io partecipero dal mio settore (Giulio Cesare)!


  46. Perche cosa ha scritto l'Eco di Bergamo?


    • Questa e’ la chiusura dell’articolo su Gasperini (Eco di Bergamo online a seguito della polemica su Spini).
       
      “Di certo, però non è riuscito a far litigare tra loro l’Atalanta e L’Eco di Bergamo, mai così impegnato a sostenere la corsa dei nerazzurri verso l’Europa. La nostra attenzione nei confronti della squadra non verrà certo meno per i capricci di qualcuno troppo distante dalla realtà”.
       
      Cosi’, per il direttore dell’Eco di Bergamo, Gasperini diventa “qualcuno troppo distante dala realta’ “.
       
      Quanta ipocrisia! .....Quanto falsume! ...Quanta stronz@ggine!


    • nulla.
      proprio nulla.
      Tant'è vero che non è uscito alcun articolo.
      Bastava che il Gasp ignorasse completamente il giornalista in conferenza stampa e nessuno avrebbe saputo nulla. Il "caso" si sarebbe sgonfiato da solo. O meglio, non si sarebbe neanche mai gonfiato.
      Complimenti alla curva per cavalcare l'onda e gettare ulteriore benzina sul fuoco.
      E poi è l'eco che destabilizza l'ambiente....
      Mancano poche partite e di conseguenza pochi punti.... Non sarebbe meglio remare coesi tutti dalla stessa parte (mister, curva e giornale) ? E lavare i panni sporchi in privata sede, anzichè fare sceneggiate davanti alle telecamere?
      Percassi, pensaci tu!!!!


      • verissimo
         
        a me viene da pensare,proprio siccome Gasp non è stupido , che a lui non vada bene che tutto finisca nel dimenticatoio
         
        e tra l' altro mi sembra abbia aspettato la partita con la Roma,che aveva più visibilità nazionale ,proprio per farla conoscere al mondo intero,
        poi tutta la vicenda mi da l'idea che nasconda qualcos' altro,non credo che scatenino tutto sto putiferio per un articolo mai pubblicato, il perchè vero lo sanno probabilmente solo  Gasp ed il giornalista,
         
        la curva mette assieme tutto e ribadisce la sua  avversità "storica" all' eco e nello steso tempo si schiera e appoggia Gasp
        se porta serenità in questo momento, forse no
        che però compatti tutto l' ambiente tifoseria con mister e squadra probabilmente si
        se si sentono di farlo, e resta tra i canoni del consentito, va bene



  47. Io sto con la Curva! Iniziativa importante è significativa! Almeno in questa stagione incredibile ed eccezionale,e per questo dobbiamo ringraziare anche il mister,che non inventino polemiche sul NULLA!!!! Mi sembra soffrano di manie di protagonismo...proprio in occasione della conferenza stampa di Roma-Atalanta mandano quel personaggio??
    IO STO CON LA CURVA E CON IL 


    • che polemica ha creato il l'eco?
      Sbaglio o l'articolo incriminato non è mai uscito?


  48. ottima iniziativa alla quale parteciperò...mi raccomando tutto lo stadio, non solo la curva...facciamo sentire la vvicinanza al gasp


    • maracaniggia -
       20/04/2017 alle 18:14
      Caro Michi, non penso che il Gasp abbia bisogno di strappatori di giornale per sentire la vicinanza dei tifosi.
      Per me si passa nel ridicolo. 
      Il Gasp, lo ha dimostrato, si sa difendere benissimo da solo.


      • leggi il cominicato: l'atalanta merita rispetto, il gasp merita rispetto, Bergamo merita rispetto ed i tifosi meritano rispetto
        I tempi sono cambiati!!!!!


  49. CURVA  NORD  1907 BERGAMO  


  50. amigosincero -
     20/04/2017 alle 17:28
    Io mi propongo come volontario nel recarmi, prima della partita, nel cerchio di metà capo, fare la popò e pulirmi le chiappe con il quotidiano.



    • maracaniggia -
       20/04/2017 alle 18:26
      Mangia del riso che viene giù dura.
      Se no, se è troppo molle, dopo fanno fatica a rimuoverla. 


  51. Giusta iniziativa. .l'importante è che si prendano copie vecchie. .mica gli aumentiamo la tiratura acquistando copie nuove..


  52.  
    io proporrei:
    un bel rogo in mezzo alla curva,con tutti che portano una copia e la buttano tra le fiamme,
    sarebbe molto più scenico,     (anche se fa un po Geheime Staatspolizei )
    e finiamo anche al telegiornale
    così , rischia di restare tra i confini provinciali
     
    Battere il Bologna, il resto è folklore


    • Un "rogo" mi smbra un po' pericoloso.
       
      Secondo me, la Curca ha proposto una protesta civile, ma molto significativa.


    • wigners_friend -
       20/04/2017 alle 17:21
      Con il Bocia che firma un autografo a Indiana Jones? 
       
      È una battuta, eh... 


