09-01-2019 07:40 / 13 c.

Risultati immagini per marco tumminello  atalanta

Dal settore giovanile della Roma all'Atalanta, passando per un prestito al Crotone. E' stata questa finora la carriera di Marco Tumminello nel calcio dei grandi. L'attaccante classe 1998 a Bergamo però non ha trovato molto spazio nella prima parte di stagione, con appena sette minuti trascorsi in campo in Serie A. Nonostante questo scarsissimo impiego le società di Serie B si è scatenata già in questi primi giorni di gennaio per riuscire a portarlo in cadetteria. Lecce, ma anche lo stesso Crotone e oggi, secondo il CorSport, anche il Pescara. Il club abruzzese con gli addii certi di Monachello e Cocco ha la necessità di trovare nuovi attaccanti per la formazione di Giuseppe Pillon. Attenzione però al Parma e al Chievo in Serie A. I ducali, soprattutto, cercano un vice-Inglese e il ragazzo di Erice potrebbe essere un'occasione da non sottovalutare.

fonte tmw.com



di Marcodalmen




  1. SERGIODEBRUSA e BRASA ,sono d'accordo con la vostra osservazione
    ma rimane il fatto che la sensazione che ci ha dato finora è di essere molto attivo con i social e meno con la determinazione a mettere in difficoltà il GASP sul campo
    mi aspetto sempre da un giovane tanta determinazione,tanta cattiveria e voglia di mangiare l'erba del campo x dimostrare a tutti quanto è valido e capace e quanta capacità di affermarsi 
    soprattutto poi se arrivi da un infortunio lungo e VUOI tornare a giocare ..
    questo è il motivo x cui ho sbottato nella mia affermazione nei suoi confronti
    tanto x dire : la voglia di un DJIMSITI è molto di più della sua
    come a dire al ghe nà de piò u forester che mia u de ROMA ( ironico : non mi si fraintenda )


    • Quoto al 100%....
      Per farti un esempio un Cutrone non lo ritengo migliore di Tumminello, Ma quando gioca ha una foga e una voglia agonistica fuori dal comune....così vorrei tutti i nostri giovani...


    • Queste sono motivazioni di tutt'altro spessore moreto,  anche se personalmente non me la sento di giudicare un giovane che ha fatto un paio di apparizioni in campionato di pochi minuti .
      Di certo ha bisogno di giocare con continuità per capire se in serie A ci può stare o meno. Ed è più facile che possa giocare altrove che da noi. 
       
       


  2. Pota,ma lo vogliono in tanti o non lo vuole nessuno?o è come quella signora che tutti la vogliono ma nessuno se la piglia?


  3. Scelta da condividere col Gasp.
    Al momento ha avuto pochissimo spazio, anche per via di qualche infortunio. I numeri pare averli...ma forse un'esperienza in più potrebbe servirgli.
    Per quanto riguarda la "romanità" beh, per me è normale che uno resti legato alla squadra che lo ha fatto crescere. E non ci vedo nulla di male.


  4. xkè x essere atalabtino vero ,ok la riconoscenza verso ki ti ha formato e lanciato,ok la fede calcistica,
    ma adesso sei dell'ATALANTA e devi essere da ATALANTA
    basta romantici quotidiani messaggini d'amore verso la ROMA sui social ...
    un minimo di rispetto della maglia che indossi e x i colori che difendi
    al ga de es minimo piò inteest


    • Il rispetto per una maglia si dimostra la domenica in campo ,non c'è bisogno di vivisezionare la vita privata di ogni calciatore.
      De Roon ad esempio dopo ciò che dimostra in ogni gara con noi sarebbe da biasimare se tifasse ancora per l heerenven? 


    • vedila al contrario... se marino defendi ai tempi avesse avuto instagram e avesse mandato continui messaggi di amore per la dea (pur giocando altrove), ne saremmo stati tutti entusiasti.
      per me che un calciatore non rinneghi la propria fede calcistica é una cosa positiva non negativa.


  5. Infatti, come la storia insegna, Beppe Signori per far bene a Roma (Lazio) fece instancabili corsi di dizione per perdere totalmente la cadenza bergamasca .... 


    • Vero...ma non gli sono serviti a nulla..pota !


  6. x fare bene da noi mi permetto di dare un consiglio spassionato : deve molto DE-ROMA-NIZZARSI !!!


Username:

Password:

Oppure collegati con i canali social:
Commento:



Regolamento Commenti


ARTICOLO 1 - Chi puo' scrivere

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti. Il commento va in rete immediatamente sotto l'articolo scelto



ARTICOLO 2 - Registrazione su dati reali

Per registrarti clicca su "Registrati" nel menu in alto in fondo a destra. Se ci lasci un' email non esistente o utilizzi un server anonimo la tua registrazione puo' essere cancellata in qualsiasi momento



ARTICOLO 3 - Gli argomenti trattati

I commenti devono riguardare nei limiti del possibile l'articolo relativo.
I commenti fuori tema (OT - off topic) sono tollerati purchè non insistiti o in palese mala fede. Nel qual caso verra' applicato l'articolo 4



ARTICOLO 4 - Infrazioni e conseguenze

Interverremo su

- Messaggi contenenti volgarità, ingiurie, razzismo, calunnie e diffamazioni. Ai sensi degli Artt. 594, 595 e 660 del Codice Penale tali messaggi potrebbero costituire reato.
- Messaggi che violano le piu' generali convenzioni della buona educazione e del decoro o che in qualunque modo violino o spingano a violare disposizioni di legge o amministrative.
- Doppioni (lo stesso messaggio lasciato sotto piu' articoli)
- Attacchi hackers

I gestori del sito si riservano il diritto di rimuovere, in parte o integralmente, i contenuti dei commenti che non rispondano alle disposizioni di cui sopra. In caso di comportamento insistito l'autore dell'infrazione verrà bloccato in via temporanea o permanente

Il sito mantiene un archivio a disposizione delle autorità preposte affinchè sia possibile risalire all'autore di ogni commento qualora, tramite le suddette autorità, persone o enti che si ritenengono danneggiati, possano far valere i propri diritti, secondo la legge, nei confronti dei responsabili.



ARTICOLO 5 - Finalita' del sito

L'intenzione dei gestori è di adottare qualsiasi misura idonea ad agevolare e continuare un corretto e civile svolgimento del dibattito cercando di operare in modo piu' obbiettivo e trasparente possibile.