05-01-2017 03:33 / 17 c.

Clipboard01rtrtrttLe foto che riproduciamo in questo articolo sono di qualche settimana fa e sono state fatte negli Stati Uniti, a Seattle per la precisione, dopo la vittoria, la prima nella loro storia, dei locali Seattle Sounders nella MLS, il massimo campionato nazionale professionistico statunitense di calcio.

Seattle e' una citta' di 700.000 abitanti nel nord ovest degli Stati Uniti, molto vicina alla costa del Pacifico, che sta vivendo una vera passione sportiva per la loro locale squadra di calcio che da pochissimi anni partecipa al massimo campionato proveniente dai campionati minori e promossa nella MLS "grazie" al successo finanziario, sportivo, organizzativo e sociale della societa'.

Come ben sappiamo nei campionati professionisti nordamericani non esistono promozioni o retrocessioni, le squadre si chiamano "franchigie" e vengono tirate in piedi dove si ipotizza che ci sia un mercato locale sufficientemente florido da garantire un ritorno economico e sociale e dove ci siano buone probabilita' di spuntare un contratto favorevole con le catene televisive.

Vi invito ad osservare la classica "parata" cittadina che ha preso campo anche da noi gia' da una quindicina d'anni per festeggiare i trionfi sportivi. In particolare vi faccio notare le foto (clicca qui se vuoi vedere diverse altre foto della parata della vittoria dei Sounders) riguardanti il palco e lo spiazzo dove la squadra ha salutato la vittoria con i suoi tifosi. Che non sono tantissimi, non vi pare?

E' vero che il calcio e' solo il 5 sport piu' popolare in America (dopo football, baseball, basket e hockey) ma stiamo pur sempre parlando di una citta' di 700.000 abitanti al loro primo scudetto nel "soccer". Eppure la gente presente è numericamente paragonabile a quella che di solito si presenta ospite ad una serata a caso della Festa della Dea.

E, allora, cosa voglio farvi notare?

La squadra di Seattle detiene il record di affluenza media nel suo campionato. Quasi 43000 spettatori a gara. Si, avete letto bene, quarantatremila.
Per dirvi, la seconda in classifica, la squadra di Orlando di Kakà, ne "fattura" 31000, un terzo di meno. E tutto cio' in un campionato che quest'anno ha battuto il record di affluenza media per la terza volta di fila. E manco a farlo apposta ha una affluenza media superiore alla nostra serie A.

Detto in poche parole è una situazione contraria alla nostra : da noi mille misure restrittive rendono un odissea frequentare stadi fatiscenti ma poi la gente si riversa numerosissima in strada ad ogni evento che riguarda la squadra del cuore, là in America la passione popolare per il calcio non e' (ancora) cosi' diffusa come da noi ma gli stadi si riempiono sempre di piu' favoriti dal fatto che la MLS è guidata da molti anni da dirigenti lungimiranti che fanno di tutto per invogliare lo spettatore con impianti all'altezza e confortevoli in ogni aspetto, dal parcheggio dell'auto ai beni di conforto durante le partite.


Ritengo sia ora di finirla di guardare ai nuovi mercati pallonari come qualcosa di bizzarro. Ci stanno lasciando indietro in tanti : arabi, cinesi, persino indiani hanno potenze di fuoco economiche e capacità organizzative sul lungo termine che sono devastanti rispetto alle nostre. E gli americani, in altri tempi rispetto la diffusione attuale del soccer, stabilirono già nel 1994 ai mondiali di casa loro il record di affluenza media giocando abilmente sulle loro capacita' organizzative e economiche.


