Magari un po’ ci assomiglia – by Rodrigo Diaz

30-12-2021 04:44
10 C.

A volte, la vita è onesta. A volte, di fronte ad un caffè, ti restituisce brandelli di quelli che in gioventù furono dei sogni. Magari delle illusioni. Forse solo dei semplici desideri. Ed è così che, proprio di fronte ad un caffè, l’incontro fra chi vi scrive e colui che è il soggetto dello scritto è veramente avvenuto. Proprio come un piccolo reso della vita.

Me lo aveva fatto notare Alvaro.

“Ma quello lì, non ti sembra un po’ El Tio?”

Alvaro è un amico di Villava. Suo padre e il mio frequentavano la stessa osteria in centro. Suo padre, come faceva il mio con me, a volte lo portava giù al campo a vedere le partite della nostra squadra.

Fu lì che lo conobbi. Io accompagnavo il mio vecchio ed ero entusiasmato da quel suo amico difensore. Quell’uomo che sarebbe poi diventato il mio porto sicuro. Il mio rifugio dell’anima.

Ormai quasi adulti, Alvaro aveva conosciuto sulle spiagge di Lloret de Mar una ragazza di Milano. Desiderava andarla a trovare, ma non se la sentiva di fare il viaggio da solo.

Accettai di fargli compagnia solo al patto che il mercoledì fossimo andati a Bergamo a vedere la mia Atalanta. Ottavi di finale di Coppa Italia contro la Juve.

“E’ vero, un po’ gli assomiglia.”

Dissi, non molto convinto.

Però, quando vidi quel numero 5, lo stesso sulla schiena del Tio, aggrapparsi alla maglia del centravanti bianconero, quando lo vidi far uscire le scintille dai tacchetti nei contrasti, mi parve veramente di vedere El Tio sul campo spelacchiato appena fuori dal paese. E le maniche rivoltate all’insù anche d’inverno, proprio come lui.

Io ho sempre amato quel calcio fatto di sfide. Di battaglie. Quel calcio dove la palla, per arrivare dentro la rete avversaria, doveva passare fra scontri all’arma bianca, fra strattonate e scivolate. Quel calcio dove la sciabola sfidava il fioretto e dove il gol era la somma di mille battaglie.

Ed era per quello che amavo più i difensori degli attaccanti. Amavo più i gladiatori dei giocolieri. Amavo più El Tio che il puntero goleador della squadra del paese.

Così, speravo che un giorno la sorte mi potesse far incontrare uno di questi gladiatori.

A volte la vita è onesta. Senza effetti speciali, senza estrarre conigli dal cappello, ti rende pezzetti di quei sogni di gioventù.

Non importa per quali ragioni ci siamo incontrati, importa solo che davanti a quel caffè eravamo seduti entrambi.

Mentre mi veniva incontro, l’incedere era ancora quello che ricordavo dentro i campi da calcio. Seppur appesantito dagli anni, il passo con le gambe leggermente arcuate era quello che incuteva timore agli attaccanti.

La smorfia sotto la berretta di lana era quella che vedevo quando lo inquadravano l’uscita dal tunnel dei nostri campioni.

A volte, la vita è onesta.

Mi ha restituito un pezzo di un sogno. Ripulito dalla magia di quello che era da ragazzo, lasciandomi lo spessore di quello che in realtà è.

Così, davanti a quel caffè abbiamo parlato. Di cose nostre e di passato. Di visioni di gioventù e di realtà che è.

E alla fine, la distanza che c’è fra un tifoso e i suoi eroi non è poi così grande. Almeno, fra i tifosi e gli eroi della mia generazione. Quella generazione delle maniche rivoltate in su anche d’inverno. Dei calzettoni abbassati e delle maglie tirate. Delle scivolate e degli strattoni. Della palla o caviglia, tanto è lo stesso.

Non so se assomiglia al Tio. Però, parlargli assieme è piacevole uguale. E poi, quella berretta che non molla mai.

 

 

Rodrigo Dìaz

Bookmark(0)

By staff
staff

10
Inserisci un commento

Please Login to comment
8 Albero dei commenti
2 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
9 Autori
dagliStatesLorenz67TREINEROBLUpakypaolo_trei Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
Lorenz67
Membro
Lorenz67

avrei pagato di tasca mia solo per ascoltare le vostre parole.... perche' sia Rodrigo che il Billy Bigliardi son due menti sicuramente "sopra la media" che sarebbe un piacere sentirle disquisire su qualsivoglia argomento.... leggendo le sue rare uscite sui social, il Billy fa trasudare quella tanta saggezza probabilmente comune a chi era chiamato a fare un lavoro "sporco" come quello del difensore di una provinciale contro i grandi campioni che a quei tempi spopolavano nella massima serie, dando sempre il massimo rimanendo, impresa molto ardua, nei limiti del regolamento.... proprio come El Tio, che giocava per vincere la sua battaglia personale sul campo contro l'attaccante avversario... il parallelismo ci sta davvero tutto!

TREINEROBLU
Membro
TREINEROBLU
A volte, la vita è onesta.

Grazie Rodrigo.
paky
Membro
paky
Mi sei mancato, Rodrigo...
paolo_trei
Membro
paolo_trei
Grande, come sempre, Rodrigo a ricordarmi un idolo della mia giovinezza.
Oggi ritrovo qualcosa di lui in Demiral
Davor
Membro
Davor
Mitico Tebaldo
abraxas
Membro
abraxas
Bigliardi vs Suker, Atalanta vs Dinamo Zagabria: scintille anche dai gomiti non solo dai tacchetti.
Tebaldo, un grande uomo soprattutto.
abraxas
Membro
abraxas
Autunno 1990, 32 anni, curva nord.
madonna
Membro
madonna
Tebaldo
brignuca
Editor
Che dire Rodrigo, chapeau, tocchi le corde del cuore e lo fai vibrare come fosse uno Stradivari.
dagliStates
Membro
dagliStates

Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarit?| , ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verr?| bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorita' preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddee tte autorita' , persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operaree in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.