Percassi: “Abraham non è nelle dimensioni dell’Atalanta”

06-09-2021 12:00
244 C.

In una lunga intervista rilasciata al quotidiano locale, il presidente dell’Atalanta Antonio Percassi rivela anche un retroscena di mercato: “Abraham? Ecco un altro esempio di cosa siamo e di cosa non possiamo essere. Conosciamo il ragazzo da tempo, ma costo del cartellino e ingaggio sono da grande club. Noi abbiamo un’altra dimensione. Sto solo difendendo scelte che consideriamo fondamentali per il futuro della società. Primo l’equilibrio nei conti. Solo vendendo Romero possiamo poi fare più di 60 milioni di investimenti e non possiamo prendere Abraham perché non è nelle dimensioni dell’Atalanta”

E a proposito di scudetto ha dichiarato “Mi piacerebbe che si smettesse di parlare di Scudetto. Siamo l’Atalanta e di Scudetti ne abbiamo appena vinti tre consecutivi conquistando tre posti in Serie A. E altri due, più una terza finale due mesi fa, li abbiamo vinti con la Primavera”.
Percassi è comunque convinto che quest’anno l’Atalanta sia più competitiva. Musso, Demiral, Lovato, Pezzella, Zappacosta, Koopmeiners e Piccoli: “Sono arrivi – ha detto – che portano a una squadra più forte rispetto alla precedente”.
E sulla cessione di Romero al Tottenham: “Siamo l’Atalanta e a certe cifre l’Atalanta ha il dovere di vendere. L’operazione ci ha permesso di fare investimenti per più di 60 milioni. Senza la cessione di Romero non sarebbe stato possibile ampliare l’organico in tutti i reparti”.

calciomercato.com/ tmw,com


Le stesse dichiarazioni del Tone riprese da https://onefootball.com/

Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta, ha rilasciato una lunga intervista al giornale locale. Ecco alcuni estratti.

SCUDETTO – «Mi piacerebbe che si smettesse di parlare di scudetto, siamo l’Atalanta e di scudetti ne abbiamo appena vinti tre consecutivi conquistando tre terzi posti in Serie A. E altri due, più una terza finale due mesi fa, li abbiamo vinti con la Primavera».

ATALANTA – «Siamo l’Atalanta, non esiste che pareggi col Bologna e facciamo i funerali… Guardi, noi gestiremo sempre la società per garantire l’equilibrio, come prima cosa è fondamentale mantenere i conti in ordine. Secondo me ci siamo rinforzati […] Senza la cessione di Romero non sarebbe stato possibile ampliare l’organico in tutti i reparti. Io ho il dovere di tenere i piedi per terra. Perché se pareggio col Bologna e sembra che siamo retrocessi allora siamo fuori dal mondo. Si deve smettere di pensare che l’Atalanta possa vincere lo scudetto. Così si perde la misura e non si è mai contenti. Di niente. Meglio occuparsi d’altro…».

ABRAHAM – «Abraham? Ecco un altro esempio di cosa siamo e di cosa non possiamo essere. Conosciamo il ragazzo da tempo, ma costo del cartellino e ingaggio sono da grande club. Noi abbiamo un’altra dimensione. Sto solo difendendo scelte che consideriamo fondamentali per il futuro della società. Primo l’equilibrio nei conti. Solo vendendo Romero possiamo poi fare più di 60 milioni di investimenti e non possiamo prendere Abraham perché non è nelle dimensioni dell’Atalanta».

SALVEZZA – «Non derogheremo mai alle nostre regole, quindi prima bisogna arrivare in fretta ai 40 punti. Prima ci arriviamo e prima potremo guardarci intorno, perché il passo successivo sarà puntare a confermarci in Europa. Ma prima conta confermarsi in categoria […] Invito tutti a godere sino in fondo di quello che stiamo vivendo. Con orgoglio, da bergamaschi e atalantini. Vista la nostra storia questo è un sogno che si concretizza, dobbiamo esserne fieri, ogni giorno. E pensiamo a salvarci in fretta».

