13-03-2019 20:45 / 4 c.

depaoli.chievo.2018.19.corsa.750x450

 

Sei milioni a gennaio. La Sampdoria fino alla fine ha cercato di avere Fabio Depaoli. Di anticipare i tempi. Sorpassando il Genoa, lasciando in coda l’Atalanta che s’è fermata alle intenzioni o poco più. A maggio la storia ricomincerà ma fino ad allora ogni partita sarà come un esame di laurea. Per il bene del Chievo, per il suo futuro, per l’Europeo di giugno.

L’Atalanta non capita a caso. La culla dei talenti, dove lui giustamente a quasi 22 anni non sarebbe più catalogato come giovane. Con tutte le carte in regola però per piacere alla Dea. Eclettico, col motore sempre a pieni giri, con margini ancora tutti da scovare, perfetto per il calcio adrenalinico di Gasperini. Sta cambiando la vita di Depaoli. Prima solo il ragazzino acqua e sapone promosso dal vivaio, ora salito a piani da cui non scenderà più.

FRONTIERA APERTA.

Tavola tutta da disegnare quest’estate. Il mercato non dimentica, ma s’aggiorna. Alla lista potrebbe aggiungersi la Fiorentina, tornata nel gruppo delle pretendenti dopo aver osservato con interesse il vortice di gennaio creato da Depaoli. Col Genoa prima davanti a tutti, dopo aver già aperto il fronte prendendosi Radovanovic. Con la Samp a scalpitare, convinta di cedere Sala al Parma e quindi con la necessità di dover andare su un destro. Con l’Atalanta a buttarsi avanti, secondo la linea di Giovanni Sartori, coprendosi le spalle in caso di partenza di Castagne che qualche richiesta l’aveva avuta. La Doria è rimasta in corsa fino alla fine, negli ultimi giorni stoppata soprattutto da Campedelli quando il Chievo pareva fosse diventato un supermercato.

D’accordo tutto, ma accettare anche questo sarebbe stata dura. A tarda primavera sarà un altro paio di maniche. Cessione naturale. Inevitabile. Persino il mercato tutto sommato ha una sua logica.

LA MANO DI COSTANZI.

L’Atalanta è il tipo di calcio in cui Depaoli abiterà in futuro. Quello con vista sull’Europa, da perfetto ventunenne che sta per salire di grado. Doveva essere così anche un mese e mezzo fa, poi gli è stato fatto capire che andarsene a gennaio o a giugno sarebbe stata la stessa casa. Anzi, forse anche meglio così. Depaoli ha compreso, nonostante un contratto che gli avrebbe subito cambiato la vita. Ha aspettato invece, come uno di quei pomeriggi ad attendere il pullmino del Chievo che da Trento l’ha portato a Verona un’infinità di volte. Da ragazzino fino alla Primavera, finché è stato chiaro che il ragazzo a Veronello avrebbe messo radici. Domenica con un occhio paterno lo guarderanno Giovanni Sartori e Maurizio Costanzi, diesse e responsabile del settore giovanile della Dea. Uno per il futuro, perché Depaoli va sempre sorvegliato da vicino. L’altro perché l’ha visto crescere fin dagli Esordienti. «Dandogli un’occasione», come ha sempre detto ai bambini e ragazzini passati dalla sede lungo tanti anni. Senza promettere nulla. Tutto va guadagnato in silenzio. Come ha fatto Depaoli.

VISTA SULL’EUROPA.

Prima del mercato avrà altro a cui pensare. Al Chievo prima di tutto, ma anche a conquistarsi un posto al prossimo Europeo con l’Under 21. Proprio in Italia, nella seconda metà di giugno. «Dipenderà tutto dagli ultimi due mesi di campionato», la linea del cittì Gigi Di Biagio, sabato al Bentegodi per dare un’occhiata anche ai milanisti Donnarumma, Cutrone e Calabria. Non sarà facile ritagliarsi spazio a destra, là dove oltre a Calabria gravitano pure Calabresi del Bologna e Adjapong del Sassuolo. «L’importante per il suo percorso è che continui a giocare in Serie A», il suggerimento di Di Biagio, perché in Italia i giovani non è detto che abbiano il posto assicurato a differenza di altre nazioni anche di primissimo livello. Come accadde all’Europeo del 2013, quando l’Italia si trovò davanti in finale con la Spagna di Lopetegui i vari Morata, Isco, De Gea, Thiago Alcantara, Koke, Carvajal e compagnia. Campioni contro prospetti ancora teneri.

GRANDE VERIFICA.

Depaoli è prodotto puro. Una buona famiglia, testa sulle spalle, aria ancora genuina a circondarlo. Quella di Veronello, quella di secondi padri. Da Sorrentino a Pellissier. La Sampdoria potrebbe decidere di riallacciare il filo a breve perché da tempo Roma e Napoli hanno puntato Bereszynski e uno come Depaoli pare l’ideale per la concezione di calcio di Giampaolo. L’Atalanta è un’altra ipotesi, scenario dai contorni più pallidi ma sempre possibile. Anche per questo domenica l’aspetta una partita diversa. Per dimostrare ancora una volta a Sartori e Costanzi quanto è diventato bravo. E convincere Di Biagio. 

Fonte l'arena



di Sigo




  1. Personalmente a me è sempre piaciuto anche se è un po grezzo e prende una valanga di cartellini gialli insieme a Dezi (Hellasiani)è l'unico giocatore buono di prospettiva qui a Verona anche se l'altro organo di stampa veronese da per fatto un suo passaggio alla Samp. ..


  2. e direi pure JANKTO rilanciandolo ,anche xkè penso sia pentito da matti della scelta che ha fatto quest'estate



  3. Dopo la pantomima della Samp , che sembra davvero non finire più , sarebbe bello dopo Zapata ma sopratutto Ilicic portarle via da sotto il naso pure sto qua. Così , giusto x rompere un po’ le palle.


  4. nell'ottica di dover perdere uno dei nostri esterni, effettivamente questo potrebbe essere il giocatore più adatto a sostituirlo
    l trattativa è possibile xkè non c'è più il ds che ci era nemico da loro
    inoltre abbiamo diverse pedine in categoria cadetta utili alla loro necessità di ricostruire una squadra forte x risalire dalla cadetteria
    attenzione quindi  a diverse operazioni che potrebbero coinvolgere giovani nostri da valorizzare ( ZORTEA ) e giocatori nostri già in cadetteria ( CAPONE, VIDO,MELEGONI,KRESIC,TUMINELLO )
    il tutto x rendere l'operazione vantaggiosa dal lato economico anche xkè 6mln sono eccessivi x l'attuale valore del giocatore ..


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.