Home Notizie Gasperini by Renato

Gasperini by Renato

11

Una persona non ha la possibilità di sorprendere, altre persone, all’infinito, perché tutte le cose hanno un tempo ed una durata. L’abitudine e la ripetività, hanno la capacità di smussare ciò che c‘era parso tanto originale ed eclatante, che l’iniziale sbigottimento scompare, lasciando il posto alla logica della prevedibilità che segue la conoscenza, diventando assuefazione. Le sorprese, in ogni campo e situazione, rivelano, alla lunga, una certa comunanza con le menzogne: hanno le gambe corte, che non possono portare lontano, sia nello spazio, che nel tempo.

Gian Piero Gasperini, mi ha condotto a conclusioni diverse, malgrado da quando è venuto da noi, segua regolarmente i suoi concetti ed abbia sviluppato la convinzione di aver appreso tutte le logiche del suo modo di pensare. Incredibilmente, mi capita ancora di essere sorpreso da certi suoi concetti, che pure mantengono la linearità dei precedenti, ma sottolineano od amplificano degli aspetti che non ero stato in grado di cogliere.
Il bello è che ogni volta pare di sentire cose nuove od inascoltate, che risultano invece semplice estensione , perfezionamento o aggiornamento delle sue convinzioni.
In realtà il Gasp è una persona diretta e chiara, che spesso dice cose urticanti, senza mezze misure, col coraggio di gridare al re nudo, contrariamente ai toni accomodanti di coloro che non hanno il coraggio di esporsi in prima persona.
Le sue argomentazioni rifuggono la banalità e non si basano su cose scontate, ma puntano sempre all’essenziale, con franchezza ed obiettività.
La sua conoscenza del mestiere si esprime in indagini introspettive dei suoi ragazzi, che colgono in chiave personale, ogni peculiarità ed attitudine loro specifica in grado di svilupparne appieno la potenzialità.

Non è casuale che tanti ragazzi, fisicamente dotati ma altrettanto avulsi da un propedeutico avvio
alla preparazione calcistica, siano diventati da carneadi a calciatori richiesti dalle società di spessore, pronte ad aggiudicarseli dietro corresponsione di sostanziose quotazioni.
La sua concezione del calcio, basata su lavoro serietà e metodo, ha raggiunto tutte le nazioni europee ed extra europee e sta diventando un riferimento di culto.
Gian Piero Gasperini, nato a Grugliasco, Torino, dopo varie esperienze, dove aveva dimostrato qualità insufficientemente apprezzate, approda all’Inter, sognando di poter realizzare i propri progetti. Cade purtroppo in un pessimo frangente, dove calciatori pienamente realizzati, da ogni punto di vista, mal si acconciano ad un lavoro schiantante proposto ed imposto da Gasperini e preferiscono coalizzarsi, per forzare la società a disfarsene. L’operazione riesce egregiamente ed in capo a cinque giornate negative di campionato, lo scopo viene raggiunto.
Straordinario come soli cinquanta chilometri di distanza separassero l’inferno dal paradiso.
A Bergamo, nel reame di Zingonia, ha fondato la corte dei miracoli, certi e reali, ma con il vincolo della continuità determinata di una piena fiducia nel lavoro.
Programma che il nuovo nucleo ha accettato ed abbracciato, fondando le nuove fortune della società atalantina, della squadra e di tutta la città di Bergamo che ha visto la squadra salire come non mai, nella sua ultracentenaria storia, ‘là, dove è follia sperare’.
Ai riconoscimenti sportivi che, operando a Bergamo, gli sono stati meritatamente conferiti, si aggiunge la cittadinnza onoraria di Bergamo, che lo allinea, giustaente, alle caratteristiche di noi
bergamaschi.
Ora che ha forgiato campioni ex novo ed ha perfezionato o rigenerato giocatori esausti, apportando ricchezza alle casse sociali, ha intrapreso una incredibile ascesa che è diventata oggetto permanente
degli interessi societari, sembra incredibile che la sua permanenza a Bergamo pareva concludersi a cinque partite dal suo arrivo.
In compenso però, avvierà tra breve, il quinto campionato, con annessa partecipazione alla CL, che vorrebbe far diventare consuetudine.
Naturalmente ci auguriamo che il modulo di permanenza venga computato a decenni.
Mantenendo l’assunto che, col Gasp, non potrai più sorprenderti di essere sorpreso.

