17-02-2017 10:53 / 5 c.


"Da ora in poi dobbiamo giocare tutte le gare per i tre punti”.

Dopo le partite con le prime della classe, Davide Nicola, sente la possibilità per il suo Crotone di poter iniziare a fare risultato anche in trasferta. Il tecnico, nella conferenza stampa prima della partenza per Bergamo dove i rossoblu saranno impegnati sabato nell’anticipo delle 18, vede un Crotone in crescita dopo le prove contro Juventus e Roma dalle quali è uscito con l’onore delle armi:

“Andiamo a Bergamo per fare il massimo pur consapevoli  che l’Atalanta  è fortissima ed in forma strepitosa. Siamo consapevoli che da ora tutte le gare bisogna giocare per i tre punti o almeno cominciare a fare risultato in trasferta. Dobbiamo essere più pratici e cinici perché ancora commettiamo qualche ingenuità. Il Crotone deve pensare solo a se stesso e non a chi possiamo recuperare punti”.

Il tecnico rossoblu evidenzia quanto la squadra sia cresciuta rispetto alla gara di andata con l’Atalanta nella quale subì la sconfitta interna più pesante (1-3) anche se si giocava sul neutro di Pescara:
 
“siamo molto più equilibrati ed accettiamo l’uno contro uno, abbiamo più abilità nell’occupare il campo”.
 
Per lo schieramento anti-Atalanta Nicola ha fatto intendere che potrebbe riproporre il modulo con la difesa a tre vista con la Roma è con gli esterni pronti a rientrare e tre attaccanti in ripartenza:
 
“la nostra espressione di gioco prevede la possibilità di giocare a tre in difesa ma anche di schierarsi a quattro. Abbiamo studiato con attenzione il gioco degli avversari, dobbiamo migliorare la qualità con la quale facciamo in campo quello che abbiamo previsto”.
 
fonte ilcrotonese.it
di Marcodalmen




  1.  

    Il nostro condottiero sapra' guidarci al trionfo !!!


  2. Queste sono le partite che temo di più, se  non sei più ch concentrato rischi. Gasperini lo sa bene.  


  3. quest'anno siamo fortissimi ma il risultato non è mai scontato rispetto per tutti !!!
     


  4. Giusto  vuoi il massimo.... Una sconfitta  degna.... 


  5. crazyhorse200 -
     17/02/2017 alle 12:23
    "MATIAMOLI TUTTI"
    prendere solo scalpi....


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.