Le nostre societa' sono arroccate sul guadagno garantito dalla televisione e nei loro giochi di potere pieni di amicizie di convenienza e favori prima o poi restituiti ma il sistema denuncia carenze pari agli impianti nei quali le nostre squadre giocano. E il tessuto sociale, che e' il vero patrimonio sul quale si fonda ogni successo sportivo, non puo' essere maltrattato senza alcun rispetto per troppo tempo, come da troppo tempo succede.
Rischiamo veramente, tra un po' di anni, di finire tra i campionati minori a livello mondiale. Quelli che nessuno mai cita come, che ne so, l'ungherese o l'olandese o qualche campionato scandinavo o dell'Europa ex comunista. Nazioni che hanno vissuto momenti di gloria ma che ora non si fila praticamente piu' nessuno, a livello di club.

Rischiamo fortemente di perdere le nostre tradizioni, e l'Atalanta è senza alcun dubbio tra queste, per la politica scellerata di una oligarchia asservita al Dio denaro che, peraltro, gestisce in modo pessimo.

E allora, giocando sul nome Sounders e sul sonetto religioso che Ernest Hemingway fece suo, rammento :

"E allora, non chiedere mai per chi suoni la campana*. Essa suona per te"

(*= a morto)

 

by Calep

 

PS : clicca qui se vuoi vedere diverse altre foto della parata della vittoria dei Sounders

di Staff




  1. Staff m'e' scappato un abuso. Scusim, grazie per il lavoro che fate


  2. in USA fai presto a far tanti spettatori, lì ogni squadra ha alle spalle una città medio-grande, non come qui che ci son squadre che fanno quasi più spettatori allo stadio che abitanti.
     
    Detto questo, lì hanno strutture che qui ci sognamo, e mi fa rabbia pensare che non si può buttar giù e rifare da zero le tribune del Comunale perchè di interesse storico, quando a Londra non ci han pensato due volte a buttar giù Wembley che con le famose Torri Gemelle aveva forse più diritto a star ancora in vita del nostro, e invece giù e rifatto da capo.
    Qui invece non si può.
     


    • e poi quello che fa veramente la storia di questo paese
      è lasciato completamente a putxxane in balia
      di tangenti
      capre
      buoi
      politici
      e politici
      e politici
      e politici





  3. AndreaAtalanta -
     05/01/2017 alle 18:15
    Altro che Leicester, li' era una città completamente paralizzata


  4. Sperare e credere per vincere.... troppi soldi girano nel calcio e regna il dio soldo.
    FORtunamente ogni tanto vince il cuore e la passione e la voglia di vincere
     



  5. ROMAGNANEROBLU -
     05/01/2017 alle 10:36
    Grazie Calep per quest'articolo che fa ripensare al calcio per quello che e'passione e tifo e non per quello che molti ci vogliono far credere ( denaro )


  6. soloatalanta699 -
     05/01/2017 alle 10:10
    il finale potrebbe essere diverso secondo me:esisteranno si delle superleghe mondiali ed esisteranno dei campionati minori...se noi finissimo nei campionati minori perderemmo sicuramente dal punto di vista tecnico(i migliori giocatori vanno nelle migliori squadre,questo è pacifico)ed economico(e quindi si ritorna al tecnico perchè se girano meno soldi devi per forza abbassare il livello qualitativo)ma manterremmo magari una certa simbologia territoriale,una certa "geograficità"..
    le grandi squadre da quel che leggo organizzeranno campionati mondiali a cavallo di cina-europa-america(la superlega)e poi ci saranno le leghe "regionali" di cui noi faremmo parte..ok non vedremo cristiano ronaldo,ma (spero)magari vediamo un pò più di cuore e di attaccamento alla maglia rispetto al nulla di certe squadre...
    è come confrontare il campionato di serie A con quello di serie C...molta meno qualità ma molta più veracità,più attaccamento(con numeri più piccoli ovviamente..)
    per dire(e concludo):il milan e la juve sono un pò di tutti i tifosi italiani,la dea la amano solo i bergamaschi e qualche malato  foresto...


    • Credo anch'io sarà così e credo anche che Percassi stia preparando l'Atalanta per quando verrà quel momento. Quei campionati da te definiti regionali penso saranno sempre più campionati in cui far giocare i calciatori più giovani: delle specie di campionati under21-23.