MERCATO – «La squadra davanti è la stessa della stagione scorsa, mi pare che dopo la partenza di Gomez il rendimento in termini di gol e di punti sia migliorato. E io credo nel recupero di Ilicic, che a sentire il mister si sta allenando molto seriamente, oltre che nella crescita di chi ormai si è ambientato».

ROMERO – «Siamo l’Atalanta e a certe cifre l’Atalanta ha il dovere di vendere. L’operazione ci ha permesso di fare investimenti per più di 60 milioni. Senza la cessione di Romero non sarebbe stato possibile ampliare l’organico in tutti i reparti».

ACQUISTI – «Musso è una primissima scelta, di Demiral parleremo quando avrà imparato il calcio del mister. Zappacosta è una grande operazione, e per fortuna Luca ha un rapporto speciale con il Chelsea, altrimenti probabilmente l’avremmo perso. L’ho visto col Bologna, ha una gamba impressionante. Il mio sogno è che dopo le gioie di Toloi e Pessina campioni d’Europa, Zappacosta da atalantino possa tornare in Nazionale».

PICCOLI – «Non ha giocato tanto neppure allo Spezia, ma ha segnato 5 gol in Serie A. E qui ha cominciato con una rete da tre punti a Torino. Se segna 5-6-7 gol, a me va bene anche che giochi poco. Piccoli è bergamasco ed è figlio di Zingonia. Tenerlo è una scelta calcistica e non solo: in Europa i ragazzi giocano nei grandi club a 18 anni e per tutto il settore giovanile lui è già un simbolo. Lui e Scalvini, che ha esattamente 18 anni e diventerà fortissimo».

Bookmark(1)

By marcodalmen
marcodalmen

244
Inserisci un commento

Please Login to comment
92 Albero dei commenti
152 Albero delle risposte
0 Followers
 
Commento con piu' reazioni
Commenti piu' visti
124 Autori
thealamoTazennekappamaurom72Scozia Autori di commenti recenti
  Iscrviti  
Nuovi Vecchi Piu' votati
Notifica di
Taz
Membro
Taz

Sinceramente credo che la verità possa stare nel mezzo. Percassi non si può certamente criticare per ciò che ha fatto fino ad oggi ma questo suo continuo richiamo all’understatement rischia di essere limitante. Sia chiaro, l’approccio molto bergamasco di dire “prima la salvezza, poi si vedrà’” può anche essere saggio ma solo se in parallelo si coltivano delle legittime ambizioni di alzare l’asticella, peraltro spesso malcelate anche dallo stesso Gasp. Quanto al fatto che Atalanta sia servita a sistemare i bilanci di Odissea, ciò è talmente evidente che negarlo è ridicolo: se ne faccia una ragione chi dice che ciò non sia possibile.

