11-01-2019 14:30 / 9 c.

Una piccola storia nata da un nostro contatto su Facebook dove abbiamo scambiato quattro chiacchiere con i responsabili di questa squadra dilettantistica brasiliana. Ne e' nata una piccola storia che, per certi versi, ricorda molto il modo di vedere il calcio del mondo atalantino

 

Si chiamano cosi' dal lontano 1996. Stava per iniziare il campionato municipale della città di Quipapà, nello stato di Pernambuco, nel nord-est del Brasile quando un gruppo di amici amanti del calcio ma non appartenenti a nessuna squadra decide di fondarne una.

Guidata da fratelli che oggi sono presidenti del club e che si chiamano Junior Vieira e Daniel Rodrigues viene indetto un referendum, dopo essersi guardati in giro nei campionati pallonari dell'intero globo. Voto democratico e scelta del nome: Atalanta

Da li' nasce la passione per la Dea di Bergamo. E soprattutto nasce "l'Atalanta de Quipapà" con giocatori all'inizio praticamente scartati da altre squadre ma che li' possono trovare una famiglia e, cosa piu' importante, avere un'altra chance nello sport che amano.

La cosa viene presa tanto seriamente che si programmano allenamenti durissimi per non professionisti e che impongono regimi personali piuttosto rigidi visto che sono fissati alle 5 del mattino e alle 13. Pero' il lavoro rende e il primo campionato dilettantistico al quale partecipa la squadra si chiude al terzo posto con un quarto di finale epico vinto in rimonta 4-3 partendo da 0-3 sui "Dragon de Jussara"

Un anno dopo la fondazione succede una tragedia: viene a mancare Mana, la madre dei due fratelli fondatori, grande sostenitrice e morta per un cancro al seno. La tragedia colpisce tanto i due fondatori che il club, ancora giovanissimo, si ferma, di fatto si scioglie, sembra per sempre.

Passano anni, lustri, quasi 21 e nel 2017 un terzo fratello, che nel '96 aveva 6 anni, contatta un ex grande atleta di nome Piu e rifonda la squadra. Il nome, Atalanta, sempre quello, tra i giocatori diversi veterani di vent'anni prima, almeno all'inizio, il logo quello della vera Dea bergamasca con il nome della madre dei 3 fratelli a ricordo immortale.

Il primo anno della rinascita vede l'Atalanta Quipapa' partecipare solo a competizioni tra veterani ma la volonta' ed il piglio sono quelli di 20 anni prima e l'impegno e la partecipazione sono tali che viene ricreata anche la prima squadra nel 2018 che ora partecipa al campionato regionale.

Il club ovviamente si autofinanzia con l'impegno economico dei tre fratelli e con le donazioni degli amici. Recentemente ha persino creato un gruppo di cheerleaders e iniziato la commercializzazione dei gadgets della squadra per pagarsi l'iscrizione al campionato, le uniformi, i palloni e altro materiale. Il campo, quello no, non ha ancora l'erba.

Ma le maglie sono ora nerazzurre con il logo giusto, non piu' giallonere come vent'anni prima, scelte perche' i soldi erano quelli che erano e si era scelta una muta alla fine piu' economica di altre.

Oggi il nome Atalanta è ben saldo nelle menti e nei cuori di questi atleti brasiliani, dilettanti ma con un'enorme volonta' ed impegno. Portano in giro con orgoglio, parole loro, il nome della loro piccola e tranquilla citta', il che non e' molto lontano da quello che accade qui a Bergamo alla nostra formazione.

"Essere notati dai tifosi della Dea italiana è un grande orgoglio per noi", ci scrivono, "e chissa' che un giorno la Dea brasiliana non possa veramente incontrare quella di Bergamo"


Della sinistra per la destra Junior Vieira, Juninho, padre dei fratelli , la sorella Marcella e Daniel Rodrigues. A seguire foto storiche e odierne del club.

Il club è reperibile su Facebook all'indirizzo https://www.facebook.com/atalanta.quipapa

L'ultima immagine in fondo e' la maglietta rappresentativa della rifondazione della squadra

 

48425002_339360453331873_3768785410843475968_n

 

48396291_2184549001565931_1143361749219540992_n 48894851_2259368860951434_5517380482397896704_n 48891746_127970714811032_8565350594334687232_n

49245637_2256899517899910_2887164019523715072_n 48407763_1124215984413340_6185868257707163648_n

48926338_465375647329815_7684057501725097984_n48405433_299522367436324_7208038919030439936_n  48403730_2217669825161812_3698113171391774720_n   48396608_345195949398171_8743083913070510080_n 48399046_271802650170080_7999154719379423232_n 48923712_779000049102743_2328373759108448256_n 48429036_1517934598309666_4357241203645743104_n 48395555_1918127724890369_1549350237317890048_n 48424458_220589695557506_7468674280629207040_n

48405714_1990815727667736_4533140180504150016_n

ataquipapa



di Staff




  1. Presidente organizza amichevole precampionato con raccolta fondi per i nostri gemelli brasiliani...
    Lo meritano....



  2. Stradella l’ultima maglia 


  3.  Il portiere con le infradito!


  4. Bella la maglia 


  5. sarebbe interessante scoprire perché nel 96 hanno scelto la dea come nome..È solamente una questione lessica, figurativa o perché hanno visto qualche cosa in più magari nel tifo che li ha ispirati?
     
    In ogni caso.....boa sorte irmãos


  6. Storia commovente.
    Auguri di cuore.


  7. Un in bocca al lupo di cuore!!!! Forza Atalanta!!!


  8. storia bellissima e commovente! 
    Per noi atalantini e' un enorme orgoglio!
    In bocca al lupo di cuore! 



  9. Tantissimi auguri!


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.