Gravina: «Superlega ammissibile, ma va fatta una scelta»

20-09-2021 09:09
17 C.

Superlega Gravina

 

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, è intervenuto a Radio Dee Jay dove ha parlato di diversi temi legati al mondo del calcio, a cominciare dalle richieste al Governo: «Abbiamo chiesto non assistenzialismo ma strumenti perché si possano attivare i principi fondamentali, l’attuazione di un piano industriale nuovo nel calcio italiano».

Tra gli argomenti toccati, anche i procuratori: «Penso che la professione del procuratore sia una professione importante. Riconosco questo ruolo nel rispetto delle regole. L’intermediazione, i ragazzi che vanno in scadenza di contratto volontariamente o meno per dare vantaggi agli intermediari è un’area critica. I dati UEFA e nostri sono allarmanti e su questo serve una riflessione approfondita perché quelle risorse vanno fuori dal mondo del calcio, scusate se è poco».

Poi, sulle riforme: «Dobbiamo lavorare e fare delle valutazioni sul campionato italiano. Stiamo lavorando sul principio di stabilità e sostenibilità del sistema in prospettiva. Presenteremo idee innovative e risolutive rispetto a problemi che ci preoccupano».

Inevitabile parlare anche del Mondiale ogni due anni, terreno di scontro di FIFA e UEFA: «A livello internazionale bisognerebbe essere più cauti. Si ricercano nuove competizioni che non tengono conto degli equilibri dei campionati nazionali in generale. Mi dispiace che ci siano questi rapporti conflittuali tra diverse confederazioni e poi c’è anche la FIFA che tiene insieme l’interesse delle confederazioni e ci sono idee concorrenziali. Bisogna ragionare. Il 22 c’è un Comitato Esecutivo dell’UEFA, appoggeremo il no ai Mondiali ogni due anni, anche nell’interesse dei club, difenderemo le loro posizioni».

Interpellato sul tema Superlega, Gravina ha aggiunto: «Il campionato è ammissibile e non ci sono dubbi, ma bisogna capire se è compatibile con gli altri campionati, bisogna fare una scelta, o un campionato o l’altro. Non si possono giocare contemporaneamente due campionati europei o addirittura una competizione nuova con altri canoni».

Sulla possibilità di arrivare a un compromesso: «Credo che siano pericolosi i compromessi su questo tema. Bisogna tenere insieme interessi internazionali e campionati nazionali. Se corriamo dietro a queste forme di desideri ambiziosi si rischiano gravi errori, non possiamo permetterceli in un momento di crisi, il più profondo della sua storia».

fonte calciomercato.com

Bookmark(0)

By marcodalmen
marcodalmen

17
Inserisci un commento

Please Login to comment
7 Albero dei commenti
10 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
12 Autori
maurom72TREINEROBLUpaolo_treiOscar1962Riccardo88 Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
Mondo21
Membro
Mondo21

Secondo me non si leva un ragno dal buco, finchè gireranno cifre spropositate date a mezzi analfabeti e furbetti di ogni genere (che a casa loro non riescono neanche a gestire il frigo) la stima puo solo portare alla bancarotta, ed allora in qualche subdola maniera gli ultraindebitati del calcio e chi in contumacia gli ha indebitati, troveranno la formula per far entrare nel baraccone soldi soldi e ancora soldi. E' un po la storia del accordo di Parigi sul clima, umanità sempre più lontana dai principi ed avvinghiata senza remore al soldo. Ci vorrebbe almeno un po di equilibrio Sempre forza Dea

paolo_trei
Membro
paolo_trei
d'accordo su tutto, ma non ho capito cosa c'entra l'accordo di Parigi. Però per evitare una discussione OT, se vuoi parlarne fatti lasciare dallo staff la mia email
farabundo
Membro
farabundo
gravina, cerca di copiare la legge francese sui settore ospiti
10 euro in serie A
5 euro in serie B

SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
paolo_trei
Membro
paolo_trei
Alcune cose dette dal signor margarina sono agghiaccianti, è non mi riferisco al politichese sulla debt league, dove sappiamo che non può dire niente perché si trova in mezzo ai due fuochi (UEFA vs besotti).

Anzitutto la richiesta di soldi al governo. Se vale il principio che le società di calcio sono delle società private, che possono permettersi di pagare anche 60 milioni l’anno per far giocare monsier Ronaldo, allora si arrangino quando i conti non tornano. Troppo facile guadagni privati e perdite pubbliche. Tra l’altro, come contribuente, mi girano al pensiero degli sconti fiscali agli stranieri che giocano da noi

Inoltre è incredibile leggere che “stiamo lavorando” sul principio di stabilità e sostenibilità... e cosa state aspettando?? Più di 3/4 delle società in serie A non stanno in piedi economicamente e voi state lavorando???