thealamo
Membro
thealamo
............solo gli sciocchi , gli ignavi o....."chi nn vuol vedere a priori" puo' smentire la tua valutazione finale.
ahhhhh, nooooooooo!
ci sono pure i ............"servi" (senza offesa e nel puro significato lessicale) (sciocchi o "furbi" che siano...)
Amen
Scozia
Membro
Scozia
Come sottolineato da #MALIZIA, i dati di bilancio evidenziano fra l'altro come uno stipendio da TOP PLAYER in Atalanta B.C. sia quello riservato all'AD, diciamo su per giù 2,5 milioni netti.
maurom72
Membro
maurom72
Quale è il problema?
ennekappa
Membro
ennekappa
Quindi un poco più del Gasp, che prende un poco più dei nostri migliori giocatori: direi che la gerarchia è corretta anche negli stipendi.
Sarei curioso di sapere quanto prende Sartori, per capire quanto è valutata la sua importanza da parte della Società.
thealamo
Membro
thealamo
.........e' quanto ha affermato Scozia ed evidenziato anche SM.
Quindi, "de facto", i Top players ci sono.........(sic)
farabundo
Membro
farabundo
restando al titolo, bel cavallone comuque il patriarca...da quello visto negli ailaits di serie A
maurom72
Membro
maurom72
Eh già, poi in Italia sarà ancora più evidente il suo strapotere fisico...non una sorpresa per me
thealamo
Membro
thealamo
nulla di nuovo. posizioni gia' risapute eche, per quanto riguarda l'approccio 2passo dopo passo al campionato2 approvo (prima i 40pt, poi i 50 et etc. )
MA:::::::::::::::
io una SOLA domanda avrei posti al Tone da 45ennalle abbonato.
Perche' la sovieta' nn ha RIMBORSATO INTEGRALMENTE (con denaro vero , nn vouchers di terzi)gli abbonnati? era semplice e commendevole. Altre societa' lo hanno fatto, in Albione pressocheì' tutte ed altre altrove. si badi bene che nne' SLO una questione economica:
1)lo e' SOPRATTUTTO di rispetto e riconoscenza verso chi nn e' mai mancato prima, e nn manchera' nemmeno dopo.
2)ci avrebbe reintegrato con semplicitaì il valore della prestazione NON RESA dalla ABC spa,
3)ci avrebbe infine evitato le perdite di tempo cui moltoi sono stati sottoposti per- acquisire il voucher, cusodirlo, utilizzarlo etc etc, tutte attivita' EVTABILI se solo la Societa' si fosse assunta i suoi obblighi, invece di scaricarli sugli abbonati.
il resto............e' la ns sana passione , fatica e sudore in campo.
Ma....il rispetto dovuto agli abbonati nn appartiene ancora alle TANTE qualita' di questa dirigenza.
Infine, un piccolo sassolino. Nessuna ...asoociazione (ed ora son ben 2!!) ne'...giornalaio....ha perorato la causa degli abbonati e posto il problema. un sentito ringraziamento.
Solo per la DEA
prytz
Membro
prytz
L'intervista mi è sembrata monca di tutta una parte connessa alle scelte di mercato .. tutti i nomi che son girati, non credo ne sapesse niente .. Lucumì, Botman, Boga, Berardi, Ikonè, Ahmedhodzic ecc ecc : sono tantissimi che vengono in mente .. come pure la questione del rapporto mister - area scout .. temi interessanti, ma non sviscerati .. anche la questione penuria dei biglietti meritava una spiegazione maggiore
Nemesis68
Membro
Nemesis68