  53. Si potevano attuare altre forme d protesta contro questo inutile e presuntuoso giornale ma questa volta la CURVA ha proposto una forma MOLTO pacata ma MOLTO forte nel contenuto. GRANDI. IO STO CON LA CURVA! e da 


  54. Io avevo pensato come protesta di portare ognuno una copia e lasciarla davanti alla sede del l'eco... una specie di reso (si potevano racattare vecchie copie dai nonni, al bar...).
     


  55. wigners_friend -
     20/04/2017 alle 17:06
    Mah, a parte che strappare giornali o libri in pubblico suona sempre molto molto male, è una mossa controproducente. I giornali li si può cambiare in un solo modo: smettendo di comprarli. Non c'è bisogno di manifestazioni eclatanti ed equivoche. Se un giornale perdoe lettori, i conti se li sa fare, e cambia di conseguenza (o chiude). Se non li perdoe, per quanto possa darci fastidio, vuol dire che una fetta importante del mercato apprezza e approva ciò che scrive, e allora non sarà un pubblico ludibrio a farli cambiare, anzi lo renderà ancora più rigido. E questo, per inciso, renderebbe più difficile la posizione stessa del Gasp. Se la polemica si calma, anche lui sarà più tranquillo, se comincia la guerra, rischia di ritrovarsi al centro della contesa, visto che è partito tutto da lui (a livello pubblico, quel che c'era stato prima era rimasto dietro le quinte). Spero che la curva ci ripensi, aizzare le fiamme proprio nella volata finale (e all'inizio di un mercato allenatori che quest'estate sarà scoppiettante, ricordiamocelo bene) è proprio l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno. Lo chiedo per favore.


    • Concordo appieno. Sarebbe forse stata sensata la protesta nel momento in cui la (presunta) notizia fosse stata pubblicata. Ma così non è stato. A mio parere il comportamento del Gasp è da condividere solo in caso di provata malafede del giornalista. E non so chi, tra noi tifosi, lo possa affermare. Magari, quando le cose andranno meno bene, giù strali contro la stampa che non pubblica le notizie, che non fa domande scomode, asservita al potere etc..
       


    • Fosse un giornale che si preoccupa dei propri lettori avresti ragione,ma visto e considerato che stiamo parlando di un giornale che campa e fa soldi solo con i necrologi,sai che glie frega di quante copie vende


      • wigners_friend -
         20/04/2017 alle 17:31
        Vabbé, ma allora se non lo legge nessuno chi se ne importa di quel che scrive, no? Così gli si dà importanza e visibilità. Finisce che domenica mattina invece che della Dea tutta Italia parlerà "dell'attacco della curva nord ai giornalisti", con interviste a TG1 2 e 3 al direttore e al giornalista e editoriali di fuoco su corriere, repubblica, gazzetta, ecc.  A me pare un clamoroso, ed evitabile, autogol.


    • Ok, forse il metodo e' opinabile (per me ci sta, non e' violento, pur mandando un segnale forte), e smettere di comprarlo (o visitare il sito internet) di sicuro ha il suo impatto, come tutti i boicottaggi.
      Tuttavia il fatto che i lettori apprezzino un giornale che scrive/ha scritto menzogne non puo' essere un incentivo a continuare a scrivere invenzioni! Ci sono "giornalisti" che han fatto carriere scrivendo cazzate perche' facevano vendere giornali (dappertutto, mica all'eco e mica solo sui giornali).


      • wigners_friend -
         20/04/2017 alle 17:20
        Beh, la proposta di @Marco_70 mi sembra più opportuna e meno aggressiva: si restituiscono simbolicamente le copie, senza l'atto "violento" (con molte virgolette, per carità) dello strappo, per significare proprio che non interessa più ciò che scrive.


        • No infatti non e' una brutta proposta, ma quella della curva, credo sia stata fatta anche per ragioni di visibilita' (visto che lo faranno allo stadio) e della possibilita' di coinvolgere piu' persone.


          • Sicuramente la proposta della curva è molto più forte e fatta allo stadio avrà più visibilità. L'importante è che la protesta non sia fatta solo in curva ma che anche gli altri settori partecipino in modo da togliere alibi e possibili mistificazioni da parte di quelli del l'eco! Io partecipero dal mio settore (Giulio Cesare)!


    • Le tue argomentazioni sono apprezzabili (anche se io NON le condivido). Io sto con la Curva Nord.


  56. Io avevo avuto un'idea simile: portiamo tutti una pagina del bugiardino e puliamoci...


  57. era ora e' una vita che il bugiardino si comporta cosi


    • Secondo me, questa e' un'OTTIMA iniziativa da parte della Curva Nord. Molto civile, ma significativa.
       
      La liberta' di stampa e' un valore primario in qualsiasi paese. Al tempo stesso, l'ABUSO di ogni diritto/liberta' puo' diventare un SOPRUSO.
       
      Contro i soprusi e' giusto esprimersi (civilmente, s'intende). La Curva Nord ci invita TUTTI a farlo. Io ci sto'.


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.