Home Mondo femminile Il grande sogno.

Il grande sogno.

1

Lo squillo del telefono, interruppe il silenzio nella stanza.

Il caldo e ventoso pomeriggio sulla spiaggia di Badesi, nel nord della Sardegna, suggeriva un’oretta di relax in stanza, mentre gli imperterriti kite surfers continuavano a sfruttare il maestrale.

Dall’altro capo Beppe, con quel suo tono sempre allegro, di chi porta buone notizie e vuole godersi il momento, gustandosi la reazione del suo interlocutore.

La novità in effetti mi riempì non solo la giornata ma la settimana, l’estate e tutte le settimane per i successivi 5 anni.

Era agosto 2015 e mettendo in conto qualche sacrificio, la mia piccola di 12 anni era stata arruolata tra le fila della formazione esordienti del Mozzanica, le prospettive, già rosee per esser entrati in una società che militava da protagonista nella serie A femminile, divennero entusiasmanti, per via di una serie di norme che tendevano a favorire il calcio femminile, le società professionistiche di calcio dovevano inserire nei loro organici una squadra under 12 femminile e pian piano, far crescere questo progetto, fino alle Allieve (under 17).

Ebbene l’Atalanta aveva scelto la nostra squadra e la società della bassa fu ben lieta di affidarla a Zingonia.

L’avventura iniziava sulle ali dell’entusiasmo, vestire i colori nerazzurri per tutte era un motivo d’orgoglio mentre per mia figlia era come giocare libera da ogni cosa, praticamente nuda essendo per lei una seconda pelle. Le ragazze selezionate sapientemente da Beppe e Stefano formavano un’ottima squadra, capace di tener testa ai maschi negli anni in cui erano previsti campionati misti e di confermarsi sempre ai vertici sia nelle giovanissime che nelle allieve.

Man mano che passavano le stagioni, le più grandi uscivano dal progetto, le 2000, le 2001 quindi le 2002 ed infine quest’anno le 2003.

La proprietà aspetta il professionismo, per ora si limita ad adempiere agli obblighi federali, qualche minimo rimorso nel mandar via atlete formate per 5 anni e appetite da tante squadre, ma il boccone amaro si sopporta, tenuto conto che nulla porta, ne in più ne in meno alle casse societarie.

Niente soldi ma per chi ha creduto nel progetto e sperato che fosse l’anno buono per avere una prima squadra femminile, tanta delusione e una promessa non mantenuta.

Non potendo però far altro che prender atto della decisione assunta, si cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, questi anni sono stati fantastici, emozionanti, personalmente poter varcare i cancelli di Zingonia, per far firmare il tesseramento a mia figlia, parlare con Costanzi, Buonaccorso, Finardi, i medici, i segretari, e tutte le persone che  ruotano attorno a questa magica industria dello spettacolo sportivo, è stato un premio insperato. Aver avuto allenatori che credevano nelle ragazze, che le hanno fatte crescere nel vero spirito dell’Atalanta, educate, rispettose, corrette sia in campo che fuori, ragazze che per essere atlete hanno rinunciato agli svaghi della loro giovane età, hanno rifiutato piccoli vizi, sono state costantemente attente a tavola, si sono dimostrate all’altezza dei colleghi maschi sia per bravura che per professionalità.

Merito di ciò è di chi ha guidato questi gruppi, di chi le ha formate, superando i pregiudizi della gente e difendendole in ogni momento.

Da un primo periodo di indifferenza, anche in società hanno iniziato a notare che il movimento stava crescendo e che richiedeva sempre più risorse ed attenzione, ma al contempo dava anche grandi soddisfazioni. Tornei, campionati, selezioni nazionali, rivalità con top team del panorama nazionale, stanno a certificare l’ottima qualità del lavoro svolto da scouting, staff tecnici, staff sanitari e dirigenti.

Purtroppo questo sport propone sempre cambiamenti, le squadre si modificano, si miscelano diverse annate, si provano nuove esperienze, tutto fa parte di un percorso di crescita che porterà qualcuna di loro ad emergere.

Qualche soddisfazione affiora già, Zanchi al Monza; Zanoli alla Fiorentina; Baruffaldi, De Maio e Colombo V. alla primavera dell’inter; Madaschi e Limonta in quella dell’Orobica; Doneda e Casarasa per la primavera dell’Hellas; Lumina, Paris e Noris nella Juniores del Brescia; Galdini, Zanini, Sorelli alle giovanili del Milan; stanno già a testimoniare la validità della scuola nerazzurra.

Per questo motivo spero che al momento giusto, un bel giorno, anche le Atalantine possano avere una casa e una prima squadra per cui giocare, per ora è giusto ringraziare per il tempo, le risorse, la qualità e la serietà con cui la società ha adempiuto all’obbligo federale. Personalmente spero che quanto appreso sui campi del Centro Bortolotti serva altrove a metter in mostra quanto sono forti le nerazzurre nella speranza di tornare ad onorare la maglia più bella del mondo.

FORZA ATALANTA

FORZA RAGAZZE, I SOGNI SI AVVERANO SOLO QUANDO CI SI SVEGLIA, ALTRIMENTI RESTANO TALI!

Bookmark(0)

1
Inserisci un commento

Please Login to comment
1 Albero dei commenti
0 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
1 Autori
Francesco64 Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
Francesco64
Membro
Francesco64
“ Aver avuto allenatori che credevano nelle ragazze, che le hanno fatte crescere nel vero spirito dell’Atalanta, educate, rispettose, corrette sia in campo che fuori...”

Non disperdiamo questa ricchezza. Vale più di 11 Messi e Ronaldi ogni anno. Grazie per la testimonianza e tantissimi auguri alla piccola!

Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.