  7. non mi sembra poca la gente che è andata a festeggiare ..tanto più in un Paese che fa dell'individualismo una religione di massa ..mi sembra una bella festa.. di quelle che da noi non si vedono da tempo


  8. MLS?
    NSL? (nota, la lega nordamericana anni70 ed 80)?
    Green Bay Packers?
    Non tratto di ......soccer
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------
    DA DOMANI FA cup third round......................
    Com'n yuoooooo Minnows!!!
    Waiting for giantkillerring.
    .............ahhh, gia', domenica c'e' pure....la DEA


    • #GoPackGo
      #RodgersForMVP
      #RunTheTable
      (a go' po' a la suocera che tifa giants)



  9. Buon Anno Calep!! Un paio di considerazioni però...i Sounders giocando nello stadio dei Seahawks della NFL....uno dei più rumorosi in assoluto...e infrastruttura niente male..e hanno un pubblico derivativo, il famoso NUMERO 12.E a Seattle non mi sembra proprio che manchino i dollari, é una città parecchio al soldo..e SEahawks e Sounders sono le logiche conseguenze. STADIO E DISPONIBILITÀ  FINANZIARIA, POI POSSIAMO RIDERE ANCHE NOI...


  10. primieroneroblu -
     05/01/2017 alle 6:24
    negli usa le usanze sono diverse ....parecchi anni fa, negli States, andando a vedere una partita di football americano sono rimasto sorpreso dai cartelli nei parcheggi che non indicavano da quando sarebbero stati aperti ... ma da che ora, dopo la partita, venivano chiusi .... infatti post partita il parcheggio e' diventato una grande area x fare il barbecue !!!


  11. Analisi interessante e condivisibile in parecchi punti. In Italia ho l'impressione che ci sia poca tendenza a migliorare le cose, convinti che il calcio sara' sempre popolare (e diciamocelo, difficile immaginare un'Italia in cui il calcio non e' popolare), qui in Nordamerica sanno di partire in svantaggio rispetto ad altri sport (e il "soccer" e' visto da parecchi come uno sport da fighette, simulatori) quindi investono molto di piu'.
    Dico la mia, visto che vivo in Canada da 5 anni. Lo stadio del Toronto FC (che ha ospitato la finale, persa dai locali) e' un gioiellino vista lago, tribune a ridosso del campo, e stanno continuando ad ampliarlo. E' anche vero che per invogliare l'appassionato di sport nordamericano medio, che e' abituato a molti piu' servizi del caffe' borghetti che ti davano a San Siro, uno stadio "normale" non basterebbe. Poi c'e' l'altro lato della medaglia, al BMO field (lo stadio del TFC) paghi 12 dollari per una birra da 0.45 litri (al pub costa la meta' e al curling club un terzo, nel caso voleste un termine di paragone) e vi chiedono 20 dollari per parcheggiare 2 ore (all'aperto).
    Nel complesso, non amo il modello di sport nordamericano, le franchigie che cambiano citta', l'assenza di retrocessioni da cui l'incentivo per fare schifo un paio di anni di fila per prendersi i giocatori migliori al draft, interruzioni pubblicitarie dappertutto (una partita di NFL dura sui 200 minuti in tv, su 60 di gioco effettivo - di cui meta' buona sono perdite di tempo), sponsor per ogni singola minchiata. Sotto sotto, ho il terrore che venga importato in Europa sottoforma della famosa superlega (che guarda caso, le nostre "grandi" vorrebbero tantissimo), ma magari son paranoie mie. E' un modello ancora piu' asservito al dio denaro della Serie A.
    Secondo me, piu' che a loro, dovremmo guardare ad altri, per rendere il calcio italiano piu' appetibile secondo me il modello piu' ragionevole e' quello tedesco. Stadi pieni, trasferte oceaniche, sistemi giovanili di alto livello e tanto altro.


    • wigners_friend -
       05/01/2017 alle 10:13
      92 minuti di applausi!  


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.