 

Renato

Bookmark(1)

11
Inserisci un commento

Please Login to comment
8 Albero dei commenti
3 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
10 Autori
Francesco6495FrankdolcissimodagliStateslukaBG Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
dolcissimo
Membro
dolcissimo
torto se le cose vanno male ma ragione se vanno bene mah
95Frank
Membro
95Frank
Un po' come "salire" e "scendere", su e giu' da un "carro" ......

Io NON capiro' mai chi vuol stare a tutti i costi dalla parte dei "vincitori".

Certo, NON fa piacere a nessuno "perdere" .....
Ma la dignita' (personale o di squadra) e' un'altra cosa .......
95Frank
Membro
95Frank
Di ogni ipotesi manca la controprova.


Semplicemente, io penso che l'Atalanta e tutte le altre squadre italiane impegnate nelle coppe europee abbiano pagato le 13 (12) partite in 43 (41) giorni.

Inutile dare colpe, ipotizzare improbabili soluzioni alternative, o cercare capri espiatori.

Nelle circostanze, l'Atalanta ha fatto meravigliosamente tutto il possibile, fino a quando e' durata la benzina.

Qui a Londra, vicini di casa e conoscenti che incontro mi dicono quasi all'unisono:
ma che grande squadra l'Atalanta! Sara' molto bello rivederla l'anno prossimo in Champions ......

Ma quando mai prima! .......
dagliStates
Membro
dagliStates

Sembra OT, ma non lo e'. Ritichie Blackmore, acclamato chitarrista dei Deep Purple inventore di Smoke On the Water, recentemente parlando di un altro grande chitarrista, Joe Satriani (Surfin' with the Alien) ha detto: "e' bravissimo, suona sempre ogni nota al suo posto, tutte note giuste... e quindi mi annoia. Jimi Hendrix, lui si' che sbagliava le note, perche' era sempre alla ricerca del colpo di genio... se fai tutte le note giuste, non puoi sorprendere nessuno, Hendrix era un genio". Gasperini secondo me ha fatto una nota sbagliata, perche' cercava qualcosa che non si e' realizzata. Ma proprio per… Leggi di piu' »

Francesco64
Membro
Francesco64
Sono stra-mega-multi- d’accordo!
maleldil
Membro
maleldil
Sinceramente, l'Atalanta non ha nel proprio DNA la difesa del risultato. Avrei messo Piccoli anziché Da Riva, e provato a fare il secondo gol. Magari avremmo perso lo stesso, ms non ci saremmo snaturati
madonna
Membro
madonna
No. Non ha sempre ragione il Mister e lui lo sa che può sbagliare.
Anche per lui era la prima volta che arrivava così in alto.
Mister adesso bisogna migliorare.
Mister non hai avuto paura di sognare non aver paura di vincere!!!
Portaci in alto. Sopra tutti!!!
Oiggaiv
Membro
Oiggaiv

Mi aggrego ai 2 commenti sotto....forse con le sostituzioni si poteva fare meglio...? Non lo sapremo mai e con il senno del poi siamo tutti più bravi.Di certo il livello raggiunto è un livello sconosciuto per noi come per lui.......mettiamola cosi sta imparando pure lui, nel frattempo grazie GASP.Considerazione: Forse siamo di fronte ad un personaggio talmente genuino onesto e di sani principi che la lezione che più fatica ad imparare e a trasmettere ai suoi giocatori è quella della malizia.Personalmente lo adoro cosi com'è anche se la beffa di mercoledi mi brucerà per un bel po'.

Karldergrosse
Membro
Karldergrosse
Devo dire che quando ha messo da Riva e poi gli mancava il cambio a Freuler....mi sono un po’ irritato. Ma si parte dall’assunto che lui ha sempre ragione
lukaBG
Membro
lukaBG
Era il terzo slot di cambi quindi anche se avesse fatto 4 cambi non avrebbe più potuto sostituire nessuno...
deamia
Membro
deamia
Per me ha sempre ragione anche nel torto....! ! Lunga vita al re neroblu....

Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.