Indecenti!
BatistaIndiano
Membro
BatistaIndiano
intendeva "stiamo ragionando su come aggirare il principio di sostenibilità, possibilmente penalizzando le squadre con bilanci a posto"...
paolo_trei
Membro
paolo_trei
Hai ragione Batista, stupido io a non capirlo subito
Oscar1962
Membro
Oscar1962
Paolo_trei, guarda che i guadagni privati e le perdite pubbliche sono il mantra esistenziale di casa belante da sempre.
La Fiat è come l'Alitalia, l'auto di bandiera che paghiamo tutti da una vita.
paolo_trei
Membro
paolo_trei
Vero Oscar evidentemente qualcosa del regno dei sabaudi è rimasto ancora in questa nostra povera repubblica...
TREINEROBLU
Membro
TREINEROBLU
La real casa agnelli ha fiutato l'affare super lega: se il progetto fosse andato in porto, si sarebbero intascati subito 350 milioni. Le cose, purtroppo per loro, sono andate diversamente e sono stati costretti ad un aumento di capitale di pari importo (euro +, euro-).
Al mio paese, se non hai i soldi per continuare, o vendi i gioielli di famiglia, oppure chiedi ai componenti della famiglia stessa di ricapitalizzare la baraccca.
Agnellino pensava di avere fatto l'affare del secolo prendendo Ronaldo, pensava l'italia intera sarebbe corsa a comprare la tanto amata maglietta . nr. 7. E invece è andata come è andata:

-fallimento sportivo (=niente CHAMPION)
-fallimento economico-finanziario.
Riccardo88
Membro
Riccardo88
A me sembrano parole di buon senso invece, non lontane da quelle degli ultras: se volete andate, ma non potete tenere il piede in due scarpe.
Io continuo a pensare che i campionati nazionali comincino a stufare. Meglio dei grandi campionati europei con promozioni e retrocessioni, in cui, anche se non stai nel “primo livello”, ogni settimana vai a giocare partite splendide a Villarreal, ad Amsterdam, a Francoforte, etc.
Ago76
Membro
Ago76
Io le trasferte più splendide le ho vissute a Torre Annunziata, a Fermo, a Messina o Reggio Calabria. Perché ci che fa la differenza è la passione. Mi è piaciuto anche andare a Dortmund, ma è stato bello specialmente perché è stata un'eccezione. Fosse stata la regola, non sarebbe stata la stessa cosa
Riccardo88
Membro
Riccardo88
Nulla vieta che la coppa nazionale, adeguatamente valorizzata come già si fa all’estero, possa in questo modo acquisire nuovo fascino e rilevanza.
maurom72
Membro
maurom72
Bravissimo Ago
Wolfo
Membro
Wolfo
Avrebbe più senso fare un campionato a 20 squadre Europeo con 1 2 3 serie e serie nazionali SE E SOLO SE ci sono me copertura finanziaria per TUTTE LE SQUADRE in PARTI UGUALI. Altrimenti diventerebbe una Premier League con inserimento di 4-5 altre. Tutte il resto sono cazzate lobbistiche in stile "solo 10 lustri" come scriveva Ignazio Silone nel suo romanzo quando i ricchi cercavano di fregare i contadini con termini che non conoscevano.
maurom72
Membro
maurom72
Ma quale campionato europeo dai...se sei bravo nel campionato tuo vai a sfidare le altre squadre nelle coppe, come è sempre stato...ogni campionato ha il suo fascino, con sfide e rivalità che hanno fatto storia, non vale la pena nemmeno nominarle per quante sono...e io pensa al contrario di quello che state paventando voi auspico il ritorno in A di squadre come l'Avellino del mitico stadio Partenio e dell'Ascoli dell'altrettanto mitico Del Duca sempre infangati ma dal fascino per me pazzesco...io sono nato con quel calcio e quello mi appassiona, altro lo lascio a voi
Atalantinho
Membro
Atalantinho
potrebbe essere interessante mischiare squadre di vari campionati, quello si, la superlega chiusa invece è totalmente ingiusta
Claudiopaul70
Membro
Claudiopaul70
Era meglio quando facevi la margarina

Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarit?| , ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verr?| bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorita' preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddee tte autorita' , persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operaree in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.