Home I nostri speciali AtalAjax

AtalAjax

12

Martedi sera in tv si potevano ammirare due spettacoli: uno teatrale, “Conversazione su Tiresia” scritto e interpretato dall’immenso maestro Andrea Camilleri, l’altro calcistico, la partita di ritorno degli ottavi di Champions tra Real Madrid e Ajax; certo c’era anche la partita del Borussia ma il “muro giallonero” a noi è rimasto sullo stomaco.

Potendo registrare la performance di Camilleri, mi sono dedicato alla sfida del Santiago Bernabeu. Più la partita prendeva anima e corpi, più l’ammirazione  cresceva per la prestazione degli “ajacidi” che stavano sbugiardando tecnicamente e tatticamente i campioni d’Europa.

I lettori chiederanno: ma che importa tutto questo con l’Atalanta ? Eccome se importa. Chi ha guardato la prova degli olandesi ha potuto subito pensare alle prestazioni dei nostri beniamini. Intensità, velocità, pressing degli olandesi, tra l’altro tutte virtù calcistiche inventate da loro negli anni Settanta, proprio come gioca l’Atalanta adesso.

Non è un mistero per nessuno che Gasperini abbia trovato l’ispirazione nel gioco dell’Ajax quando ha cominciato la sua carriera di tecnico. Del resto i nerazzurri hanno strapazzato la Fiorentina, e prima Juve, Inter, Roma, come gli orange con il Real e vale sempre il pensiero di Johann Cruijff

“Perché non dovrei riuscire a battere una squadra più ricca della mia. Non ho mai visto un mucchio di soldi prendere un pallone e spingerlo in rete”.

E sicuramente è stato anche il pensiero dell’allenatore dell’Ajax Erik Ten Hag, allievo di Guardiola e seguace del grande numero 14. Sono convinto che anche Gasperini la pensi così. E’ vero, ci sono paragoni e paragoni ma di sicuro, in questo momento, l’Atalanta non sfigurerebbe in Europa tanto per riaprire una ferita, quella di Copenaghen, non ancora rimarginata.

Adesso, archiviato il doppio confronto con la Fiorentina, comincia una lunga volata che ci porterà al 24 aprile con questo calendario: domenica a Marassi con la Samp, poi Chievo in casa e dopo la sosta di fine marzo, Parma, Bologna, Inter, Empoli, Napoli. Sette partita, quattro fuori e tre in casa con formazioni di bassa classifica.

Nell’era gasperiniana in questa fase del campionato la squadra spicca il volo grazie ad una condizione fisica straordinaria che permette di surclassare gli avversari. E la partita di domenica sera è stata la più lampante delle dimostrazioni, appena tre giorni dopo di un’altra sfida tiratissima e sempre in bilico. Poi non sono mancate le sorprese come il ritorno in campo di Gollini che è tornato  giocarsi il posto di titolare con una prestazione mai vista prima insidiando Berisha, ultimamente non impeccabile. Il Papu ormai non fa più notizia. Invece continuano a stupire Castagne, Gosens e Hateboer, in rigoroso ordine alfabetico, perché segnano, fanno segnare e, soprattutto, fanno ammattire gli esterni avverarsi.

E poi c’è Josip Ilicic. Sai che novità? Invece non è così perché  le due partite con i viola ci hanno proposto un giocatore finalmente continuo, deciso e decisivo. Un fuoriclasse. E non solo per le sue mirabili invenzioni.

 

GIACOMO MAYER

Bookmark(0)

12
Inserisci un commento

Please Login to comment
8 Albero dei commenti
4 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
9 Autori
95Frankmax73Steven92Paolo74Dani1907 Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
max73
Membro
max73

Già dopo la partita dell'andata avevo notato questa somiglianza tant'è che a mio figlio dissi: "Sembra di vedere l'Atalanta,giocano come noi,al ritorno passa sicuro l'Ajax umilieranno il Real!"


Avevano 3 marce in più,gli mancava l'esperienza che si sono fatti quella sera stessa della partita di andata.


Ora tocca a noi fare quel passo in più x entrare nella storia,abbiamo realmente tutte le crte in regola!

95Frank
Membro

Max73: "...... Avevano 3 marce in più". Anche a me senbrava effettivamente che avessero 3 marce in piu'. Ma, a guardar bene, a far la differenza e' stata secondo me una grande sintonia tra i giocatori che: (a) si smarcavano di continuo in 4/5 per facilitare il disimpegno del proprio portatore di palla, oppure, in fase difensiva, pressavano/marcavano costantemente gli avversari (tutti assieme, nessuno escluso). Secondo me, e' la loro grande abilita' a far girare molto velocemente la palla (anche con rapidi cambiamenti di campo, tra le due fasce) che velocizza il loro gioco dando giustamente l'impressione delle 3 marce in piu'. Non ho… Leggi di piu' »

Dani1907
Membro

Quest'anno e' l'anno delle Ammazzagrandi...Atletico..Ajax...ATALANTA 

Steven92
Membro

Atletico? A me non sembra tanto piccolo l’ Atletico rispetto alla Rubentus

libero
Membro

perchè no?

Paolo74
Membro

Magari alla fine diventassimo come l'Ajax.... 

libero
Membro

perchè no?

Paolo74
Membro

La strada è ancora lunga e bisogna seguire, e qui concordo, ciò che da tempo dice 95frank.Di positivo c'è che siamo molto più che tifosi e disposti ad accettare anche annate un po' così così.. 

RAMAZZOTTIANA
Membro

ragnorosso
Membro
ragnorosso

testa bassa ....e pedalare

thealamo
Membro
thealamo

Registrato camilleri a Tormina.


goduto l'Ajace al Bernabeu


.............il calendario "sulla carta2 non conta nulla:conta il MOMENTO della stagione (forma) che l'avversaria di turno sta' vivendo, Egr. sig Mayer.............


Incontrare il Bilan prima della sosta sarebbe stato una pacchia....


incontrarlo dopo il suo mercato, visto come e' andata..............


e, poi, per noi e' piu' difficile vincere col chievo in casa che a S.Siro con le bissie

Cuginus
Editor

ci ho provato ma Camilleri = spettacolo x me