21-01-2019 15:30 / 6 c.

otis1



di Otis




  1. Ciao Otis  veramente poco da dire dopo una prestazione del genere, per cui entro solo nel merito di alcuni dettagli.
    1) Pasalic in netta ripresa si, ma per me ad oggi non riscattabile alla cifra richiesta, non li vale e non vale i 2 titolari ...però almeno fa il suo
    2) La menzione a Mancini era doverosa tanto quanto lo era qualla a Djimsiti, cresciuto in maniera ancor più esponenziale, sia dietro ma ora anche in avanti dove fa pure assist con i piedi...eppure qui dentro c'è ancora qulcuno che lo prende per giocatore di merda. 
    3) Assolutamente NON d'accordo con la riduzione a 18 squadre...e certo ce lo stanno dicendo in tutte le salse e spingendo per plagiare l"opinione pubblica, e direi che ci stanno riuscendo, in modo semplice tra l"altro, mostrando la situazione ma non spiegandone le ragioni. Le ragioni anchesse semplici, non facciamoci soggiogare guardando il dito e non la luna. La bassa serie A è poverissima tecnicamente perché di proposito ne hanno poverito le fondamenta...cioè la serie B lasciata volutamente allo sbando, senza soldi, per cui senza qualità e senza avere i soldi per investirci sulla qualità, anche se fosse solo da far emergere dai giovani. Interessa una ripartizione tra pochi, se rendi a 18 squadre la A non fai altro che depauperare ulteriormente il movimento calcio Italiano, come dire...tutti nella merda tranne le solite sette sorelle e magari ancora qualche squadra ma non di più. Se vogliamo riportare in alto il calcio Italiano si deve per forza far tornare forte la serie B in modo che chi sale sia già organico da A e non venga invece solo per i 30 kk e se poi retrocede pazienza, in B con quelli ci campa a lungo. Che poi ti chiedo, possibile che il "problema" 20 squadre sia solo Italiano? Gli altri vanno bene con 20...chissà come mai.


    • In Germania sono 18 squadre da anni.
      In Inghilterra sono 20 ma il West Ham ha un bilancio come quello del Napoli. E' un altro mondo.
      In Spagna la qualità delle piccole è imparagonalbile a quella Italiana. E' il Campionato tecnicamente di più alto livello.
      In Francia, che è come noi, lo vorrebbero portare a 18.


  2. ciao OTIS
    contento di ascoltare che anche da parte tua risulta difficile fare osservazioni dopo una partita in cui c'è stata una così netta superiorità da parte dei nostri.
    voglio allora riallacciarmi al discorso delle tue ultime analisi in merito al reparto difensivo.
    semplicemente sono contento di vedere come partita dopo partita propio l'apporto di un giocatore come DJIMSITI continui a crescere soprattutto sul piano della personalità e dell'applicazione nel gioco di inserimento e appoggio che tanto piace al nostro MISTER
    ieri vedere il DJIM salire a fare pressing e sradicare la palla dai piedi dell'avversario x poi dibblarne un altro e fare assist è stato favoloso !
    come sai ,da tempo io sostengo che non ci siano in giro difensori che al momento possano essere meglio dei nostri soprattutto nell'interpretazione del nostro gioco. 
    io poi sono contento di avere finalmente visto l'aggregazione in pianta stabile alla prima squadra di KULUISEWKI xkè lo ritengo assolutamente adatto al gioco del GASP.allenandosi coi più grandi potrà affermarsi senza bisogno di gironzolare x prestiti vari. così spero x almeno un paio d'altri della primavera.
     


  3. Ciao Otis.
    Questa volta non sono riuscito a trovare nulla su cui non essere d'accordo al 100%.
     
    Tranne che per il tuo ultimo commento che, pero', non riguarda la partita col Frosinone, ma il campionato a 20 o 18 squadre.
    Personalmente, io lascerei il campionato a 20 squadre.
    La soluzione, secondo me, sta nella spartizione PARITARIA dei diritti TV.
     
     


  4. D'accordissimo con te, a che se avrei fatto due parole anche sul buon Djmsiti... Quando è chiamato in causa si fa sempre trovare pronto... E l'anticipo da cui parte il nostro 3 gol e da far vedere e rivedere nelle scuole calcio..  grande Berat, umile e cattivo quanto basta...


    • Hai ragione ma se su un 5-0 senza problemi mi metto a parlare pure dei difensori facciamo video da 20 minuti!


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.