Ultima considerazione sull'intervista al Presidente (mi rifaccio sempre a questo topic non avendo letto la versione integrale). Perchè, invece della domanda su Abraham, in cui il Presidente ha avuto ovviamente vita facile nell'affermare che a quell'ingaggio non era da Atalanta, non ci sono domande sul mancato acquisto (o sulla trattativa, come preferite) di Boga o sul mancato "piano b" in quel ruolo? Sarebbe stato interessante sapere se davvero Boga era fortemente voluto dal Gasp come spesso si è letto, quanta distanza davvero ci sarebbe stata tra la nostra offerta e la loro domanda, se l'accordo col giocatore era stato raggiunto, se il Gasp non aveva comunque individuato (o la società) scelte alternative facilmente raggiungibili tipo Brekalo o Keita, andati altrove per un tozzo di pane dato che non ha fatto movimenti in tal senso nè prima nè last minute (al di là del presunto inserimento per Zaccagni).
kamala
Membro
kamala
Con queste premesse é chiaro che nel breve periodo rientreremo nella dimensione che rappresenta la storia dell Atalanta, quindi l obbiettivo di una salvezza tranquilla con qualche "fisiologica" discesa nella serie cadetta...un po la storia dell udinese e del Chievo degli scorsi anni...
melu87
Membro
melu87
Si sì come no
lantana69
Membro
lantana69
Kamala, pazza Inter kamala.
thealamo
Membro
thealamo
Finche' ...l'attivita' sara'...."produttiva" ....nn penso sara' cosi', Kamala.......poi un domani....si vedra'....un saluto....Kamala
nn uso i like ma hai la mia solidarieta'
libero
Membro
libero
La priorità della società è quella di tenere i conti in ordine. Mi sembra che tutte le società big che vincono in Italia ed in Europa non abbiano i conti apposto, o enormi debiti o continui aumenti di capitale. Quindi se per poter vincere bisogna andare fuori giri, preferisco di gran lunga quanto sta facendo la Dea. Per i numerosi commercialisti del sito chiedo che mi diano conferma o smentiscano la mia supposizione.
libero
Membro
libero
Dimenticavo di scrivere che la forza della Dea sta nel collettivo non nei singoli quindi non sta nel nostro DNA l'arrivo di giocatori da copertina, con ingaggio altissimo e costi del cartellino esorbitanti.
dolcissimo2
Membro
dolcissimo2
Personalmente condivido poche cose di questa intervista ma su Piccoli sono d'accordo con il presidente e anzi aggiungo che oltre ad essere bergamasco e della cantera e anche un vero atalantino il MASSIMO
forza Roberto ora serve il tuo primo goal in CL
GreteLuna
Membro
GreteLuna
Abraham non HA le dimensioni da Atalanta. Voleva dire questo. 😂😂😂. Tutti a far conti in tasca ma il Tone fa conto nelle mutande! Avanti Dea!!!!!!
ennekappa
Membro
ennekappa
Ho letto da diverso tempo tanti dubbi, domande e ipotesi su dove siano finiti gli utili delle stagioni scorse.
Visto che i bilanci sono facilmente reperibili sul sito ufficiale (sotto la voce Società: Licenze UEFA), citerei almeno due elementi certi dall’ultimo (anno 2020), sperando di non fare errori, visto che conosco molto poco di contabilità e nulla di questioni fiscali.
1) 52 milioni di € di liquidità a fine esercizio: quindi almeno una buona parte del tesoretto c’è ancora (e stranamente è su conti bancari e non nella piscina-deposito di PaperTone).
2) 15 milioni di € ad Odissea di “natura tributaria”. Nella tabella a pagina 58 c’è il dettaglio di tutti i rapporti con le società della holding e questo è l’unico importo rilevante. Su questo punto ho una domanda stupida: da ignorante in materia avrei detto che, diluendo gli utili con le perdite del gruppo, ci potesse essere un risparmio sulle tasse: chi ne sa di più mi conferma che non è così?

