Home I nostri speciali IL NERO E L’AZZURRO – Quattro sassate

IL NERO E L’AZZURRO – Quattro sassate

23

La Dea continua la sua calvalcata trionfale in campionato battendo sonoramente il Sassuolo che solo qualche mese fa ci aveva fatto spevantare in occasione dell’ultima di campionato. La squadra di Gasperini è in ottima forma e migliora di partita in partita e continuando così non è precluso nessun risultato. Tutti i giocatori meritano una menzione ma come al solito piedi per terra vietato volare alto mancano 27 punti alla salvezza e poi si vedrà. Intanto prepariamoci alla seconda partita di Champions dove servirà tutto il pubblico bergamasco per cercare di fare risultato in una partita già decisiva.

IL NERO L’AZZURRO

 AMMONIZIONI

Sarà forse la carica del mister o la voglia di non farsi schiacciare fatto sta che nel secondo tempo vengono rimediate alcune ammonizioni che si potevano evitare in un incontro che era ormai chiuso.

PRIMO TEMPO

Pronti via e dopo solo sei minuti la Dea è già in vantaggio grazie ad una magia del Papu, poi continua a macinare gioco per tutta la prima frazione di fronte ad un Sassuolo frastornato che non ci ha capito molto.

GOMEZ

La migliore prestazione di questa prima parte di stagione condita anche da due reti, che sia di buona auspicio per la Champions. Il migliore.

GOSENS

Ormai è una certezza il tedesco quando sta bene fisicamente è straripante sulla fascia e arriva sempre in area per cercare la deviazione vincente che spesso gli riesce. Già due reti in sei giornate.

CAMBIANDO GLI INTERPRETI IL RISULTATO NON CAMBIA

Una delle note più liete di quest’anno si sta rivelando il turnover che non cambia il risultato della squadra. Chiunque va in campo gioca al massimo e disputa prestazioni vincenti e convincenti. Contro il Sassuolo sono cambiati diversi interpreti rispetto a Roma ma in campo non si è proprio percepito.

Bookmark(0)

23
Inserisci un commento

Please Login to comment
12 Albero dei commenti
11 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
18 Autori
thealamomadonnaAlexfolleAle73prytz Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
thealamo
Membro
thealamo

Stiamo per vivere dei giorni INDIMENTICABILI: gara "interna" di champions a S.Siro (un sogno, un PREMIO, un'orgoglio per noi tutti!) e domenica torneremo "a casina" con una nord nuova di pacca da ammirare (gli ambentialoido-fashion.........si lamenteranno che dalla Ubi  "pero'...non si vede piu' la Maresana!")


All is Sky blue !!


Ammirati con gli amis 30 minuti da "calcio che cosi' si gioca solo in paradiso " (con buona pace delle mortadelle)


-------------


Nero inesistente.


Spero solo che con lo Shaktjor APPAIA a sorpresa il VERO JOSIP!!



 

madonna
Membro
madonna

Ormai siamo uno squadrone. Il mister alla fine dello scorso campionato disse che non tutti i giocatori della Juventus giocando nell'Atalanta sarebbero stati titolari. Volete che trovino anche solo spazio i primavera?!


Non l'ha trovato il kulu...


La nostra squadra satellite era il Cesena in B adesso è la SPAL in A. 


Ma vi rendete conto del salto ??


Una volte acquisita la capacità di giocare sul risultato acquisito e la mentalità Champions siamo da top europei

Alexfolle
Membro

AZZURRO: L'organizzazione di gioco della squadra è sempre impressionante. 


Partita dopo partita sta migliorando la brillantezza muscolare e la lucidità mentale.


Le varianti del nostro gioco sono infinite e vedere questi ragazzi è puro divertimento.


 


NERO:  Il rischio che troppi complimenti possano far sollevare i piedi da terra,


 


Ale73
Membro

Un pò più di considerazione per Hateboer no????

Mauri62
Membro

Ci vuole una qualità bestiale per entrare adesso nel roster Atalanta. Ibanez giganteggia nel Brasile under 23 e qui non fa un minuto...Barrow è più forte di Kouame titolare nel Genoa e gioca spizzichi. Però quando ci sarà da rifondare ci saranno tutti ragazzi prontissimi. Traorè, Colley, Kulusewsky, Okoly, Guth, Carnesecchi, Zortea, Colpani, e chi più ne ha ne metta. Adesso manca proprio solo un vice Ilicic, il problema è che non esiste... Perché Granny ha caratteristiche uniche. 

Musa
Membro

 ibanez se non ha fatto neanche qualche minuto sul 4 a 0 a sassuolo c ' è qualcosa che non va ormai è un po' che è qua non so se non ha finito di apprendere i dettami tattici del mister ma se non dovesse giocare neanche contro il lecce qualche domandina me la farei c ' erano i presupposti per far entrare il brasiliano e per far riposare masiello o toloi ( tra l ' altro rimediando un giallo sul 4 a 0 per fermare una ripartenza come è stato giustamente inserito dallo staff ) in vista della gara… Leggi di piu' »

prytz
Membro
prytz

la partita è stata eccezionale , anche inaspettata con questi livelli di bel gioco e concretezza .. su Gosens ricordo che i goals fatti sarebbero già 3 perchè a Genova ha avuto un annullamento irrilevante ai fini del gesto tecnico ..le mie personali sensazioni non "nere" però un pò grigie vengono dalla giornata di ieri ..Un Napoli con la difesa in emergenza che porta a casa la vittoria con fatica (peccato perchè il BS quasi riusciva ad acciuffare il pari), una Lazio favorita follemente dall'arbitro che non ferma il gioco sul primo goal dopo un fallaccio di Milinkovic (il 4-0… Leggi di piu' »

