15-05-2019 19:00 / 1 c.

4-2weMigrazioni che abbattono muri, che aprono porti, che non portano lacrime e privazioni. Qui si tratta di un popolo che si stringe attorno ad una passione, che coglie sentimenti senza limiti. Sempre nei cuori dei bergamaschi.

Atalanta è un amore che non finisce mai, come i versi di una canzone. Ecco proprio per questi motivi il popolo di Bergamo è in continuo movimento. E’ possibile che questa storia d’amore diventi tema di studio per i moderni sociologi che studieranno questi fenomeni popolari a cominciare dagli oltre ventimila scesi dalle Prealpi a Roma.

Ci sono state stagioni dove erano solo i bergamaschi di provincia che dovevano venire in città per vedere le partite al Comunale, i viaggi lungo la penisola erano appannaggio solo per pochi. Gli improvvisi risvegli di massa quando nascevano partite decisive, sempre spareggi per tornare in serie A come a Bologna nell’estate del 1971 o a Genova sei anni dopo. Poi magari pochi ma buoni al Penydar Park della sconosciuta cittadina gallese di Merthyr Tydfil mentre il  senso del viaggio comincia  con le “corriere” prenotate per arrivare a Malines. Ecco questa forse è stata la pietra miliare delle attuali migrazioni.  Era il secolo scorso. Si è aperto un altro mondo, una nuova epoca.  Quasi d’incanto, ma non è proprio così perché contano i programmi, valgono le scelte, Bergamo si è nuovamente innamorata della Dea. E il ritorno in Europa ha risvegliato sentimenti sopiti. Non si può lasciare sola una squadra di calcio, l’Atalanta, che rappresenta un popolo. Nonostante difficoltà di vario tipo, i bergamaschi si sono attrezzati. C’è chi risparmia sui beni di consumo, chi rinuncia alle ferie,  chi si mette insieme per spendere meno tutto per avere soldi sufficienti per acquistare biglietti per i viaggi e per le partite. Sacrifici concreti per amore di una squadra, l’Atalanta.

Così un gruppo di amanti della Dea, peraltro ragazzi svegli, ha inventato “Chei de la corriera”. Prima un solo bus per trasferte di pochi chilometri, poi le lunghe trasferte, anche le agenzie viaggi, quelle ufficiali, si sono mosse , quindi  non è mancato il “fai da te” con conteggi al centesimo per risparmiare. Con un solo obiettivo: seguire sempre e comunque i nerazzurri. Lione, Nicosia, sì proprio Nicosia, Liverpool e Dortmund hanno visto riempire piazze di bergamaschi con sciarpe e maglie nerazzurre. Senza dimenticare Sarajevo, addirittura Haifa e la “maledetta” Copenaghen. E sono pur sempre quasi quattrocento chilometri l’andata-ritorno Bergamo-Reggio Emilia.  

Notte insonni, lunghe attese, code autostradali concrete, trasferimenti con qualche disagio, al caldo e, perlopiù, al freddo ma sempre nel cuore l’Atalanta che, a sua volta, ha sempre ripagato il suo popolo migrante con prestazioni di prestigio. Le colorate, pacifiche e festose invasioni in tutte le città della penisola dove giocavano i nerazzurri. Di sabato, di domenica, di lunedi e anche di mercoledi.

Dopo Firenze, ecco Roma. Ma non è finita perché l’Europa ci aspetta ancora.

 

GIACOMO MAYER

 

 

 

 

 

 

 

 

 



di Staff




  1. Proprio ora cariche polizie sui tifosi Lazio. I nostri tutti già all'interno stadio. Speriamo che dopo la partita non succeda nulla. Ciao e buona partita.



Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.