Per il resto bisognerebbe conoscere i bilanci preventivi dei prossimi anni, per capire quanto le future rate delle vendite rispetto a quelle degli acquisti, ai costi fissi e ai ricavi garantiti, possano permettere di intaccare il tesoro accumulato per “alzare l’asticella”.
Su questo aspetto ogni opinione è legittima: da parte mia quest’anno ho la sensazione che si potesse fare un po’ di più, tant’è che probabilmente ci hanno anche provato, forse con non troppa convinzione. La riuscita dipende però da molti altri elementi che non conosciamo (richieste delle altre squadre e dei procuratori, volontà dei giocatori, valutazione del possibile sviluppo di quelli già in rosa, ecc.)
malizia
Membro
malizia
Il bilancio è pubblico , quindi tutti possono leggerselo , i Percassi sono i legittimi proprietari e possono fare quello che vogliono , però siano chiari , non ci possiamo permettere certi giocatori ma gli amministratori si sono presi 5.052.292 euro solo di compensi lo scorso anno
maracaniggia
Membro
maracaniggia
Stramerirati, visti i risultati.
Brasa
Membro
Brasa
Beh immagino siano in larga misura variabili, quindi commisurati ai risultati ottenuti in questi anni...
A fronte di risultati straordinari é prassi in qualsiasi azienda che anche i compensi lo diventino... la cosa grave sarebbe avere anche metà del valore ma in quota fissa. Bisognerebbe guardare l'evoluzione della riga di bilancio nel corso degli anni...
luca68
Membro
luca68
Si tratta probabilmente del risparmio fiscale che Atalanta Spa ha ottenuto non pagando tasse in quanto a livello di bilancio fiscale consolidato ha usufruito delle perdite di Odissea. Quindi Odissea vanta un credito per aver ceduto tali perdite fiscali e averne dato beneficio ad atalanta Spa. Questa è la mia interpretazione (magari chiedo conferma a qualche collega tifoso che scrive sul sito)
ennekappa
Membro
ennekappa
Quindi se così fosse, invece che dare questa cifra allo Stato in tasse, la gira al gruppo: dal punto di vista dell’Atalanta non cambia nulla.
Certo si potrebbe investire di più in nuovi giocatori per ridurre l’utile e pagare lo stesso meno tasse, ma così si avrebbe meno fieno in cascina per il futuro.
kamala
Membro
kamala
E la kiko ringrazia...
labilehc
Membro
labilehc
E quindi?
Elfo neroblu
Membro
Elfo neroblu
Va benissimo così. La questione esterni l'anno scorso o ala sinistra quest'anno è normale, perché in qualche direzione bisogna sempre pur pensare uno spazio di miglioramento ed è anche giusto che tifosi, che seguono costantemente la squadra e inevitabilmente sviluppano una certa competenza, dicano la loro.
Piuttosto aspetterei a considerare Abraham un campione assoluto seppur è vero che ha giocato bene settimana scorsa.
Freddykatz
Membro
Freddykatz
Nessuno pretendeva Abraham o ingaggi da 5 milioni, ma uno zaccagni o boga di piede destro con lo spunto che aveva il papu da quella parte sarebbe servito...
crazyhorse200
Membro
crazyhorse200
Fai il Bravo Tone dai.
60 Dobloni....
SempreInBotta
Membro
SempreInBotta
“Fate i bravi!”
Ci salveremo l’ha detto Nedo Sonetti!
Brasa
Membro
Brasa
Sarà merito anche di circostanze fortunate ma stiamo vivendo il periodo più florido della nostra storia... abbiamo una rosa conposta da giocatori che fino a qualche anno fa non avremmo potuto comprare nemmeno su football manager.
È incredibile leggere su 200 commenti un numero considerevole di condiderazioni negative sulla gestione tecnico/economica di una società presa a modello in tutta europa come caso di studio.
last1967
Membro
last1967
Incredibile davvero Brasa .... Non ci faccio nemmeno più caso....
ATALANTINO69
Membro
ATALANTINO69
Tutto ok ciò che dici...la mia obiezione è quando sento alcune interviste in cui dice che l'importante è salvarsi...secondo me dire certe cose in questi anni (e non dico che deve dire che vinciamo lo scudetto) sfiora il ridicolo...smonta l'entusiasmo soprattutto dei bambini che lui stesso vuole "acchiappare" (vedi iniziativa magliette ai neonati) e che quando sentono certe frasi pensano "va che continuo a tifare Juve Inter o Milan che vogliono vincere...." Va bè essere bergamaschi e umili a tutti i costi ma dichiarare che puntiamo alla coppa uefa con una rosa del genere non penso farebbe la figura dello sbruffone....
maurom72
Membro
maurom72
Su questo sono completamente d'accordo con te, atalantino
Baja66
Membro
Baja66
Idem
PAULINHO
Membro
PAULINHO
Poveracci, davvero. Non godersi questo momento incredibile, stando sempre lì a vomitare sentenze è pazzesco.
Hai detto bene Brasa, società modello invidiata e ammirata in tutta Europa e qui dentro i detrattori crescono in maniera direttamente proporzionale ai risultati. Più facciamo bene e più si lamentano.
Sfinterismo a brache.
KAoS
Membro
KAoS
Brao Tone!
Lasa perd i contabili da tastiera... ADELANTE cosi'!