Oiggaiv
Membro

Malinconia anche x me x quel che riguarda i giovani,


Certo che con il livello raggiunto difficile trovargli spazio. 

prytz
Membro
prytz

Penso di aver fatto un commento equilibrato e che tiene conto di tutto .. anche del momento eccezionale che stiamo vivendo, sperando che domani le ombre di Zagabria si possano scacciare .. non può però essere messo in questione che nel DNA di questa società c'è la "scuola calcio" di Zingonia ed il lancio dei giovani .. ma non sono io che lo dico , è quel che sempre affermano i  ed è quel che  ha sempre detto il motivo per cui accettò la sfida di venire a Bergamo ..Capisco anch'io che fortunatamente siamo su livelli ormai più alti , però ugualmente non… Leggi di piu' »

tambor92
Membro
tambor92

I giovani giocano nelle altre squadre perché hanno obiettivi diversi dai nostri. Sinceramente preferisco lottare per la Champions con giocatori stranieri comunque attaccati alla maglia che lottare per la retrocessione con 4 5 giovani del vivaio in campo.. 

Claudiopaul70
Membro

Giovani del vivaio tipo Conti aggiungerei...Gosens tutta la vita!!!

farabundo
Membro

alegher pritz



chissenefrega dei giovani se le "cariatidi "che giocano adesso ci fan godere come ricci (cosa mai successa in passato)


fabioccolo
Membro

L'anno prossima avremo un Kulusewsky super in organico...

last1967
Membro

Ma se la metà, o più, dei nostri giovani non giocano nemmeno in B... Ci sarà un motivo? Non credi? Tonali è un predestinato, un Pirlo del terzo millennio e arriva comunque dalla B e gioca in una squadra che lotta x la retrocessione. 


Siamo arrivati terzi, siamo terzi e siamo in CHAMPIONS... malinconia???? Ma anche no! 

Nemesis68
Membro

Sui giovani del nostro vivaio, premesso che, come accade per le altre grandi squadre, metterli stabilmente in prima squadra e, ancor più, schierarli abitualmente in campo diventa sempre più complicato man mano che si alza il livello del gioco e degli obiettivi, continuo a pensare che Percassi dovrebbe prendere il considerazione (a maggior ragione ora che non c'è più l'AlbinoLecce nel Gewiss Stadium) di creare la squadra B da far partire dalla serie C e far arrivare, per maturarli per bene, secondo i dettami tecnico-tattici impartiti da Bergamo, nel campionato cadetto.Avremmo un allenatore nostro, un gioco deciso da noi e… Leggi di piu' »

Musa
Membro

il futuro si chiama : ebrima colley amad traore ' da riva okoli guht ruggeri bergonzi gyabuaacambiaghicortinovis piccoli  questi solo nella primavera e stando bassi 5 giocheranno in serie a sicuramente    per quanto riguarda i prestiti che abbiamo in giro carnesecchi colpani bettella carraro del prato vido tumminello radunovic kulusevski melegoni ta - bi capone pessina valzania varnier e ne sto dimenticando sicuramente qualcuno ha già fatto notare qualità interessanti altri hanno avuto un po' di sfortuna ma mi pare di ricordare che c ' era gente che non giocava in serie b esplodere in serie a poco dopo quindi pensare che non ci sia futuro o che ci sia… Leggi di piu' »

Oiggaiv
Membro

Più che nero direi grigio x la capacità di gestire il risultato nel modo migliore. .......da migliorare. 


Blu profondo il robin.......oter che ol treccina. 

moreto
Membro

Anche secondo me nell'azzurro manca HATEBOER a cui ha sicuramente fatto bene ed è servita la panca.

abbonatocreberg
Membro
abbonatocreberg

Tutto azzurro, al netto della pochezza dell'avversario, perchè in partite come questa è difficile dire dove finiscono i meriti della DEA e dove iniziano i demeriti dell'avversario di turno.Nell'azzurro un'osservazione che si riaggancia al quarto punto dell'azzurro.Un dubbio che avevo ad inizio campionato era la capacità di Gasp a gestire una rosa con un numero di titolare nettamente superiore rispetto alle stagioni precedenti.A giudicare da questo primo mese di stagione, direi che i dubbi sono stati dissipati. Il MAESTRO riesci a tenere alta tensione e motivazione di tutti quanti.Il prossimo capolavoro in tal senso, credo sarà Barrow. Non so quando,… Leggi di piu' »

farabundo
Membro

primo tempo da Holly e Benji...pazzesco



nell'azzurro manca hateboer


nero il profeta della lonza de zerbi

Davor
Membro
Davor

non bisogna essere catastrofisti e criticare tutto quando va male, bisogna cercare di mantenere i piedi per terra quando si disintegra l'avversario in poco più di mezz'ora sabato è stato tutto azzurro senza dubbio ma qualche appunto è bene segnarselo: quando l'avversario è ko alle corde, o hai il coraggio,l'energia e il pelo sullo stomaco per andare avanti a colpirlo, oppure fai venire l'ambulanza e lo fai portare via. Restare sul ring,rimettere in piedi l'avversario e farsi dare qualche calcetto dallo sconfitto non ha senso e rischi di farti male tu.Ha perfettamente ragione il Gasp,quando nel dopogara ha sottolineato il fatto… Leggi di piu' »

Maralepin4
Membro

Sono d'accordissimo: bisogna imparare a gestire i ritmi bassi senza soffrire. Se impariamo a fare anche questo, non ci ferma più nessuno! 

Mauri62
Membro

Azzurro. ...quaranta minuti da videogame. Incredibile, e non è la prima volta.


Nero, ma per modo di dire.. di gestire una partita non siamo proprio capaci. Appena cala la tensione si torna terrestri. Terrestri perché la squadra del primo tempo non era di questo pianeta.