17-06-2017 13:00 / 5 c.

Un’Atalanta bella e concreta si guadagna meritatamente l’accesso alla finalissima del “Dossena”.
I ragazzi di mister Bonacina superano 2-1 il Milan di mister Nava, che pure era partito con un buon possesso palla. L’Atalanta impiega però solo dieci minuti a prendere le misure ai rossoneri e costruisce davvero tantissimo, chiudendo la frazione in vantaggio con il colpo di testa di Guth.
In avvio di ripresa Forte entra e pareggia subito i conti per il Milan: bellissimo gol con sinistro al volo (alla Pogba) per l’1-1.
Le speranze rossonere durano però solo pochi minuti, perché lo spunto di Elia, tra i migliori in campo, permette a Pagliari di appoggiare in rete il gol-qualificazione.
Nel finale il Milan ci prova con la freschezza dei subentrati, ma non basta: l’Atalanta vola in finale.

ATALANTA – MILAN 2 – 1
27' pt Guth (A), 2' st Forte (M), 13' st Pagliari (A)

ATALANTA: Taliento, Del Prato, Migliorelli, Compagnone (10' st Pagliari), Marchetti, Guth, Elia (38' st Zortea), Mallamo, Mazzocchi (35' st Piccoli), Colpani (29' st Eleuteri), Zambataro (15' st Ogliari).
A disposizione: Vidovsek, Ricci, Zortea.
Allenatore: Sig. Valter Bonacina

MILAN: Guarnone, Negri, Cortinovis (30' st Zhikov), Bellodi, Pobega, Murati, Torrasi (33' st Bianchi), Bellanova (15' st Torchio), Vigolo (20' st Finessi), Marchesi, Fabozzi (1' st Forte).
A disposizione: Cavaliere, Bianchi, Brescianini.
Allenatore: Sig. Stefano Nava

di Staff




  1. wigners_friend -
     17/06/2017 alle 13:11
    Dopo quanto sta succedendo in questi giorni, dei nostri cari giovani me ne importa meno di zero. Tanto saranno tutti o quasi ragazzini viziati che ci volteranno le spalle appena faranno quattro partite buone. E chissà quanti saranno già in orbita Giuffredi o simili. Noi che siamo stati gli unici a fare una trasfeta per la Primavera... Per me sono dipendenti della Dea come altri: giochi bene con noi? È soltanto il tuo dovere. Te ne vai? A mai più rivederci. E se tra loro c'è il nuovo Bellini, PRIMA dimostra attaccamento, POI gliene daremo il giusto riconoscimento.ai più assegni in bianco. A nessuno.


    • Giusto,  uno si comporta da irriconoscente quindi gli altri che giochino, facciano il loro dovere e zitti. Anzi  direi anche basta con le giovanili.
      Meglio,chiudiamo Zingonia cosi risparmiamo, Percassi picchia su un bel centro commerciale e chi s'è visto s'è visto. 
      Ma per piacere..... 


      • wigners_friend -
         17/06/2017 alle 15:14
        1 - Non ce l'avevo con te, quindi rispondi con educazione, chiaro? 2 - Ho forse detto questo? Benissimo le giovanili, viva i guadagni sportivi e finanziari che ci fa fare, ma quanto a interesse emotivo e attaccamento, visto che è la nostra passione a far girare il loro mondo, con i relativi milioni di €, prima lo dimostrano loro, se vogliono, poi lo restituoamo noi. Non voglioni? No problem, ma allora è solo un mero rapporto professionale. Quando se ne vanno fanno la paternale "son professionisti, tu non andresti dove ti pagano di più?" Sì, e infatti nessuno tifa per me quando lavoro: semplice rapporto professionale, appunto. È grazie al NOSTRO tifo che giocare a pallone rende tanto e fare l'infermiere in oronto soccorso no, quindi portassero prima rispetto, e dopo lo riceveranno anche. Niente più assegni in bianco, da parte mia. Se poi altri vgliono metterli sul piedistallo a vent'anni bene, ma non prendiamocela solo con i Raiola e i Giuffredi. Io non ci casco più. Che cacchio, mio zio a 17 anni è emigrato da solo in Australia a fare l'operaio, e devo pensare ai primavera che poverini ci rimangono male.
        Sono irrazionale? Bene, è per questa irrazionalità che prendono fama e soldi, prendere o lasciare. Troppo comodo volere solo gli applausi (che sono irrazionali anche quando vinciamo, ché non ce ne viene in tasca niente).


        • Siamo rimasti tutti abbastanza basiti da fatto che proprio unio come Conti si comporti secondo la pessima piega che sta prendendo il calciomercato governato da quella gentaglia dei procuratori e tu prendi e fai di tutta l'erba un fascio?
           
          si chiama ironia, non maleducazione.
           
           
           
           


    • Cribio...ho segnato abuso...scuda
      Cmq staff....visto che nn sono l unico che gli scappa
      Da cell in particolare
      Nn sarebbe opportuno...chiedere sempre la conferma?


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.