Emer65
Membro
Emer65
Il numero dei giocatori dell'Atalanta convocati dalle rispettive nazionali è indice inconfutabile per fare i confronti con gli organici del passato e con le rivali attuali.
E molti di loro vi sono arrivati in funzione del rendimento avuto con Gasperini.
Vinicio78
Membro
Vinicio78
Ottimo discorso.
Soprattutto su Piccoli: tenerlo è una scelta calcistica e non solo. Se davvero è un simbolo per il settore giovanile è giusto che si giochi le sue chance in prima squadra e, dopo alcune cessioni illustri dal settore giovanile, è corretto fare capire che chi merita sarà aggregato alla prima squadra.
Su Abraham più che il costo del cartellino il problema sua stato anche l'ingaggio, se poi non fa una stagione da fenomeno si rischia una gran richiesta di ritocchi da parte degli altri.
Atalantinho
Membro
Atalantinho
Forza Percassi e Forza Atalanta
randy62
Membro
randy62
francamente capisco le ambizioni e le aspettative.... il tifoso le ha sempre avute!!!
temo fortemente la fine del ciclo e la possibilità di dover "rientrare nei ranghi".....
allo stesso modo non capisco il pesare le tasche altrui, le invettive alla "Bortolotti tira fuori i soldi" uno dei grandissimi mantra in voga da metà anni settanta (assieme a "lo stadio nuovo vogliamo lo stadio nuovo) , parlando di chi oggi, in quanto "ei fu" è diventato Santo e intoccabile, ma che i giovanotti di allora avrebbero preso volentieri a pedate nel sedere ..... (e lo stesso in tempi meno remoti al Ruggeri-Leù)
siamo nella condizione di spendere e spandere perché poi come spesso alle merde capita una volta "bucato" l'annata c'è sempre chi gli salva il culo?? credo proprio di no... niente aumenti capitale milionario ogni biennio, niente leggi paraculo, niente scatole cinesi, thailandesi, americane o .... calabresi .....
niente brand, bacino d'utenza, appeal internazionale e soprattutto niente porco-demonio nella stanza dei bottoni pronto a tenerci su il culo .... semmai il contrario.....
e allora l'unica strada, purtroppo per certi versi, è quella di tentare di "riuscire" grandi restando ... piccoli (o magari un po meno piccoli di anno in anno ...)
in ultimo poi dei pseudo travasi di utile francamente a) non mene frega niente b) sono caxxi suoi c) in due anni segnati dal quello che ci ha segnati tutti, non credo serva un grandissimo acume per alzare il grado di comprensione ..... e poi in definitiva gli americani amano dire " keep money on your mouth" metti il denaro sulla tua lingua!!
non so come gli americani dicano "fare il frocio col culo degli altri" sport praticato spesso e volentieri.... tant'è.....de gustibus!!!!
romy67
Membro
romy67
Grande tone, continua così per la tua strada, io firmo per altri 10 anni arrivare nei primi 6 in classifica, e a chi dice che è solo merito del mister io dico che solo una grande dirigenza sarebbe in grado di trattenere per 6 anni un top allenatore come il Gasp....sei troppo intelligente per dare retta a chi continuamente sempre e comunque ti critica, perché tu sai benissimo che l'annata sfigata dove finiremo nella parte destra della classifica una buona parte di questi "tifosi "sparirà dallo stadio.
Mickfury
Membro
Mickfury
Io spero e penso che Percassi sappia che per 1 criticone ( e non parlo di osservazioni e critiche che è giusto che ci siano, ma di attacchi e malcontenti verso la proprietà completamente senza senso) ci sono 50 atalantini riconoscenti e orgogliosi di quello che questa società ha fatto e sta facendo.
Ci sono mille modi per valutare la società ecc ecc, ma vi propongo di riflettere su una cosa, il valore tecnico della nostra rosa: PORTIERI Musso, Rossi, Sportiello DIFENSORI Demiral, Djimsiti, Gosens, Hateboer, Lovato, Maehle, Palomino, Pezzella, Scalvini, Toloi, Zappacosta CENTROCAMPISTI de Roon, Freuler, Koopmeiners, Malinovskyi, Miranchuk, Pasalic, Pessina ATTACCANTI Ilicic, Luis Muriel, Piccoli, Zapata.
Confrontatela con le vecchie nostre rose e con le rose delle blasonatissime e spendaccione squadre di serie A di quest'anno.
Abbiamo solo nazionali (di nazionali forti) e una qualità altissima in praticamente tutti i giocatori, e sono appunto loro che scendono in campo non i soldi del Presidente.
Abbiamo il miglior allenatore della serie A.
Dal punto di vista tecnico negli ultimi anni c'è poco da dire, abbiamo costruito uno squadrone con giocatori che letteralmente sognavamo fino a qualche anno fa.
Poi può andare male un'anno, ma con questa base di giocatori dormo sogni belli tranquilli.
SOTAONOTER
Membro
SOTAONOTER
Mi consenta di dissentire Presidente.
La squadra si è mantenuta ad alto livello ,ma non è più forte e completa.
Mancano ancora i due elementi che chiediamo da tre anni,e non sono stati fatti per scelta e non per una questione di soldi.Sapendo che Koopmeiners può fare il centrale difensivo gli otto milioni di Lovato era meglio indirizzarli su Torsby.Anche l'attacante veloce che crea superiorità lo si poteva fare senza ulteriori esborsi.Bastava scambiare il richiestissimo(anche dall'udinese) Lammers con Deulofeu.E' mancata quindi ,la volontà di completare e fortificare ulteriormente la squadra e forse anche il Gasp che insiste sui 16/17 titolari,deve convincersi che in una rosa con tanti nazionali come la nostra,i giocatori non si fermano mai.Servono,quindi 20 titolari( due per ruolo) più i portieri.Le cinque sostituzioni aiutano a fare le rotazioni è ora di fare anche questo ulteriore passo.
labilehc
Membro
labilehc
Li chiedete voi non Gasperini. Mai sentita una intervista chiedendo il vice Deroon che tutti volete
Io sostengo la linea societaria in toto....
E anzi vorrei che si osasse un po di più coi giovani....
O iè bu o no...
Lorenz67
Membro
Lorenz67
Gasperini ha piu' volte espresso un concetto ben chiaro e "lontano" dai 20 titolari che nomini tu: ha sempre detto 15-16 piu' portieri piu' giovani del vivaio.. quindi finche' rimarra' il vate mi sa che il tuo desiderio non verra' esaurito...
SOTAONOTER
Membro
SOTAONOTER
Ritengo che anche il Gasp possa modificare le sua forma mentis.Ha già dimostrato in passato di saperlo fare,quando tutti pensavano che non avrebbe mai giocato con una difesa a quattro.Sei troppo lapidario e non ti accorgi che il nostro mister non resta mai fermo e si evolve sempre molto velocemente ,del resto non stiamo parlando di un sasso.
Alex7
Membro
Alex7
A me piace che il presidente dell'Atalanta parli così. Se comincia a perdere la bussola lui siamo finiti. Non si sbilancia mai troppo ma fa notare come sia difficile essere arrivati e provare a rimanere lassù. Lo scorso anno a novembre eravamo noni e qualificati agli ottavi di Champions. Per tanti giornali e pure tifosi la favola Atalanta era già finita (caso Gomez, Striscia la Notizia a Zingonia, Ilicic in difficoltà). Il Sassuolo era la nuova Atalanta per alcuni sapienti che scrivono sui giornali. A fine campionato siamo arrivati terzi e ci siamo giocati la Coppa Italia. Per fortuna abbiamo una società che guarda oltre la singola partita o un periodo di appannamento. Non tutti i giocatori che arrivano fanno la differenza ma sulla lunga distanza ha ragione la società. Tre qualificazioni Champions di fila sono un grandissimo risultato. Possiamo riprovare a spingerci più avanti possibile sia in Europa che in Italia anche in questa stagione. Nessuno può impedirmi di sognare. Sono un tifoso e queste stagioni sono meravigliose. Però capisco anche che alzare oltre la "famosa" asticella sia al limite dell'impossibile. Noto con rammarico che basta una partita non positiva per scatenare critiche selvagge da parte di alcuni tifosi (non tutti, sia chiaro). L'Atalanta è un esempio più unico che raro nel calcio europeo.
bettle78
Membro
bettle78
Che delusione leggere tanta ingratitudine nei confronti di chi più di tutti decide la sorte della nostra Dea.
Non so.. dopo 20 e passa anni ad agnognare una comparsata in europa, al terzo anno di Champions, traguardo che neppure nei sogni più bagnati, tantissimi scontenti della gestione.. ma come si fa?

Gasperini artefice dei nostri successi, verissimo e lunga vita al Vate sotto le mura venete, ma il vero merito del Tone è essere riuscito a tenere per almeno 6 anni un allenatore di questo calibro.
Anche il buon Ruggeri ha avuto il primo Lippi a disposizione e dopo un ottimo campionato via direzione napule. Piazze della nostra dimensione al primo exploit si vedono portar via l'allenatore (vedi il sopravvalutato sinisa da genova sponda samp)

Percassi ha creato intorno al mister, dirigenza staff strutture e giocatori per permettergli di rendere al meglio..

Per me solo gratitudine al Pres altro che fargli conti in tasca o pesargli le parole.


Adelante Atalanta!
Amore
Membro
Amore
Ma nessuno discute anche il più recarciclante che i percassi ci hanno fatto godere e fatto grandi, però poi qualcosa nn torna sarebbe più onesto e definitivo dire PIÙ DI COSI NN POSSIAMO FARE E SOPRATTUTTO NN FAREMO e invece si dice anche VOGLIAMO MIGLIORARCI siccome la matematica nn è un'opinione ergo vogliamo puntare a traguardi migliori poi no no PENSIAMO ALLA SALVEZZA.ecco è questo che il tifoso nn capisce e guardate che i mezzi di informazione aspettano solo la nostra fine NOI DOBBIAMO VIVERE LORO DEVONO MORIRE sempre forza atalanta.
Claudiopaul70
Membro
Claudiopaul70
No no...qualcuno che lo contesta c'è eccome, basta leggere quello in botta x esempio!! Ad ogni modo quello che dice Percassi ai suoi collaboratori non è di certo una volta salvi an sé a post!!! Di certo gli obbiettivi veri non li racconta ai giornalisti e i risultati stanno dalla sua parte e son lì da vedere, il resto è fuffa e balle da bar!!
Brenno
Membro
Brenno
e' il discorso di chi sa che dopo sette anni di vacche grasse arriveranno sette anni di vacche magre e quindi cerca di fare la formichina che accumula per tempi più bui; il problema è che nè i giocatori nè l'allenatore sono poco disposti a non aproffittare di questi momenti fulgidi ( soldi, successo etc.) e quindi potrebbe nascere del malcontento; con tutto questo condivido la filosofia del presidente
andreito71
Membro
andreito71
dai Tone mochèla fò!!
tira fò i solch!!
Clod1907
Membro
Clod1907
STAFF
qualcosa non funziona nei like.
Quando premo + contemporaneamente compaiono fino a 3 meno in un colpo solo.
Mah
locadel
Membro
locadel
Perché mentre leggevi la pagina qualcuno ha votato come te.
Clod1907
Membro
Clod1907
Pressoché Improbabile questa coincidenza per la sequenza di 5 /6 like in una manciata di minuti

Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarit?| , ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verr?| bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorita' preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddee tte autorita' , persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operaree in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.